Profile cover photo
Profile photo
Movimento operaio - La pagina di Antonio Moscato
11 followers -
movimento operaio, anticapitalismo, antistalinismo, democrazia operaia, internazionalismo, rivoluzione,Cuba, Che Guevara, America Latina, Sinistra Critica
movimento operaio, anticapitalismo, antistalinismo, democrazia operaia, internazionalismo, rivoluzione,Cuba, Che Guevara, America Latina, Sinistra Critica

11 followers
About
Posts

Post has attachment
Chi trae profitto dai flussi migratori? - di Jérôme Duval, Ludivine Faniel, Benoit Coumontont*   Le migrazioni appartengono alla storia dell’umanità, ma i confini non sono mai stati così chiusi come oggi. Le convenzioni derivanti dalle attuali politiche migratorie hanno diviso i migranti in diverse categorie (politiche, economiche, climatiche…) a seconda della presunta legittimità o meno del diritto di asilo o di soggiorno in un territorio straniero. Quella del “migrante economico”, che si ...
Add a comment...

Post has attachment
Il regalo di Natale di Gentiloni: truppe italiane in Niger - di Franco Turigliatto da Sinistra Anticapitalista Guerra e migranti: il governo Gentiloni Minniti ha saputo fare anche peggio del suo predecessore Renzi, sebbene con uno stile più discreto. Prima con le scelte politiche estive di respingimento dei migranti in cui ha mostrato fino in fondo cinismo e inumanità ed ora con l’annuncio dell’invio di truppe in Niger. E’ questo il marchio distintivo con cui contende il campo alle forze xe...
Add a comment...

Post has attachment
Catalogna | Anticapitalistes commentano il risultato delle elezioni - da Sinistra Anticapitalista   1 L’esecutivo di Rajoy, dopo aver imposto con l’articolo 155 le elezioni, non è in grado di mettere in piedi un governo che faccia i suoi interessi, mentre l’indipendentismo riconferma la sua maggioranza assoluta. Tuttavia, il bilancio generale che dobbiamo fare delle elezioni non è positivo. Le sinistre trasformatrici (Comuns [Catalunya en Comú Podem] e CUP [Candidatura d’Unitat Popular]) ha...
Add a comment...

Post has attachment
Gerusalemme: la decisione di Trump è una rottura? - di Julien Salingue* da http://rproject.it/ Con un discorso di una decina di minuti pronunciato il 6 dicembre, Donald Trump ha annunciato la decisione di riconoscere ufficialmente Gerusalemme capitale dello Stato di Israele e di trasferirvi l’ambasciata degli Stati Uniti, finora sita a Tel Aviv. Dopo questo annuncio, le condanne si sono moltiplicate, come i commenti e le previsioni catastrofistiche, che non necessariamente aiutano a identif...
Add a comment...

Post has attachment
Trent’anni dalla prima Intifada - Intervista a Wasim Dahmash* Intervista raccolta e curata per Rproject da Cinzia Nachira   Rproject. Qual è il tuo giudizio sulla decisione di Donald Trump di riconoscere unilateralmente Gerusalemme come capitale dello Stato di Israele e quali sono secondo te le ragioni che hanno spinto il presidente statunitense a questo passo, dopo che per venti due anni nessun inquilino della Casa Bianca ha mai firmato quel documento del 1995? Wasim Dahmash. Io partirei d...
Add a comment...

Post has attachment
Insopportabile arroganza clericale -   Una modestissima legge sul testamento biologico non è ancora stata approvata  dal Senato(e tantomeno è sicuro che possa essere applicata in tempi ragionevoli, per il prevedibile abituale rallentamento del suo completamento con norme attuative) e già «L’Avvenire», “quotidiano di ispirazione cattolica” che è portavoce della Conferenza episcopale, ha trovato la soluzione per annullarne gli effetti. Viene annunciato con grande rilievo la presa di posizione...
Add a comment...

Post has attachment
Il Libano nel crogiolo del conflitto regionale - di Joseph Daher da http://rproject.it Il primo ministro libanese Saad Hariri ha recentemente minacciato di dimettersi e far cadere il governo, aprendo un nuovo periodo di instabilità in un paese che ha recentemente avuto un periodo di pace relativamente lungo, ma fragile. Nelle settimane trascorse dall’annuncio iniziale, Hariri ha cambiato decisione e ora ha promesso di continuare a rimanere in carica. L’annuncio a sorpresa di Hariri ha scioc...
Add a comment...

Post has attachment
Errori veri e immaginari di Lenin -   Una vera e propria leggenda nera circonda Lenin. Anche compagni in buona fede gli attribuiscono scelte che aveva invece subito e a volte contrastate con le sue ultime forze, oppure liquidano come “tattiche” le sue prese di posizione in favore del rispetto del rispetto della sensibilità delle nazioni non russe. Si dimentica che il riconoscimento dell’indipendenza della Polonia, della Finlandia, dei Paesi Baltici, era stato deciso e ribadito anche dopo la...
Add a comment...

Post has attachment
Guerra civile internazionale e controrivoluzione preventiva - Il nesso tra causa ed effetto sfugge ad alcuni dei più accaniti fustigatori delle colpe di Lenin e Trotskij che dilagano su Face Book. Prima di tutto danno per scontato che Lenin sia stato responsabile della guerra civile, o che l’abbia addirittura desiderata. Fraintendono la parola d’ordine «trasformiamo la guerra in guerra civile» (che era rivolta contro chi voleva la guerra e che fu decisiva per l’abbattimento dell’autocrazia ...
Add a comment...

Post has attachment
Wait while more posts are being loaded