Profile cover photo
Profile photo
Matteo Ravelli
27 followers
27 followers
About
Posts

Post has attachment
distant zombie warning top ten 2017
poche balle, veniamo subito ai dischi che quest'anno son tanti, per fortuna. ulver, 'the assassination of julius caesar’ poco da dire, un disco a suo modo perfetto in cui la serietà e profondità dei contenuti lirici si sposano alla musica più tamarra e dive...
Add a comment...

Post has attachment
ulver, 'the assassination of julius caesar'
sono passati un po’ di mesi dall’ultima uscita in casa ulver, chiedo scusa se arrivo solo ora alla recensione ma ho scelto di aspettare apposta, ho fatto girare il disco da aprile a oggi decine e decine di volte per assimilarlo al meglio e nel frattempo ho ...
Add a comment...

Post has attachment
today is the day, 22.10.17, freakout club, bologna
una quarantina di persone in un piccolo locale sotto ai binari a bologna una domenica sera. dopo 25 anni di carriera, almeno due dischi che hanno cambiato il corso della musica pesante, un’integrità incrollabile e uno dei suoni più originali degli ultimi ve...
Add a comment...

Post has attachment
steven wilson, 'to the bone'
abbondano le contraddizioni in ‘to the bone’, quinto album solista di steven wilson, dopo il deludente e forzato ‘hand.cannot.erase.’. saltiamo le presentazioni che tanto non servono più, la prima contraddizione sta già nel titolo, il quale dovrebbe riferir...
Add a comment...

Post has attachment
prince, 'sign 'o' the times'
ci sono vari motivi per cui ‘sign o the times’ è un disco “perfetto”; io non posso fare a meno di pensare che il maggiore di questi, oltre all’ovvio fatto che prince era un genio, sia il suo derivare da ben tre progetti abbandonati. in pratica è un best of ...
Add a comment...

Post has attachment
alice in chains, 'alice in chains'
‘alice in chains’ uscì nel 1995, a tre anni di distanza dall’esplosione di ‘dirt’, ed è in molti modi avvicinabile concettualmente a ‘in utero’ dei nirvana: rispetto al disco precedente la produzione è sporca e ruvida, i pezzi sono più ostici e l’approccio ...
Add a comment...

Post has attachment
krzysztof komeda quintet, "astigmatic"
krzysztof komeda, nato
krzysztof trzciński il 27 aprile del 1931, è stato non solo uno dei
più grandi pianisti del jazz polacco ma anche uno dei migliori
esempi di come il jazz possa rielaborare materiali diversi da quelli
americani per intrecciarsi con le ...
Add a comment...

Post has attachment
pain of salvation, 'in the passing light of day'
sembra, pare, dicono, voci di corridoio, mormorii sul fatto che sarebbero tornati i pain of salvation. dice che han fatto un disco ispirato che suona come i pain of salvation veri, quelli di 10-15 anni fa. un disco ispirato dalla disgrazia che ha colpito da...
Add a comment...

Post has attachment
sting, '57th & 9th'
io a gordon sumner ci voglio bene. quando ero piiiicolo piccolo piccolo impazzivo per ‘nothing like the sun’, negli anni ho scoperto gli altri suoi dischi e nel frattempo è cresciuto il fanatismo totale per i police, per quanto strafamosi comunque sottovalu...
Add a comment...

Post has attachment
2016: dischi dell'anno (stavolta davvero)
molti articoli di fine anno del 2016 stanno essendo più dei necrologi che delle classifiche. come dargli torto, è stato indiscutibilmente un anno di merda ma qui ai distant zombie warning ci piace pensare più a quelli che sono ancora in piedi, per cui nient...
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded