Profile cover photo
Profile photo
Araba Fenice
About
Posts

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment

75 pagine stampabili e scaricabili

Post has attachment
Omonimo di Bondeno di Ferrara, anche questo matildico; stesso cattivo gusto edilizio

Post has attachment
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
Ricominciamo dal futuro
35 Photos - View album

Post has attachment
Ma tu guarda se un filosofo, per dire cose sensate, deve scendere in questa gabbia di matti che è la TV di oggi!

Post has attachment
João Pedro Stédile: Costruire una forza popolare organizzata. La sinistra ha disimparato a fare il lavoro di base, a coscientizzare il popolo, a fare piccole riunioni. Da 20 anni la sinistra pensa solo alle elezioni. Dobbiamo smettere un po' di pensare alle elezioni. Non che le elezioni non siano importanti. Certo che sono importanti, poiché fanno parte della democrazia. Abbiamo discusso molto con Tarso Genro, nel senso che la sinistra deve recuperare di più Gramsci. Visto che ha vissuto in un momento di crisi del movimento operaio italiano, ha fatto riflessioni appropriate al periodo che stiamo vivendo. Uno, tra i vari contributi di Gramsci, è la visione che, nella lotta per i cambiamenti sociali, la lotta di classe si manifesta in tutti gli spazi della vita sociale. In una radio comunitaria, in un sindacato, in un quartiere, in una chiesa, in un giornale, in una fabbrica, nel commercio, in una piazza. Tutti sono spazi di disputa. E noi, nel recente passato, abbiamo ridotto tutto questo a sola disputa elettorale.
Dobbiamo preparare la classe lavoratrice perché possa combattere, con le sue idee, in tutti gli spazi della vita sociale, poiché tutto questo è potere politico, non solo il governo. Per questo dobbiamo anche recuperare il lavoro di formazione dei militanti che la sinistra ha abbandonato. C'è una gioventù senza prospettive. La formazione politica è il matrimonio permanente tra la lotta di massa e la formazione teorica. E la sinistra non ha fatto nessuna delle due cose in quest'ultimo periodo. La lotta di massa è stata ridotta alle elezioni e la formazione teorica è stata abbandonata. Per fortuna, la destra sta stimolando in reinserimento nel nostro programma dell'importanza della lotta di massa. Se non saremo in strada a disputare con loro ci sconfiggeranno.

Post has attachment
Wait while more posts are being loaded