Profile cover photo
Profile photo
paolomarzi1971
51 followers
51 followers
About
Posts

Post has attachment
I programmi televisivi sulla buona cucina imperano in ogni dove e già nel 1905 dalla sua casa di Castelvecchio Giovanni Pascoli era già avanti nei tempi, infatti invia ad un caro amico una sorta di “poesia-ricetta” di un risotto cosiddetto “romagnolesco”, in una specie di sfida poetico culinaria. Un Pascoli inedito, diverso dal solito che ci propone non le sue bellissime poesia ma una ricetta. Questa bizzarra ricetta in versi era stata scritta nel 1905 e fino al 1930 ne erano state perse le tracce, quando poi una rivista gastronomica la ripropose al grande pubblico.. Una storia curiosa e singolare che ci racconta il rapporto fra il Pascoli e la buona cucina e poi un consiglio...provate questo risotto...buonissimo!!!
Add a comment...

Post has attachment
"Il risotto romagnolesco". Una singolare ricetta (in versi) di Giovanni Pascoli del 1905
Mangiare piace un po' a tutti, è inutile negarlo. Ma da qualche il risotto romagnolesco e il Pascoli (foto tratta da leitv.it) tempo, a quanto pare, ci piace più del solito. Per rendersene conto basta accendere la T.V, l'habitat naturale della nuova tendenz...
Add a comment...

Post has attachment
Abbiamo sempre saputo della dura vita dei cavatori di marmo delle Apuane, ma mai, o almeno in pochi, abbiamo sentito parlare dell'altrettanto dura vita dei minatori della Garfagnana. Già nel 1300 a Fornovolasco prese vita il primo centro siderurgico della Valle che nei piani di Ercole I duca di Modena doveva far concorrenza a centri della valli lombarde, infatti nei dintorni del paese (che prende il nome proprio da queste attività) sorgevano forni fusori e fabbriche per la lavorazione dei metalli, nati grazie alle miniere di ferro presenti nelle vicinanze e dove la gente lavorava duramente. Le miniere negli anni subirono alterne fortune, ma ciò non fu per i minatori che difficilmente riuscivano ad arrivare a 50 anni di vita e dove i bambini venivano usati come cavie da esplorazione dentro le grotte da dove spesso non facevano più ritorno. Rimane il fatto che un bel giorno alle miniere di Fornovolasco giunse in visita Ludovico Ariosto che su queste miniere scrisse alcuni versi...
Add a comment...

Post has attachment
Minatori e miniere. La loro storia e delle antiche miniere di ferro di Fornovolasco
Fino a un po' di tempo fa se si voleva minacciare un uomo Minatori nelle miniere di ferro di Monteleone Spoleto sfaccendato, che non s'impegnava sul lavoro, o si comportava in modo poco onesto, partiva il grido: - In miniera !!!- . Che cosa significava ques...
Add a comment...

Post has attachment
Una storia unica ed originale. Chi l'avrebbe mai detto che un ortaggio che oggi è fra le eccellenze alimentari della Garfagnana a fine 1800 fosse stato importato clandestinamente dagli Stati Uniti alla Valle del Serchio? Questa è la storia del fagiolo fico di Gallicano e del suo “scopritore” Vincenzo Micheli che con uno stratagemma ben studiato riuscì a far arrivare questo prodotto alimentare in Garfagnana. Oggi il “fagiolo fico” data la sua unicità, dal momento che non è coltivato in nessuna altra parte d'Italia è stato iscritto all'albo regionale sulla tutela e conservazione delle varietà locali
Add a comment...

Post has attachment
Il Cristoforo Colombo garfagnino. Vincenzo Micheli e il fagiolo fico di Gallicano
Cristoforo Colombo eccelso navigatore o infimo schiavista? Agli Vincenzo Micheli e il fagiolo fico storici l'ardua sentenza. Oggi infatti quello che ci interessa non è quello che fu Colombo come uomo, ma come scopritore. Non fu solo l'involontario scopritor...
Add a comment...

Post has attachment
In prossimità de “Il Giorno della Memoria” ecco le emozionanti pagine del memoriale di Leo Kienwald ebreo internato forzatamente a Castelnuovo Garfagnana. Il memoriale mi fu donato gentilmente dal dottor Eli Kienwald, figlio di Leo. Oggi propongo alcuni stralci di quel diario dove si racconta le mille peripezie della famiglia Kienwald in fuga sulle Apuane, braccati dai nazisti cercando di scampare alle camere a gas di Auschwitz. Fra le mille avventure passate ricorderanno sempre l'aiuto fraterno che i garfagnini diedero loro, saranno anche testimoni dei fatti più salienti della guerra in Garfagnana...fino a che...
Add a comment...

Post has attachment
Sfuggire ad Auschwitz. Dal memoriale di Leo Kienwald, ebreo internato a Castelnuovo
Leo Kienwald...un nome che ai più non dirà niente, ma è un nome  legato a doppio filo con la Garfagnana e con una delle pagine più crudeli della storia dell'umanità. La famiglia Kienwald composta da papà Oscar, mamma Rachele Nadel e dai figli Erwin e Leonar...
Add a comment...

Post has attachment
I Monument's Man furono coloro che durante la II guerra mondiale salvarono il patrimonio artistico dalle grinfie dei nazisti. I nazisti su ordine di Goring avevano anche il compito di trafugare le opere d'arte di tutta Europa, d'Italia e quindi anche della Garfagnana , che presto fu messa in allarme da questi pericoli. Chi furono dunque i Monument's Man garfagnini? Come furono salvate le opere d'arte nostrane? E pensare che ancora oggi in provincia di Lucca mancano ancora all'appello opera d'arte rubate dai tedeschi nel 1944. Ecco allora l'elenco...
Add a comment...

Post has attachment
I "Monument's Man" garfagnini. Quelli che nella II guerra mondiale salvarono il patrimonio artistico garfagnino
I Monument's Man nel castello di Neuschwainsten in Germania nel 1945 Erano trecentocinquanta valorosi, sia uomini che donne, appartenenti a tredici nazioni diverse che fra il 1943 e il 1951 prestarono servizio presso la " Monuments Fine Arts and Archives" (...
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded