Profile cover photo
Profile photo
Francesco Perini - Dottore Commercialista
12 followers
12 followers
About
Posts

Post has attachment
MANOVRA CORRETTIVA – “DEFINITIVA” DOPO LA CONVERSIONE IN LEGGE


È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Legge di conversione del DL n. 50/2017, contenente le disposizioni della c.d. “Manovra correttiva”. In sede di conversione sono state apportate una serie di modifiche al testo originario del Decreto, tra cui la riduzione del coefficiente ACE in luogo dell’intervento nel calcolo della relativa base imponibile e l’introduzione della disciplina dei nuovi Indicatori sintetici di affidabilità fiscale (ISA) che sostituiranno gli attuali studi di settore.
Add a comment...

Post has attachment
Termini di prescrizione della cartella dell’Agenzia Entrate

La scadenza dei debiti col fisco o con l’amministrazione è dettata dai termini di prescrizione che sono diversi a seconda del tipo di tributo o della sanzione, anche se la cartella non viene impugnata.
Dopo il passaggio da Equitalia ad Agenzia delle Entrate Riscossione i termini di scadenza delle cartelle di pagamento non sono cambiati, né la prescrizione si è interrotta in assenza di raccomandate contenenti richieste di pagamento. Pertanto, alla vecchia domanda «dopo quanto tempo si prescrive la cartella di pagamento?»

(Continua)
Add a comment...

Post has attachment
MANOVRA CORRETTIVA


Con la pubblicazione sul S.O. n. 20/L alla G.U. 24.4.2017, n. 95 è entrato in vigore dal 24.4.2017, il DL n. 50/2017 contenente la c.d. “Manovra correttiva”. Inizia ora l’iter parlamentare della conversione in legge.

Le novità fiscali contenute nel Decreto in esame possono essere così sintetizzate.

• DEFINIZIONE AGEVOLATA LITI PENDENTI
• ESTENSIONE SPLIT PAYMENT
• ESERCIZIO DETRAZIONE IVA
• REGIME FISCALE LOCAZIONI BREVI
• RIDETERMINAZIONE BASE ACE

Continua

Add a comment...

Post has attachment
Industria 4.0: Super Ammortamento e Iper Ammortamento

Pubblicata la circolare dell'Agenzia delle Entrate e del MISE su Industria 4.0 e Iper e Super Ammortamento (110 pagine).

Add a comment...

Post has attachment
Con pochi click (se hai lo SPID) verifichi le cartelle e presenti l'istanza di rottamazione. https://goo.gl/zi2ukw

ROTTAMAZIONE CARTELLE: VERIFICA E ADESIONE ON LINE

Equitalia ha messo a disposizione dei contribuenti una modalità completa ed efficace on line per la verifica completa della propria posizione e per l’adesione alla “Rottamazione delle Cartelle”.

I principali vantaggi di questa procedura sono:
- Certezza dell’inoltro della domanda di rottamazione. Attraverso questo procedimento si ottiene una subitanea risposta via mail da Equitalia, con allegata la domanda presentata, al contrario della procedura mediante invio di mail con PEC;
- Importo a debito per la definizione. Attraverso questo procedimento si ottiene on line il calcolo per la definizione dei ruoli inseriti nella domanda;
- Definitiva “pulizia” della propria posizione in Equitalia. Si è potuto verificare che talvolta esistono presso Equitalia delle posizioni di cui non si era a conoscenza, a volte di pochi euro, le cause possono essere pagamenti di ruoli con ritardi minimi, o altre casistiche analoghe, a fronte delle quali Equitalia mantiene aperta la cartalle con un debito esiguo. Spesso si tratta di sanzioni e interessi, che in caso di sanatoria possono essere chiusi a costi minimi o addirittura a zero. Come noto, la richiesta va presentata in ongi caso, pena la non definizione


Add a comment...

Post has attachment
Rottamazione delle Cartelle Equitalia – Aggiornamento


In merito al provvedimento introdotto dall’art. 6, DL n. 193/2016, c.d. “Collegato alla Finanziaria 2017”, relativo alla definizione agevolata delle somme iscritte nei carichi, si riassumono i seguenti profili di rilievo:

- Le cartelle sanabili sono quelle affidate all’Agente della riscossione dal 2000 al 2016;
- Il provvedimento permette l’estinzione del debito, evitando di corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora in esse incluse;
- Sono definibili anche soltanto alcune cartelle in capo al contribuente, non è richiesta la sanatoria complessiva;
- È possibile sanare anche solo parzialmente le cartelle, decidendo a discrezione dell’istante quali includere e quali lasciare in essere;
- è stato di recente chiarito che sono sanabili anche le cartelle relative a sole sanzioni, in tal caso la sanatoria prevede il pagamento solo degli oneri per l’attività del concessionario. Attenzione: va comunque presentata la domanda (lo sgravio, ancorché integrale, non avviene d’ufficio).

Prosegui
Add a comment...

Post has attachment
Concordato Fallimentare e Crisi d'Impresa
Add a comment...

Post has attachment

Post has attachment
COLLEGATO ALLA FINANZIARIA 2017


Nel Supplemento ordinario n. 53/L alla G.U. 2.12.2016, n. 282 è stata pubblicata la Legge 1.12.2016, n. 225, di conversione del DL n. 193/2016, contenente “Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili”, c.d. “Collegato alla Finanziaria 2017”.
In sede di conversione sono state apportate una serie di modifiche al testo originario del Decreto, tra cui l’introduzione del “pacchetto” semplificazioni, in vigore dal 3.12.2016 di seguito sintetizzate.

• SOPPRESSIONE EQUITALIA – Artt. 1 e 2
• INTRODUZIONE SPESOMETRO “TRIMESTRALE” – Art. 4, comma 1
• INVIO TRIMESTRALE LIQUIDAZIONI IVA – Art. 4, comma 2
• TERMINI DI PRESENTAZIONE DICHIARAZIONE IVA ANNUALE
• TRASMISSIONE TELEMATICA FATTURE / CORRISPETTIVI – Art. 4, comma 6
• DEFINIZIONE AGEVOLATA RUOLI – Art. 6
• “NUOVI” STUDI DI SETTORE – Art. 7-bis
• PRESUNZIONE ACCREDITI / PRELEVAMENTI LAVORATORI AUTONOMI / IMPRESE – comma 1
• NOTIFICA AVVISI / ATTI E CARTELLE DI PAGAMENTO – commi da 6 a 13
• NUOVO TERMINE CONSEGNA CERTIFICAZIONE UNICA – commi 14 e 15
• VERSAMENTI MOD. F24 SOGGETTI PRIVATI – comma 31
Add a comment...

Post has attachment
Lettere d’intento – Nuove regole dal 1 marzo 2017

Dal 1° marzo 2017 è soppressa la possibilità di riferire la dichiarazione d’intento degli esportatori abituali agli acquisti da eseguire entro un determinato periodo di tempo.

Le nuove regole limitano l’utilizzo delle lettere d’intento solo per operazioni singole o per acquisti fino a un certo ammontare.

Ne segue che il fornitore è tenuto a prestare la massima attenzione per evitare di emettere fattura senza Iva per importi eccedenti quelli indicati. La nuova dichiarazione d’intento (approvata con provvedimento 213221/2016) deve essere utilizzata per gli acquisti effettuati (in senso Iva) dopo il 28 febbraio. I vecchi modelli, quale che sia la modalità di utilizzo del plafond, vanno impiegati per le operazioni fino a tale data.
Il nuovo modello, infine, non ha conseguenze per l’utilizzo del plafond in dogana al fine di eseguire importazioni senza applicazione dell’imposta (risoluzione 38/E/2015 e nota delle dogane 58510/2015).
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded