Il Regno della Mia Divina Volontà in mezzo alle creature

Il richiamo della creatura nell'ordine, al suo posto e nello scopo per cui fu creata da Dio

Preghiera prima di leggere gli scritti di Luisa:

"Venite Santi Angeli, toccate la fronte di quanti leggono gli scritti della Serva di Dio,Luisa Piccarreta, per imprimere in loro lo Spirito Santo. Infondete in essi la luce per poter comprendere la Verità e il bene che ci sono in questi scritti"

Ave Maria... #settimovolume

Io sono il Maestro Divino, il Maestro della Divina Volontà, e le anime che vivono nel Mio Volere sono il mio sorriso

#09Maggio1907 Morte e purgatorio dei genitori di Luisa

(Il trapasso dei genitori di Luisa e la sua preghiera perchè evitino il Purgatorio)

Gesù mi ha detto: (sulla mamma di Luisa)
“Figlia mia, consolati, perché voglio dirti e farti vedere dove sta tua madre, siccome tu prima e dopo la sua morte hai sofferto di continuo ciò che Io meritai, feci e patii nel corso della mia vita a pro suo, quindi essa sta a parte di ciò che Io feci e gode della mia Umanità, le è nascosta la sola Divinità, che fra breve le sarà anche svelata, il fuoco che tu senti e le tue preghiere, sono servite ad esentarla da qualunque altra pena di senso, che a tutti spetta, perché la mia giustizia, prendendo la soddisfazione da te, non poteva prenderla da ambedue.”
In questo mentre, mi pareva di vedere mia madre dentro una immensità che non aveva confini ed in questo vi erano tanti godimenti e gioie, per quante parole, pensieri, sospiri, opere e patimenti, palpiti, insomma tutto ciò che conteneva l’Umanità Santissima di Gesù Cristo.

(Gesù)
“Figlia mia, i beati nel Cielo mi danno tanta gloria per l’unione perfetta della loro volontà con la mia, che la loro vita é un riprodotto del mio Volere, c’è tanta armonia tra me e loro, che il loro fiato, il respiro, i movimenti, i gaudi e tutto ciò che costituisce la loro beatitudine, è effetto del mio Volere; ma ti dico, che l’anima ancor viatrice, se è unita al mio Volere, in modo che mai si discosta, la sua vita è di cielo ed Io ricevo la stessa gloria, anzi ne prendo più gusto e compiacimento, perché ciò che fanno i beati lo fanno senza sacrificio ed in godimenti; ciò che fanno i viatori, lo fanno con sacrificio ed in patimenti e dove c’è sacrificio, Io prendo più gusto e mi compiaccio di più; e gli stessi beati, che vivono nel mio Volere, come l’anima che ancora vive nella mia Volontà sulla terra, formano una stessa vita e partecipano al gusto che Io prendo dell’anima viatrice".

".. finalmente dopo sei giorni, trovandomi nel solito mio stato, mi trovai fuori di me stessa dentro una chiesa dove stavano molte anime purganti, io pregavo Nostro Signore che almeno facesse venire mio padre nelle Chiese a fare il purgatorio, perché vedevo che dette anime, nelle chiese sono in continui sollievi per le preghiere e per le messe che si dicono e molto più per la presenza reale di Gesù Sacramentato; ..."

E Lui (Gesù) mi disse:
“Figlia mia, la croce è un frutto spinoso, che fuori è molesto e pungente, ma tolte le spine e la scorza, si trova un frutto prezioso e saporito, e solo chi ha la pazienza di sopportare le molestie delle punture, può giungere a scoprire il segreto della preziosità e il sapore di quel frutto; e solo chi giunge a scoprire questo segreto, lo guarda con amore e con avidità va in cerca di questo frutto senza curare le punture mentre tutti gli altri lo guardano con sdegno e lo disprezzano.”
Ed io: “Ma dolce mio Signore, qual è questo segreto che c’è nel frutto della croce?”
E Lui: “Il segreto dell’eterna beatitudine, perché solo nel frutto della croce si trovano tante monetine che corrono per entrare in Cielo e l’anima, con queste monetine, si arricchisce e si rende beata in eterno.”

#30Maggio1907 Efficacia della preghiera

Trovandomi nel solito mio stato, per breve tempo ho visto il benedetto Gesù l’ho pregato per me e per altre persone, ma con qualche difficoltà fuori del mio uso, come se non avessi potuto ottenere tanto se avessi pregato per me sola; ed il buon Gesù mi ha detto:
“Figlia mia, la preghiera è un punto solo e mentre essa è un punto, può afferrare insieme tutti gli altri punti; sicché, tanto può impetrare se prega per sì solo e tanto può impetrare se prega per altri, una è la sua efficacia.”

Fine settimo capitolo

#LibrodiCielo #DivinaVolontà
#stralciraccontoLuisa #LuisaPiccarreta #GesùCristo
#regnodelladivinavolontà #richiamodellacreatura
#piccolafigliadelladivinavolontà #fiat #maggio1907
Add a comment...

Prossima puntata di #Adamo e la vita nella Divina Volontà

#03Marzo1929 Come la Divina Volontà sta sempre in atto di rinnovare ciò che fece nella Creazione dell'uomo. E come Essa contiene la virtù affascinante

#13Marzo1929 Come l'amore Divino rigurgita nella Creazione. Come la Divina Volontà non sa fare cose spezzate. Come ogni privazione di Gesù è un nuovo dolore

#AdamoelavitanellaDivinaVolontà

http://divinavolonta.blogspot.com/2008/07/volume-25.html
Add a comment...

Il Regno della Mia Divina Volontà in mezzo alle creature

Il richiamo della creatura nell'ordine, al suo posto e nello scopo per cui fu creata da Dio

Preghiera prima di leggere gli scritti di Luisa:

"Venite Santi Angeli, toccate la fronte di quanti leggono gli scritti della Serva di Dio,Luisa Piccarreta, per imprimere in loro lo Spirito Santo. Infondete in essi la luce per poter comprendere la Verità e il bene che ci sono in questi scritti"

Ave Maria... #settimovolume

Io sono il Maestro Divino, il Maestro della Divina Volontà, e le anime che vivono nel Mio Volere sono il mio sorriso

#20Febbraio1907 L’incorrispondenza alla Grazia

“Figlia mia, chi non corrisponde alla mia grazia, vive come quegli uccelli che vivono di rapina, così l’anima non fa altro che vivere di rapina, mi ruba la grazia, vive e non mi riconosce ed infine mi offende.”

#02Marzo1907 Non c’è nulla che possa essere uguagliato al soffrire volentieri

Gesù mi ha detto nel mio interno:
“Figlia mia, di Me si disse ch’era necessario che morisse uno per salvare tutto il popolo. Era una verità, ma allora non fu capita. Così in tutti i tempi è necessario che soffra uno per risparmiare gli altri e questo uno, per essere accetto, deve esibirsi volontariamente e solo per amor di Dio e per amor del prossimo, soffrendo esso per risparmiare tutti gli altri; ed il patire di questo è superiore al patire di tutti gli altri messi insieme, non c’è paragone che regga. Credi tu che sia niente il vuoto del tuo patire? Eppure non è tutto, se ti sospendo del tutto dove andranno a finire i popoli? Guai, guai, le cose non finiscono qui.”

#13Marzo1907 Luisa prega Gesù per la sua mamma, affinché dopo morta non vada in purgatorio

(Gesù sta per prendersi i genitori di Luisa ed essa prega perchè li porti direttamente in Paradiso)

Ma non dava risposta decisa. Io tornavo all’assalto e piangevo come una bambina e pregandolo e ripregandolo andavo offrendo minuto per minuto, ora per ora, ciò che soffrii nella sua passione, applicandolo all’anima di mia madre, per farla restare purgata, purgata ed abbellita e così poter ottenere il mio intento. E Lui mi soggiungeva, asciugandomi le lacrime:
“Ma cara diletta mia, non piangere, tu sai che ti voglio bene, posso Io non contentarti? Vedi, con la continua offerta della mia passione, non facendoti sfuggire nulla di ciò che soffri a pro di tua madre, l’anima sua sta dentro un mare immenso e questo mare la lava, l’abbellisce, l’arricchisce, la inonda di luce e, per assicurarti che ti contenterò, quando morrà tua madre tu sarai sorpresa da un fuoco tanto che ti sentirai bruciare.”

#LibrodiCielo #DivinaVolontà
#stralciraccontoLuisa #LuisaPiccarreta #GesùCristo
#regnodelladivinavolontà #richiamodellacreatura
#piccolafigliadelladivinavolontà #fiat #gennaio1907 #marzo1907
Add a comment...

Post has attachment
Lo strappo dopo la caduta di Adamo

Dopo il peccato originale Adamo si sentì solo, impaurito, privo di ogni bene e felicità e il creato che gli si era rivoltato contro. Prima della caduta non esisteva la preghiera di domanda, ma solo quella di amore, lode e adorazione. Ogni atto compiuto da Adamo nello stato di innocenza era perfetto e divino e partecipava della perfezione degli atti del Creatore. Riferimenti: Libro di cielo, Volume 20, 10 Novembre 1926; Volume 20, 16 Novembre 1926; Volume 20, 6 Dicembre 1926). Catechesi sulla Divina Volontà "Adamo e la vita nella Divina Volontà", decima puntata, Mercoledì 19 Settembre 2018

#10Novembre1926 Come chi vive nel Voler Divino racchiude in sé tutta la Creazione ed è il riflettore del suo Creatore. Due effetti del peccato

Diversi spunti di riflessione: Concetto non semplice, nelle rivelazioni sulla vita nella DV (Gesù vuole che gli scritti siano divulgati dai sacerdoti - un laico, una persona che non conosce bene alcune cose non ha le conoscenze e capacità di capire alcune cose).

"..Dopo ciò pensavo tra me: il mio primo Padre Adamo, prima di peccare possedeva tutti questi vincoli e rapporti di comunicazione con tutta la Creazione, perché possedendo integra la Volontà Suprema, era connaturale sentire in sé tutte le comunicazioni dovunque Essa operava. Ora nel sottrarsi a questo Volere sì santo non sentì lo strappo che faceva a tutta la Creazione?.."

".. Adamo sentì questo strappo sì straziante, nonostante ciò, cadde nel labirinto della sua volontà, che non dette più pace né a lui, né ai suoi posteri, come in un solo fiato tutta la Creazione si ritirò da lui, portando via la felicità, la pace, la forza, la sovranità, tutto, restò solo con se stesso, povero Adamo, quanto gli costò il sottrarsi alla mia Volontà! Solo a sentirsi isolato, non più corteggiato da tutta la Creazione, sentì tale spavento e raccapriccio che diventò l’uomo pauroso, cominciò a temere di tutto e delle stesse opere mie e con ragione, perché si dice: chi non è con me è contro di me, non essendo lui più vincolato con esse, di giustizia, si dovevano mettere contro di lui...." Gesù

Adamo possedeva il dono della DV, la DV esiste in sè stessa ma è presente anche in tutte le opere che ha compiuto (la Creazione è il dispiegarsi in forma molteplice del Fiat, un'uccellino è un'atto della DV). Se io sto nella DV sto in comunione con tutti gli atti fatti dalla DV e formiamo non solo un'armonia unica ma siccome possiedo la DV, tutto il Creato è tutto con me. In questo senso gli
squilibri climatici ed ambientali possono essere considerati delle cause del nostro peccato. La legge del peccato (san Paolo) ci mette gli uni contro gli altri, la legge del più forte ecc.. anche nella natura sono effetti del peccato; questa logica è anti-volontà di Dio / il nostro peccato ha contaminato anche il mondo della natura / è molto importante comprendere bene certi orizzonti
ed implicazioni perchè la DV ti porta nel cuore degli aspetti fondamentali della Rivelazione cattolica.

Luisa avverte che le creature e la Creazione che se lei tentenna il Cielo trema e il Sole trema, da quanto scrive Luisa aveva una percezione sensibile. La DV ritorna e le creature sentono il bisogno di ricevere gli atti nella DV che invece tutti gli altri uomini non danno ma che producono tonnellate di peccato che in continuazione vanno a ferire la creazione. Comprendere una cosa di questo genere è alla portata di tutti? richiede una conoscenza teologiche e dogmatiche e capacità di riordinare i dati.Il labirinto (Volontà Umana), se tu incominci a fare di testa tua non ci capisci più nulla, non sai come uscire dalle situazioni. La
Volontà umana è un labirinto, questo labirinto non dà pace (non ti senti la pace nel cuore? non stai facendo la DV / Pace = conformità delle scelte con quelle di Gesù - Vi dò la mia Pace (Gesù) -- non stai in pace? allora da qualche parte non stai facendo la volontà di Dio. Dove c'è la DV la pace regna. Adamo pecca, non ha più: 1) pace 2) forza 3) felicità 4) coraggio 5)la sovranità su sè stesso e sul Creato 6) spavento e raccapriccio cioè la paura. Il Tasso di paura e di paure che è nella nostra anima è inversamente proporzionale al nostro tasso di adesione alla DV Salmo di Davide "se dovessi camminare in una valle oscura non temerò
alcun male perchè il Signore è con me".

"..Povero Adamo, c’è molto da compatirlo, lui non aveva alcun esempio d’un altro che era caduto e del gran male che gli era successo, per cui avrebbe potuto stare sull’attenti per non cadere, lui non aveva alcuna idea del male. Perché, figlia mia, il male, il peccato, la caduta d’un altro ha due effetti, per chi è cattivo e vuol cadere serve come esempio, come spinta, come incentivo a precipitare nell’abisso del male, per chi è buono e non vuol cadere serve come antidoto, come freno, come aiuto e come difesa a non cadere, perché vedendo il gran male, la sventura dell’altro serve d’esempio a non cadere ed a non fare la stessa via per non trovarsi in quella stessa sventura, sicché il male altrui fa stare sull’attenti e guardingo, perciò la caduta di Adamo è per te di grande aiuto, di lezione, di richiamo, mentre lui non aveva alcuna lezione del male, perché il male allora non esisteva” Gesù

Gesù dice che il male ha chi vuole fare il male serve come incentivo e chi vuol fare il bene serve come monito, con tutti i disastri fatti da Adamo - L'unica cosa che mi devo tenere dei peccati miei e degli altri è di stare attento a non rifarli e a non cadere in trappola.

#16Novembre1926 Come ogni atto di volontà umana è un velo che impedisce di conoscere la Volontà Divina. Sua gelosia e come Essa fa tutti gli uffici per l’anima. Minaccia di guerre e di castighi

Quando saremo nella DV pregheremo per gli altri, qui si intende la preghiera di petizione che serve per chiedere qualcosa - la Madonna come pregava? pregava per sè? La Madonna aveva tante di quelle grazie e tanti di quei beni e così anche Adamo, Adamo pregava, amava ed adorava. Quali sono le forme più alte di preghiera? lode, ringraziamento ed adorazione. Questi tre (lodi, ringraziamento ed adorazione sono immergerci in Dio) ; la preghiera profonda è questa. Se tu incominci a vivere nella DV, diventa sempre meno preghiera di petizione. Nella consacrazione mariana monfortana la gente smette di pregare, è la Madonna che prega per quella persona --scompare la dimensione personale. Io devo pregare (per chi si è consacrato), la preghiera di intercessione. Se tu
vivi nella DV non avverti l'indigenza, non sei il garzone ma il Padrone per grazia. La vita nella DV è condividere i beni divini. Tutto si relativizza ma perchè avverti questa vita divina che la vivi all'ennesimo livello. Uno stato interiore ordinario che tu l'avverti. Non c'è la preghiera egoistica, ma che tutti possano condividere la gioia e la felicità.

#06Dicembre1926
Patto tra Gesù e l’anima. Come l’atto allora si può dire perfetto quando regna la Volontà Divina

"..Ora Adamo nello stato d’innocenza e l’Altezza della Sovrana Regina, possedendo la mia Volontà, se amavano racchiudevano l’adorazione, la gloria, la lode, la benedizione, la preghiera anche nel più piccolo loro atto, nulla mancava, scorreva la molteplicità delle qualità dell’atto solo del mio Supremo Volere che, faceva abbracciare loro tutto in un atto per cui davano al loro Creatore ciò che conveniva. Sicché se amavano, adoravano, se adoravano, amavano, gli atti isolati che non abbracciano tutti gli atti insieme, non si possono chiamare perfetti, sono atti meschini, che sanno di volontà umana. Ecco perciò solo nel Fiat l’anima può trovare la perfezione vera nei suoi atti ed offrire un atto Divino al suo Creatore”. Gesù

Chi ha capito al volo queste cose? la DV è un'atto unico #attounico e se io opero nel DV lavoro nell'Unità, io che sono unito alla DV mentre sto in un'adorazione eucaristica sto unito a Gesù che sta creando una Galassia. Quindi la DV diventa il principio unificante e non faccio più atti frammentati. L'Amore è il punto di convergenza di tutta la vita del DV, tu stai dormendo? se stai dormendo fuso con la DV, non sto dormendo ma sto amando Gesù e Maria. E mi fa partecipare a tutte le operazioni divine che non avverto.

#LuisaPiccarreta #DonLeonardoMariaPompei #AdamoelavitanellaDivinaVolontà #meditazione

https://www.youtube.com/watch?v=Ag2xPpY6q7I
Add a comment...

Il Regno della Mia Divina Volontà in mezzo alle creature

Il richiamo della creatura nell'ordine, al suo posto e nello scopo per cui fu creata da Dio

Preghiera prima di leggere gli scritti di Luisa:

"Venite Santi Angeli, toccate la fronte di quanti leggono gli scritti della Serva di Dio,Luisa Piccarreta, per imprimere in loro lo Spirito Santo. Infondete in essi la luce per poter comprendere la Verità e il bene che ci sono in questi scritti"

Ave Maria... #settimovolume

Io sono il Maestro Divino, il Maestro della Divina Volontà, e le anime che vivono nel Mio Volere sono il mio sorriso

#20Gennaio1907 La maggiore santità è il vivere nel Divin Volere

(Luisa sta cercando di valutare tra due Sante quale delle due è la migliore)

"... mi sentivo come impicciata e per poter essere libera e pensare solo ad amarlo ho detto in me stessa: “Io non voglio aspirare a niente che ad amarlo per adempire perfettamente il suo santo Volere.” In questo mentre, il Signore nel mio interno mi ha detto:
“Ed Io qui ti voglio, nel mio Volere; fino a tanto che il granello di frumento non viene sepolto sotto terra e non muore del tutto, non può risorgere a vita novella e moltiplicarsi e dar vita ad altri granelli, così l’anima, fino a tanto che non si seppellisce nella mia Volontà, fino a morire del tutto col disfare tutto il suo volere nel mio, non può risorgere a nuova vita divina col risorgere di tutte le virtù di Cristo, che contengono la vera santità, perciò la mia Volontà sia il suggello che ti suggelli l’interno e l’esterno e quando la mia Volontà sarà risorta tutta in te, troverai il vero amore e questo è la maggiore di tutte le altre santità a cui uno può aspirare.”

#21Gennaio1907 Chi ama sempre Gesù non lo può dispiacere

(Gesù)
“Figlia mia, chi sta in continua attitudine d’amarmi sta sempre con Me e non può essere mai pungolo che possa darmi fastidio, ma pungolo che mi sostiene, mi solleva, mi raddolcisce. Perché il vero amore ha questo di proprio, di rendere contenta la persona amata e poi chi sempre mi ama non potrà mai dispiacermi, perché l’amore assorbe tutta la persona; al più saranno piccole cose che l’anima stessa neppure avverte di dispiacermi e l’amore stesso prende l’impegno di purificarla, per fare che Io possa trovare sempre in essa le mie delizie.”

#25Gennaio1907 Castighi. Vedi città deserte

Onde dopo molto stentare avendolo visto tanto amareggiato ed oppresso Gli ho detto: “Ma, dimmi almeno, che cosa Ti fa tanto soffrire?” E Lui, malvolentieri, solo per contentarmi, mi ha detto:
“Ah! figlia mia, tu non sai quello che deve succedere, se te lo dicessi, mi spezzeresti lo sdegno e non farei quello che devo fare. Ecco, perciò, faccio silenzio. Perciò, tu quietati sul modo che tengo con te in questo periodo di tempo. Tu, però, coraggio, per te sarà troppo amaro, ma agisci da atleta, da generosa, sempre vivendo come morta nella mia Volontà, senza neppure piangere.”
Detto ciò si è nascosto di più nel mio interno, lasciandomi come impietrita, senza neppure potere piangere la sua privazione.
Ora per obbedire scrivo che anche prima del mese di gennaio, fino ad ora, non faccio altro che trovarmi fuori di me stessa, forse può essere anche sogno e mi pare di vedere luoghi desolati, città deserte, strade intere con le abitazioni chiuse, senza che nessuno vi cammini, gente morta ed è tanto lo spavento nel vedere queste cose che mi rende come sbalordita, che vorrei imitare il mio buon Gesù e starmene anch’io taciturna e silenziosa. Il perché di questo non lo so dire, perché la mia luce Gesù non mi dice niente. L’ho scritto solo per obbedire.
Deo Gratias.

#LibrodiCielo #DivinaVolontà
#stralciraccontoLuisa #LuisaPiccarreta #GesùCristo
#regnodelladivinavolontà #richiamodellacreatura
#piccolafigliadelladivinavolontà #fiat #gennaio1907
Add a comment...

Post has attachment
Prossima puntata di Adamo e la vita nella Divina Volontà

#10Novembre1926
Come chi vive nel Voler Divino racchiude in sé tutta la Creazione ed è il riflettore del suo Creatore. Due effetti del peccato

#16Novembre1926 Come ogni atto di volontà umana è un velo che impedisce di conoscere la Volontà Divina. Sua gelosia e come Essa fa tutti gli uffici per l’anima. Minaccia di guerre e di castighi

#06Dicembre1926 Patto tra Gesù e l’anima. Come l’atto allora si può dire perfetto quando regna la Volontà Divina

http://divinavolonta.blogspot.com/2008/07/volume-20.html
Add a comment...

Prossima puntata di Adamo e la vita nella Divina Volontà

#10Novembre1926
Come chi vive nel Voler Divino racchiude in sé tutta la Creazione ed è il riflettore del suo Creatore. Due effetti del peccato

#16Novembre1926 Come ogni atto di volontà umana è un velo che impedisce di conoscere la Volontà Divina. Sua gelosia e come Essa fa tutti gli uffici per l’anima. Minaccia di guerre e di castighi

#06Dicembre1926 Patto tra Gesù e l’anima. Come l’atto allora si può dire perfetto quando regna la Volontà Divina

http://divinavolonta.blogspot.com/2008/07/volume-20.html
Add a comment...

Il Regno della Mia Divina Volontà in mezzo alle creature

Il richiamo della creatura nell'ordine, al suo posto e nello scopo per cui fu creata da Dio

Preghiera prima di leggere gli scritti di Luisa:

"Venite Santi Angeli, toccate la fronte di quanti leggono gli scritti della Serva di Dio,Luisa Piccarreta, per imprimere in loro lo Spirito Santo. Infondete in essi la luce per poter comprendere la Verità e il bene che ci sono in questi scritti"

Ave Maria... #settimovolume

Io sono il Maestro Divino, il Maestro della Divina Volontà, e le anime che vivono nel Mio Volere sono il mio sorriso

#05Gennaio1907 La vera santità consiste nel ricevere come specialità d’amore divino tutto quello che ci può succedere

“Figlia mia, queste sono sciocchezze e l’anima resta bloccata nella via della santità, mentre la vera e soda santità consiste nel ricevere come specialità d’amore divino tutto ciò che le può succedere o fare, fosse anche la cosa più indifferente, come sarebbe se trovasse un cibo gustoso o disgustoso. Specialità d’amore nel gusto, pensando che Gesù produce quel gusto nel cibo, che l’ama fino a darle gusto anche nelle cose materiali. Specialità d’amore nel disgusto, pensando che l’ama tanto che le ha prodotto quel disgusto per assomigliarla a Sé nella mortificazione, dandole Lui stesso una monetina da poter offrire a Lui. Specialità d’amore divino se è umiliata, se è esaltata, se è sana, se è inferma, se è povera o ricca. Specialità d’amore il respiro, la vista, la lingua, tutto, e tutto deve ricevere come specialità d’amore divino. Essa deve ridare tutto a Dio come uno speciale amore suo, sicché deve ricevere l’onda dell’amor di Dio e deve dare a Dio l’onda dell’amore suo. Oh! che bagno santificante è quest’onda dell’amore, la purifica, la santifica, la fa progredire senza che essa stessa avverta, è più vita di Cielo che di terra. E’ questo che voglio Io da te; il peccato, il pensiero del peccato non deve esistere in te.”

#10Gennaio1907 Il male che forma il proprio gusto

“Figlia mia, è tanto l’attaccamento delle creature al proprio gusto, che sono costretto a contenere i miei doni, perché invece di attaccarsi al Donatore, s’attaccano ai miei doni, idolatrando i miei doni con offesa del Donatore, sicché, se trovano il proprio gusto agiscono e soddisfano il proprio gusto; se non c’è gusto, non fanno niente, sicché il proprio gusto forma una seconda vita nelle creature. Ma misere, non sanno che dove c’è il proprio gusto, difficilmente ci può essere il gusto divino, anche nelle stesse cose sante? Sicché ricevendo i miei doni, le grazie, i favori, non devono appropriarsi come cose proprie, formando un gusto proprio, ma devono tenerli come gusti divini, servendosene per amare maggiormente il Signore, pronte a sacrificarli allo stesso amore.”

#13Gennaio1907 Gesù volle soffrire nella sua Umanità per rifare la natura umana

“Figlia mia, quanto amo le anime! Senti: la natura umana era corrotta, umiliata, senza speranza di gloria e di risorgimento ed Io volli subire tutte le umiliazioni nella mia Umanità, specialmente volli essere spogliato, flagellato e volli far cadere a brandelli le mie carni sotto i flagelli, quasi disfacendo la mia Umanità per rifare l’umanità delle creature e farla risorgere piena di vita, d’onore e di gloria alla vita eterna. Che più potevo fare e non ho fatto?”

#LibrodiCielo #DivinaVolontà
#stralciraccontoLuisa #LuisaPiccarreta #GesùCristo
#regnodelladivinavolontà #richiamodellacreatura
#piccolafigliadelladivinavolontà #fiat #gennaio1907
Add a comment...

Il Regno della Mia Divina Volontà in mezzo alle creature

Il richiamo della creatura nell'ordine, al suo posto e nello scopo per cui fu creata da Dio

Preghiera prima di leggere gli scritti di Luisa:

"Venite Santi Angeli, toccate la fronte di quanti leggono gli scritti della Serva di Dio,Luisa Piccarreta, per imprimere in loro lo Spirito Santo. Infondete in essi la luce per poter comprendere la Verità e il bene che ci sono in questi scritti"

Ave Maria... #settimovolume

Io sono il Maestro Divino, il Maestro della Divina Volontà, e le anime che vivono nel Mio Volere sono il mio sorriso

#06Dicembre1906 Gesù si nasconde per vedere cosa fa l’anima

(Gesù non appare per un certo tempo a Luisa e lei pensa che Lui lo abbia abbandonato e poi Gesù risponde)

“Sto in te e mi nascondo più in te per vedere che cosa fai tu. Non ho mancato in niente, né alle promesse, né all’amore, né alla costanza, se lo fai tu che sei imperfetta, molto più Io che lo faccio nella pienezza della perfezione verso di te.”

#15Dicembre1906 Come la Divina Volontà contiene tutti i beni

".. In un momento, mi son sentita come assorbita nella Volontà di Dio e con tutto il mio interno acquietato, in modo da non sentire più me stessa, ma in tutto il Volere Divino, anche della sua stessa privazione..."

“Figlia mia, siccome la Volontà Divina è il solo cibo sostanzioso che contiene tutti i sapori e gusti insieme adatti all’anima, l’anima trova il suo cibo prelibato e s’acquieta; il desiderio trova il suo cibo e pensa a pascolarsi lentamente e si forma senza desiderare altro; l’inclinazione non sa più dove tendere, perché ha trovato il cibo che la soddisfa; la volontà propria non sa più che volere, perché ha lasciato la volontà propria che formava il suo tormento ed ha trovato la Volontà Divina che forma la sua felicità; ha lasciato la povertà ed ha trovato la ricchezza, non umana ma Divina; insomma, tutto l’interno dell’anima trova il suo cibo, ossia il suo lavorio in cui resta occupata ed assorbita, da non poter andare oltre, perché in questo cibo e lavorio, mentre trova tutti i contenti, trova tanto da fare, imparare e gustare sempre nuove cose, che l’anima da una scienza minore impara scienze maggiori e ha sempre da imparare; da cose piccole passa a cose grandi, da un gusto passa ad altri gusti e ha sempre altro di nuovo da gustare in questo ambiente della Volontà Divina.”

#03Gennaio1907 La vera fiducia riproduce la Vita Divina nell’anima

“Figlia mia, chi teme molto, è segno che confida molto in se stessa, perché non scorgendo in se stessa che debolezze e miserie, naturalmente e giustamente teme; e chi nulla teme è segno che confida in Dio, perché confidando in Dio, le miserie e le debolezze restano sperdute in Dio, sentendosi investita dell’Essere Divino non opera più essa, ma Dio in essa e che più può temere? Sicché la vera fiducia riproduce la vita divina nell’anima.”

#LibrodiCielo #DivinaVolontà
#stralciraccontoLuisa #LuisaPiccarreta #GesùCristo
#regnodelladivinavolontà #richiamodellacreatura
#piccolafigliadelladivinavolontà #fiat #dicembre1906 #gennaio1907
Add a comment...

Post has attachment
La bella statua dell'uomo

Dio narra la creazione dell'uomo, la "bella statua di Dio", tutto l'amore che riversò in lui e come tutto il creato sia un atto di amore nei suoi confronti. La perfetta risposta di amore prima del peccato originale. La pessima risposta che tutte le creature danno a Dio dopo il peccato originale. Riferimenti: Libro di cielo, Volume 20, 29 Ottobre 1926). Catechesi sulla Divina Volontà "Adamo e la vita nella Divina Volontà", nona puntata, Martedì 11 Settembre 2018

#29Ottobre1926
Come in tutte le cose create accentrava il suo amore verso le creature

In questi scritti c'è il dramma dell'Amore del Signore verso l'uomo ma che non è corrisposto e contrastato. Storia di come era l'uomo nei primi tempi e di come oggi si trova l'uomo in questa dinamica.

“Figlia mia, io creai il cielo ed accentrai il mio amore verso l’uomo nel Cielo e per dargli maggior diletto lo tempestai di stelle, Io non amai il Cielo ma l’uomo nel cielo e per lui lo creai.... Sicché in ogni cosa creata: nel vento, nel mare, nel piccolo fiore, nell’uccellino che canta, in tutto io accentuavo il mio amore, affinché tutti gli portassero amore, ma per sentire, comprendere e
ricevere questo mio linguaggio d’amore, l’uomo avrebbe dovuto amarmi, altrimenti tutta la Creazione sarebbe stata come muta per lui e senza vita.." Gesù

Nei primi 8 righi, Dio sta dicendo che non ha creato il Cielo, il Vento, il Mare .... li ha creati ma li ha creati per amore per l'uomo e l'ha fatto per lui; uno dei punti fondamentalissimi della DV è imparare a riconoscere i Ti Amo di Dio (se alzo gli occhi al cielo - e se io ho iniziato ad entrare nella DV -.... ogni stella è un Ti Amo di Dio, nel vento, ecc..) / nella vita nella DV si impara a stare attenti perchè Dio ha fatto tutto per noi. Moltissimi non riconoscono nè ricambiano l'amore e anzi gliene dicono di tutti i colori. Se io incomincio a riconoscere questi Ti Amo di Dio è una spia che ho iniziato ad intessere un rapporto d'amore personale e mediato da tutto il creato. Solo percepire questa cosa ti fa campare meglio.

"..Ora dopo che creai tutto formai la natura dell’uomo con le mie stesse mani creatrici e come formavo le ossa, stendevo i nervi, formavo il cuore così accentravo il mio amore e dopo che lo vestii di carne formando la più bella statua che nessun altro artefice poteva mai fare, lo guardai, lo amai tanto, che il mio amore sboccò non potendo contenerlo ed, alitandolo, gli infusi la vita, ma
non fummo contenti, la Trinità Sacrosanta, dando in eccesso d’amore volle destarlo, dandogli intelletto, memoria e volontà ed a seconda la sua capacità di creatura, lo arricchimmo di tutte le particelle del nostro Essere Divino..." Gesù

Quando uno dice che si deve sfogare si intende che è arrabbiato e qui invece dice che Dio ha tanto amore per noi che lo riversa fuori. La perfezione dell'essere umano "..formando la più bella statua che nessun altro artefice poteva mai fare..."

"..la Trinità Sacrosanta, dando in eccesso d’amore.." tutta la Divinità era tutta intenta ad amare ed a riversarsi nell'uomo. Come si risponde all'Amore?

"..Prima di allora di tutte le cose da noi create, nessuna cosa ci aveva detto che ci amava, ora nel sentire che l’uomo ci amava, la nostra gioia, il nostro contento, fu tanto grande, che per compimento della nostra festa, lo costituimmo re di tutto l’universo e come il più bel gioiello delle nostre mani creatrici.." Gesù

Capito il tema dei giri del FIAT Creante? Un giro significa andare a conoscere, riconoscere cogliere un'atto della Divina Volontà, ricevi il ti Amo di Dio e lo ricambio con il mio Ti Amo e di tutti e per la creatura perchè la creatura (il Sole, ecc...) non può dirlo. Dire Ti Amo vuol dire che io riconosco che quella cosa l'ha creata Nostro Signore per me (attività intellettuale) e lo ricambio per me, per la creatura e supplisco a tutte le persone che non lo faranno mai. Quando solitamente ci rivolgiamo a Dio è perchè solitamente per chiedere qualcosa, ma per dire un Grazie non tutti lo fanno. Grazie, scusa e ti voglio bene (si dovrebbero
dire a tutti anche al Signore). L'uomo, appena creato, era il riflesso del Signore che Lo rapiva.

".. Tutto era ordine in lui, perché il nostro Volere gli portava l’ordine del suo Creatore, lo rendeva felice e lo faceva crescere a nostra somiglianza e secondo il nostro detto: facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza.." Gesù

Le cose che escono da Dio sono in ordine e se vogliamo vivere nella DV dev'esserci ordine. Ordine esteriore, interiore, della propria camera, le priorità, la scala dei valori / non è possibile che una cosa che dovrebbe stare al 7° posto stia al 1° posto. Se io ho un hobby e per questo hobby passo la domenica intera a praticare quest'attività succede che questo non va bene. Senza ordine
non c'è vita nella DV. Anche nelle minime cose. La proporzione e l'equilibrio...tutte proprietà divine e dell'agire divino. Ogni atto (se è buono) che noi facciamo ci rende migliori, un atto cattivo mi rende più cattivo e un'atto buono divino mi rende non solo più buono e produce una bellezza divina. Adamo era ubriaco d'amore ricevuto e donato e questa è stata la vita terrena della Madonna.

Com'è il mio rapporto d'amore con Gesù e la Madonna? esiste questo rapporto? La grammatica essenziale del nostro rapporto con Dio è l'Amore. Se io sono innamorato diventa vita, glielo dimostro e se noi non siamo innamorati viviamo una vita di fede piccola.

"..Se tu potessi formare una statua secondo i tuoi desideri, e potessi riversare tutta te stessa in essa dandogli tutti gli umori vitali e con l’impero del tuo amore dargli la vita, quanto non l’ameresti? E quanto non vorresti che ti amasse? Qual sarebbe la tua gelosia d’amore da desiderare che tutto stesse a tua disposizione, tanto che neppure un palpito tollereresti che non fosse tutto per
te? Ah! Tu nella tua statua guarderesti te stessa e quindi per ogni piccola cosa non fatta per te sentiresti uno strappo fatto a te stessa..." Gesù

Se noi fossimo capaci di creare una statua perfetissima e poi, dopo avergli riversato i nostri umori vitali e dato la vita, saremmo gelosi di quella statua?

"..Tale son’Io, tutto ciò che la creatura non fa per me, sono tanti strappi che sento, molto più che la terra che la sostiene è mia, il sole che la illumina e riscalda è mio, l’acqua che beve, il cibo che prende è mio, tutto è mio, vive a spese mie e mentre le do tutto essa, la bella statua mia, non è per me..." Gesù

Noi abbiamo avuto da Dio solo che beni e la creatura non è per Lui, e spesso sente urla, bestemmie e imprecazioni varie..dalla mattina alla sera in continuazione. Verso Colui che ha fatto solo bene.

"..Ora tu devi sapere che solo la mia Volontà può ridarmi la mia statua bella così come io la feci, perché essa è la conservatrice di tutte le opere nostre, è la portatrice di tutti i nostri riflessi in modo che l’anima vive dei nostri riflessi, i quali se essa ama le somministrano la perfezione dell’amore, se opera operano la perfezione delle opere; insomma tutto ciò che fa, tutto è perfetto in lei e questa perfezione le dà tante tinte di tante bellezze da innamorare l’artefice che la formò..." Gesù

Solo la DV fa ripartire questo circuito.

"..Ecco perciò amo tanto che il Fiat Supremo sia conosciuto e vi formi il suo regno in mezzo alle umane generazioni, per stabilire l’ordine tra creatore e creatura, per ritornare a mettere in comune i nostri beni con essa. Solo la nostra Volontà ha questo potere, senza di essa non ci può essere molto di bene, né la nostra statua può ritornarci bella come uscì dalle nostre mani creatrici”. Gesù

Stabilire l'ordine tra creatore e la creatura, ci vuole la DV; che la creatura torni a comportarsi come creatura nei confronti del Creatore. Come si veste una persona che vive nella DV in Chiesa? come si comporta? da queste cose ci si rende conto come si sta. Se il Signore ordina una cosa quella cosa si fa anche se non si capisce come Gesù e San Pietro / San Pietro opponendosi alla richiesta di Gesù di lavargli i piedi non fa una cosa meritoria perchè Gesù è Figlio di Dio. Dentro il mare di dolore della Madonna e di Gesù la Divina Volontà però dava immense gioie e da dove viene questa felicità? Dio ti mette a disposizione la sua Onnipotenza e i suoi beni? Come la percepisci? come una forza. Brano da contemplare. Come tornerà questa letizia primordiale? solo la Divina Volontà riporterà questa gioia.

#LuisaPiccarreta #DonLeonardoMariaPompei #AdamoelavitanellaDivinaVolontà #meditazione

https://www.youtube.com/watch?v=ZkFMSCH3sG4
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded