Profile cover photo
Profile photo
Ernesto Majoni
32 followers
32 followers
About
Ernesto's posts

Post has attachment
Monti di Casies, cime ricche di poesia
Un'estate, almeno fino a Ferragosto, non salii su alcuna montagna nel territorio d'Ampezzo.  Non era certamente motivo di vanto, ma una scelta, derivata dal fatto che delle
nostre cime accessibili in modo naturale non me ne mancavano più
tante.  Così, avevo...

Post has attachment
Lo Spalto del Col Bechéi, una cima senza cima
Lo
Spalto (forse più esattamente gli Spalti) di Col Bechéi, famoso per le vie di arrampicata che vi sono state scoperte nell'ultimo trentennio, prima del 1944 in pratica non esisteva. Sul contrafforte conosciuto dai geologi come Monte Paréi, con cui il Col ...

Post has attachment
Punta Michele, una cima mancata
Nel gruppo del Cristallo, sottogruppo del Popena, sorge una montagna importante per la storia, perché da 123 anni tramanda nel nome il ricordo di una figura fondamentale dell'esplorazione dolomitica: Michele Innerkofler di Sesto, grande guida perita appena ...

Post has attachment
Lo spigolo del Sasso di Stria, dalla primavera all'inverno
Già
quando s'iniziò ad esplorare i monti di casa era una meta apprezzata nell’ambiente alpinistico, e già allora spesso affollata, specialmente nelle stagioni
intermedie  Lo spigolo sud-orientale del Sasso di Stria, l'appuntita struttura
rocciosa, resa cele...

Post has attachment
Sas Peron, falesia di sogno
Una quarantina d'anni or sono, con Carletto, Jesus e non so chi altro, attrezzati con ferraglia non proprio tecnologicamente avanzata e sempre all'insaputa dei nostri genitori, partimmo da Cortina a piedi con il proposito di espugnare il … Sas Perón.  Il ma...

Post has attachment
Lo spigolo Jori della Punta Fiames, una delle vie più rinomate delle Dolomiti.
Lo
spigolo sud-est della Punta Fiames, una delle conformazioni rocciose di maggiore spicco ed eleganza della conca ampezzana, visibile fin dalle ultime case a settentrione di San Vito di Cadore, ha una storia ultra centenaria. Fu salito, infatti, per la pri...

Post has attachment
La misteriosa croce della Rocheta de Cianpolongo
Nell'ottobre 1999 Mara Apollonio e Ivano Pasutto, escursionisti di Cortina che deviano spesso dalle piste battute,
fecero una scoperta, tanto più interessante poiché casuale, in un remoto angolo del territorio di Cortina. Salendo
verso la Rochéta de Cianpol...

Post has attachment
Cima Scotèr, "irragionevolmente dimenticata e trascurata"
In una lontana estate, salii con un amico una sommità del
tutto misconosciuta: la Cima Scotèr, nella porzione sanvitese
delle Marmarole, ben evidente fin dalla piazza centrale del paese
cadorino, ma di cui pochi sanno qualcosa. Occasione per la salita fu la...

Post has attachment
Seguendo Santo (e il Capitano) sul Becco di Mezzodì
14 ottobre 1995, domenica.  Approfittando di un'incredibile serie di fine settimana di bel tempo, iniziata a metà
settembre e che si protrarrà fino ai Santi, ho preso accordi con tre amici per un'altra bella salita: la via normale del Becco di Mezzodì.  Con...

Post has attachment
Seguendo Innerkofler sulla Croda di Pòusa Marza
La via più semplice per salire la Croda di Pòusa Marza,  nel sottogruppo del Popena e sul limite territoriale fra Cortina e Auronzo, non fa di certo parte delle mete illustri e ricercate fra le Dolomiti.  Salita il 29 luglio 1884 dalla guida Michl Innerkofl...
Wait while more posts are being loaded