Post has shared content
"… Insomma, in un Paese in cui siamo andati ben oltre il superamento del comune senso del pudore – in molti casi vergognosamente oltre – davvero ci vogliono far credere che uno spot che, per pubblicizzare un noto marchio di prodotti per bambini e sensibilizzare l’opinione pubblica al problema del calo delle nascite, invita a fare figli mostrando baci di coppia più casti di quelli a cui siamo anestetizzati ad assistere all’ordine del giorno, scandalizza e offende? Se dobbiamo credere alle dimensioni che la crociata contro il noto brand sta scatenando sui social, la risposta sembra essere incredibilmente sì. E come rileva Giorgia Meloni sul suo profilo Facebook in queste ore, «questo simpatico spot pro natalità sta scatenando indignazione, insulti e inviti al boicottaggio verso l’azienda Chicco. Reputo tutto ciò surreale, perciò lo ripropongo condividendo pienamente il suo messaggio. Io sto con Chicco!». E noi anche!..."

Post has attachment
Photo

Post has attachment
NO, NON POSSIAMO DAVVERO FARE A MENO DELLA #FAMIGLIA

Nessun “funerale” per la cellula fondamentale della società, fondata sull’unico matrimonio, cristiano o civile ma indissolubile. Una società sana e proiettata nel futuro ne ha assolutamente bisogno. Parola di psicologo e psicoterapeuta

«Mentre i Soloni dell’intellighènzia celebrano il funerale della famiglia, colpevole di inenarrabili delitti, di libertà soffocate, di antiquate pretese di unicità, nel lavoro clinico si scopre che senza famiglia, una famiglia sana, le persone stanno male: sviluppano problemi e insicurezze, ansie e senso di disperazione, sfiducia nell’amore, angosciosa solitudine. E allora di fronte alla realtà le ideologie cadono e devono cedere il passo. “Questa è una mela, chi non è d’accordo può andare via”, diceva san Tommaso d’Aquino prima di iniziare i suoi corsi di teologia. Altrettanto occorrerebbe dire oggi: parlando di famiglia rimaniamo sulla realtà. E la prima realtà è che con le parole non si bara. Non si può dire che basta che due persone si vogliano bene perché quella sia famiglia. Sarebbe come affermare che basta del latte cagliato perché quello sia pecorino di fossa. Se quasi tutto è famiglia, allora quasi niente è famiglia. Cambiare le parole, attribuendogli il significato che di volta in volta fa più comodo è una forma perversa e subdola di violenza. Da sempre e in tutte le culture famiglia è un patto tra un uomo e una donna, espressione dell’amore che per sua natura è totalizzante e indissolubile, che alla società dona il fondamento dell’ordine e la certezza di una continuità temporale e generazionale. La famiglia è quella, e non ce ne sono altre. L’ecologia umana ha delle esigenze ben precise, la famiglia infatti non è frutto del capriccio di qualche creativo, liberamente modificabile o sostituibile. Verifichiamo infatti che dove manca la famiglia naturale lì c’è sofferenza. Ricerche innumerevoli, ma soprattutto l’esperienza pratica con le persone lo dicono chiaramente» (Silvio Rossi, Non possiamo fare a meno della famiglia!, in “Il Corriere del sud”, n. 3, anno XXVI, Crotone 15 maggio 2018, p. 3).
Photo

Post has shared content
Giorgia Meloni a difesa della Famiglia, non certo delle buffonate del gay pride come il M5S

Gay Pride, ira Meloni: “Avere un padre e una madre è il diritto più importante”
di Augusta Cesaridomenica 1 luglio 2018 - 11:29
http://www.secoloditalia.it/2018/07/gay-pride-ira-meloni-avere-un-padre-e-una-madre-e-il-diritto-piu-importante/

Quando si parla di diritti, il governo è avvisato. Ironia, garbo e determinazione. “Ha ragione il sottosegretario alle Pari opportunità Spadafora a dire che i “diritti in Italia non si perderanno”. Una Giorgia Meloni sarcastica, amara ma agguerrita su un obiettivo sacrosanto da sempre bandiera di FdI: a proposito di diritti, precisa la leader di FdI “il più importante è il sacrosanto diritto di un bambino ad avere un padre e una madre. Fratelli d’Italia chiede al governo un impegno chiaro per difendere questo diritto e sancirlo in Costituzione, come ha proposto FdI. Perché nel silenzio del legislatore, l’ideologia di certi tribunali e di certi sindaci sta sostanzialmente autorizzando la pratica dell’utero in affitto e l’adozione da parte delle coppie omosessuali”.

Un’affermazione chiara su cui la Meloni impegna il governo ad uscire dalle ambiguità riprendendo le parole del ministro Spadafora al Gay pride di Pompei. “Sono qui per testimoniare il mio sostegno e quello del governo. So che in una parte del governo non c’è la stessa sensibilità ma l’Italia non tornerà indietro, non si perderanno i diritti conquistati”. Così si era espresso il sottosegretario alle pari opportunità Vincenzo Spadafora, zittito in qualche modo dal ministro della Famiglia e delle disabilità Fontana: Spadafora parla a titolo personale e non del governo.

#Italia #GiorgiaMeloni #Meloni #FDI #FratellidItalia #famiglia #gaypride #LGBT #Spadafora #M5S #grillini

Post has attachment

Post has shared content
Cresciuta con due donne: «Noi i veri discriminati»

Katy Faust si ricorda di quando, «pensando che questo era il modo per amare mia mamma e la sua “partner”, si diceva d’accordo con il cosiddetto matrimonio fra persone dello stesso sesso, finché crescendo «ho capito che potevo volere loro bene anche non essendo d’accordo circa il ruolo che la politica gioca nelle nostre vite. Se la legge sul matrimonio riguarda solo i sentimenti degli adulti, non c’è ragione di vietarlo…ma l’interesse del governo deve essere per i bambini».

Perciò una legge a favore di queste unioni «è un’ingiustizia», ma non è stato facile ammetterlo a se stessa e davanti a sua madre. Faust soffriva per la mancanza della figura paterna ma non lo aveva mai rivelato prima «perché il mondo diceva che se non ero a favore del “matrimonio” gay significa che li [le persone con cui viveva] odiavo, è l’unica cosa che senti dire da una cultura che ti intimidisce per farti stare in silenzio».

Basti pensare a quanto subìto dal ministro della Famiglia, Lorenzo Fontana, per aver detto che le famiglie arcobaleno non esistono, dato che ne esiste solo una naturale. Prendiamo ad esempio Monica Cirinnà, madre italiana della legge sulle unioni civili, che sognava di giungere presto al cosiddetto matrimonio Lgbt con figli e che si è rivolta a Fonata così: «Ha scritto: “Mi batto per la normalità”. Anche l’uso della parola normalità è inquietante. Che cos’è normale?…Ma qual è il suo modello? Bianchi, cattolici, nordici, ricchi, sposati?», dandogli praticamente del fascista, per poi far leva sul sentimento parlando degli orfani a cui basterebbe l’”amore”.

Eppure Faust non è l’unica ad aver parlato in America, dove la pratica della fecondazione eterologa si diffondeva già anni fa e dove i bambini privati del padre e della madre sono oramai cresciuti.

Anzi le loro testimonianze aumentano, basti pensare alla storia riportata l’anno scorso dal Daily Mail di Millie Fontana, oggi 25enne, che due anni fa decise di intervenire nel dibattito sui diritti civili in America. Concepita tramite un “donatore”, come si dice in politicamente corretto, spiegò davanti ad una platea tremando: «Questa è una testimonianza sicuramente inaudita, perché nessuno vuole sentire parlare dell’altro lato dell’arcobaleno, il lato non adatto a crescere dei bambini felici, perché crescono con l’idea sbagliata di come una struttura familiare dovrebbe essere».

Già questo basterebbe a rispondere a tutti quelli che si sono stracciati le vesti dando dell’”omofobo” (vocabolo inventato per far passare per malati coloro che difendono la legge naturale) a Fontana solo perché, invece che dalla parte dei capricci degli adulti, si è messo da quella dei bambini.

Ma vale la pena di comprendere a fondo la confusione, l’ingiustizia, il dolore di queste persone. Anche quando non riescono ad esternarlo: «Sentivo dentro di me che mi mancava un padre prima ancora che potessi capire quello che significava. Sapevo che amavo entrambe le mie “mamme”, ma non riuscivo a capire quello che mancava dentro di me. Quando ho affrontato la scuola ho iniziato a realizzare, attraverso l’osservazione di altri bambini e dei loro legami d’amore con i loro padri, che mi stavo perdendo qualcosa di speciale». Motivo per cui, secondo gli accusatori del ministro, bisognerebbe abolire tutte le feste del papà o della mamma. Ma non c’è nulla da fare, festa o non festa, spiegò Millie: «È stato molto difficile per me formarmi un’identità stabile. La mia stabilità comportamentale ed emotiva ne ha sofferto molto».

Millie ricorda, nonostante l’educazione atea, la sua stima verso i cristiani «perché fino ad ora, in questo dibattito, sono gli unici che si pongono questo problema…che cercano di accendere i riflettori sulle storie come la mia». Mentre nella “friendly” and “nice” «lobby Lgbt nessuno vuole ascoltare qualcuno come me, dato che “Love is Love”. Giusto?». Così, proseguì la giovane donna, «noi per loro non esistiamo».

La ragazza conobbe poi il padre a 11 anni e fu «probabilmente la prima volta nella mia vita in cui mi sono sentita una bambina stabile. L’ho guardato negli occhi e ho pensato: “questa è la mia parte mancante”…ho potuto dare un volto a chi ero…ho potuto affermare la mia identità». E a chi si riempie la bocca di “uguaglianza” come fa «la lobby Lgbt – ha sottolineato – mi chiedo quale sia la loro definizione di uguaglianza perché, per me, uguaglianza significa dire la verità, significa essere rispettati interamente per quello che si è e non solo in base a quello che i genitori decidono che tu debba essere».

E la discriminazione delle persone che si definiscono Lgbt? «Ho sentito questa menzogna della lobby Lgbt: ai bambini non importa chi è la loro famiglia, uomini e donne sono intercambiabili. Considero questo di per sé una forma di discriminazione…Uomini e donne offrono ruoli complementari nell’allevare il bambino e dovrebbero essere rispettati con uguaglianza».

E l’omofobia di cui viene accusato ogni giorno chi ha queste posizioni? «Ho racconti di amici gay che mi spiegano che altri gay li chiamano omofobi perché preferiscono che i bambini crescano con un padre e una madre: è totalmente ridicolo!». Poi agitata e quasi piangendo Millie sfidò il pubblicò: «Ero omofoba quando mi guardavo allo specchio e mi chiedevo dove fosse mio padre? Ero omofoba quando supplicavo i miei genitori di dirmi chi fossi?…L’omofobia, in realtà, è semplicemente un’avversione per un certo comportamento».

Che dire poi a chi sconfessa coloro che difendono la famiglia naturale dando loro dei fascisti? «Sono profondamente, profondamente in disaccordo nell’equiparare omofobia e razzismo…la tendenza sessuale non è un’identità perché cambia, anche in base alla scelta, e non è quindi equivalente a una razza. Mi sento offesa dall’idea che io sia considerata razzista per aver parlato di queste cose». E poi la realtà è insuperabile, svela Millie, ricordando che nessuno potrà mai avere due padri e due madri, dato che «in ogni relazione tra persone dello stesso sesso ci vuole una terza persona per “produrre” un bambino. Perché come società dovremmo ignorare questa verità?…Perché il governo spinge a favore di un’agenda basata sulla disonestà?… Io non sono qui grazie a due donne, tre persone hanno fatto la scelta di farmi venire al mondo», dato che «la scienza viene rimpiazzata dai desideri di alcuni adulti».

Poi l’affronto della madre che la giovane raccontò non prima di fare un lungo sospiro: «Mia madre mi ha fatto una domanda: Millie cosa sarebbe successo se io e la mia “partner” ci fossimo potute spostare? Se avessimo potuto avere quell’ambiente familiare stabile come tutti gli altri? Ho risposto con un’altra domanda: come avrebbero potuto curarmi gli psicologi per i miei comportamenti causati dalla mancanza di un padre se riconoscere la mancanza del padre fosse stata considerata una forma di discriminazione? Nessuna risposta».

Poi la risposta alla domanda più profonda che spesso i cittadini comuni si fanno sulla ragione per cui i governi diano retta ad «una piccola minoranza estremista», come la definisce lei. «Io vedo l’intenzione di sbarazzarsi del genere umano», perciò «questa discussione esclude tutti quelli che sono stati allevati senza padre o senza madre». Ma con la forza tipica di chi ha sofferto trovando poi una via d’uscita, Millie ha concluso: «Non ho intenzione di venire zittita da persone che mi dicono come è accettabile che mi debba sentire, che sono una brutta persona perché volevo un padre, che forse non amavo abbastanza le mie “madri”». Per questo «non lascerò che si incuta vergogna ai cristiani o a qualunque persona di fede solo perché si mobilita per i bambini. Perché questo è ridicolo».

di Benedetta Frigerio

fonte:
http://www.rassegnastampa-totustuus.it/cattolica/?p=40529

vedi anche il nostro post:
https://plus.google.com/u/0/+CasaVittoria27/posts/cd685XARMNp
Photo

Post has attachment
#NATALITÀ IN ITALIA: SERVE O NON SERVE UNA MISURA FORTE?

Considerazioni sul futuro del Paese - e anche sulla tenuta del sistema socio-sanitario e pensionistico - a partire dalla lettera “N” del Programma politico del PdF. Riportiamo il testo dell’intervento tenuto ieri dalla nostra dirigente romana in occasione dell’incontro di formazione politica e di fondazione del Circolo “Popolo della Famiglia-Cerveteri”

«Al centro di tutta l’azione politica del Popolo della Famiglia non può che esserci la battaglia per la natalità e contro l’inverno demografico. La principale tragedia nazionale che ci affligge, infatti, è quella che non nascono più figli e, senza di essi, il nostro Paese muore. Per questo tra i 26 punti di orientamento del Programma politico del PdF ispirato alla Dottrina sociale della Chiesa c’è “N come natalità: serve una misura forte”. […] Al 31 dicembre del 2017, secondo l’Istituto pubblico di statistica, risultano risiedere in Italia 60.483.973 persone, di cui più di 5 milioni di cittadinanza straniera. Complessivamente, quindi, l’anno scorso la popolazione è diminuita di oltre 105mila persone rispetto al 2016. È come se il triplo di una bella e popolosa cittadina come Cerveteri fosse sparita tutta insieme. Il calo complessivo degli abitanti del nostro Paese è determinato oltretutto dalla notevole flessione della popolazione di cittadinanza italiana (202.884 residenti in meno), per metà compensata dall’aumento di popolazione straniera, nei termini di 97.412 unità. Quindi siamo meno e siamo proporzionalmente sempre meno Italiani in Italia! […] Ecco perché la “misura forte” che il Popolo della Famiglia propone per vincere la sfida demografica è il “reddito di maternità”. Se passasse questa proposta s’inizierebbero a dare 1000 euro al mese alle donne italiane (anche straniere ma con cittadinanza italiana), regolarmente sposate, che si decidono di dedicarsi in via esclusiva alla vita familiare e alla crescita dei figli. Questo non vuole dire che la mamma non potrà tornare al lavoro per il mercato (se lo vorrà) quando i figli saranno più grandi. Ma la madre italiana potrà finalmente decidere in modo realmente libero se e quando poterlo fare (l’assegno mensile che proponiamo sarebbe corrisposto fino al raggiungimento dei 18 anni del figlio più piccolo)» (Sara Deodati, #Natalità in Italia: serve o non serve una misura forte?, in “La Croce quotidiano”, 23 giugno 2018, p. 6).

Post has shared content

Post has attachment
Quest'anno non si capisce se il Carnevale è in ritardo o in anticipo.

#sceltalibera
Photo

Post has shared content
Wait while more posts are being loaded