Post has attachment
Viaggiare a basso costo significa viaggiare meglio, più a lungo, più a contatto con la cultura locale. Tant'è che spesso ci siamo detti che lo avremmo fatto, uguale identico, anche se fossimo stati miliardari
Ma come si fa? Ecco qualche sito web da mettere SUBITO tra i preferiti!
https://viaggiosoloandata.it/siti-per-viaggiare-low-cost-2/

Post has attachment
Ogni viaggio comincia molto prima di partire, con la pianificazione. Sia se si tratta di una vacanza sia, e soprattutto, se si tratta di un viaggio solo andata come il nostro, è una fase fondamentale e complessa.
Noi utilizziamo +Trello per tenere tutto sotto controllo e organizzato!
Ecco come...promesso, vi cambierà il modo di viaggiare ;)
https://viaggiosoloandata.it/come-organizzare-un-viaggio-in-maniera-efficace/

Post has attachment
Rovesciarsi con il kayak sembra terrorizzare un po' tutti, d'altronde chi vorrebbe ritrovarsi per 12 secondi capovolto con la testa sott'acqua in balia delle onde, e come se non bastasse con 40 kg di plastica sulla testa, a ricordarti che forse era meglio partecipare ad un torneo di briscola che lanciarsi per 4 giorni in un fiume con rapide forza III?

Ma a noi non piace la briscola, quindi via, si sale sul kayak e si pagaia, sembra facile no? D'altronde che ci vuole? Ti fai trasportare dalla corrente e via... col c***o. Da bravi principianti abbiamo dovuto imparare come uscire ed entrare dalla corrente, e questo implica pagaiare come se non ci fosse un domani contro un fiume che ti spinge dalla parte opposta. Dopo 3 giorni di continuo pagaiare la braccia e le spalle iniziavano a risentirne.

Ma il bello è arrivato proprio al terzo giorno: ad un certo punto siamo scesi a terra a valutare le rapide del fiume, e già da lontano non promettevano bene, bastava ascoltare il fragore dell'acqua che si schiantava contro le rocce per rendersi conto che la situazione non sarebbe stata semplice...
Urlando, per sovrastare il rumore del fiume, il nostro istruttore ci ha detto: " Ok, cercate più che potete di passare a sinistra...se finite nel centro, non andate in panico". Parole decisamente poco rassicuranti.


E così, la paura che si rifletteva nei nostri sguardi, ci siamo diretti verso i kayak pronti ad affrontare il nostro triste destino.
Partiamo, decisi a superare l'ostacolo che ci si parava davanti, il fragore dell'acqua aumentava sempre di più insieme alla corrente che come una grande calamita ci attirava verso il centro del fiume. Con fatica pagaiamo cercando di portare il kayak verso sinistra, onde di medie dimensioni arrivano da tutte le parti e la concentrazione per tenere i kayak dritto è al massimo.

Ma Marco, probabilmente facendolo un po' apposta, finisce dritto nel centro del fiume. Lottare con la corrente era quasi impossibile, intorno solo onde come fosse sul mare di Bering in tempesta, un enorme montagna russa d'acqua che ha come unico obiettivo quelle di rovesciarti e trascinarti a valle, l'unico modo di contrastare questo enorme fiume in tempesta e quelle di infilare la pagaia in acqua e pagaiare con tutta la forza che si ha in corpo, cercando di evitare le onde laterali e di colpirle solo frontalmente.

Ma basta poco per girarti e perdere l'equilibrio, finendo sott'acqua, dove a quel punto non hai nient'altro da fare se non uscire dal kayak il prima possibile e rimanere in balia del fiume fino a che la corrente non si placa. Ed è proprio con il pensiero del non doversi rovesciare che siamo scampati a questi 5 minuti di fiume in piena e Marco è uscito indenne da quella che abbiamo scoperto essere definita la "tiger line" di delle rapide forza 3, ovvero la via dove il fiume dà il suo massimo, in cui l'istruttore ci aveva detto di non andare in panico. E con il senno di poi aveva proprio ragione, l'unico modo per uscirne indenni è quello di non andare in panico, altrimenti basta mezzo secondo per ritrovarti a nuotare con i pesci (o forse anche loro più furbi di te hanno deciso di passare a sinistra😅).

Post has attachment
La fama del Giappone come paese costoso non ha eguali, ma con i nostri consigli riuscirete a girarlo praticamente gratis!
.....
....ok scherziamo, è stato indubbiamente il paese in cui abbiamo speso di più finora ma anche uno dei più affascinanti , e abbiamo voluto raccogliere qui alcuni consigli su come abbattere le spese e girare il Giappone nella maniera più low cost possible!
Conosci qualcuno che vorrebbe visitare il Giappone ma lo ritiene troppo costoso? Taggalo nei commenti
https://viaggiosoloandata.it/giappone-low-cost-come-girarlo-spendendo-poco/

Post has attachment
Lavorare viaggiando. Era uno dei nostri sogni: essere slegati da una scrivania, da orari d'ufficio, da weekend e ferie. Poter decidere di lavorare di notte o nel weekend, e di passare le giornate facendo ciò che amiamo.
E ci stiamo riuscendo. Non è una vacanza, non è facile, non è rilassante...ma ha il profumo della felicità!
Ecco quindi i nostri 6 migliori consigli per cercare di diventare nomadi digitali:
https://viaggiosoloandata.it/6-risorse-per-trovare-lavoro-come-nomade-digitale/

Post has attachment
Non sembrava essere iniziato nel migliore dei modi il nostro viaggio in Nepal, visto che non volevano nemmeno farci salire sull'aereo. Eh sì, una gentile giapponese all'aeroporto di Tokyo ci ha spiegato che non poteva lasciarci imbarcare senza un volo di uscita dal Nepal ️. Non so per quale miracolo siamo riusciti a barattare un volo con una stanza d'albergo per l'India, successiva destinazione, prenotata letteralmente al volo!
Arrivati a Kathmandu, quasi 24 ore dopo, senza sonno né doccia, abbiamo voluto farci del male a tutti i costi: abbiamo pensato bene di non prendere un comodo taxi, che voleva chiaramente spennare il turista di turno, e di andare in centro con l'autobus. La signorina del centro informazioni, la polizia, persino i passanti cercavano di convincerci che non ci fosse un bus. Ma noi sappiamo essere testardi.
Ed effettivamente il bus c'era. Ma quando si è palesato, ci siamo trovati a dover salire con due zaini giganteschi su un autobus minuscolo e stracarico di persone. Poco male: tempo tre secondi qualcuno ci aveva sfilato lo zaino, si era arrampicato sul finestrino e lo aveva lanciato sopra il tetto. Nemmeno il tempo di protestare che eravamo già in saltellante movimento.
Abbiamo passato la successiva mezz'ora a osservare la strada alle nostre spalle, terrorizzati all'idea di vedere i nostri zaini piombare sui motorini intorno, che ci circondavano come mosche col cavallo. Abbracciati stretti stretti dagli odori, i colori, i sapori (perché quasi sembrava di sentirli in bocca) del Nepal.
E quando siamo scesi e i nostri zaini impolverati ci sono stati restituiti, e abbiamo fatto spazio a un signore con una gallina sotto braccio che saliva al posto nostro, abbiamo capito: ci sarebbe stato da divertirsi!
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
16/10/2017
6 Photos - View album

Post has attachment
Tokyo è stata proprio come ce l'aspettavamo: moderna e internazionale, ma anche impregnata di cultura giapponese! Da Shibuya, l'incrocio più trafficato e famoso al mondo, ad Akihabara, la strada dei manga, una lunga via piena di fumetti e cultura nerd (compresa quella porno-nerd, o otaku, con sex shop di 7 piani), per chiudere con i maiden bar, dove le cameriere sono tutte vestite in tenuta sexy e giocano a fare le ragazze ingenue. Può sembrare un'attrazione per turisti un po' perversa ma in realtà moltissimi giapponesi frequentano questi locali! Noi abbiamo provato ad entrarci ma, oltre che dai circa 20 euro di entrata, ci siamo fatti scoraggiare dalla lunga coda presente all'ingresso del locale, che in questo caso era di ben 4 piani.
Tolte le cameriere in tenuta sexy, il Giappone ed in particolare Tokyo ci hanno lasciato un segno, forse a causa dei tanti amici che ci hanno accompagnato in questa avventura, grazie ai quali abbiamo scoperto la bellissima tradizione del karaoke giapponese, il cibo tradizionale e tutte le sfaccettature di questa società così moderna e culturalmente diversa dalla nostra. La nostra impressione è stata quella di vivere dentro un grande cartone animato, anche se purtroppo non siamo riusciti a vedere tutto, come gli incontri di sumo o il grande mercato del pesce . Motivi validi per tornare a visitare la terra del Sol Levante in un futuro non troppo lontano
PhotoPhotoPhotoPhoto
14/10/2017
4 Photos - View album

Post has attachment
Arrivati a Kathamndu ci siamo subito fatti prendere dallo spirito esplorativo ed abbiamo passato mezza gioranta nel famoso tempio delle scimmie... Questo è il video della nostra esperienza in questo luogo dove pregiera ed animali vivono in armonia tra loro.
PS: non perdetevi il nostro canale youtube dove pubblicheremo tantissimi video: https://www.youtube.com/channel/UCIGlVgHRCQOUP6WBFTCKd4Q

Post has attachment
Una buona lettura è la base per un buon viaggio . E se quello che aneli nel profondo del cuore non è una semplice vacanza, ma il viaggio della vita...be' non c'è nulla come uno di questi stupendi libri sul viaggio per darti quella spinta in più di cui hai bisogno!
Li hai letti? Cosa ne pensi? Cosa aggiungeresti?
Tagga un amico che può apprezzare una di queste fantastiche letture!
https://viaggiosoloandata.it/12-libri-sul-viaggio-che-ti-cambieranno-la-vita-e-la-strada/

Post has attachment
Ciao a tutti,
Ormai sono 4 mesi che siamo in viaggio 🌏, una delle domande che ci viene fatta più spesso è come faccio ad organizzare tutto senza farci sfuggire niente.
Quello che c'è da sapere è che il viaggio 🗺️ comincia molto prima di partire, con la pianificazione 😎.
Sia se si tratta di una vacanza sia, e soprattutto, se si tratta di un viaggio solo andata come il nostro, è una fase fondamentale e complessa.
Noi utilizziamo Trello per tenere tutto sotto controllo e organizzato!
Ecco come...promesso, vi cambierà il modo di viaggiare ;) e se non vi piace avete sempre carta e penna come alternativa 😁
https://viaggiosoloandata.it/come-organizzare-un-viaggio-in-maniera-efficace/
Wait while more posts are being loaded