Buonasera a tutti. Informiamo tutti i membri di questo gruppi della nascita della nostra realtà. Servizi Business è un'azienda che si occupa di servizi per aziende, professionisti e business people. Seguite il nostro profilo e inviate pure la vostra candidatura alla mail comunicazione@inofficeromabusiness.it. Tra i nostri servizi forniamo anche interpreti e traduttori.

Post has attachment
#Formazione #Finanziata:

Yellow Hub ricorda che le risorse accumulate negli anni 2013 e 2014 sui rispettivi Conti Aziendali possono essere utilizzate per la presentazione di piani formativi al massimo entro il 31 dicembre 2016.

Per non perdere la disponibilità diretta di queste somme, conviene affrettarsi.

Leggi come fare nella nostra News!

http://www.yellowhub.it/ita/3168/reminder-accantonato-scadenza-2/

Photo

Post has attachment
Sial 2012 - Sao Paulo Brasil
Photo

Post has attachment
#Bruxelles: un Crocevia di Interessi e Culture diverse, una Città con grandi Aspettative Sociali ed Economiche...

È qui che Yellow Hub ha deciso di aprire il suo nuovo Branch Office.

Per un'esigenza di Internazionalità che ci piace condividere con voi.

Yellow Hub:
Better Languages, Better Chances ✔

Buongiorno a tutti. Sono brasiliana di Fortaleza e mi occupo di traduzioni/interpretariato Italiano/Portoghese/Italiano. Grazie e buon lavoro a tutti ;)

Post has attachment
#Offerta #Traduzioni Tecniche per il Settore ‪Oil & Gas!

Scopri di Più sul Nostro Sito:
http://www.yellowhub.it/ita/2341/promozione-traduzioni-tecniche-dall-inglese-al-kazaco-settore-oil-gas/

Yellow Hub: 
Better Languages, Better Chances!
Photo

Post has attachment
#SalonedelMobile 2016?

Partecipa con Yellow Hub!

#Traduzioni Specialistiche di Materiali di Presentazione, Brochure, Leaflet e Cataloghi.

#Interpreti Receptionist e Specializzati

... e molto altro ancora!

Ti aspettiamo!

Yellow Hub:
Better Languages, Better Chances!

Post has attachment
Ma cosa significa #tbt e cosa c'entrano l'NBA e le sneaker?

Negli ultimi anni si è fatta strada una nuova tendenza, sotto forma di hashtag, che ha presto preso il controllo sui nostri giovedì social: il #tbt.
Questo acronimo significa letteralmente "Throwback Thursday" e se mi dovessi lanciare in un tentativo di traduzione direi "Il giovedì dei ricordi".

COSA si posta: vecchie foto, non solo quelle dell'infanzia, ma anche di pochi anni o addirittura poche settimane fa; link a canzoni legate a un ricordo particolare o foto di noi che, cuffie indossate, le ascoltiamo nostalgici; screenshot di stati passati, in particolare di Facebook, magari taggando qualche amico/a o amore.

QUANDO si posta: naturalmente, il giovedì! Se per le persone comuni potrebbe essere qualcosa di saltuario (ma non sempre!), per le aziende sta diventando un metodo di social media marketing molto azzeccato, col preciso scopo di attrarre nuovi clienti e mantenere viva l'attenzione dei propri follower attuali.

PERCHÉ si posta: per il motivo principale per cui tutti hanno una pagina social qualsiasi, LA VISIBILITÀ . Certo, si può essere spinti da un vero sentimento di nostalgia, talmente forte che non vogliamo tenerlo solo per noi, ma alla fine condividiamo perché la persona di passaggio veda il post, clicchi un "mi piace" e magari commenti.
Come mi ha detto una volta un esperto di social media marketing: "Facebook è come una casa: le persone ci passano davanti, ma solo noi scegliamo se aprire una finestrella o spalancare un portone".

#TBT, NBA E SNEAKER: CHE C'AZZECCANO???

Secondo la famosa rivista Sports Illustrated, l'origine del termine "Throwback Thursday" è da attribuire a un blog sulle sneaker (in particolare sui modelli per il gioco del basket), "Nice kicks", collegato in maniera imprescindibile con il mondo dell'NBA. Questo blog introdusse per la prima volta il termine nel 2006, molto prima della nascita di Instagram, e lo portò al successo pubblicando, ogni giovedì, foto e articoli relativi a vecchi modelli di sneaker collegati alle vecchie glorie del basket americano.

Col passare degli anni, l'espressione è diventata talmente popolare da perdere il suo uso specifico originale e diventare, appunto, per tutti e di tutti, soprattutto dall'arrivo di Instagram nel novembre del 2011.
Ora #tbt è uno degli hashtag più popolari e utilizzati, come dimostra l'analisi di Google Trend.

E voi utilizzate questo hashtag? #tbt
Photo

Post has attachment
Per il 2016 ho stabilito: i soliti buoni propositi dell'anno in scadenza avrebbero trovato DAVVERO un riscontro nell'anno nuovo. Ho dunque deciso di partire con qualcosa che già da tempo mi ronzava in testa e che per anni, per un motivo o per l'altro, ho dovuto accantonare: imparare il tedesco!

Grazie a un mio ex ragazzo con padre italiano e madre tedesca, questa lingua è entrata a far parte del mio mondo e lo ha pian piano conquistato. A quei tempi mi trovavo al primo anno di università e forse, tornassi indietro, sceglierei di specializzarmi proprio in tedesco.

Ma, ahimè, indietro non si può tornare! Perciò eccomi qui, nel 2016, con i miei 27 anni suonati, decisa come non mai a buttarmi in questa nuova avventura e pronta ad accogliere tutte le novità personali e (spero) professionali che saprà donarmi!

Da dove iniziare? Ovviamente grazie ad internet le risorse sono numerose e anche gli amici/colleghi linguisti mi hanno dato qualche buon consiglio su quale scuola di lingue frequentare. Al momento mi sto solo informando e questa scelta è rimandata.

Mi sono detta: "Perché non testare il mondo delle app?" Ricordo che, circa un anno fa, una mia amica inglese che ha vissuto per qualche mese in Italia mi ha raccontato di una app chiamata Duolingo, che permette di imparare molte lingue GRATIS.

Io la sto provando da alcuni giorni e devo ammettere che ha molti lati positivi: una volta stabilito il "goal" giornaliero nelle impostazioni iniziali, l'app emette una notifica con la quale mi ricorda che devo esercitarmi. È inoltre graficamente accattivante e user-friendly. Credo che l'unico lato negativo sia il fatto che per me, madrelingua italiana, non ci sia la possibilità di studiare il tedesco partendo dalla mia lingua e che mi trovi quindi costretta ad utilizzare la versione per parlanti inglesi.

Voi cosa ne pensate? Avete già provato Duolingo o una app simile? Se sì, come vi siete trovati?
Photo

Boeing a person is getting to complicated. ... time tu be a dragon
Wait while more posts are being loaded