Post has shared content
free4
In un mare di pensieri
Il logorio della vita moderna ci porta .... oltre a tanti benefici .... agi .... e comodità .... tanti pensieri .... preoccupazioni .... riflessioni..... è  nella nostra natura il pensiero .... è ciò che più di ogni altra cosa .... ci distingue dagli altri abitanti del pianeta e ci rende superiori a loro .... un aforismo per tutti .... lo enunciò Cartesio  che disse : "Cogito ergo sum"....cioè  .... penso dunque sono .... a dimostrazione che l uomo è essenzialmente il suo pensiero .... il pensiero ha mille sfaccettature .... c'è quello politico .... scentifico .... filosofico .... matematico (il mio) .... ma c'è  anche un pensiero più effimero se vogliamo ma non per questo meno importante .... quello che coinvolge i sentimenti .... quello che ti coinvolge emotivamente .... è  il pensiero di colei che ami .... che brami .... che desideri .... che adori .... che non è lì con te perché lontana  ma è come se lo fosse  perché con la forza del pensiero la  materializzi li davanti a te .... lei che emerge con tutta la sua bellezza in tutta la sua fragranza  da quel mare di pensieri .... e che  non puoi più cancellare ma neanche vuoi .... è  così reale che ti pare di toccarla di sentire il suo battito accelerato dall'emozione .... di sentire la sua voce che chiama il tuo nome .... è il pensiero che sovrasta tutti gli altri .... ha semaforo verde su tutti .... è colui che nutre la mente .... saziandola come fosse droga .... offuscando tutto il resto di quel mare .... Quelo
Non potevo che abbinare un celebre anche se vecchiotto brano dei pooh .... "Pensiero" appunto.... perché  in tema con l argomento ... romantico ed orecchiabile .... sono un uomo strano ma sincero .... cerca di spiegarlo a lei .... pensiero.... on air now....
 https://youtu.be/d9LZWrfLEE4

Photo

Post has shared content
lon4
La lontananza
La terra... il pianeta che abitiamo ha una circonferenza di oltre 40.000 km all'equatore ed è un geoide .... schiacciato ai poli .... quando la tecnologia ancora non era avanzata come oggi in tanti hanno tentato di disegnarne i continenti di circumnavigare i mari... di sorvolarla con palloni aerostatici .... ed è grazie a loro ed all'innata curiosità e voglia d'avventura dell'uomo che siamo arrivati ad oggi con tracciati e dati precisi sulla sua conformazione e dimensione .... oggi i mezzi di locomozione ci permettono di ridurre la distanza tra due punti qualsiasi sulla terra .... non ci sono più territori irragiungibili sulla terra anche se ancora persistono aree che per clima o forestazione risultano ancora sterili o popolate da tribù indigene .... la distanza l'abbiamo ridotta anche con la tecnologia informatica .... facciamo amicizia e chattiamo con gente di tutte le parti del mondo .... basta essere connessi in rete e ci rallegriamo di ciò .... utilizziamo anche questa possibilità per nostra cultura personale scambio di opinioni con culture diverse .... imparare le lingue, usi e costumi altrui .... etc .... ma arriva poi il momento che irrimediabilmente ci innamoriamo di qualcuna al di la dell'oceano o solo dei monti .... e ci accorgiamo d'incanto che quella distanza che abbiamo pensato aver sconfitto con la tecnologia .... d'un tratto torna a pesare come un macigno sulle nostre teste .... ma soprattutto sulle nostre emozioni .... che come ho tante volte detto anche se nate nel virtuale sono reali .... la distanza diventa in breve tempo la nemica più acerrima della relazione .... il non poterla toccare ... non poterla baciare o solo accarezzare .... non poter sentire il suo profumo o solo ascoltare la sua voce vibrante di emozione mentre la guardiamo negli occhi, è una sofferenza e ci fa riflettere su quanto ancora è elementare la nostra decantata tecnologia .... il problema sarà risolto in un lontanissimo futuro con la smaterializzazione ma chi sa quando ci arriveremo, intanto accontentiamoci degli ologrammi .... Quelo
Domenico Modugno un tempo che fu... cantò la lontananza.... oggi voglio riproporla in chiave moderna cantata da Emma Marrone .... La lontananza sai... è come il vento.... ti fa dimenticare chi non t'ama.... on air now.
<iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/Ylm1-4aN0lo" frameborder="0" allowfullscreen></iframe>
Photo

Post has shared content
res4
Il pescatore
Ci sono paesi sulle coste del mondo  dove l unica attività  che consente alla popolazione di avere un reddito .... è  la pesca .... che a seconda del paese di riferimento è praticata con metodi differenti che fanno riferimento alla  cultura ed alle tradizioni di quel popolo.... premetto che è  da condannare e perseguire in tutte le maniere la pesca eseguita con mezzi illegali .... quali a strascico o con addirittura l esplosivo che causano lo spopolamento della fauna marina .... e ne danneggiano  la flora e le barriere coralline ....  anche l italia .... avendo migliaia di km di costa... è  un paese dove la pesca è un elemento di rilievo nell economia del paese .... insieme all agricoltura ed alla pastorizia e fa parte della cultura di molti paesini marini... dove l attività  cardine per la loro economia e la pesca .... praticata in modo onesto rispettando le specie marine protette .... le dimensioni del pescato ecc...   ma per far ciò  il lavoro è  duro  si esce tutte le notti con pescherecci a volte malconci ed usurati dal tanto lavoro fatto, con la pioggia o con le stelle .... mare calmo o mare mosso .... ed a volte anche agitato .... per portare a casa il pane e far studiare i figli permettendogli così .... o almeno sperano....di  avere un avvenire migliore del loro .... e così come tutte le notti quella donna andò  sul molo con il suo bambino tenuto stretto per mano  a dare  al suo uomo  le solite raccomandazioni .... che lei riteneva importanti tipo metti il berretto in testa o la sciarpa al collo  ed altro pur sapendo che non erano queste le vere preoccupazioni .... della notte .... il mare come dicono in gergo si stava alzando e non prometteva nulla di buono e lei sapeva che quella notte non avrebbe dormito e sarebbe stata al fianco del suo uomo per tutta la notte col pensiero e la preghiera e li .... su quel molo l avrebbe ritrovata quel marinaio .... in trepidante attesa  immersa nella fredda ed umida alba col sorriso di chi sa che anche questa volta le sue preghiere sono state ascoltate .... il suo bambino potrà  proseguire i suoi studi .... e lei mettere in tavola un pasto caldo.... Quelo
Dedico alla categoria dei pescatori... rudi e coraggiosi uomini di mare .... questo brano di Fabrizio  de Andrè. .. il pescatore appunto... on air now...
 https://youtu.be/6e0jMmmy2yc
Photo

Post has shared content
ref4
Povertà
Una stanza spoglia .... con le pareti umide attaccate dalla muffa .... una stanza dove il bianco più  bianco è  il marrone .... in un angolo una sedia con la seduta di paglia tutta sfilacciata  ed un piano di legno appoggiato su per sopperire ....  su di esso un fiaschetto di vino ed una candela .... appoggiato alla spalliera il cappello delle feste .... non c'era elettricità  in quella casa .... se non paghi le bollette la società  fornitrice ti scollega dal contatore .... non c'era riscaldamento in quella casa .... anche il gas era un lusso ed un miraggio .... irraggiungibile .... un sorso da quel  fiasco di vino .... anche se di qualità  scadente ed annacquato fungeva da bruciatore per l organismo .... ed apportava un po di tepore a quei corpi stremati dalla fatica quotidiana sfruttati nei campi per pochi euro al giorno e non sempre  .... il necessario per sfamare la famiglia in modo modesto senza lussi ... eccessi e sprechi .... la candela ad illuminare o meglio ombreggiate stanza .... dove cena e meritato riposo si fondevano in un unico spazio .... quanto sopra descrive la povertà  materiale ....  che si  .... è  povertà .... ma una povertà  dignitosa... che lascia spazio anche alla felicità  di ritrovarsi tutti a tavola e dividersi quel po di pane e quel piatto di minestra così  duramente guadagnato .... un sorriso che manca in un altro tipo di  povertà .... la povertà  d'animo .... quella degli ingordi che pensano solo al loro tornaconto .... infischiandosi del danno e della sofferenza che crea in chi gli è intorno .... e penso ai ladroni della politica o della finanza che stanno portando la società  così  amorevolmente con sacrificio e tanti ostacoli costruita verso il baratro irreversibile .... Quelo
I new trolls nel 68 incisero un disco che evidenzia l aspetto materiale della povertà. .. il titolo.. Signore... io sono Irish e parla di un ragazzo che prega il signore per avere una bicicletta in quanto va a lavorare lontano a 30 miglia ed a piedi sono tante... un po datato il brano ma pieno di contenuto... on air now
 https://youtu.be/9ReEtnKJ0rk

Photo

Post has shared content
wear4
Una crociera perfetta
Non ero mai andato in crociera .... vedevo la nave come una costrizione .... un luogo angusto dove potevi solo annoiarti .... una prigione sull'acqua pergiunta ondulante .... ma le brochure pubblicitarie con foto e slogan dicevano altro .... e da esse mi feci convincere e ne prenotai una breve ( una settimana) giusto per provare .... mal che vada pensai .... sul balconcino della mia cabina esterna che avevo scelto senza badare a spese extra, passerò il tempo ad incontrare me stesso per ritrovarmi .... meditando sulle mille cose che mi frullano nella mente .... una settimana non sarà la fine del mondo .... passerà velocenente .... mi imbarco al porto di Bari e si parte in visita alle coste della Grecia .... rimasi sbalordito dalla ricchezza degli arredi .... dalla cura dei particolari .... dall'accoglienza del personale di bordo ( grazie a dio non c'era schettino hahaha) dalla bontà e ricercatezza del cibo e dalla sua vasta offerta .... ma ciò che più fece colpo su di me fu un'artista .... una cantante che si esibiva la sera al piano bar.... per l'intrattenimento dei clienti .... una donna bellissima abito da sera in velluto nero attillato che evidenziava le sue forme sinuose e perfette .... decoltè tacco 10 che valorizzavano la sua silhouette .... che a volte toglieva rimanendo scalza e ciò mi intrigava ancora di più .... e poi i capelli scuri e lunghi portati in avanti sulla spalla... li adoro così .... non le tolsi gli occhi di dosso tutta la prima sera .... e mi ripromisi di ritornare a quel pianobar il giorno dopo ma con l'intento questa volta di conoscerla per corteggiarla .... marinando gli altri appuntamenti che organizzavano sulla nave per gli ospiti .... casinò .... teatro .... varietà .... ecc. la sera seguente ero ed era li .... parlava col pianista .... forse discutevano di quali brani eseguire ed in che sequenza .... scelsi un tavolo il più vicino a lei ed ordinai una bottiglia di braghetto dolce e frizzante come piace a me... specificando al cameriere di accompagnare la bottiglia con due calici .... lei suonava max 4 brani di fila poi faceva pausa per riposare le corde vocali prima di riprendere un'altra sezione da 4 brani .... attesi l'ultimo dei primi 4 brani ed in un momento che girò lo sguardo verso di me le feci cenno che l'aspettavo al tavolo per un brindisi insieme e lei annui col capo .... finita la sessione si avvicinò al tavolo l'aspettavo già in piedi e le servii la sedia per farla accomodare .... la inondai ( non dimentichiamo che eravamo su una nave, hehehe) di elogi .... voce bellissima scelta dei brani calzanti alla serata .... femminilità dirompente .... sguardo intenso etc. insomma la ubriacai di brachetto e di complimenti .... un mix al quale forse non era avvezza .... simpatizzò subito con me .... e per tutta la vacanza ogni suo momento libero da inpegni lavorativi verso la compagnia di navigazione lo passò con me .... facendomi trascorrere una vacanza da sogno .... su quella nave da sogno che era d'incanto diventata il nostro paradiso in mare e la mia cabina la nostra alcova .... quel balcone che si affacciava sul mare rimase vuoto per tutto il viaggio .... Quelo
in onore della grecia .... che era la destinazione turistica di quel viaggio .... posto il link di una bella canzoncina di un autore greco Demis Roussos .... leader degli Aphrodite's child "It's Five o'clock..... sono le 5 in punto... del mattino ed io ho scritto questa storia proprio a quest'ora.
<iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/VP_gLuXb7oI" frameborder="0" allowfullscreen></iframe>
Photo

Post has shared content
4
Quella sera al ballo
Non sono mai stato un grande ballerino  .... ma a spot... a periodi .... mi è  capitato spesso di andare a ballare  in comitiva .... e specie quando nella comitiva  c'era una ragazza che mi piaceva ...la serata non mi annoiava mai .... anzi .... quell atmosfera festosa ed allegra .... il poter avere contatti ravvicinati durante i balli lenti e il parlarle a voce alta nell'orecchio per non farsi sopraffare dal suono della musica .... eccitava la mia fantasia e non solo quella .... dandomi il coraggio di osare sciogliendo d incanto la mia timidezza caratteriale .... un mojito  in più  aiutava pure .... così le serate in discoteca erano sempre fruttuose .... e si portava a casa sempre una piccola o grande ricompensa .... gli anni passano e la discoteca rimane solo un fantastico ricordo di gioventù .... mai assopito.... fino a che un amico non mi convinse 15 anni fa a frequentare un corso di ballo latino americano .... salsa merengue e bachata ....  ci andai controvoglia a dire il vero ma subito mi appassionai a quelle danze .... calde  lascive a tratti peccaminose .... ma non solo .... hanno una particolarità a me molto congeniale .... l individualità  della danza .... sei tu a gestirla in todo .... a stabilire le vuelte .... quando fare i sombreri  i dille che no e/o tutte le altre figure .... possibili che sono tante rendendo ogni singolo ballo unico e irripetibile nelle sequenze e nelle sensazioni che suscita .... per imparare quelle danze devi oltre a fare il corso praticare le sale da ballo specifiche di musica cubana .... ed una sera la mia compagna non potè venire  lasciandomi libero di andare da solo visto che avevamo già  prenotato un tavolo .... lì notai subito una donna... sola e pensierosa al suo tavolo... una bottiglia di tequila semi vuota ... un sorriso spento da poco .... davano una bachata in quel momento .... ed è  il ballo che a me più  piace .... il più  sensuale di tutti ....  non aspettai un istante per paura che mi anticipassero ....  mi precipitai al suo tavolo e senza proferir parola.. le porsi il mio braccio destro  in segno di invito e di accompagno al centro della sala .... fu una bachata indimenticabile lei era bravissima le sue movenze erano perfette ...da manuale .. io un disastro ... ma la sua ritrovata gioia.. la voglia di ballare e di divertirsi le fece dimenticare il disastro che sono tra vuelte e giravuelte hehehe... e quando ... preso totalmente da lei.. le poggiai le mie labbra sul suo collo mi lascio  fare tra l'eccitata e la divertita .... la sua pelle scura e vellutata  era una calamita per me ....  non le tolsi più  lo sguardo di dosso per tutta la serata e lei ne fu compiaciuta... non dimenticherò  mai più  quella bachata da sogno.....Quelo.
Una chicca allego alla storia e cioè  il celebre brano di John legend. . "All of me" in versione bachata... perché quella sera ho dato il meglio di me sulle note latinoamericane di questa elaborazione musicale....  di seguito il link
 https://youtu.be/nq5dAmJlLjk
Per chi volesse avere una dimostrazione dell'emozione che sviluppa questo ballo e il suo carattere individuale che mi affascina... di seguito il link.....
 https://youtu.be/fWA-OYzgpbM

Photo

Post has shared content
tempo4
Viaggio nel tempo
Il tempo stringe .... è in uso dire .... in effetti il tempo ci stringe e costringe imprigionandoci in una dimensione che continua a ridursi attorno a noi ed alle nostre esigenze fino al punto che ci sembra che l'aria venga a mancare .... che le porte e finestre siano sbarrate .... e noi ci sentiamo costretti in una stanza con le pareti mobili che si stringono sempre più .... e non esagero certo visto il malessere che c'è in giro .... quel percepire il restringimento della vita e la voglia di evadere allargare i nostri confini procurandoci delle opportunità .... un tempo supplementare che allunghi la partita quotidiana che stiamo giocando .... gli impegni ci assediano costantemente e noi cerchiamo di evadere da essi con un'astronave immaginaria che ci porti nel passato o nel futuro .... è la fuga dal presente la voglia di evadere .... e lo facciamo con la tecnologia che ci promette con una semplice sequenza di clic, di donarci il tempo che ci manca .... facendoci spostare a gran velocità ed uscire da quella strettoia in cui siamo .... basta un computer ed uno schermo e puoi cavalcare nello spazio e nel tempo stando fermo in un posto e senza fatica .... i nostri viaggi quotidiani sono la linfa vitale del sapere ed alimentano la cultura di ciascuno di noi .... senza per questo essere o diventare intellettuali di professione .... una domanda sorge spontanea .... siamo sicuri che questi nostri viaggi tecnologici nel tempo e nello spazio producono libertà e sapere? Ora si insinua in me il dubbio che ci incolliamo ancor più a questo soffocante e ristretto presente in un tempo che abbiamo privato dell'anima della sua essenza del suo profumo .... Quelo.
Fiorella Mannoia ci ricorda in questo suo brano che "Il tempo non torna più " .... a volte ci si sposta lontano .... in un orizzonte più strano .... ed i conti già fatti non tornano mai .... ieri non eri tu .... oggi chi sei ....
<iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/VYU0QJ_YE_4" frameborder="0" allowfullscreen></iframe>
Photo

Post has shared content
free4
Il coraggio
Quante volte abbiamo visto i cowboy americani sfidarsi in gare di durata in sella a cavalli o tori non domati ed a volte anche innervositi da briglie particolarmente dolorose o cinghie che stringono nella zona dei geniali per renderli più  furiosi... quante volte li abbiamo visti volare giù  dalla sella... sbattere sul terreno rialzarsi in fretta per non essere travolti o schiacciati da quelle furie selvagge imbizzarrite ..... e quante volte li abbiamo visti impigliati nelle staffe  e trascinati per tutta l arena come fossero pupazzi di stoffa... o bigotte dell UNICEF. .. quante volte in quelle situazioni abbiamo pensato..... che coraggio hanno quegli uomini. .... e ci siamo confrontati a loro dicendo ... anche io lo farei... ma sapendo a priori  da veri ipocriti che mai lo faremmo ..... ho descritto pocanzi il coraggio... cioè  la capacità  innata che l uomo ha di affrontare a viso aperto situazioni di pericolo volontariamente o per costrizione... chiaramente quello descritto è  solo un esempio... di coraggio estremo... mille e più  casi si possono portare ad esempio  come il salto nel vuoto appesi ad un elastico .. andare sulla luna ... o correre a 350 km l ora su di una moto da competizione... ma il coraggio si manifesta anche in forme e maniere diverse....da queste... meno evidenti  ma non per questo meno valide .... come per esempio il vivere con amore accanto ad un disabile, farlo sentire amato e non un peso .... il dire sempre e comunque la verità  o esternare sempre e comunque  il proprio pensiero senza curarsi delle conseguenze che innescherà .... il coraggio di affrontare gli ostacoli che la vita ci pone dinanzi senza indugiare  con ottimismo e col sorriso di chi sa che dovrà  lottare nella vita ma se avrà  coraggio e determinazione la spunterà ....  il coraggio ... un sentimento nobile ... da non trascurare in noi o in chi ci è  vicino .... il coraggio è .... il vivere quotidiano la vita ....    Quelo
Di seguito il link ad un filmato dove sono raccolti i pensieri dei più  grandi pensatori della storia .... sul coraggio e le sue forme .... molto suggestivo l accompagnamento  musicale .... vi consiglio di guardare attentamente questo filmato.... on air now.
 https://youtu.be/5KQeBL0C6DI
Photo

Post has shared content
ert4
L'Aurora Boreale
L'aurora boreale anche denominata " Australe" in base all'emisfero della terra sul quale si verifica .... ( se emisfero nord è Boreale) .... può essere considerato un fenomeno ottico che si sviluppa nell'atmosfera terrestre ed è caratterizzato da strisce luminose di forma variabile e dalle mille sfumature colorate variabili nel tempo e nello spazio .... quindi in continuo movimento la causa è dovuta a particelle di carica elettrica provenienti dal sole che entrano in contatto con la ionosfera terrestre ed eccitano gli atomi dell'atmosfera che poi diseccitandosi emettono quella luce che solo in alcune fasce della terra in prossimità dei poli .... sono visibili, grazie anche alla geometria del campo magnetico terrestre .... un fenomeno che nei secoli ha sempre affascinato i naviganti e tutti quelli che si trovano in quelle fasce nei periodi di attività solare che produce il fenomeno .... oggi le navi da crociera a volte correggono la loro rotta per far visionare il fenomeno ai turisti imbarcati .... tutti rimangono affascinati a quella incantevole vista .... dalla bellezza che la natura mostra loro .... perchè la natura quando ci si mette è insuperabile e dichiara con questi fenomeni le sue potenzialità latenti .... un altro fenomeno della natura .... incantevole e sublime come nessun altro... un capolavoro del suo ingegno .... è la donna .... un essere stupendo che .... come l'aurora si disegna di mille forme e colori sgargianti .... di sorrisi ed espressioni .... di charme e femminilità dal profumo inebriante .... un essere che ti ammalia col solo sguardo seducendoti con i mille strumenti che la natura le ha donato per farlo .... con la sua voce languida e sensuale attira la tua attenzione .... con lo sguardo accattivante ti intriga .... con le sue carezze lascive ti stimola .... con il suo incedere elegante e non ultimo l'abbigliamento sapientemente indossato per lo scopo ti seduce, uomo .... quando cadi nella sua rete sei fottuto .... Quelo
solo la musica colta dei Pink Floyd potevo associale al fenomeno naturale dell'aurora boreale .... immaginate le strisce di colore in movimento ed in sintonia con questa musica ancestrale .... il titolo del brano che ho scelto è "Comfortably numb" piacevolmente intorpidito... come ci si sente ammirando il fenomeno "Aurora boreale ... cioè la donna" on air now for us...
<iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/_FrOQC-zEog" frameborder="0" allowfullscreen></iframe> 
Photo

Post has shared content
4
La passerella
Sono una persona che veste sportivo o elegante .... a seconda delle situazioni .... ho sempre un occhio sulla moda del momento ma senza farmi influenzare più  di tanto .... da essa cerco di trarre il meglio che riesce a partorire scartando gli eccessi e le stupidità .... che si vedono costantemente  in passerella .... tra questi scarto i jeans strappati o lacerati al punto che sembra che la persona che li indossa sia reduce dall attacco di una tigre..... hehehe .... Che grande stupidità  quella moda io un jeans che si strappa lo butto e ne compro un altro che deve essere integro e non consumato oltretutto .... lo voglio nuovo di zecca se no vado al mercato dell usato e non nelle boutique. .. vi pare?  Nella donna ammiro .... se ha la stessa filosofia  vestendo in maniera sobria ... non eccessiva ma di classe ... amo vedere la donna vestita da donna .... amo se si sa valorizzare .... mi fanno ridere quelle che indossano quei pantaloni larghissimi almeno tre volte la gamba e a metà  altezza tra ginocchio e caviglia .... sono buffe e per niente femminili .... premesso ciò .... avendo avuto un invito a milano per una sfilata di moda di stilisti famosi .... ed incuriosito dall evento .... a dire il vero più  interessato al contenuto degli abiti che all' involucro sartoriale .... andai di buon grado ad assistervi .... in genere le fotomodelle non sono il mio tipo di donna .... troppo alte per me è senza forme .... manca loro la femminilità che io ricerco .... il maschio vuole la femmina non la mazza di scopa .... fra le tante che sfilavano ...  corpi senz'anima senza espressività. ...mi colpì una modella per il suo incedere meno freddo. .. col sorriso anziché con una maschera  inespressiva.... lei notò  che non le toglievo gli occhi di dosso e  ad un tratto mentre svilava mi fisso .... le feci cenno indicandone il bar poco distante da me .... con gesti e sguardo facendole capire che dopo la sfilata l aspettavo li per un apericena... vista l ora... e lei annuì  .... come promesso a fine sfilata mi raggiunse... era russa e non conosceva nessuno li .... parlava un po l italiano per averlo studiato .... passammo una serata indimenticabile in un locale tranquillo con piano bar e musica rilassante... spumante italiano a fiumi per lei Io non bevo molto .... le russe si .... le ore insieme volarono  .... ed a tarda notte la riaccompagnai al suo albergo ....  da signore che sono appagato per la splendida serata passata insieme a lei mi congedai da lei con un bacio ed un addio .... Quelo.
La vidi sfilare la prima volta sulle note di questo bellissimo brano degli Alan parson project... dal titolo "since the Last goodbay" .... e fino all ultimo saluto restammo insieme ed inseparabili quella sera....  on air now per che lo vuole ascoltare.
 https://youtu.be/Bf_zgMvZRGc
Animated Photo
Wait while more posts are being loaded