Profile cover photo
Profile photo
Novecento Letterario
51 followers -
Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere. (Daniel Pennac)
Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere. (Daniel Pennac)

51 followers
About
Posts

Post has attachment
In pochi casi una colonna sonora è decisamente migliore del film cui fa sfondo; Superfly è uno di questi. Il film omonimo, uno dei primi esempi di blaxploitation (genere nato nei primi anni ’70 concepito e realizzato da e per gli afroamericani ed incentrato sulla vita disagiata dei ghetti neri, antesignano del moderno gangsta), non è proprio una pietra miliare del cinema.

http://www.900letterario.it/musica/superfly-la-rovente-denuncia-di-curtis-mayfield/
Add a comment...

Post has attachment
Carlo Raimondo Michelstaedter nasce a Gorizia il 3 Giugno del 1887 da una famiglia di origine ebraica. Viene educato presso un convento religioso e dopo essersi iscritto alla facoltà di matematica presso l’università di Vienna, frequenta l’accademia di belle arti e si avvia agli studi di filosofia nella città di Firenze. Michelstaedter legge D‘Annunzio, Leopardi, Tolstoj, Ibsen, Parmenide, Sofocle, Eschilo, Schopenhauer, senza ombra di dubbio per lui determinanti. Ritenuto un esistenzialista ante-litteram, nelle sue opere Dialogo della salute e Poesie vengono analizzati i temi già studiati durante la sua gioventù, ossia la tragicità della morte così temuta ma vista anche come traguardo dell’esistenza e affermazione di sè. L’uomo, secondo Michelstaedter, risulta diviso tra realtà e mistificazione di essa, tra vita e morte in antitesi.

http://www.900letterario.it/scrittori/la-dimensione-civile-di-carlo-michelstaedter/
Add a comment...

Post has attachment

Post has attachment
L’universo distopico letterario è ricco e variegato, con molteplici sfumature di temi e argomenti: è forse impossibile tracciarne una galassia dettagliata, ma si può partire da quelli che a ragione sono ritenuti i capostipite di questo genere. Uno di questi è senza dubbio il fantapolitico Il tallone di ferro (The Iron Heel) di Jack London (La crociera del Saetta, La figlia delle nevi, Il richiamo della foresta, Zanna Bianca, La Valle della Luna), pubblicato nel 1908.

http://www.900letterario.it/romanzi-evidenza/tallone-di-ferro-societa-distopica-jack-london/
Add a comment...

Post has attachment
Nessuno si salva da solo è il ritratto un po’ manieristico e dal punto di vista stilistico autoreferenziale (difetto abbastanza frequente del cinema d'autore italiano), di una generazione che: “Non ha inventato niente”, sbatte la testa ovunque per non ammettere a se stessa un fallimento inevitabile. Però Delia lo riconosce: “Siamo due falliti”.

http://www.900letterario.it/cinema/nessuno-si-salva-da-solo-abulimia-sentimenti/
Add a comment...

Post has attachment
Nasceva quel lontano 9 settembre 1908 Cesare Pavese

"Due sigarette"

Ogni notte è la liberazione. Si guarda i riflessi 
dell'asfalto sui corsi che si aprono lucidi al vento. 
Ogni rado passante ha una faccia e una storia. 
Ma a quest'ora non c'è più stanchezza: i lampioni a migliaia 
sono tutti per chi si sofferma a sfregare un cerino. 

La fiammella si spegne sul volto alla donna 
che mi ha chiesto un cerino. Si spegne nel vento 
e la donna delusa ne chiede un secondo 
che si spegne: la donna ora ride sommessa. 
Qui possiamo parlare a voce alta e gridare, 
che nessuno ci sente. Leviamo gli sguardi 
alle tante finestre - occhi spenti che dormono - 
e attendiamo. La donna si stringe le spalle 
e si lagna che ha perso la sciarpa a colori 
che la notte faceva da stufa. Ma basta appoggiarci 
contro l'angolo e il vento non è più che un soffio. 
Sull'asfalto consunto c'è già un mozzicone. 
Questa sciarpa veniva da Rio, ma dice la donna 
che è contenta d'averla perduta, perché mi ha incontrato. 
Se la sciarpa veniva da Rio, è passata di notte 
sull'oceano inondato di luce dal gran transatlantico. 
Certo, notti di vento. E' il regalo di un suo marinaio. 
Non c'è più il marinaio. La donna bisbiglia 
che, se salgo con lei, me ne mostra il ritratto 
ricciolino e abbronzato. Viaggiava su sporchi vapori 
e puliva le macchine: io sono più bello. 

Sull'asfalto c'è due mozziconi. Guardiamo nel cielo: 
la finestra là in alto - mi addita la donna - la nostra. 
Ma lassù non c'è stufa. La notte, i vapori sperduti 
hanno pochi fanali o soltanto le stelle. 
Traversiamo l'asfalto a braccetto, giocando a scaldarci. 
Photo
Add a comment...

Post has attachment

Post has attachment
La bambina che non esisteva è la fortunata traduzione di Samira e Samir, il secondo romanzo della polivalente ed acuta scrittrice Siba Shakib, una donna forte e fiera, che onora il nostro paese con la sua presenza. Siba Shakib si può considerare come rappresentante della famosa massima”uno su mille ce la fa“: è nata in un paese che risulta lontano e inaccogliente, difficile e dilaniato, arretrato e povero agli occhi europei. Siba Shakib è iraniana, e soprattutto, è una donna, e nascere donna in un paese come l’Iran è non è cosa semplice.

http://www.900letterario.it/romanzi-evidenza/la-bambina-che-non-esisteva-dramma-nascere-donna/
Add a comment...

Post has attachment
Si alza il vento (che prende il nome dalla citazione di Paul Valèry che dice: “Le vent se lève!… Il fauttenter de vivre”) narra la storia di Jirō Horikoshi, personaggio ispirato al famoso progettista aeronautico giapponese creatore dei famosi ‘Zero’ usati durante la Seconda Guerra Mondiale, che sogna di diventare un progettista di aeroplani sin da ragazzo, quando in sogno vede il suo idolo Giovanni Battista Caproni che gli confessa che costruire aerei è ancora meglio che pilotarli.

http://www.900letterario.it/cinema/si-alza-il-vento-volo-contro-guerr-h-miyazaki/
Add a comment...

La perfezione mi fa schifo, mi repelle.Tutte quelle donne e quegli uomini che cercano la perfezione negli stereotipi creati della società mi fanno venire il vomito. Fottuti manichini di carne, senza personalità o amore per se stessi".

(C. Bukowski)
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded