Post has attachment
METEO GIOVEDÌ: SOLE PREVALENTE E CLIMA PIUTTOSTO CALDO
#Meteo #Nord #Italia #Giovedì

Nella giornata di giovedì l'alta pressione dominerà lo scenario meteo sulle regioni settentrionali con sole prevalente e clima diurno piuttosto caldo.

Meteo giovedì.
Entrando nel dettaglio la giornata sarà in prevalenza stabile e con cielo sereno un po' ovunque con al più lo sviluppo di cumuli nel pomeriggio sui rilievi in genere ma con basso rischio di fenomeni (al più qualche isolato acquazzone tra est Valle d'Aosta e nord Piemonte ma decisamente occasionali).

Temperature.
Minime: comprese tra 16-18°C su pianura/coste/pedemontane/fondovalle; in montagna comprese tra 10-12°C a 1500 metri di quota.
Massime: piuttosto calde e comprese tra 27-30°C su pianura/coste/pedemontane/fondovalle; in montagna fino ai 18-19°C a 1500 metri di quota.
Photo

Post has attachment

Post has attachment
METEO: ALTA PRESSIONE E TEMPO STABILE, SOLEGGIATO E CON CLIMA PIUTTOSTO CALDO NEI PROSSIMI GIORNI; TENDENZA WEEKEND
#Meteo #Nord #Italia

L'alta pressione domina lo scenario meteo sulle regioni settentrionali e sarà ben presente almeno fino al weekend con sole prevalente salvo locali disturbi. Nel weekend e in particolare domenica assisteremo ad un calo termico ad opera di correnti più fresche ma fino a quel giorno le massime potranno raggiungere i 28-30°C in pianura.

Meteo venerdì.
Giornata stabile e asciutta seppur con nubi alte (stratificazioni) sparse specie sui settori a nord del Po e con nuvolosità più compatta che ai addosserà verso sera sulle Alpi confinali a causa dell'avvicinamento di un fronte da nord.

Tendenza weekend.
Sabato nella prima parte della giornata il fronte porterà qualche pioggia o temporale sulle confinali con fenomeni in concentramento da inizio pomeriggio sul Friuli e in esaurimento verso fine giornata. Domenica asciutta e con un calo delle temperature causato da correnti più fresche (massime che potrebbero non andare oltre i 23°C in pianura).
Photo

Post has attachment

Post has attachment
METEO: TEMPORALI ANCHE FORTI TRA IERI E STAMATTINA; NUOVI FENOMENI NELLE PROSSIME ORE
#Cronaca #Meteo #Nord #Italia

Come previsto, tra ieri e stamattina temporali e rovesci irregolari ma anche intensi hanno interessato qua e là le nostre regioni settentrionali e nuovi fenomeni saranno possibili anche nelle prossime ore.

Cronaca meteo.
In particolare nel pomeriggio/sera di ieri acquazzoni e temporali sparsi hanno interessato Emilia Romagna, Lombardia sud-orientale, Veneto occidentale, Appennino, Alpi e Prealpi con fenomeni anche intensi con allagamenti in particolare a Ferrara (qui segnalati anche alberi sradicati dalle forti raffiche di vento) e a Bologna.
Nuovi rovesci e temporali hanno poi preso vita all'alba di oggi tra Lombardia orientale e Veneto occidentale e segnatamente in Piemonte sul Verbano, con accumuli fino ai 25 mm sul Lago Maggiore. Nel corso della mattinata temporali anche forti si sono verificati in Lombardia specie su Milanese settentrionale, Brianza, Lecchese e parte di Comasco e Bergamasco.

Meteo prossime ore.
Nel corso del pomeriggio assisteremo alla formazione di nuovi rovesci sparsi anche a carattere temporalesco su Alpi, Prealpi e Appennino con qualche fenomeno in sconfinamento alle aree pedemontane specie tra Lombardia e Triveneto e anche alla pianura tra Emilia Romagna orientale e Veneto occidentale.
Fenomeni in esaurimento tra sera e notte salvo ancora qualche rovescio sui rilievi orientali.
Photo

Post has attachment

Post has attachment
METEO ITALIA: INSIDIOSO VORTICE MEDITERRANEO IN GESTAZIONE, QUALI CONSEGUENZE POTREBBERO AVVENIRE?
#Meteo #Italia
Fonte articolo: 3Bmeteo
Autore: Carlo Migliore

Nonostante la presenza di un campo anticiclonico sul Mediterraneo centro-occidentale, sul finire di settimana potrebbe concretizzarsi una particolare dinamica meteorologica proprio in territorio italiano. Anche se con modalità e traiettorie un po' diverse, la gran parte dei modelli fisico-matematici a scala globale, propongono la formazione di una circolazione depressionaria locale proprio sul Mediterraneo, la quale potrebbe portare maltempo su alcune zone della Penisola.

Quello che a priori non possiamo conoscere - e che andrà valutato nel corso delle osservazioni e dei prossimi aggiornamenti modellistici - è quanto sarà intensa questa depressione e dove si concentrerà. Tenuto conto che in questo periodo dell'anno in uscita dalla stagione estiva, le temperature superficiali del Mediterraneo risultano piuttosto elevate (e in alcune zone rasentano anche i 30°C), non si può escludere che questo futuro vortice ciclonico possa assumere le fattezze di quello che in gergo viene ormai comunemente chiamato "Medicane", ovvero una depressione mediterranea organizzata sullo stile delle depressioni tropicali che sferzano l'Atlantico, il Pacifico e l'Oceano Indiano.

La posizione del vortice sarà meridionale, compatibilmente con le zone in cui il sistema troverebbe la maggiore energia data dalle temperature marine superficiali. Il nostro modello di riferimento la vede collocata tra la Sardegna sud-orientale e la Sicilia occidentale con genesi di approfondimento tra i giorni 20 e 21 Settembre, ma in particolare nel corso di venerdì 21 Settembre. Non è escluso, tuttavia, essendo ancora lontani temporalmente dall'evento, che il vortice si collochi in posizione diversa dalle ultime simulazioni modellistiche. Trattandosi di una depressione con estensione areale piuttosto limitata, non possiamo al momento dire con precisione quali saranno le zone della Penisola a risentire maggiormente dei suoi effetti, ma in generale la sua evoluzione, ad oggi, riguarderà prevalentemente le Isole Maggiori e parte del Sud.
Photo

Post has attachment
IN ASIA SI TEMONO PIÙ DI 100 MORTI PER MANGKHUT; SALE A 31 IL NUMERO DELLE VITTIME PER FLORENCE NEGLI USA
#Meteo #Estero #Mangkhut #Florence
Fonte articolo e immagine: 3Bmeteo
Autore: Carlo Migliore

Florence e Mangkhut continuano a perdere potenza ma il conto dei danni e delle vittime purtroppo sale ancora. Le alluvioni causate dall'uragano Florence in Nord Carolina non hanno precedenti storici nello stato, ogni record di pioggia è stato battuto con oltre 800mm caduti nell'arco di due giorni. Migliaia di chilometri quadrati di territorio sono finiti sott'acqua e ci sono problemi di approvvigionamento idrico per milioni di persone a causa dell'inquinamento delle acque. Ad oggi il numero delle vittime accertate è di 31 e i danni superano i 20 miliardi di dollari.
Si temono più di 100 vittime invece per il passaggio del tifone Mangkhut in Asia in particolare nell'Isola di Luzon nelle Filippine dove si scava ancora nelle zone di montagna colpite da numerose frane e inondazioni. A Hong Kong 4 vittime ma numerosi feriti, oltre 100 per lo più causati dalla rottura di vetri nelle case e nei grattacieli per i fortissimi venti che hanno colpito la zona. Almeno 2.4 milioni di persone nella provincia di Guangdong restano ancora lontane dalle loro case.
Photo

Post has attachment

Post has attachment
METEO MARTEDÌ: ALTA PRESSIONE DEBOLE CON DISTURBI TEMPORALESCHI
#Meteo #Nord #Italia #Martedì

L'alta pressione sarà ben presente nella giornata di martedì sulle nostre regioni settentrionali anche se non sarà particolarmente forte con rischio dunque di rovesci e temporali irregolari ma anche intensi.

Meteo martedì.
Giornata variabile con nubi e acquazzoni/temporali sparsi alternati però anche ad aperture anche ampie.
Entrando nel dettaglio nella notte/prime ore del mattino qualche rovescio o temporale sarà possibile in particolare sulla Lombardia (specie da Prealpi in giù), sull'Emilia occidentale e sul Veneto occidentale con fenomeni anche moderati-intensi non esclusi localmente. Da inizio pomeriggio e poi nel corso di esso rovesci e temporali sparsi potranno prendere vita su Emilia Romagna, Lombardia orientale, Veneto, Alpi, Prealpi, pedemontane e Appennino con fenomeni sì irregolari ma anche intensi. Tendenza ad esaurimento dei fenomeni tra sera e notte con aperture un po'ovunque salvo ancora qualche nube in più lungo le Alpi e al nordovest.

Temperature.
Minime: comprese tra 18-21°C su pianura/costa/pedemontane/fondovalle; in montagna comprese tra 10-12°C a 1500 metri di quota.
Massime: su pianura/costa/pedemontane/fondovalle clima moderatamente caldo con punte non oltre 26-28°C; in montagna non oltre 16-18°C a 1500 metri di quota.
Photo
Wait while more posts are being loaded