Profile

Cover photo
Thain Rhei
Worked at UNIMI
Attended Universitas Studiorum Mediolanensis
Lived in Arona
58,339 views
AboutPostsPhotosVideos

Stream

Thain Rhei

Shared publicly  - 
 
Una buona Riforma.
 ·  Translate
 
+Luigi Di Maio (M5S) - TUTTI IN PIAZZA IN DIFESA DELLA SCUOLA
In un'Italia dove si investe appena il 3,7% del PIL in istruzione contro una media europea del 5,4%. Dove l'abbandono scolastico è al 18% contro una media europea del 12%. Un paese col triste primato di essere l'unico d'Europa con idonei non vincitori di borsa di studio e con famiglie che si auto-tassano per finanziare le scuole. Un paese, il nostro, dove solo il 53% delle scuole ha il certificato di agibilità, il 44% (quasi la metà) risulta «non completamente a norma» e un terzo delle stesse è ad alto livello di sismicità. Una nazione in cui l'82,3% delle scuole non ha il certificato di prevenzione incendi, 24mila su 41mila hanno impianti elettrici, idraulici e termici non a norma o non funzionanti, 9 mila hanno intonaci a pezzi, in 7200 occorrerebbe rifare tetti e coperture e 2000 sono a rischio amianto. Un paese col triste record dei docenti meno retribuiti e più anziani d'Europa.

In questo paese, il bulletto toscano, vuole istituire la sua “buona” scuola che prevede assurdità del tipo:
1. Assunzioni docenti: dovevano essere 150mila ma le risorse sono per 48mila. Andranno a fare gli insegnanti? NO! I tappabuchi (organico dell'autonomia, supplenze, materie diverse dalla propria, gradi di istruzione diversi, corsi pomeridiani);
2. Insegnamento: i nostri figli potranno avere insegnanti in materie per cui non sono abilitati;
3. Precariato: non è vero che finisce perché le cattedre rimaste scoperte saranno comunque assegnate a docenti con contratti da un anno;
4. Insufficienza dell'organico: rimarranno 70mila cattedre scoperte, alunni senza insegnanti, insegnanti senza lavoro;
5. Scuola azienda: con la scusa di darle più autonomia tutto il potere si accentra nelle mani del preside-manager, che deciderà da solo l'offerta formativa, i finanziamenti privati e potrà fare la chiamata diretta dei docenti;
6. Finanziamenti: arrivano quelli privati che finiranno per influenzare decisioni del preside e programmi, con tutti i rischi che questo comporta;
7. Scuole private: sgravi fiscali per le famiglie che iscrivono i figli alle private paritarie;
8. Stanziamenti strutturali: il Documento di Economia e Finanza riduce la spesa per istruzione per i prossimi 5 anni;
9. Scuola digitale al palo: gli insegnanti in Informatica, Chimica, Meccanica, Tecnologia, Scienza e tanti altri ancora scarseggiano nelle Graduatorie di Esaurimento (GAE) e non si potrà nemmeno soddisfare l'esigenza ordinaria;
10. Deleghe in bianco: il governo delega argomenti come la disabilità a futuri interventi;
11. 5x1000 ai singoli istituti: questo creerà disparità tra zone con famiglie agiate che faranno versamenti e zone dove questo non avverrà,.

Come risponde il M5S a questo scandalo? Con una riforma totale della scuola che mette al centro l'alunno e da ai docenti gli strumenti per migliorare e migliorarsi:

1. Edilizia scolastica: proponiamo un piano triennale (rinnovabile) e lo stanziamento di 591 milioni all’anno. I fondi saranno destinati alla rimozione delle barriere architettoniche, messa in sicurezza degli edifici scolastici, efficientamento energetico, messa a norma;
2. Reclutamento dei docenti: proponiamo un piano quinquennale che prevede dal 2015 al 2020 l’assunzione dei 300 mila docenti in graduatoria ad esaurimento e abilitati delle graduatorie d'istituto attraverso la cancellazione della norma Tremonti-Gelmini;
3. Tempo pieno: reintroduzione nella scuola primaria e incentivi al part-time per i docenti con più di 25 anni di anzianità di servizio; 
4. Diritto allo studio e risparmi per le famiglie: proponiamo un piano triennale di finanziamento agli istituti scolastici, con aumento dei fondi delle quote annuali;
5. Classi pollaio: fissiamo il numero massimo di alunni per classe a 22 nelle scuole di ogni ordine e grado. Numero che scende a 20 in presenza di alunno disabile;
6. Update della scuola: prevediamo l'integrazione dei libri stampati con materiale didattico multimediale, il ripristino di discipline e materie tagliate con riforma Gelmini e l'introduzione dell'educazione all'affettività e alla sessualità consapevole; 
7. No ai finanziamenti alla scuola privata e lotta ai diplomifici: proponiao l'abolizione della destinazione di fondi alle scuole paritarie e l'obbligatorietà dei controlli per gli uffici scolastici regionali con l'obbligo di svolgere l’esame di maturità nella provincia di residenza del candidato;
8. Salute a scuola: chiediamo che l'educazione fisica sia affidata a personale specializzato ovvero i laureati in scienze motorie con circa 18 mila operatori del settore assunti.

Tutte queste idee del MoVimento 5 Stelle non sono slogan come quelli renziani ma proposte di legge già depositate in Parlamento.
Ma sapete da dove vengono? Dall'ascolto degli operatori scolastici, quelli che il Governo Renzi umilia e ignora.
Proprio per questo, per ridare dignità al comparto più importante in ogni democrazia matura ovvero quello scolastico, domani saremo in piazza al fianco degli insegnati di tutto il paese che sciopereranno contro la “Buona Scuola”.
 ·  Translate
1 comment on original post
1
Add a comment...

Thain Rhei

Shared publicly  - 
 
"faccio accordi con berlusconi perche' le regole del gioco si scrivono insieme"

Fiducia sulla legge elettorale.

Come mussolini.
 ·  Translate
1
Add a comment...

Thain Rhei

Shared publicly  - 
 
Trovo davvero fastidioso raffrontare quanto verrà speso per stipendi e quanto invece e' stato "speso" in corruttele.

Comunque e' ora di finirla con la retorica del "bamboccione". Ho una professionalità da difendere e lavorare gratis vuol dire valutare 0 la propria professione. Il resto sono cazzate neoliberiste.
 ·  Translate
 
Il Corriere dice : tutti bamboccioni!, ma la verità è tutt'altro, sempre le solite mezze verità dei soliti pennivendoli
3 comments on original post
4
1
Alberto Cocchiara's profile photo
Add a comment...

Thain Rhei

Shared publicly  - 
 
Votare SEMPRE. C'e' chi e' morto per farcelo fare. E per il voto di scambio dovrebbero esserci le stesse pene che per attentato alla costituzione.
 ·  Translate
 
votare,non votare e storie simili____il NON VOTO deve essere fatto sempre al seggio come più volte affermato (articolo 104, "rifiuto delle scheda elettorale" e annullamento tramite il presidente di seggio),per il resto il post è più che chiaro___poi votare dalla spiaggia o dal baretto di quartiere è un'altra cosa_____io non vado più a votare che cazzo me ne frega tutti ladri sono!!!! eccoli_____e tu li aiuti___
 ·  Translate
12 comments on original post
2
1
Luca Barbato's profile photo
Add a comment...

Thain Rhei

Shared publicly  - 
 
Autismo e inquinamento. Non cazzate sui vaccini, ma studi seri. Invece che rompere il cazzo sul trivalente basandosi su dati inventati da un corrotto (wakefield), rompete il cazzo sulle soglie del particolato sottile e su come vengano tranquillamente ignorate.
 ·  Translate
1
Thain Rhei's profile photoLuca Barbato's profile photo
3 comments
 
Gli studi non dicono quello che dice la tizia di Medicina Democratica.

L'ho gia` beccata una volta a presentare numeri o fatti in modo "approssimativo".
 ·  Translate
Add a comment...

Thain Rhei

Shared publicly  - 
 
Questo e' cio' che ci tocca subire quando la gente pensa di capire concetti molto complessi da video in televisione....
 ·  Translate
1
Thain Rhei's profile photo
 ·  Translate
Add a comment...

Thain Rhei

Shared publicly  - 
 
Quanto avrei voluto essere nato nel '46 e avere 22 anni nel '68. Tempi grami ci sono dati da vivere, in cui l'uomo non conta piu' nulla, divorato dalla velocità imposta da questo mondo iperconnesso. E dire che con queste tecnologie avremmo potuto fare (e possiamo ancora fare) molto meglio.
 ·  Translate
2
Alessio Ripa's profile photoAttilio Guazzoni's profile photoThain Rhei's profile photo
5 comments
 
+Attilio Guazzoni
Le idee si sono gia' perse. Le vecchie gerarchie hanno dimostrato, soprattutto in italia, una resilienza incredibile.
 ·  Translate
Add a comment...

Thain Rhei

Shared publicly  - 
 
500 idioti dagli stadi e in trasferta fanno un paio di miliardi di danni.

Nel frattempo sulla grande opera c'e' chi ruba mille volte tanto

Indovina un po su chi si scagliano i telegiornali...
 ·  Translate
 
Sarà anche una cattiveria ma fa riflettere ....come dice Alessandro ...se ognuno che si indigna x queste cose lo facesse anche x i politici ladri ....saremmo il paese più bello del mondo!! MEDITATE GENTE MEDITATE !!! 
 ·  Translate
6 comments on original post
1
Add a comment...

Thain Rhei

Shared publicly  - 
 
A chi dice che la ricerca in campo medico/biologico "non serve"
 ·  Translate
1
Luca Barbato's profile photo
 
+Ciro Cattuto che ne pensi?
 ·  Translate
Add a comment...

Thain Rhei

Shared publicly  - 
 
"...adesso si adatta la vita delle persone al sistema economico"

In questa frase c'e' tutto il problema di un capitalismo che non ha piu' NULLA di umano e non serve più agli umani. La forbice tra ricchi e poveri si sta allargando...
 ·  Translate
 
#infografica : Ci occorrono 3 pianeti
La crescita è diventata un imperativo categorico dell’odierna politica economia. Ma è veramente ciò di cui abbiamo bisogno per migliorare le condizioni di vita degli esseri umani? A dispetto delle più ferme convinzioni, la crescita “tout court” rappresenta un obbligo che non è scevro da pesanti conseguenze, sia per quanto riguarda il tempo ed i nostri ritmi di vita, che per tutto ciò che concerne la sostenibilità e l’inquinamento ambientale. Ma perché l’economia deve crescere?
Continua a leggere : http://bit.ly/1Inkqus

www.pais10.tk
http://twitter.com/PaisOnAir
 ·  Translate
Fonte : ilsovranista.it La crescita è diventata un imperativo categorico dell’odierna politica economia. Ma è veramente ciò di cui abbiamo bisogno per migliorare le condizioni di vita degli esseri umani? A dispetto delle p...
1 comment on original post
1
Add a comment...

Thain Rhei

Shared publicly  - 
 
La Buona Scuola...
 ·  Translate
 
Piero Calamandrei

(discorso pronunciato al III Congresso in difesa della Scuola nazionale a Roma l'11 febbraio 1950):

"Facciamo l'ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la Costituzione, non la vuole violare in sostanza. Non vuol fare la marcia su Roma e trasformare l'aula in alloggiamento per i manipoli; ma vuol istituire, senza parere, una larvata dittatura. Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di Stato in scuole di partito? Si accorge che le scuole di Stato hanno il difetto di essere imparziali. C'è una certa resistenza; in quelle scuole c'è sempre, perfino sotto il fascismo c'è stata. Allora, il partito dominante segue un'altra strada (è tutta un'ipotesi teorica, intendiamoci). Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private. Non tutte le scuole private. Le scuole del suo partito, di quel partito. Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e di privilegi. Si comincia persino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole, perché in fondo sono migliori si dice di quelle di Stato. E magari si danno dei premi, come ora vi dirò, o si propone di dare dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole pubbliche alle scuole private. A 'quelle' scuole private. Gli esami sono più facili, 
si studia meno e si riesce meglio. Così la scuola privata diventa una scuola privilegiata. Il partito dominante, non potendo trasformare apertamente le scuole di Stato in scuole di partito, manda in malora le scuole di Stato per dare la prevalenza alle sue scuole private. Attenzione, amici, in questo convegno questo è il punto che bisogna discutere. Attenzione, questa è la ricetta. Bisogna tener d'occhio i cuochi di questa bassa cucina. L'operazione si fa in tre modi: ve l'ho già detto: rovinare le scuole di Stato. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni. Attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che vi insegnino insegnanti che non hanno i titoli minimi per insegnare. Lasciare che gli esami siano burlette. Dare alle scuole private denaro pubblico. Questo è il punto. Dare alle scuole private denaro pubblico”.
 ·  Translate
13 comments on original post
1
Add a comment...
 
Mi ero perso questa fantastica tirata.
Dopotutto in italia ci sono 50 volte meno carcerati per corruzione rispetto alla germania. Da noi sono in giro a corrompere
 ·  Translate
14
2
Lorena Zucchini's profile photoRoberto Roberto (Oracolo)'s profile photoFabrizio Carner's profile photoAlessandro Di Giacomantonio's profile photo
2 comments
 
;) travaglio ha spiegato benissimo cosa servirebbe.
Leggi che funzionino in tutte e due le direzioni. Cosi' nessuno potrebbe fare il furbo. Secondo me questo è un aspetto parecchio importante.
 ·  Translate
Add a comment...
Education
  • Universitas Studiorum Mediolanensis
    Biologia
Basic Information
Gender
Male
Other names
Il Leone
Work
Occupation
Pastore di Cladoceri
Employment
  • UNIMI
Places
Map of the places this user has livedMap of the places this user has livedMap of the places this user has lived
Previously
Arona