Profile cover photo
Profile photo
Cantina Coffele
Dietro a questo antico portale…
Dietro a questo antico portale…
About
Cantina Coffele's posts

Post is pinned.Post has attachment
Primo produttore del Soave Doc Classico a convertire le vigne ad agricoltura biologica, questa certificazione è il risultato di un impegno ventennale che ha portato l’Azienda a scegliere metodi di coltivazione più rispettosi dell’ambiente e della salute dei consumatori. È stata infatti abbandonata la tecnica del diserbo e si è scelto di non utilizzare prodotti sistemici per evitarne la permanenza nel prodotto finito. Si è inoltre adottato l'uso dei lombrichi per l’ottenere humus e del compost prodotti in azienda, per mantenere la fertilità del terreno.
Photo

Post has attachment
Alberto Coffele ha scelto di dare in vigna un ruolo attivo al cavallo, che può essere utilizzato, là dove possibile, in tutte le lavorazioni del vigneto con indubbio vantaggio dal punto di vista ambientale. Il cavallo infatti non necessita di combustibili fossili e non inquina a livello acustico, produce un ottimo letame qualitativamente più ricco di quello bovino e impedisce la compattazione del suolo, (contrariamente alle trattrici che ne distruggono tessitura e struttura).

Tali lavorazioni eco-compatibili, seppur più onerose in termini di tempi di realizzazione, possono essere accolte con favore da aziende già sensibili a una viticoltura più sostenibile e mirata ad ottenere vini di qualità superiore, attenti alla salute del consumatore.

Photo

Post has attachment
1928: Vittore Visco e famiglia pronti alla pigiatura.
La famiglia Visco imbottigliava vino di qualità, con uve proprie, già a metà dell’Ottocento, come testimoniano le analisi chimiche pubblicate nella Gazzetta Chimica di Asti del 1874. Lo imbottigliavano con il nome di "Bianco Soave", come si legge sulle etichette di inizio Novecento.


Photo

Post has attachment
La nostra cantina storica è sita in un edifico del XVII secolo nel centro medioevale di Soave.
È possibile prenotare delle degustazioni che comprendono la visita in cantina, la spiegazione dei processi produttivi e il racconto della passione della famiglia Coffele per il vino e la sua storia.
In cantina è anche possibile acquistare i vini di produzione Coffele.


Photo

Post has attachment
Dopo molti anni di sperimentazioni, la famiglia Coffele ha scelto di tornare, per prima nella zona, all’antico sistema di appassimento delle uve su reti verticali. Tale sistema è molto più oneroso e richiede molto spazio a disposizione, ma il risultato, soprattutto da un punto di vista di sanità e concentrazione delle uve, è nettamente superiore rispetto agli altri sistemi di appassimento. Così nel 2003 è stato realizzato un nuovo fruttaio di cui è stato studiato ogni dettaglio.
L’ubicazione stessa è stata il frutto di una scelta consapevole: il fruttaio è posto, infatti, sulle “Sponde” della collina (ovvero il crinale), dove non c’è mai nebbia e dove, negli anni, è stata osservata sempre una buona ventilazione.


Photo

Post has attachment
Un panorama dei soleggiati 27 ettari dell’Azienda Agricola Coffele, a Castelcerino, in corpo unico coltivato prevalentemente a Garganega in agricoltura biologica. La brezza delle colline, poste a 380 metri sul livello del mare, insieme alla loro bella esposizione, garantiscono la qualità delle uve. Ulivi secolari, ciliegi e boschi circondano le vigne, fornendo quella diversità biologica che contribuisce alla loro sanità.
Photo
Wait while more posts are being loaded