Profile cover photo
Profile photo
Marco “Cittadino Marco Tellaroli” Tellaroli
386 followers -
Dire Fare Partecipare Bracciano 5 Stelle
Dire Fare Partecipare Bracciano 5 Stelle

386 followers
About
Marco's posts

Post has attachment
Rifiuti da Roma, per M5S Cerveteri: “La nota non minaccia il nostro territorio”
Il M5S di Cerveteri in merito alla questione rifiuti da Roma –  Alessio Pascucci dica la verità. La nota arrivata da Città Metropolitana, un mese fa, non minaccia in alcun modo il nostro territorio rispetto a un fantomatico invio di rifiuti dalla Capitale. ...

Post has attachment
Marcia Perugia Assisi per il #RedditoDiCittadinanza.

Ieri abbiamo marciato tutti insieme per ricordare che la povertà è un crimine contro l'umanità e come tale va combattuta e debellata.

Abbiamo marciato con delle fiaccole che rappresentano la fiamma della dignità che deve accendersi per 17 milioni di italiani che sono abbandonati dallo Stato e non dovrà mai più spegnersi.

E’ stato bellissimo!
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
21/05/17
23 Photos - View album

Post has attachment
Marcia Perugia Assisi per il #RedditoDiCittadinanza.

Ieri abbiamo marciato tutti insieme per ricordare che la povertà è un crimine contro l'umanità e come tale va combattuta e debellata.

Abbiamo marciato con delle fiaccole che rappresentano la fiamma della dignità che deve accendersi per 17 milioni di italiani che sono abbandonati dallo Stato e non dovrà mai più spegnersi.

E’ stato bellissimo!
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
21/05/17
22 Photos - View album

Post has attachment
La gestione degli immigrati in Italia è diventata un business e a guadagnarci è sempre la criminalità organizzata. Ricordate Mafia Capitale e le parole di Salvatore Buzzi?

Oggi la storia si ripete: 68 arresti per ‘ndrangheta legati al business migranti nel centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto (Crotone). Tra gli arrestati c’è anche l’imprenditore Leonardo Sacco, presidente della sezione calabrese e lucana della Confraternita delle Misericordie che gestisce il Cara di Isola Capo Rizzuto, e già dal 2007 sospettato dagli investigatori del ROS di essere vicino al clan della ‘ndrangheta degli Arena.

Nonostante questo, Sacco ha continuato ad avere appoggi politici trasversali e ha continuato a ottenere appalti e portare avanti il suo business. Il ministro degli Interni dell’epoca, Angelino Alfano, aveva l’obbligo di sapere chi era Leonardo Sacco.

Perché la politica lo ha appoggiato e finanziato con oltre 100 milioni di euro di appalti? Chi ha sostenuto questo personaggio e i suoi affari è politicamente responsabile di questo ennesimo scandalo.
Photo

Post has attachment
La gestione degli immigrati in Italia è diventata un business e a guadagnarci è sempre la criminalità organizzata. Ricordate Mafia Capitale e le parole di Salvatore Buzzi?

Oggi la storia si ripete: 68 arresti per ‘ndrangheta legati al business migranti nel centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto (Crotone). Tra gli arrestati c’è anche l’imprenditore Leonardo Sacco, presidente della sezione calabrese e lucana della Confraternita delle Misericordie che gestisce il Cara di Isola Capo Rizzuto, e già dal 2007 sospettato dagli investigatori del ROS di essere vicino al clan della ‘ndrangheta degli Arena.

Nonostante questo, Sacco ha continuato ad avere appoggi politici trasversali e ha continuato a ottenere appalti e portare avanti il suo business. Il ministro degli Interni dell’epoca, Angelino Alfano, aveva l’obbligo di sapere chi era Leonardo Sacco.

Perché la politica lo ha appoggiato e finanziato con oltre 100 milioni di euro di appalti? Chi ha sostenuto questo personaggio e i suoi affari è politicamente responsabile di questo ennesimo scandalo.
Photo

Post has attachment
Fate schifo, ce l'avete fatta a mettervi insieme PD e Forza Italia!
Fatelo sapere a tutti, qui trovate il testo intero del comunicato: http://www.forzaitalia.it/notizie/11648/comunicato-congiunto-pd-fi-l-impianto-dell-accordo-e-oggi-piu-solido-che-mai
Photo

Ennesimo scossone in giunta
"Dilettanti allo sbaraglio" era il sottotitolo della fortunatissima trasmissione condotta dall'indimenticabile Corrado Mantoni. Ma il sindaco non è Corrado e la giunta comunale non dovrebbe essere l'arena in cui sfidarsi a suon di prestazioni ridicole.
Il pubblico pagante sono, purtroppo, i cittadini braccianesi.
Di quale "esibizione" sto parlando? Dell'ennesimo caos del Comune di Bracciano: è stato allontanato un altro assessore comunale, "Dott.ssa Elena FELLUCA" e arriviamo a quota due, più due segretari generali già cambiati fanno quattro. Eppure, né i cittadini né gli organi di stampa sono informati di questi avvenimenti: lo dobbiamo fare noi.
Una riflessione andrebbe fatta anche da tutti i concittadini che, dieci mesi fa, in buona fede hanno assegnato la loro fiducia a una siffatta compagine. Non credo avessero accordato il proprio sostegno per assistere a uno spettacolo del genere. A partire dalla tanta sbandierata trasparenza che risulta essere assente, agli allontanamenti, ai ripensamenti sulle Delibere di Giunta, sino ad arrivare alle difficoltà di calcolo matematico sui debiti e fondi di bilancio. Consigliere Marco Tellaroli

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment
Cari concittadini braccianesi,
chiedo un attimo di attenzione, sperando che questo post sia compreso e letto bene, perché domani voteremo il programma triennale delle opere pubbliche e il bilancio di previsione. Ve lo chiedo qui perché l'amministrazione comunale di Bracciano ci ha tolto il diritto di divulgare la ripresa video del Consiglio Comunale, ancorché effettuata a nostre spese, con la scusa che è già presente una registrazione video effettuata dal Comune stesso; mancando di rispetto all'art. 6 del regolamento dell'Ente medesimo. L'amministrazione spera così di evitare i principî di trasparenza, di partecipazione diretta e d'informazione libera: ma noi, che siamo i consiglieri d'opposizione, al contrario per primi vogliamo osservare e difendere, nell'interesse della collettività.
Già in passato, con altri amministratori, abbiamo tutti assistito allo "spettacolo" dei lavori pubblici: strade, giardini, ponti e restauri degli edifici pubblici, con il plauso di tutti i Cittadini, che oggi si trovano a pagare per i prossimi dieci anni. Bene: questa Amministrazione ha aderito alla procedura di "pre-dissesto" per evitare il fallimento finanziario del Comune, presentando un piano di riequilibrio finanziario della durata di dieci anni alla magistratura contabile, per uno squilibrio finanziario di cinque milioni e mezzo.
Oggi, sappiamo di un "tesoretto" di tre milioni e oltre, proveniente da un mutuo che era stato acceso nel 2012, per la realizzazione di una nuova Scuola Elementare di venticinque aule in località “Il Pero” - e mai realizzata. L'Amministrazione, invece di devolvere questi soldi nella massa debitoria o trasformarli in interventi che garantiscano l’ottenimento di risparmi di gestione, come vorrebbe anche la legge, al contrario vuole evitare l'obbiettivo primario del risanamento, investendo il tesoretto nel rifacimento di strade (985.000 euro in tre anni), parcheggi (500.000 euro), il ponte pedonale di Via Cattaneo (120.000 euro), il rifacimento della facciata del palazzo comunale (468.000 euro) e così via.
Ora chiedo a voi concittadini: vale la pena di esporsi a un possibile rischio derivante dalle valutazioni della magistratura contabile, mandando il Comune in fallimento finanziario per cinque anni?

1 vote
-
votes visible to Public
0%
SI?
100%
NO?
Wait while more posts are being loaded