Profile cover photo
Profile photo
Alessia Birri
379 followers -
Sappiamo ciò che siamo, non ciò che saremo (Shakespeare).
Sappiamo ciò che siamo, non ciò che saremo (Shakespeare).

379 followers
About
Communities and Collections
View all
Posts

Post is pinned.Post has attachment
THELEMA E IL SENTIERO DELLA GRANDE OPERA:

Pubblicato finalmente nel mio blog l'articolo a cui stavo lavorando da molti mesi.

http://wwwalessiabirriblog.blogspot.it/2018/02/thelema-e-il-sentiero-della-grande-opera.html
THELEMA E IL SENTIERO DELLA GRANDE OPERA
THELEMA E IL SENTIERO DELLA GRANDE OPERA
wwwalessiabirriblog.blogspot.it
Add a comment...

Post has shared content
Questo post espone perfettamente il problema dell'autolesionismo di Google. Il senso di frustrazione dopo aver speso tanto tempo ed energie pesa come un macigno e si stanno svolgendo i funerali della fiducia. Insomma: traducetevelo voi.
Google is the new Yahoo

Remember Yahoo? Twenty years ago, Yahoo.com got more traffic than any site on the internet. But it failed to evolve.

In place of evolution or innovation, Yahoo simply started buying everything with the intention of integrating it. But it was unable to integrate anything in a compelling way.

Eventually, Yahoo simply became the company that closed things. It quickly became clear that nobody should invest any time, energy or money into supporting or using Yahoo because whatever product you invested in would likely be shut down, killed off, closed for business.

Now, Google is the new Yahoo.

Google is the company that kills its own products.

Google's M.O. is to launch some new product or service with great fanfare, convince it's loyal fans to go all-in, allow those fans to devote countless hours with the product, then kill the product and leave the devoted fans with nothing.

They did it with Reader, Inbox, Answers, Lively, Glass, Orkut, Buzz, Wave, Nexus Q, Dodgeball and many others.

The closure of Google+ is the biggest slap in the face ever, by far.

Google told us Google+ was the future of Google. So we jumped in and engaged. Personally, I've spent thousands of hours lovely crafting publication-quality opinion pieces. This is what I do for a living, and I gave my time and labor over to Google+ for free.

Now, Google is going to flush all my work down the toilet.

Yours, too.

Google has been working hard for years to push away its most loyal fans. Now, Google is going even further.

In fact, the killing of Google+ is a perfect storm of Google's vision vacuum. It's driven by their antipathy toward passionate users, and also their failure to understand the human element generally.

Google has failed utterly with every social network they've ever launched, and the reason is that, culturally, Google simply can't understand human beings.

I recently got rid of my MacBook Pro and bought a high-end Pixelbook. And I was leaning toward buying a Pixel 3. But now I'm off the fence. I'll be buying iPhones from now on.

And I can't even imagine what will happen when Google decides to kill Google Photos.

Google simply can't be trusted.

Google is the new Yahoo, the company that kills its own products.

Which Google product is next?
Photo
Add a comment...

NO GOOGLE PLUS? NO PARTY.

Adesso devo allestire un blog aggiuntivo per salvare tutti i post, i video e le recensioni che ho pubblicato nell'arco di 6 anni su Google+. Dopo di ciò nessun social network mi vedrà più, chi mi vorrà contattare perchè interessato agli articoli dei blog mi contatterà via mail. Non ho intenzione di strisciare di nuovo su Facebook, e non ritengo che valga la pena cercare altre remote possibilità. Da quando ho fatto il mio ingresso sul Web 9 anni fa ho sofferto troppo per poter diffondere il mio pensiero. Addio mondo, ce ne torniamo a casa. E' stato molto bello. Ciao.
Add a comment...

Post has attachment
LA PAVENTATA CHIUSURA DI GOOGLE+ E' A DIR POCO SURREALE E ASSURDA. UN SOCIAL NETWORK INFINITAMENTE SUPERIORE A FACEBOOK E A TUTTO QUANTO VI E' IN CIRCOLAZIONE, APPARTENENTE ALLA PIU' GRANDE SOCIETA' DI INTERNET, CHIUDE: E PER COSA? PER UNA QUESTIONE DI VIOLAZIONE DEI DATI, CIOE' UN PROBLEMA DA CUI NESSUNO E' IMMUNE, COMPRESO FACEBOOK, IL QUALE, PERO', COL CAVOLO CHE CHIUDE! E' UN COMPLOTTO CONTRO GOOGLE, NON C'E' ALTRA SPIEGAZIONE, FIN DALL'INIZIO I MASS MEDIA HANNO CERCATO DI SMINUIRE GOOGLE+ O DI IGNORARLO! FIRMATE QUESTA PRIMA PETIZIONE:

https://www.change.org/p/google-inc-don-t-shut-down-google-plus-54f15bea-1d8c-4be9-a53f-e2ceee1302f4?recruiter=895811422&utm_source=share_peon.pacific_abi_select_all_contacts.stition&utm_medium=copylink&utm_campaign=psf_combo_share_abi.pacific_abi_gmail_send.variatielect_all.pacific_email_copy_en_gb_4.v1.pacific_email_copy_en_us_3.control.pacific_email_copy_en_us_5.v1.lightning_share_by_medium_message.control.lightning_2primary_share_options_more.fake_control&utm_term=share_petition
Add a comment...

Ieri sera, come un fulmine a ciel sereno, è giunta la notizia della chiusura di Google+, che significa: anni di lavoro, impegno, fiumi di contenuti importanti, recensioni, articoli, i testi delle Lettere di Amarna e altri testi antichi che ho trascritto dai libri impiegando intere stagioni, rischiano di essere perduti. Per questo sarò costretta, mio malgrado, a far ritorno, dopo 6 anni, su Facebook: un sito reazionario e bigotto che non avrei mai più voluto frequentare, ma penso di non avere alternative. Salverò il salvabile e trasferirò nel mio nuovo profilo le cose più importanti, anche se niente potrà mai più essere come prima. Certamente non sarà più come prima l'entusiasmo e l'impegno che ho dedicato a questa splendida piattaforma di Google+, pensando di essere al sicuro, di potervi riporre fiducia. Pertanto ritengo che non valga la pena continuare a produrre contenuti qui, vedremo come evolverà la situazione. Ci attende un'amarissima e triste stagione.
Add a comment...

Post has shared content
Un argomento che dovremo affrontare, nel tempo e al momento opportuno, quando i sedimenti depositati sul fondo inizieranno ad assumere una conformazione. Ma non esiste un fondo, soltanto una soglia. Per ora consiglio a tutti gli interessati al tema di procurarsi e leggere con attenzione questi due libri che contengono scoperte e riflessioni davvero illuminanti: "IL CULTO SEGRETO" e "LE RADICI DEL NECRONOMICON" di ANGELO CERCHI.
Add a comment...

Post has attachment
PARASITE INC.: "THE PULSE OF DEAD" (dall'album "Time tears down" del 2013)

Ecco un'altra band teutonica di grandissimo impatto, soprattutto quando la febbre sale a 38 e le impressioni sono fortemente amplificate! PARASITE INC: gruppo fondato nel 2007, i cui membri attuali sono KAI BIGLER (voce e chitarra), DOMINIK SORG (chitarra), STEFAN KRAMER (basso), BENJAMIN STELZER (batteria).

https://www.youtube.com/watch?v=St6ZzLMMVe4&t=0s&list=FLrZFicfdyZ7nugSSWAcedKQ&index=4
Add a comment...

Post has attachment
DARK FORTRESS: "YLEM" (dall'album "Ylem" del 2010) - Testo in inglese-italiano

Assolutamente prodigiosa questa band tedesca, nata nel 1994, la cui formazione attuale è: ASVARGYR (chitarra), SERAPH (batteria), V. SATURA (chitarra), MOREAN (voce principale), PHENEX (tastiere). "YLEM" è un classico concept album, ovvero un'opera incentrata su tematiche filosofiche ed esoteriche, caratteristica fondamentale del Black Metal e dell'Heavy Metal. La canzone riprende il titolo dell'album, YLEM: nome con cui è stato indicato lo stato della materia prima della formazione dell'Universo, un punto di densità infinita in cui sarebbero state concentrate tutte le informazioni possibili e la sostanza cosmica, l'atomo primordiale, questo "principio del principio" verso il quale l'intera creazione sarà destinata a fare ritorno (teoricamente), abbandonando l'illusione della realtà. In questo brano, ricco di energia esplosiva e interpretato da una delle più inquietanti ed espressive voci del Black Metal, si percepisce tutta l'incombenza delle forze oscure che sottendono l'universo nella sua libera espansione. Insomma: un'esplosione di tenebra splendente!

YLEM

Un incantesimo per liberare tutta la materia
piegando il tempo e la gravità,
Un universo da distruggere
Evocando l'olografia nera!

Svelando l'etere
lacerando le molecole stridenti
Recidendo gli elementi
Strappando il nucleo dal nucleo!

Respiro caustico della stregoneria
Riempie il vuoto tra le sfere,
Gli Archetipi si stanno radunando
All'altra estremità della Genesi!

ylem
Sale dall'oblio,
Inizia la grande corrosione
ylem,
il Risveglio richiede l'Omega
la rete si stringe attorno ai cuori tremanti!

Gli spettri si espandono
Dalle mie mani,
Sento la mia mente vibrare,
Forza Odica nera virulante
Sanguina in ogni cellula!

Mortalmente matura,
Un mondo senza fiato sta tremando,
Una valanga cosmica si sta svegliando
Tutto morirà!

Salendo dall'oblio
è iniziato il risveglio della grande corrosione,
gli atomi devono ricordare l'Omega dormiente!

Affliggendo l'agonia
Inizia la grande corrosione,
Consumami, fuoco primordiale
Tutti gli atomi ti ricorderanno!

Bruciami,
Illumina la mia carne
Con necrosi sacra!

ylem
Ti evoco!
Sali dal Caos primordiale,
Divora questo spazio-tempo fuorviato
Dalla terra,
Dal cielo,
Dal risveglio del vuoto!
Ylem
Dai pori della pelle tremante,
Dalle profondità di ogni anima emergi,
Dall'oscurità al cuore di tutto!

Districare il vortice,
Piegare galassie urlanti,
Separare le costellazioni
Lacerando ogni sostanza!

YLEM

A spell to free all matter,
Folding time and gravity,
A universe to shatter
Conjuring black holography!

Unraveling the ether
Rending screeching molecules,
Severing the elements
Ripping core from core!

Sorcery's caustic breath
Fills the void between the spheres,
The archetypes are gathering
At the other end of genesis!

Ylem
Rise from oblivion,
Initiate the grand corrosion!
Ylem
Awaken, demant omega
The web constricts around quivering hearts!

Spectres swell
From my hands,
I feel my mind vibrating
Virulant black odic force
Bleeding into every cell!

Ripe with mortality
A breathless world is shaking,
A cosmic avalanche is waking
All shall die!

Rise from oblivion
Initiate the grand corrosion,
Awaken, dormant omega
The atoms shall remember!

Scourge the moribund
Initiate the grand corrosion,
Consume me, primordial fire
All atoms shall remember thee!

Engulf me
Illuminate my flesh
With sacred necrosis!

Ylem
I summon thee
From primeval chaos soar
Devour this misguided spacetime,
From the earth
From the heavens
From the emptiness rise!
Ylem
From the pores of trembling skin
From the depths of every soul come forth
From the darkness at the heart of everything!

Unraveling the maelstrom
Bending screaming galaxies
Severing the constellations
Tearing matters shell!

https://www.youtube.com/watch?v=dNloyxCofts
Add a comment...

Post has attachment
I POTERI DELLA SOLITUDINE

"L'uomo sociale è distratto e separato da se stesso. L'uomo solitario sviluppa le proprie autentiche qualità, gli piaccia oppure no. E questa autenticità è il primo requisito per l'esperienza occulta, allorchè i poteri dell'inconscio iniziano a confluire nella sfera cosciente". ( Dal libro L'OCCULTO, di COLIN WILSON, pag.93)

L'uomo può essere considerato fondamentalmente sociale solo da un punto di vista avvilente della sua realtà, che non considera la complessità dell'"essere". In realtà l'uomo rimane un animale sociale solo finchè non si accende in lui quella scintilla, quella forza interiore che lo pone in conflitto con ogni tipo di branco, di limitazione alle sue facoltà e alle sue aspirazioni. Tutto ciò non ha nulla a che fare con il potere sugli altri, ma con il potere dell'uomo su se stesso e con tutti i vantaggi che questo comporta. L'uomo che s'incammina sul sentiero della propria solitudine raggiunge una condizione di tranquillità mentale che gli permette la concentrazione su se stesso e sulle proprie energie, diventa libero, incondizionabile, percepisce la realtà da una superiore prospettiva.

Gli interessi gerarchici e l'organizzazione sociale sono perciò costretti, per mantenere la propria supremazia, a separare l'uomo dalla sua interiorità facendo in modo che egli tema la solitudine e le stesse energie oscure che da essa sono risvegliate. L'uomo sociale deve sentirsi minacciato e trovare supporto unicamente nella massa, deve sentirsi vincolato alla famiglia, si deve identificare con gli ingranaggi della fabbrica e con la sua funzione lavorativa, qualunque essa sia; deve credere che il lavoro sia un valore e non un mezzo, in modo da poter essere occupato in esso dalla culla alla tomba pensando che ciò che in realtà lo riduce alla condizione di bruto lo renda rispettabile. Quando sarà vecchio verrà considerato alla stregua di un inutile peso senza valore, perchè la società, la famiglia, il capitale e ogni altra entità che lo sovrasta si saranno ormai preso tutto, ogni sua energia, ogni suo tempo, ogni sua fatica e di lui non sarà rimasto che un involucro, si sentirà miserabile, perso, vuoto, ed in effetti questa sarà la sua condizione. Ma anche un solo tardivo sussulto di coscienza può affrancarlo da questa prigione se in lui vi è la scintilla ed il potenziale interiore. Questa dipendenza assoluta alla quale egli si aggrappa pensando di sentirsi protetto, in realtà è il suo peggiore nemico, il suo cancro, il suo viaggio attraverso un deserto pieno di miraggi in cui troverà la morte. Egli ha abbandonato la foresta lussureggiante, la sua esistenza non lascerà nessuna traccia perchè egli, come l'anello di una catena, sarà indifferentemente sostituito. La sua esistenza non sarà servita che a nutrire parassiti. All'uomo civile è stato insegnato a temere tutto ciò che è positivo per lui, a temere soprattutto se stesso e a sentirsi qualcosa soltanto quanto si sente circondato dai suoi inseparabili miraggi in mezzo al nulla.

Che ne è stato del Signore della Caccia, dello Sciamano, del profondo conoscitore dei segreti della Natura? Senza quel fondamentale equilibro fra indipendenza e connessione universale, senza la riconquista e il riconoscimento delle potenzialità occulte e primigenie dell'uomo, tutto il progresso scientifico, tecnologico e sociale sarà destinato a ripetere se stesso in modo sterile, senza alcun fine elevato per il quale ne sia valsa la pena. Anzi, si verificherà un progressivo regresso dell'intelligenza e dell'abilità, appunto perchè lo sviluppo ipertrofico della mente razionale a spese della componente intuitiva renderà l'uomo sempre più piccolo e spaventato di fronte alle immense forze dell'universo che nè la matematica, nè la logica riusciranno mai a controllare, se non la sua grandezza interiore.

Quell'equilibrio perfetto tra connessione universale e indipendenza individuale si potrà raggiungere solo allorchè il progresso scientifico e tecnico e l'evoluzione sociale avranno raggiunto un punto in cui ogni diseguaglianza sarà superata, in cui ognuno si potrà considerare un universo fra universi poichè nessuna entità statale, istituzionale, sociale e gerarchica incomberà su di lui, ed il suo unico limite sarà il rispetto della libertà e del diritto altrui. Così come nell'età primigenia ciò era permesso grazie alla semplicità dell'esistenza, in futuro ciò sarà permesso dal progresso della conoscenza dell'universo, della materia e delle sue interazioni. Allora si potrà verificare quell'agognata riunificazione fra inconscio e mente razionale, fra scienza ed intuizione. Solo l'uomo indipendente conosce il rispetto, così come coltivando la sua preziosa solitudine sviluppa la capacità del distacco e dell'introspezione, superando anche la paura della morte, poichè sentirà in se stesso il soffio dell'eternità. La percezione irreale della realtà sarà per lui il primo passo verso il non-coinvolgimento, la liberazione dalle sue emozioni negative, che è la condizione degli Dei.

Alessia Birri

IMMAGINE tratta da un opera dell'artista francese YANNIG GERMAIN.
Photo
Add a comment...

Post has shared content
Eccezionali! LUCIFER'S CHILD, una band Black Metal greca formatasi nel 2013, che ha al suo attivo 2 album: "THE WICCAM" e "THE ORDER"!
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded