Profile cover photo
Profile photo
La Centrale dell'Arte
129 followers
129 followers
About
Communities and Collections
View all
Posts

Post is pinned.Post has attachment
Aiutaci a conoscere meglio la percezione del centro storico dal punto di vista di chi la vive o la frequenta.Dedica un po' di tempo a Ku’sɛnʣa Vecchia!
Nota bene:
Per avere maggiori informazioni seguici anche su Facebook all'indirizzo: https://www.facebook.com/CosenzaCommunityMap/

Post has shared content

Post has attachment

Post has shared content
Letizia Fornasieri inaugura la sesta mostra personale alla Galleria Rubin, nuovo capitolo di un ininterrotto sodalizio artistico iniziato nel dicembre del 2000. In questi quasi venti anni, l'artista ha continuato a lavorare con entusiasmo e creatività, occupando una posizione ben visibile nel campo della pittura figurativa italiana. Alle mostre alla galleria Rubin e in altri spazi privati in Italia e all'estero, hanno fatto eco impegni su larga scala in spazi pubblici come il Palazzo della Ragione di Mantova o il Museo Diocesano di Milano e l'assidua presenza nelle fiere nazionali.
Partendo da un'iconografia molto concreta e realistica, basata sull'osservazione del proprio contesto e rappresentata da opere ormai "classiche", come i tram o gli scorci di un ambiente domestico osservato con tenerezza e malinconia, nel tempo il linguaggio pittorico ha preso il sopravvento sull'immagine, il colore e il gesto si sono emancipati senza venir meno a un desiderio di raccontare.
E' iniziato qualche anno fa un ciclo di quadri sul tema della campagna, iniziando dalla Toscana di cui è frequentemente ospite, risalendo alla Lomellina e alla Bassa Padana, tutte zone molto caratterizzate e che, in qualche modo, hanno avuto un effetto sulla maniera stessa di dipingere. Dalle asciutte e crude colline senesi, che l'artista ha affrontato con una pittura rapida su una superficie poco aderente come il forex, con risultati di una lievità ed immediatezza che somiglia all'acquerello, è poi passata a rappresentare le più vicine pianure lombarde, lavorando sulla tela e affidandosi sia alla sovrapposizione materica che alla sottrazione con appositi diluenti.
Il risultato è di opere molto ricche, con una varietà di toni e modulazioni che testimoniano di una piena maturità nella rappresentazione del paesaggio. Queste ultime pitture, in particolare, si concentrano sul tema dell'acqua: rogge, canali, stagni, che polarizzano lo sguardo con effetti di luminosità e che attraversano la tela, quasi squarciandola, con diagonali abbaglianti. Il paesaggio rurale si mostra nella sua logica, geometrica e lucida suddivisione: campi, radure e boscaglie si specchiano nell'acqua, la natura e il lavoro umano, sono restituiti sulla tela attraverso meticolose sovrapposizioni o coraggiose e libere pennellate che ricordano l'action painting.
La mostra propone una quindicina di tele di vari formati.


Letizia Fornasieri è nata a Milano nel 1955, città in cui vive e lavora.
Add a comment...

Post has attachment
#mariocaciotti #ad #pitturapura @mariocaciotti

Il ritorno all’anima e alla bellezza dei tratti sanguigni e super colorati, pieni della terra che lo vede tutti giorni dipingere attivamente dagli anni quaranta. Mario Caciotti, classe 1923 è l’erede naturale di Ligabue o forse di Van Gogh, come asserisce Sandra Loewy del Hurn Museum di Savannah che nel 2006 gli dedica una permanente.

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment
https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSezJY3GIt97XUueaeLAdBZlW4eEk7n4pBQ-dEseCl2WKbMYzA/viewform

Aiutaci a conoscere meglio la percezione del centro storico dal punto di vista di chi la vive o la frequenta.Dedica un po' di tempo a Ku’sɛnʣa Vecchia!
https://www.facebook.com/CosenzaCommunityMap/

Post has attachment
Wait while more posts are being loaded