Profile cover photo
Profile photo
Fiaf
91 followers -
La fotografia in Italia dal 1948
La fotografia in Italia dal 1948

91 followers
About
Fiaf's posts

Post has attachment
eccola la nuova tessera 2016, bella eh?! :)
Photo

Post has attachment
"Sono un fotografo che si pone sempre domande e vorrei che questi dubbi emergessero anche dalle mie foto".
Nato a San Paolo nel 1980, Julio Bittencourt, dopo aver vissuto per sei anni a New York, inizia la sua carriera al dipartimento fotografico di Valor Economico nel 2000, dove lavora come fotografo e assistente editor per quattro anni. Dal 2006 diventa fotoreporter freelance, e collabora con riviste come  Esquire, The Guardian e Le Monde. 
Nel 2008 pubblica il suo primo libro, questo “In a window of Prestes Maia 911 building”, che ritrae uno dei più grandi centri sociali di San Paolo, 468 famiglie con 315 bambini, con tanto di biblioteca, laboratori e altre attività didattiche, utilizzando le finestre dell'appartamento come limiti compositivi che sottolineano la diversità e l’unicità di questa comunità. Bittencourt segue da vicino la storia di questo palazzo fatiscente di ben 22 piani, che rappresenta forse la più grande casa occupata nel mondo, ai cui residenti abusivi, nel marzo del 2006, viene intimato uno sfratto forzoso entro 28 giorni. Dal 2005 al 2008 fotografa gli oltre 1.600 senza tetto che si affacciano alle 364 finestre del palazzo, e nonostante Bittencourt fotografi dal palazzo adiacente - una finestra è un occhio sul mondo dal quale si può vedere ed essere visti -, non si intromette nella vita intima, concentrandosi sulle differenze umane, e sottolineando l'individualità delle persone che vivono all'interno di questo blocco. In una composizione formale rigorosa, che sfrutta la ripetitività del modello, “In a window of Prestes Maia 911 Building” è lo sguardo di chi non vuole ignorare la realtà degli squatter senza per questo violarne l'intimità e la dignità, raccontando una storia sul desiderio invincibile delle persone per un posto che possano chiamare casa, non importa quanto squallido e precario. 
Nel 2007 Bittencourt ha vinto il premio Leica Oskar Barnack .

www.juliobittencourt.com/in-a-window-of-prestes-maia-911-building#0 
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
2015-11-21
32 Photos - View album

Post has attachment
Photo

Post has attachment
Sono aperte le iscrizioni alla lettura portfolio del “15° Spazio Portfolio” del Congresso di Amantea, valida per il circuito “Portfolio Italia”.
L’iscrizione GRATUITA potrà essere effettuata:
• online tramite il sito www.fiaf.net a partire da oggi 7 maggio e fino al 20 maggio 2015;
• telefonando allo 0575/1653924 (rif. Cristina);
• compilando la scheda ad Amantea, direttamente al banco della Segreteria presso il Campus Temesa. 
Ci si può prenotare per le sessioni di lettura della mattina (10,00 – 13,00) e del pomeriggio (16,00 – 19,00) di venerdi 22, e della mattina (10,00 – 13,00) di sabato 23 maggio 2015.
Lettori del “15° Spazio Portfolio” sono:
Massimo Agus
Orietta Bay
Silvano Bicocchi
Giovanni Iovacchini
Saverio Langianni
Attilio Lauria
Fulvio Merlak
Giuseppe Pappalardo
Claudio Pastrone
Le prenotazioni ed i lettori disponibili, con i relativi orari, saranno pubblicati sul sito www.fiaf.net/portfolioitalia/
Photo

Post has attachment
Photo

Post has attachment
“Quello che conta in fotografia sono i risultati, non lo strumento. A volte lo si dimentica. Da quando gli smartphone hanno offerto la possibilità di realizzare immagini, qualcosa è cambiato”. 
È quanto afferma Claudio Pastrone, Direttore del Centro Italiano della Fotografia d'Autore, dove si inaugura il 28 marzo “Phone_Photography”, mostra curata Giovanna Calvenzi e Claudio Pastrone, incentrata su progetti fotografici di grandi autori che prevedono l’esclusivo utilizzo di smartphone. Saranno esposte foto di Settimio Benedusi, Alberto Bianda, Alberto Bregani, Leonardo Brogioni, Gianni Cipriano, Mario Cresci, Stefano De Luigi, Giovanni Del Brenna, Edoardo Delille, Cosmo Laera, Martino Marangoni, Nino Migliori, Italo Perna/Silvia Tenenti, Efrem Raimondi, Ray Banhoff, Toni Thorimbert, Giacomo Traldi, Riccardo Venturi e Paolo Verzone. 
Qui noi vi mostreremo qualche anteprima…stay tuned!!
Centro Italiano della Fotografia d’Autore
Via delle Monache, 2
52011 Bibbiena (AR)
0575/1653924 349/2335011 (rif. Cristina)
www.centrofotografia.org
Photo

Post has attachment
TANTI PER TUTTI, il sito del nuovo grande progetto FIAF è online! http://fiaf.net/tantipertutti/ 
Photo

Post has attachment
Leonard Nimoy, scomparso ieri, lo abbiamo conosciuto (e amato) come Mr Spock in Star Trek, ma non tutti conoscono la sua passione per la fotografia; tra gli ultimi lavori realizzati, “Secret Selves” (esposto poi al Massachusetts Museum Of Contemporary Art), la cui idea era quella di invitare la gente a rivelare il proprio io segreto: “Do you have a Secret Self? Do you have another half? Do you have a self never revealed? Who do you think you are?”. Come raccontò, alcune persone andarono nel suo studio con delle storie incredibili: un rabbino con un giubbotto di pelle sul torso nudo, che avrebbe usato la fotografia per dichiarare pubblicamente la sua omosessualità; una psicologa di mezza età in abiti normali, ma armata di una motosega, un simbolo del suo potere maschile interiore; una donna tarchiata, con voce tremante, con tatuaggi su e giù per la schiena che descrisse il suo io segreto come "una puttana timida", e così via… 
e l’altra foto, quella compresa nel lavoro “The full body project”, ricordate l’originale a cui fa il verso?

www.rmichelson.com/Artist_Pages/…/Leonard-Nimoy-Gallery.html
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
2015-03-01
16 Photos - View album

Post has attachment
Stanchi dell’India alla Mc Curry? Dei Taj Mahal da cartolina, delle rive fumanti del Gange e di sadhu, baba e asceti in tenuta da Kumbh Mela? i tassisti di Dougie Wallace allora faranno per voi! Emoticon wink
"Road Wallah" è un progetto fotografico realizzato nell'arco di un anno a Mumbai: il significato della parola 'Wallah', in Indi, è "Persona in carica" e questo lavoro, infatti, rende omaggio a tutti i tassisti indiani 
Attraverso questo reportage, Dougie Wallace osserva e documenta lo stile di vita di questi lavoratori, spesso costretti a coprire turni di 24 ore per poter guadagnare abbastanza per sopravvivere, dormendo e mangiando a bordo, fra un servizio e l'altro, praticamente in simbiosi con i loro taxi, quei mezzi 'storici' così pittoreschi destinati comunque a scomparire per motivi di sicurezza stradale.
www.dougiewallace.com/
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
2015-02-26
15 Photos - View album

Post has attachment
Fiaf è partner della prima #genovaphotomarathon  oggi alle 19,00 conferenza stampa di presentazione
Photo
Wait while more posts are being loaded