Post is pinned.Post has attachment
L'unico Hotel al mondo a 7 stelle..Dubai


#hotel   #lusso   #dubai  
Photo

Post has shared content

Come le #tossine bloccano la perdita di #peso e aumentano il rischio di malattie cronico-degenerative

on è raro che qualcuno, pur investendo tutte le proprie #energie psicofisiche nell’obiettivo di perdere peso, struggendosi fra #palestra (che magari neppure piace frequentare…) e deprivazione (con conseguenti morsi allo stomaco e #fame canina), non perda più di qualche misero #chiletto.

Perché avviene questo? Com’è possibile che avvenga nonostante si stia seguendo alla lettera il “saggio” e ripetitivo mantra del nutrizionista: “…Devi fare più movimento e mangiare di meno”?

tossine“Mangiare di meno?… ma dottore, se mio figlio di 2 anni mangia meno di me! …così non si può, se devo soffrire due mesi per continuare a portare la 52 allora mollo tutto e mi godo il mio piatto di tagliatelle e chi s’è visto s’è visto!”

Una chiave di lettura di questo fenomeno è senz’altro quella dell’esposizione e accumulo di tossine, e le ricerche, infatti, lo stanno dimostrando.

Un primo esempio è dato dal Glutammato monosodico. Questo additivo alimentare aggiunge sapidità (sapore) ai cibi, ed è aggiunto ad alcuni cibi confezionati, soprattutto agli snack ed utilizzato abbondantemente nei ristoranti cinesi (tanto che esiste addirittura la sindrome da ristorante cinese, causata da una intossicazione dovuta al #Glutammato monosodico).

tossine glutammato monosodicoStudi hanno rivelato che chi mangia Glutammato monosodico mangia in media il 30% di cibo in più come effetto.

Un pioniere della ricerca in questo campo è il professor Bruce Blumberg dell’Università Irvine in California, che ha studiato le sostanze cosiddette obesogene (che causano obesità). Una delle altre sostanze che è associata all’aumento del rischio di obesità è la TBT usata nella produzione di vernici, mordenti, vinili, pannolini usa e getta, e molti altri prodotti.

L’esposizione alla TBT spinge le cellule staminali a trasformarsi in cellule adipose. Questo effetto è particolarmente potente a livello fetale e infantile, predisponendo il bambino a sviluppare obesità.

tossine: obesogeniUn'altro obesogeno ubiquitario problematico è il BPA (Bisfenolo A), che fa parte di un gruppo di sostanze chiamate interferenti endocrini. Queste sostanze infatti interferiscono in vari modi con l’azione degli ormoni naturalmente prodotti dal nostro corpo.

l'articolo continua qui:
http://www.perdipesonaturale.com/come-le-tossine-bloccano-la-perdita-di-peso

#benessere   #diete   #dieta

#Dieta
#Dimagrire
#Alimentazione
#Salute
#PerderePeso
#Peso
#Dimagrimento
#Nutrizione
#Benessere
#Fitness
#Alimenti
#Cibo
#Obesità
#Pancia
#Vegan
#Consigli
#Allergie
#Intolleranze

Post has attachment
Quando ci si espone al sole ormai è necessario proteggere adeguatamente la #pelle e gli #occhi dai raggi UVA e UVB
http://cristalfarma.it/it/news/come-proteggere-la-pelle-dal-sole.html

#cutamir   #fitoterapia  
Photo

Post has attachment
 #Mangostano, il super #antiossidante
Cinque volte più potente di papaya e melograno. Rafforza le difese e combatte le #rughe Associato all’acido #ialuronico e all’olio di #argan rigenera la pelle in profondità

Il super-frutto originario delle isole dell’Arcipelago malese - dalla buccia rosso porpora che racchiude spicchi bianchi - arrivato da qualche anno in Italia sotto forma di bevanda e #integratore alimentare, inizia a incuriosire il mondo della cosmesi. Settore ancora di nicchia, quello di creme e trattamenti a base di#mangostano, con margini di sviluppo interessanti. Il vegetale, noto nel Sud-Est asiatico per le sue virtù #antiossidanti, è ricco di #catechina, sostanza contenuta anche nelle foglie di tè verde: l’antibatterico naturale, oltre a rafforzare le #difese immunitarie, contribuisce a ridurre il #colesterolo e i #trigliceridi. L’alta concentrazione di proantocianidine, gli stessi #polifenoli che si trovano nei semi di uva, svolge un’importante azione #antiradicali liberi: fino a venti volte superiore a quella della #vitamina C. Ma i fitonutrienti più efficaci, presenti soprattutto nel pericarpo, sono gli xantoni: «Ne racchiude 43 sui 200 presenti in #natura - spiega Felice Strollo, endocrinologo, docente al corso di perfezionamento in Nutrizione e #Benessere al Dipartimento di scienze farmacologiche e biomolecolari della Statale di Milano - . Rispetto ad altri #frutti in voga, penso alla #papaya e al #melograno, come antiossidante è cinque volte più potente». 
«Potenzia anche l’efficacia dei #solari»
Dalla tavola al beauty, si moltiplicano i preparati cosmetici contenenti mangostano. Davide Masini, amministratore unico della Purple Natural Skincare di Bovolone (Verona), inizia a testarlo due anni fa. «Utilizziamo l’estratto secco, certificato e titolato al 10 per cento - spiega - in emulsioni nutrienti per il viso con il 35 per cento di olio di argan». La sostanza è diluita anche nel fluido in gocce: un tris di oli (mandorle, argan, jojoba), formulato per contrastare l’invecchiamento cutaneo. «In Italia il trend è in crescita - rivela Masini, che si è ispirato alla tesi di una laureanda in Cosmetologia a Parma - , ma la domanda è più forte all’estero: Scandinavia, Regno Unito, Dubai, Libano, Hong Kong...». «Oltre alle creme viso e corpo, abbiamo creato una linea di solari a base di mangostano - spiega Gabriele Volpi, chimico farmaceutico, fondatore del laboratorio Volga Kosmesis nel Mantovano - che, in sinergia con i filtri per proteggere la pelle dai raggi ultravioletti, ne potenzia l’efficacia contro il foto-invecchiamento».
I trattamenti in spa
Le virtù del super-frutto per combattere i segni del tempo? «Aiuta a migliorare il tono e l’elasticità, favorisce l’idratazione e previene l’insorgere delle rughe. In alcuni casi (grazie alle proprietà cicatrizzanti dei polisaccaridi, simili a quelli dell’aloe vera), può funzionare anche nella cura dell’acne». Associato all’acido ialuronico e all’olio di argan, rigenera l’epidermide in profondità. Se il target principale del mangostano sono i saloni di estetica, nelle beauty spa c’è chi lo declina in chiave olistica. Il Relilax Terme Miramonti di Montegrotto Terme (Padova) propone trattamenti «anti-ox». Sul viso impacco detossinante: liberati i pori, si spargono gocce di estratto secco, veicolato con una crema all’acido ialuronico. Seguono maschera e massaggio distensivo. 



FONTE
http://www.corriere.it/moda/news/15_marzo_23/mangostano-super-antiossidante-9ac11890-d15c-11e4-8608-3dead25e131d.shtml

Post has attachment
Pranzo su un blocco di ghiaccio :)
Photo

Post has shared content
Alimenti con Vitamina E: vince l’embrione vegetale
A cosa serve e gli alimenti più ricchi

Questo articolo ti aiuterà ad individuare le caratteristiche salienti e distintive della Vitamina E, le sue fonti alimentari maggiori e come evitare di perdere questa vitamina dai cibi che la contengono a causa di certi metodi di cottura. Inoltre vengono indicate alcune curiosità relative alla Vitamina E che in pochi conoscono…


A cosa serve la # E e perché dovresti usare cibi ricchi in questa vitamina? 

La Vitamina E ha mostrato di aiutare nella prevenzione del cancro causato da diversi elementi chimici presenti nell’ambiente.
Questo diventa ancor più rilevante se si pensa che gli scienziati stimano che l’80-95% dei casi di cancro provengano dagli elementi chimici (carcinogeni) ambientali.
Ecco perché la Vitamina E assume un’importanza particolare soprattutto oggi che siamo circondati e invasi da migliaia se non milioni di molecole chimiche di sintesi di usi svariatissimi e molte delle quali non possiamo essere sicuri dell’innocuità.
Altre invece sono palesemente dannose: tossiche, irritanti e carcinogene. 
Sapevi che non c’è una sola Vitamina E ma ce ne sono almeno 8 diverse?

Quando si dice “Vitamina E” in realtà si fa implicitamente riferimento alla Vitamina E scoperta nel 1922 (dagli scienziati Evans e Bishop), ma successivamente sono stati scoperte le diverse “sfaccettature” di questa vitamina. Ora si conoscono 8 omologhi della Vitamina E che possiedono struttura chimica e attività biologica del tutto simile: 
La Vitamina E è costituita da due diversi gruppi di molecole:
I TOCOFEROLI (Alfa-tocoferoli, Beta-tocoferoli, Gamma-tocoferoli, Delta-tocoferoli)
I TOCOTRIENOLI (Alfa-trienoli, Beta-trienoli, Gamma-trienoli, Delta-trienoli)

Queste diverse forme della Vitamina E hanno piccole differenze strutturali nei gruppi chimici presenti sulla molecola principale. Queste differenze contribuiscono anche a determinarne la diversa potenza bioattiva, dove questo è l’ordine valutato dalla forma più attiva a quella meno attiva:
1) Alfa-tocoferolo > 2) Beta-tocoferolo > 3) Gamma-tocoferolo > 4) Alfa-tocotrienolo 
I nati prematuri sono la categoria più a rischio di deficit di Vitamina E

Le persone nate premature sono una categoria a rischio per la carenza di questa vitamina a causa di possibili problemi legati al malassorbimento dei lipidi. Perciò in questi casi è particolarmente indicata un’integrazione di questa vitamina nella propria alimentazione (che naturalmente saprà personalizzare il medico curante). 
La Vitamina E ha una strana caratteristica che la lega ai PUFA (acidi grassi poliinsaturi)

Sapevi che il fabbisogno di Vitamina E è strettamente correlato al consumo di Acidi Grassi Poliinsaturi (PUFA)? la relazione è che più consumi acidi grassi insaturi (pesce, oli vegetali) e più cresce il bisogno di Vitamina E.  


Le fonti ufficiali (Commission of the European Communities – 1993) hanno fissato a 0,4 il rapporto fra Vitamina E (suoi equivalenti) per ogni unità di PUFA. Questo rapporto equivale ad esempio ad 1 grammo di Vitamina E per ogni 2,5 grammi di acidi grassi poliinsaturi.
Nell’ultimo paragrafo “I 6 Killer della vitamina E” viene descritto il perché di questa relazione particolare fra PUFA e Vitamina E. 
FONTI ALIMENTARI La lista ufficiale degli alimenti più ricchi di Vitamina E: vince “L’EMBRIONE VEGETALE”! 

Contenuto di Vitamina E (come Alfa-tocoferolo) nei cibi: 
Olio di Germe di Grano, 1 cucchiaio contiene 20.3mg detto anche l’embrione vegetale perché in effetti rappresenta l’embrione da cui nasce la piantina di grano a partire dal seme ed è il cibo con il più elevato contenuto naturale di Vitamina E (nella forma di Alfa-tocoferolo, la forma più attiva della vitamina E)
Semi di #Girasole, 1 oncia (28,35g) ne contiene 7.437mg
#Mandorle, 1 oncia (28,35g) ne contengono 6.834mg
Olio di semi di Girasole, 1 cucchiaio ne contiene 5.628mg 
Olio di semi di #Cartamo, 1 cucchiaio ne contiene 4.625mg 
#Nocciole, 1 oncia (28,35g) ne contiene 4.322mg 
#Burro di #Arachidi, 2 cucchiai ne contengono 2.915mg
Arachidi, 1 oncia (28,35g) ne contiene 2.211mg
Olio di #Mais, 1 cucchiaio ne contiene 1.910mg
Spinaci bolliti, 1/2 tazza ne contengono 1.910mg
#Broccoli tritati bolliti, 1/2 tazza ne contengono 1,26mg
Olio di Soia, 1 cucchiaio ne contiene 1.16mg
#Kiwi, 1 frutto di medie dimensioni ne contiene 1.16mg
#Mango affettato, 1/2 tazza ne contiene 0.74mg
#Pomodoro crudo, 1 frutto di medie dimensioni ne contiene 0.74mg
#Spinaci crudi, 1 tazza ne contengono 0,63mg
 

Il Frutto della Vita tibetano che contiene Vitamina E + LBP 

Le #Bacche di #Goji sono citate in varie fonti anche per il loro contenuto di #Vitamina E, quindi possiamo aggiungerle ai cibi utili per integrare questa vitamina, soprattutto in relazione alla loro eccezionale completezza e concentrazione nutrizionale che molto difficilmente puoi trovare altrove.
bacche di goji
Ti ricordo infatti che le bacche di goji, oltre al gusto delizioso contengono carboidrati a basso indice glicemico (adatte quindi ad una dieta di controllo del peso forma), proteine, aminoacidi, grassi di buona qualità, vitamine, antiossidanti, minerali, fibre.
Inoltre, le bacche di goji contengono principi funzionali unici che sono stati rinvenuti solo in questa bacca come i LBP (lycium barbarum polysaccharides) che hanno mostrato un’attività di sostegno per il sistema immunitario. 
C’è anche un’altra ragione per usare le bacche di Goji per un’integrazione naturale di Vitamina E: le bacche di Goji sono una ricca risorsa di Vitamina C, la quale rigenera la Vitamina E che viene degradata nella lotta contro i radicali liberi.
Queste due vitamine infatti lavorano in perfetta sinergia e la Vitamina C contenuta nel Goji si “sacrifica” per dare nuova vita alla Vitamina E.  
Se vuoi sapere di più sulle BACCHE DI GOJI [>>clicca qui e leggi<<]
I 6 killer della vitamina E

Ora che sai dove trovare la tua fonte ricca di Vitamina E, devi fare attenzione a non distruggerla!
Alcuni procedimenti di cottura ed alcune associazioni alimentari possono vanificare la tua integrazione naturale di Vitamina E, ecco quali sono:  
La frittura e la cottura al forno sono i procedimenti di cottura che determinano le perdite maggiori di Vitamina E (anche se tutti i processi di cottura contribuiscono ad una riduzione del contenuto di questa vitamina)
i PUFA (acidi grassi poliinsaturi) determinano una riduzione della biodisponibilità intestinale della Vitamina E, quindi meglio non usarli in associazione con l’assunzione di questa vitamina (esempio di alimento ricco di PUFA è l’olio di pesce – che di per sé è comunque benefico)
La Vitamina A utilizzata in elevate concentrazioni abbassano i livelli di Vitamina E circolanti nel sangue (plasmatici)
La Crusca di Grano riduce la biodisponibilità della Vitamina E (anche se di per sé la crusca di grano ha diversi vantaggi importanti per la salute), quindi per ottimizzare al massimo l’assorbimento di Vitamina E cercheremo di evitarne l’assunzione associata alla crusca di grano
Le Pectine contenute nelle marmellate e nella frutta riducono anch’esse la biodisponibilità della Vitamina E
L’Alcool infine è nemico della corretta assimilazione della Vitamina E, quindi evitiamo l’assunzione di alcolici ravvicinati all’assunzione di cibi ricchi di Vitamina E se vogliamo trarre il massimo da questa vitamina :) 
 
P.S. Se hai trovato questo articolo utile, condividilo!

fonte
http://www.bacchegoji.net/alimenti-con-vitamina-e/
Photo

Post has shared content
Le 3 azioni con cui il #Succo di #Melograno #protegge (soprattutto) le #donne
Solo il fatto di leggere le numerose #proprietà benefiche del #Melograno e associarle al suo buon sapore, innesca immediatamente la voglia di mangiare un bel #frutto fresco, oppure di bersi un bel #succo !

Le proprietà benefiche del Melograno sono in relazione con i numerosi #fitocomposti che contiene, e per cominciare, i suoi semi contengono un olio ricco in #Acido #Punicico , il quale oltre ad essere utilizzato come principio funzionale per mantenere una pelle giovane, bella e tonica, ha anche un ruolo riconosciuto nel contrastare il cancro alla mammella.

melograno

Sempre i semi contengono i lignani (un sottoprodotto della lignina), che hanno un effetto antiossidante, anti-cancro ed un effetto estrogenico. Mentre, alcuni dei polisaccaridi specifici contenuti nei semi di melograno mostrano delle forti similitudini con i nostri ormoni steroidi sessuali.

Alcune piante diventate famose di recente per il loro contenuto di fitoestrogeni sono la soia per i suoi isoflavoni e il lino. Ma il melograno in realtà possiede dei fitoestrogeni dalle proprietà impressionanti.

Infatti, gli speciali fitoestrogeni rivenuti in questo frutto a quanto pare sono piccole quantità di molecole analoghe agli ormoni steroidei umani come l’estriolo (utilizzato anche contro i sintomi della menopausa), l’estrone, e il 17-alfa-estradiolo, che contrastano i sintomi della menopausa.

Ecco quindi le 3 azioni con cui il Succo di Melograno protegge (soprattutto) le donne: 

Azione n°1: Agisce sulla pelle aiutandoti a mantenerla giovane, bella e tonica

Azione n°2: Agisce come agente naturale che contrasta la formazione del cancro alla mammella

Azione n°3: Agisce contro i fastidiosi sintomi della menopausa 

Ma questo non è tutto, infatti…

Inoltre sono state rinvenute anche piccole quantità di una molecola che agisce in modo analogo al testosterone, il quale stimola la sintesi di massa magra e supporta l’energia.

Gli ormoni steroidei nel nostro corpo hanno una funzione collegata alla sessualità e altre funzioni strettamente collegate alla nostra salute:

SALUTE DEL SISTEMA CARDIO-VASCOLARE

SALUTE DELLE OSSA

SALUTE DELLA PELLE

SALUTE DEGLI ORGANI INTERNI

Il succo di Melograno possiede piccole quantità di tutti gli aminoacidi essenziali (che costituiscono i mattoni per la costruzione delle proteine di muscoli, enzimi e ormoni). Il succo è ricco di Prolina, che è un aminoacido utile per chi soffre di problemi cartilaginei e articolari.

Il melograno è anche ricco di Metionina, un altro aminoacido particolare perché possiede attività antiossidante e di Valina, un aminoacido a catena ramificata molto apprezzato per l’energia e il recupero dopo l’attività sportiva. A questo proposito, per chi fa sport sarà interessante sapere che il Melograno potenzia la circolazione sanguigna grazie alla stimolazione dell’ossido nitrico.

melograno

Il succo di Melograno è ricco di un gruppo di molecole chiamati polifenoli, che includono i tannini e i flavonoidi, entrambi potenti antiossidanti. I polifenoli, oltre all’attività antiossidante sono anche dei normalizzatori della resistenza insulinica, quindi riducono il rischio di obesità.

Recentemente al Melograno è stata riconosciuta anche un’ottima funzione anti-infiammatoria, che nel breve termine può vincere le infiammazioni acute e attenuare il disagio e dolore che l’accompagnano, mentre nel lungo termine può aiutare a prevenire molte patologie croniche legate allo stato infiammatorio.

Se pensi che la maggior parte delle patologie croniche fra le più pericolose per la vita e il benessere dell’uomo sono in gran parte causate da infiammazione e ossidazione, puoi immaginare i vantaggi di utilizzare ogni giorno questo frutto eccezionale!

Bere un succo gradevolissimo e allo stesso tempo avvantaggiarsi di tutte le proprietà benefiche del Melograno e mantenere salute, benessere, energia e peso ideale… sembra una pazzia non iniziare da oggi!

LE 10 MAGGIORI PROPRIETA’ BENEFICHE DEL MELOGRANO:

1°) Potente azione antiossidante (per protezione generale ed effetto antiaging)

2°) Azione anti-infiammatoria (contro gli stati infiammatori acuti e cronici)

3°) Salute del cuore (riduce l’ipertensione e combatte l’aterosclerosi)

4°) Azione #anti -obesità (per la riduzione del #grasso corporeo e il senso di #sazietà )

5°) #Pelle #giovane , sana e tonica (inoltre ha un effetto di protezione solare)

6°) Effetto di contrasto e #prevenzione del cancro alla mammella

7°) Supporto #naturale degli #ormoni #sessuali  

8°) Aiuto per la cartilagine (quindi anche per le articolazioni)

9°) Energia e recupero fisico

10°) Gusto gradevolissimo

 

Attenzione però che il #succo di #Melograno sia in grado di esercitare tutti questi benefici effetti. Infatti, per dare il massimo in termini di effetti salutari il nostro #succo dev’essere preferibilmente #puro al #100% e #biologico

Quindi, o ti prendi del Melograno in frutto (#biologico) e procedi alla spremitura oppure puoi optare per il l’Organic Pomegranate Juice, il quale è prodotto e certificato bio in Germania (ed è quello che uso anch’io :-) ) 



fonte
http://www.pranatur.com/succo-di-melograno/
Photo

Post has shared content

#Mirtilli #Acai

Come Usarli Per Una #Colazione Rapida E Super-Energizzante

L'acai è una palma che cresce solo in Amazzonia, produce delle bacche di colore blu-viola. La bacca da sempre utilizzata nell'alimentazione degli indios contiene:  vitamine A, B, C, E, sali minerali,  grassi monoinsaturi,  fibra alimentare, fitosteroli, antiossidanti.

L’Acai è un prodotto che uso regolarmente  per arricchire di nutrienti ed antiossidanti la mia dieta.

Spesso mi capita di utilizzare questi prodotti (esempio: #mangostano , #melograno , #goji , #maqui , #aronia , #camu camu, erba d’orzo, ecc.) a rotazione per capire meglio anche empiricamente quali sono le loro varie azioni percepibili a livello di #energia , #benessere , e altri effetti correlati.  Ecco come usare i mirtilli per una colazione rapida e super-energizzante 

Oggi voglio suggerirti un modo di usare l’Acai in una forma particolare che ho trovato molto pratico, efficiente e gradevole.

Ti sarà utile per  fare il pieno di un carburante “ad elevati ottani” la mattina a colazione, quando c’è maggior bisogno di fornire al corpo una miscela ben composta di #nutrienti (fidati, cominciare bene la giornata contribuisce ad influenzare# positivamente il resto della tua giornata!).
A proposito di carburante, sicuramente questo pasto che ti suggerisco costituisce anche un ottimo #pre -workout (#pasto prima di un allenamento sportivo), da usare 30-60 minuti prima dello sport. Ti manterrà #sazio ed efficiente, ma allo stesso tempo #leggero e carico di #nutrienti che ti renderanno più forte e resistente.

Inoltre, anche il tuo recuperò fisico (muscolare e articolare) sarà agevolato dalla scorta di nutrienti che hai fatto.

Non so quali abitudini alimentari hai, ma ti posso dire che la mattina è il momento migliore per abbondare un pò con la razione di carboidrati* (bilanciati anche con proteine e grassi buoni), perché in quel momento il tuo organismo risponderà attivando il metabolismo e tenendolo alto per buona parte del resto della giornata.

*Ma ricorda: “#CARBOIDRATI SEMPRE INTEGRALI!”, evita totalmente le #farine bianche e lo #zucchero

Quindi, quello in più che consumerai di mattina accende l’interruttore del consumo di calorie che dura nelle ore a venire, e sarà così molto meno probabile che i nutrienti consumati vengano trasformati in grassi di deposito. Fra l’altro, il #grasso depositato in eccesso non ci rende solo meno attraenti, ma anche più ammalati.

Infatti, la ricerca ha appurato come il #grasso #addominale contribuisca ad innalzare i fattori infiammatori legati alle #malattie croniche**.

Quindi, sappi che un pò di giro vita in #eccesso innesca #processi #infiammatori che nel corso del #tempo possono contribuire a farti ammalare in vari modi, anche in funzione delle tue particolari debolezze organiche.

Dove eravamo arrivati? …a già, alla colazione a base di Mirtilli Acai:)

La versione completa della miscela super-energizzante a base di Mirtilli Acai:

La mia colazione super salutare ed energizzante preferita è costituita da un frullato a base di…

1. Blend di germogli circa una tazza (amaranto, alfa alfa, quinoa, lenticchie, azuki, miglio) a rotazione a seconda della disponibilità. Per imparare a fare i propri germogli in casa vedi il video a fondo pagina. 

2. Succo di #Erba d’Orzo in polvere (#Green #Magma , clicca qui per approfondimenti   www.http://pranatur.com/green-magma) 1-2 cucchiaini

3.# Frutti di bosco biologici come tutto il resto (fragole, mirtilli, lamponi) mezza tazza, a rotazione a seconda della disponibilità stagionale.

4. Blend di probiotici ed enzimi digestivi da estrazione naturale (tipo viviflor plus AVS Reform + miscela papaina e bromelina) 1-2 cucchiaini da caffè. Questo si può aggiungerlo alla miscela periodicamente (qualche settimana) con delle interruzioni. 

5. Lievito di birra 1g (1-2 capsule)

6. Latte di #Riso (1/2) e #Latte d’#Avena (1/2) per un totale di 300-350ml 

7. #Stevia in polvere, quanto basta per addolcire 

8. #ACAI IN #POLVERE 1-2 cucchiaini da caffè (questo è il prodotto biologico che uso >>> vai al prodotto# ORGANIC #ACAI #EXTRACT    http://www.pranatur.com/prodotto/organic-acai-extract-100g-polvere/)

[il tutto in frullatore per breve tempo per non surriscaldare il preparato!]

…e, come cibo solido da mangiare a parte che aggiunga un pò di carboidrati in più uso 3-4 fette biscottate di farro integrale con marmellata senza zuccheri aggiunti 

Per una versione semplice e veloce della miscela a base di Mirtilli Acai

1. Usa Latte di Riso (1/2) e Latte d’Avena (1/2) per un totale di 300-350ml

2. #ACAI IN POLVERE 1-2 cucchiaini da caffè (questo è il prodotto biologico che uso >>> vai al prodotto ORGANIC ACAI EXTRACT    http://www.pranatur.com/prodotto/organic-acai-extract-100g-polvere/)

Puoi effettuare il tuo acquisto anche direttamente qui sul sito succodiacai.com di Pranatur – I SuperCibi Più Salutari Del Pianeta (e il team di Pranatur ti invierà il prodotto in 24-48 ore)
PhotoPhotoPhoto
2014-11-04
3 Photos - View album

Post has shared content
Il succo di Erba D'Orzo Green Magma rimane uno dei prodotti più importanti per la salute. Leggi anche le testimonianze di chi l'ha usato (e continua ad usarlo soddisfatto dei benefici!). Qui>>> http://www.pranatur.com/green-magma/

Alcuni dei benefici di questo prodotto:
- incrementa l'alcalinità (terreno ottimale per la buona salute generale)
- aumenta l'energia e la concentrazione
- protegge il sistema cardio-circolatorio
- contiene enzimi in forma attiva e antiossidanti preziosi per proteggere l'organismo

#greenmagma #salute #benessere #supercibi  

Post has shared content
Se hai voglia di uno spuntino saziante, ricco di vitamine e antiossidanti prova questo >>> http://www.pranatur.com/offerte-organic-goji-puree/

- Energetico naturale (privo di stimolanti)
- Rinforzo per il sistema immunitario
- Migliora la bellezza di pelle, unghie e capelli
- Protegge dai radicali liberi
- Fonte concentrata di vitamine, minerali, aminoacidi e antiossidanti

#spuntino #goji #gojiberries #juice  
Photo
Wait while more posts are being loaded