Profile cover photo
Profile photo
LB CONSULTING
10 followers -
Essere competenti non basta, bisogna essere "indicizzati"
Essere competenti non basta, bisogna essere "indicizzati"

10 followers
About
Posts

Post has attachment
Luca Biscione, presente alla manifestazione FARETE, rilascia una intervista nello stand della Imas Aeromeccanica Srl, Azienda leader nel settore degli Impianti di Aspirazione e Depurazione dell'aria negli ambienti di lavoro.

Post has attachment
Avvio di Collaborazione tra LB Consulting e MarketsMind
Entrare in nuovi mercati o, consolidarsi in quelli nei quali si opera da tempo, è quanto si aspettano le Aziende italiane che cercano nuovi sbocchi per i propri prodotti. LB Consulting di Luca Biscione e MarketsMind di Matteo Boemi hanno avviato una collaborazione che le porterà ad offrire una "consulenza" con un approccio "diverso": l'attrattività di un Mercato deve essere lo stimolo (e non la sola giustificazione) ad una analisi aziendale finalizzata a capire se e quando entrare in quel mercato, se bisogna rivedere le politiche di Marketing e Commerciale, se investire nel personale e/o nella struttura aziendale, ecc..., il tutto per potersi presentare solo quando si hanno più possibilità di vendita (e non il solito approccio della "tentata vendita o del "esploro il mercato andando ad una fiera e poi vedo...). Il secondo step è quello di una seria e approfondita analisi di mercato fatta con tecnologie e approccio di ultima generazione.
Photo

Post has attachment
IMAS AEROMECCANICA Srl sarà presente all'importante fiera EMO 2017 in svolgimento ad Hannover (Germania) dal 18 al 23 Settembre 2017. Ci troverete nel Padiglione 16 Stand D33 dove i ns Funzionari avranno il piacere di dare tutte le informazioni del caso relative ai ns Filtri

Imas Aeromeccanica Srl will participate in the DEMO 2017 exhibition (18-123 September in Hannover Deutschland) in Hall 16 stand D33. Our staff will be at your complete disposal for any information

Imas Aeromeccanica Srl beteiligt sich an der Messe EMO 2017 (18-23 Dienstag zu Hannover Deutschland) in Hall 16 Stand D33. Für weiter Informationen werden unsere Manager gern zur Ihren Verfügung stehen
Photo

Post has attachment
IMAS AEROMECCANICA Srl sarà presente all'importante fiera Drema 2017 in svolgimento a Poznan (Polonia) dal 12 al 15 Settembre 2017. Ci troverete nel Padiglione 6A dove i ns Funzionari avranno il piacere di dare tutte le informazioni del caso relative ai ns Filtri

Imas Aeromeccanica Srl will participate in the Drema 2017 exhibition (12-15 September in Poznan Poland) in Hall 6A. Our staff will be at your complete disposal for any information and 15 Septembre in Poznan Poland) dans Pavillon 6A. Nos responsables seront à votre disposition pour tout renseignement.

Imas Aeromeccanica Srl beteiligt sich an der Messe Drema 2017 (12-15 Dienstag zu Drema Poland) in Hall 6A. Für weiter Informationen werden unsere Manager gern zur Ihren Verfügung stehen
Photo

Post has attachment
NUOVE REGOLE PER ESPORTARE GENERI ALIMENTARI IN USA

Per chi commercia con gli USA è importante sapere che da Maggio 2017 è entrato in vigore un “Rule” (Regolamento attuativo) denominato Foreign Supplier Verification Program (FSVP) collegato alla nuova normativa di sicurezza alimentare statunitense chiamata Food Safety Modernization Act (FSMA).
Le figure coinvolte principalmente sono: l'Importatore e il Fornitore.
L’Importatore identificato avrà la piena responsabilità dello sviluppo di un’analisi dei pericoli su ciascun prodotto importato e del necessario piano di verifiche da mettere in atto su tutti i propri fornitori esteri.
L’errato rispetto di uno dei requisiti previsti dall’FSVP, comporterà la sospensione del “Number” dell’importatore, (numero di registrazione FDA), ed a cascata di TUTTI i fornitori ad esso collegati.
Si stanno formando quindi figure professionalmente preparate per fare da consulenti alle Aziende Italiane esportatrici di beni alimentari verso gli USA e una di queste figure è un Partner di LB Consulting (Ing. Marco T.) www.consulenzamanageriale.it

Photo

NUOVA COLLABORAZIONE CON SGARZI PACKING

Nuova collaborazione con la Sgarzi Packing (www.sgarzi.it), Azienda specializzata nella progettazione e costruzione di Imballi Industriali e nella Logistica Integrata. Cosa mi ha spinto a collaborare con un'azienda che opera a livello locale? Sicuramente la personalità, professionalità e lungimiranza dell'Imprenditore e la sua disponibilità ad investire in un settore dove, la "povertà" del prodotto e le regole sleali di molti concorrenti la fanno da padrona, ma soprattutto il fatto che pur essendo una piccola Azienda, è riuscita a portare sul mercato un "qualcosa" che ancora non esisteva nel settore, ovvero una piattaforma che dà la possibilità di informatizzare un Ramo D'azienda che va dalla produzione alla logistica al magazzino, permettendo di ottenere dati quotidiani sul lavoro del personale addetto e sulle ore per commessa creando così i presupposti per una ottimizzazione del personale addetto e un risparmio notevole in ore lavoro.. Inoltre, avendo una falegnameria interna, gestisce tutto il processo produttivo di casse, imballi di grandi dimensioni, ecc.. che rappresentano il giusto contenitore al bene più prezioso che un'azienda possa avere: il proprio PRODOTTO. Mi occuperò di Marketing e Comunicazione (rifaremo il sito, brochure, Company Profile, Mail di presentazione, Strategia commerciale, ecc...). Il tutto, sempre, come Temporary Manager..

Post has attachment
News dal Brasile 2017
Dopo alcuni anni di silenzio, da quest’anno si ritorna a parlare di esportazioni in Brasile.
Secondo quanto affermato la settimana scorsa (fine febbraio 2017), dalla Confindustria Brasiliana, il 70% delle grandi imprese brasiliane ha dichiarato di voler fare investimenti innovativi/migliorativi nel 2017
Secondo la Confindutria, lo scopo dell’investimento sarà ridurre costi e aumentare la produttività per migliorare/innovare la produzione, non per ampliarla. Inoltre, alti livelli tecnologici non presenti nel Paese, generano pochi dazi di ingresso, con ricaduta positiva sulle strategie commerciali delle Aziende esportatrici. La politica di chiusura dell’amministrazione Trump, costringerà le aziende brasiliane a rivolgersi al continente Europa per acquisire quella tecnologia che prima acquistava dagli USA.
I settori maggiormente interessati in questa prima fase, sono sicuramente la Meccanica, Packaging, Farmaceutico.
Il Brasile occupa la 6a posizione nel ranking mondiale di produzione farmaceutica.
A differenza del settore auto/automotive (che in Brasile occupava più o meno la stessa posizione, ma è caduto negli ultimi 2 anni), il settore farmaceutico si è espanso e continuerà a farlo nei prox anni.
La previsione per il settore farmaceutico è infatti che nel 2019 occuperà la 5a posizione.
Nel 2016 varie case farmaceutiche e laboratori (produzione di farmaci, diagnostica, etc…), nazionali e multinazionali, hanno investito molto in macchinari, prodotti e contenitori per farmaci e parafarmaci, ecc..!
Nel 2016 c’è stato un grande investimento da parte di molte di queste imprese, nel senso di:
– Ampliamento degli stabilimenti
– Miglioramento dei processi produttivi (strumenti di diagnostica, macchinari, sistemi e software per il controllo di automazione del processo produttivo tramite sensori intelligenti che eliminano il rischio di errori nella produzione, linee di imballaggio/incartucciamento, etc…)
In questi investimenti usano tecnologia di fornitori nazionali, ma anche tedesca, svizzera e italiana.
Come LB Consulting, consiglio, come linee di ricerca di fornitori italiani, 2 vie:
1) automazione industriale (packaging, sistemi di controllo, pesaggio, etc…)
2) strumenti biomedicali
LB CONSULTING, insieme ai suoi Partner presenti in Brasile, riesce ad offrire una consulenza completa che parte da una indagine di mercato, fino ad un accompagnamento nel Paese, alla ricerca di possibili importatori/investitori.
Luca Biscione
LB CONSULTING
www.consulenzamanageriale.it
www.esaprofessional.net

COSA E’ E QUANTO E’ IMPORTANTE IL BRAND POSITIONING
Come riuscire ad avere una posizione di leadership di mercato sfruttando la forza del Brand e cosa fare per costruire la giusta Brand Reputation
In un ultimo incontro avuto in un’azienda meccanica, mi è stata fatta la stessa obiezione che ho letto su un articolo di Marco Randazzo: “ mi scusi ma noi produciamo macchinari e presse per la meccanica, non siamo una Società di moda…! Questa la risposta ad una mia osservazione sull’importanza che avrebbe avuto una campagna di Brand Positioning (spiegata naturalmente con la giusta terminologia…)
Quando si parla di aziende del mondo del lusso si parla di “Branding” che è una attività di marketing specifica che svolgono le aziende quando hanno già raggiunto un ottimo livello di riconoscibilità, ma per diventare tali ed essere associati ad una lavorazione, ad un macchinario, ad un settore merceologico (aspirazione di Tutte le aziende del mercato), bisogna lavorare, appunto, sul Brand Positioning che è una specifica attività di marketing che serve a costruire e/o ad aumentare la notorietà e la riconoscibilità dell’azienda. Questa attività andrebbe svolta da tutte le aziende a prescindere dalla dimensione e dal mercato di riferimento. A questo punto si spiega qual è il fine del Brand Positioning: mettere il nome della propria Azienda nella mente dei potenziali clienti o clienti acquisiti così da farci sempre percepire come punto di riferimento in quel settore, come soluzione a esigenze o problemi di ogni cliente. La stessa etimologia della parola spiega appunto che ”Brand” è il NOME che la propria azienda e i propri prodotti hanno cucito addosso e questo serve a rendere i propri prodotti distinguibili e diversi da quelli della concorrenza. Per quanto concerne il “Positioning”, questo termine indica un modello mentale che ognuno di noi ha in testa e che rappresenta il come, per ogni esigenza, ognuno di noi cataloga mediamente tre Brand di riferimento ai quali fa ricorso quando si ha una esigenza o si deve risolvere un problema. Ecco, la nostra Azienda deve trovarsi nel posto giusto nel momento giusto (Brand Leader, Brand Challenger e/o Brand Follower…)
Ma come si costruisce un Brand efficace?
1. Una parola o una breve frase (composta al massimo da 1-3 parole) dalla quale si possa già percepire l’attinenza al settore e una possibile soluzione alla esigenze/problema del potenziale cliente
2. Una promessa di prestazioni o di risoluzione di problemi che differenzi già a monte la propria Azienda nel mercato di riferimento
3. Un insieme di messaggi di marketing che creino coerenza alle promesse del Brand e che lo rafforzino nella mente dei clienti
Perché fare attività di Brand Positioning?
Ci si potrebbe convincere che si fanno già delle attività di marketing “ordinario”, che si ha un prodotto eccellente che si promuove in fiere e su riviste, che si hanno prezzi concorrenziali e quindi che si faccia già tanto per la “comunicazione “ della propria azienda.., quindi perché investire ancora nel Brand? La necessità è in tre fattori predominati:
• Oggi giorno c’è un eccesso di informazione che è superiore del 700% circa il livello e la quantità di messaggi che si ricevevano 20 anni fa (quindi il come e il cosa dire può fare la differenza)
• Sono stati immessi nel mercato un quantitativo di prodotti di 5 volte superiore a quanti ce ne fossero 20 anni fa
• Infine, la mente umana ha una capacità di immagazzinare le informazioni ben determinata e ben definita e la necessità di essere sempre percepiti nel modo e tempo giusto, è fondamentale per poter sopravvivere in una giungla mediatica come quella di oggi.
Il Brand Positioning è quindi quell’attività del marketing che serve ad aiutare al massimo il marketing ad aumentare le chance di promuovere la propria Azienda e i Prodotti

Dichiarazione del fornitore di lungo termine di origine preferenziale:

Che cos’è e a cosa serve. In questo periodo molte imprese esportatrici stanno chiedendo ai propri fornitori il rilascio della Dichiarazione di lungo termine o Long Term Declaration sull’origine preferenziale, valida per il prossimo anno: si precisa che non è obbligatorio rilasciare tale dichiarazione, ma si consiglia vivamente di farlo per permettere alle imprese esportatrici di essere più competitive sui mercati esteri. Dette imprese, infatti, se esportano verso alcuni Paesi (quelli normalmente indicati con sigle alfabetiche sulla dichiarazione stessa), possono essere più competitive se riescono a dichiarare l’origine preferenziale dei propri prodotti, e per questo hanno bisogno della collaborazione dei fornitori. Esempio: nel caso di esportazione di lavastoviglie (codice doganale SA 844211) in Egitto l’importatore pagherà dazio 0 se l’esportatore può dichiarare l’origine preferenziale dei prodotti esportati, dazio 40% se l’esportatore non rilascia tale dichiarazione. Accontentare i propri clienti rilasciando tali dichiarazioni permette loro di essere competitivi e restare sul mercato, ma per poter rilasciare la dichiarazione occorre verificare se ci sono i requisiti.

Quando si rilascia. Per poterla rilasciare è necessario verificare se i prodotti forniti dalle imprese esportatrici rispettano le regole previste negli accordi conclusi tra l’Unione Europea e i Paesi per i quali si rilascia. In ogni accordo ci può essere una regola diversa per categorie di prodotti, pertanto l’approfondimento è necessario. Se non si hanno i requisiti per potere rilasciare la dichiarazione di origine preferenziale è opportuno informarne il richiedente; è assolutamente sconsigliabile rilasciare dichiarazioni sull’origine dei prodotti se non si sono

Come si rilascia: Si precisa che si può rilasciare una dichiarazione per ciascuna spedizione di merci, redatta su fattura o documento di trasporto o altro documento commerciale, ma molto spesso si rilascia per un periodo determinato, quando un fornitore effettua spedizioni regolari di merci ad un esportatore e si prevede che si mantengano le stesse condizioni di origine nel tempo. Con l’entrata in vigore del Codice Doganale dell’Unione Europea, in particolare del Reg. 2447/2015 (artt 60 e seguenti), sono ammesse dichiarazioni con validità fino a 2 anni a decorrere dalla data di compilazione. Inoltre, la dichiarazione di lungo termine del fornitore può essere redatta con effetto retroattivo per merci consegnate prima della compilazione. In questo caso la validità può essere al massimo di un anno dalla data della compilazione

Alcuni esempi di Paesi:

Albania
Algeria
Andorra
Bosnia Erzegovina
Camerun
Ceuta
Cile
Colombia
Corea del Sud
Egitto
Georgia
Giordania
Islanda
Isole Faeroer
Israele
Libano
Ecc…

Post has attachment
Wait while more posts are being loaded