Post has shared content

Post has shared content

Post has shared content
Bere vino (con moderazione) fa bene! Un bicchiere al giorno leva il medico di torno.

Post has shared content
Il posto fisso, la storia italiana di un uomo "comune"!

Post has shared content

Post has shared content
Io ad esempio amo i fuochi d'artificio sparati sul mare! Sarebbe bello non avessero controindicazioni
Stanotte in tutto il mondo accoglieremo il nuovo anno. Saluteremo così un 2015 per dar spazio ad un 2016 che speriamo porti una nuova aria di felicità e benessere in Italia così come su tutta la Terra!

Ma come si festeggia questo nuovo inizio pressoché ovunque? Ma ovviamente con un cielo colorato e scoppiettante di fuochi d’artificio!

In realtà, con un focus sulla nostra Penisola, molte sono state le città e i paesi che per diverse e ben note ragioni a tutti noi hanno vietato quella che per parecchi italiani è una gioia ed una tradizione. Il motivo principe?

Ovviamente molti giochi d’artificio importati sono effettivamente pericolosi, ognuno a vario modo, per la nostra salute. Sono vietati difatti i fuochi d’artificio privi di certificazione.

E così, grazie ai controlli dei nostri sistemi di sicurezza e nonostante vari provvedimenti presi in tal senso da molti comuni, sui cieli di molte grandi e piccole piazze italiane avrà finalmente luogo il classico seppur per certi versi innovativo spettacolo pirotecnico tanto atteso!

I fuochi d’artificio non sono comunque la sola tradizione che amiamo rivivere ogni 31 dicembre! Eccovi una breve rassegna di alcune di quelle tradizioni/rituali per noi più comuni che ci si auspica possano portarci benessere e fortuna per il nuovo anno:

Rosso: indossare un indumento di colore rosso per certi versi è un must per augurarci buona fortuna per il nuovo anno. Ma attenzione, dev’esserci stato regalato!

Addio cose vecchie: in parecchie città, soprattutto nel napoletano, la fortuna non ci bacerà se non getteremo qualcosa di vecchio che ci appartiene.

Lenticchie: allo scoccare della mezzanotte, o durante il gran cenone, almeno una grossa cucchiaiata di lenticchie non potrà mancare.

Spumante: brindare al nuovo anno senza un cincin con dello spumante? Non si può!

Fuochi d’artificio: li citiamo ancora una volta perché forse non tutti sanno che il botto da loro provocato caccia gli spiriti cattivi!

E così, augurandovi felice anno nuovo ricco di gioia, felicità e ovviamente fortuna, lo staff del Consorzio Save Italy vi saluta!
Ci rivediamo tra un anno!

Post has shared content
Ed incredibilmente vi dico che in queste vacanze ho perso 3 kg!
Feste, cenoni, pranzi lunghi ore ed ore! Mantenere la linea nel periodo di festività natalizie lunghe come sono non è affatto facile ma è possibile anche senza privarsi di nulla.

Come fare a restare in forma tra una portata e l’altra? Basta far propri dei piccoli accorgimenti che ci aiuteranno a tenere a bada i chili di troppo.

1- Non saltate la colazione: si sa, la colazione è il pasto più importante della giornata e non deve mancare mai, né limitarsi ad una seppur soddisfacente tazzina di caffè. Meglio prepararsi alla giornata accompagnando il rito del caffè con un paio di fette biscottate e miele o marmellata, con una banana o una mela, così da assicurarci l’apporto calorico necessario e da non arrivare affamati al banchetto di pranzo!

2 - Lo spuntino ci sta: direte voi “ma come, oltre la colazione, il pranzo e la cena aggiungo calorie con uno spuntino a metà mattinata?”, ebbene sì! Lo spuntino (cosi come la merenda) aiuta ad abituare lo stomaco a lavorare, seppur poco, e ad accelerare leggermente la nostra capacità di digerire. Da tenere a mente che uno spuntino deve essere leggero e sobrio.

3 - Bevete un bicchiere di acqua 10 minuti prima di pranzare: questo può sembrare un dettaglio ma non lo è. Se riempite lo stomaco in questo modo, di certo, attenuerete il senso di fame e limiterete il vostro insaziabile appetito!

4 - Un po' di tutto: vi permettete di dire no al dolce della nonna?! O ancor peggio mangiate solo il primo di mamma e non quello della suocera?! Di tutto un po' è la risposta. Un assaggio con piccole porzioni di tutto vi aiuterà a mantenere la linea e a non litigare con i parenti!

5 - A nanna non troppo presto: non mettetevi mai a letto subito dopo cena. Anche se il cenone di capodanno durerà un eternità, resistete! Mettervi a letto mezz’ora dopo aver preso un cucchiaio di lenticchie non è cosa da poco come sembra. Meglio far passare un oretta e mezza almeno.

6 - Alzatevi presto la mattina: non avete tempo di fare attività fisica durante il giorno? Pazienza, limitate il danno alzandovi presto la mattina e se possibile aggiungendo una piccola passeggiata (ricordo a tutti che si consigliano almeno 10.000 passi al giorno per mantenersi in forma, e non è poco).


E voi invece come affrontate le calorie delle festività?!

Post has shared content
Il Giubileo della Misericordia è iniziato
Un evento storico di portata mondiale con sede nel nostro Territorio, il Giubileo.

Ebbene sì, dopo l’Expo di Milano, dall’ 8 dicembre e per un anno a seguire l’Italia torna al centro dell’attenzione mondiale per l’indizione da parte di Papa Francesco del Giubileo della Misericordia.

Vogliamo in questo articolo indagare in brevi punti alcuni di quelli che saranno gli effetti a livello globale di quest’avvenimento di matrice nostrana.

- Il Pellegrinaggio verso Roma: da diversi punti di vista uno degli effetti di portata maggiore dovrebbe essere l’enorme afflusso di fedeli provenienti da tutto il mondo.

- Cresce la paura per attentati: dopo gli attentati di Parigi, secondo Federalberghi il livello dell’occupazione nelle strutture ricettive italiane si attesta solo poco al di sopra del 50%.

- Occasione per il Made in Italy: una nuova opportunità per il nostro Paese di mostrarsi al mondo. Questo evento religioso concentrerà per questo nuovo anno una forte attenzione sull’Italia e questo ci darà una nuova occasione per metter in risalto chi siamo, ciò in cui crediamo e come lavoriamo.

Questi sono solo alcuni dei potenziali effetti dell’Anno Santo.

Voi cosa ne pensate? Scriveteci e Commentate!

Post has shared content
Dalle mie parti il pesce regna sovrano a Natale!
E mentre dall’altra parte del mondo il Sultano del Brunei vieta categoricamente il festeggiamento “illegale” del Natale con una eventuale pena di ben 5 anni di reclusione, il nostro Bel Paese è pronto a riunirsi e a festeggiare intorno alle tavole delle nostre case!

Da nord a sud ecco come saranno bandite le nostre tavole:

Nord: dal Piemonte alla Lombardia, dalla Liguria al Veneto, cosa non può mancare sulle tavole natalizie di queste regioni italiane? Le zuppe nelle loro diverse varianti ovviamente, gli agnolotti o perché no ravioli alla genovese, i tortelli alla zucca, il risotto al radicchio rosso, i canederli, la trippa con sugo e formaggio, i tortellini in brodo.

Centro: non è Natale nelle regioni centrali se mancano invece i maccheroni allo stoccafisso o la minestra di cardi, gli anellini alla pecorara o ovviamente i cappelletti in brodo.

Sud: al sud e sulle isole le specialità di pesce regnano sovrane le nostre tavole. Tre le specialità che non possono mancare: la calamarata, i cavatelli ai frutti di mare, l’immancabile pasta con le sarde.

Buon appetito e buone feste!

Post has shared content
Un caldo strano...
Un Natale all’insegna del sole, del bel tempo e di temperature momentaneamente al di sopra della media stagionale.

E’ un dicembre senza precedenti per la nostra Penisola. Temperature anomale per un inverno che fatica ad entrare nel vivo della scena. E cosi, da nord a sud, mentre s’incartano gli ultimi regali da mettere sotto l’albero, c’è chi addirittura si “immola” in bagni fuori stagione!

Il Clima Mediterraneo dovrebbe essere infatti caratterizzato da un lungo periodo di siccità estiva e da inverni piovosi con temperature miti, ma non è andata così in questo 2015 che stiamo per salutare.

Da un lato c’è a chi può far piacere tenere chiusi dentro l’armadio sciarpe, guanti e cappelli pesanti, ma quali sono le conseguenze per la nostra Terra?
Wait while more posts are being loaded