Profile cover photo
Profile photo
Luca Rivara
59 followers -
Oltre ai fumetti esiste un'altra vita!
Oltre ai fumetti esiste un'altra vita!

59 followers
About
Luca's posts

Post has attachment

#secondalettera #sanPaolo #Corinti #GesùCristo #superapostoli
#VangelodiDio

Seconda lettera di san Paolo apostolo ai Corinti 11,1-11.
Fratelli, oh se poteste sopportare un pò di follia da parte mia! Ma, certo, voi mi sopportate.
Io provo infatti per voi una specie di gelosia divina, avendovi promessi a un unico sposo, per presentarvi quale vergine casta a Cristo.
Temo però che, come il serpente nella sua malizia sedusse Eva, così i vostri pensieri vengano in qualche modo traviati dalla loro semplicità e purezza nei riguardi di Cristo.
Se infatti il primo venuto vi predica un Gesù diverso da quello che vi abbiamo predicato noi o se si tratta di ricevere uno spirito diverso da quello che avete ricevuto o un altro vangelo che non avete ancora sentito, voi siete ben disposti ad accettarlo.
Ora io ritengo di non essere in nulla inferiore a questi "superapostoli"!
E se anche sono un profano nell'arte del parlare, non lo sono però nella dottrina, come vi abbiamo dimostrato in tutto e per tutto davanti a tutti.
O forse ho commesso una colpa abbassando me stesso per esaltare voi, quando vi ho annunziato gratuitamente il vangelo di Dio?
Ho spogliato altre Chiese accettando da loro il necessario per vivere, allo scopo di servire voi.
E trovandomi presso di voi e pur essendo nel bisogno, non sono stato d'aggravio a nessuno, perché alle mie necessità hanno provveduto i fratelli giunti dalla Macedonia. In ogni circostanza ho fatto il possibile per non esservi di aggravio e così farò in avvenire.
Com'è vero che c'è la verità di Cristo in me, nessuno mi toglierà questo vanto in terra di Acaia!
Questo perché? Forse perché non vi amo? Lo sa Dio!
***************************************************************************
State attenti - dice l'Apostolo Paolo - ad ascoltare senza riflettere ciò che vi dicono. Ci sono persone che ancora oggi annunciano un Vangelo diverso rispetto a quello che viene proclamato da 2000. Per rispetto umano non citano frasi, cambiamo testi. Non apertamente ma lo fanno. Bisogna stare quindi attenti a non lasciarsi sedurre specie quando ciò che dice Gesù Cristo non causa fastidi o interroga la coscienza. Gesù con la sua parola causa salutari scossoni all'anima che all'inizio pungono la coscienza. Inoltre spiega che chi annuncia il Vangelo non deve farlo per interessi umani e non deve essere di peso alla comunità. Aiutare chi annuncia il Vangelo sì, ma l'annunciatore non deve mai e poi mai diventare un peso. Chiediamo aiuto alla Madonna che ci aiuti a discernere tra Eresie e Vangelo Vero. Ave Maria!


#avvertenze #donodelladivinavolontà #divinavolontà
#leggeregliscritti

Gesù dice a Luisa che L'UNICO MODO per intraprendere il percorso sulla Divina Volontà e vivere e ottenere il Dono è leggere gli scritti, perché questi scritti sono il percorso che Gesù ha fatto fare a Luisa e che devono fare tutti coloro che hanno intenzione di accettare questo Dono.
Nei primi dieci volumi Gesù fa con Luisa tutto un lavoro di purificazione e spogliazione della volontà umana, togliendo piano piano i peccati, i vizi, le passioni ecc.
Dall'11 volume in poi, dopo avere tolto l'umano, Gesù comincia a depositare in Luisa il dono della Divina Volontà, sostituendo all'umano il divino.
Quindi fino all'11° volume il percorso è quello di purificazione e dall'11° in poi si comincia a parlare della Divina Volontà.
Questo è il percorso che Gesù ha fatto fare a Luisa e che vuole fare con ciascuno di noi; ecco perché è FONDAMENTALE leggere gli scritti per poter essere accompagnati da Gesù che ci fa da maestro per purificarci e poi donarci il Dono.

La lettura Volumi è da eseguire senza alcuna fretta ma tenendo ben presente che quello che conta è la costanza di leggere quotidianamente questi Scritti anche si trattasse di una sola pagina al giorno. La lettura dei Volumi non ha un termine in quanto la conoscenza della Divina Volontà non avrà mai fine e quindi una volta terminata la lettura dei Volumi si ricomincia da capo. La Divina Volontà non è una spiritualità ma è una vita, la vita stessa di Dio, la vita che facevano Adamo ed Eva prima del peccato, la vita che faceva la Madonna e che fanno i Beati in Cielo e questo è il motivo per il quale, affinché la vita di Dio diventi vita nostra, è necessario conoscere e approfondire il Dono sempre di più senza mai interrompere la lettura.

Post has attachment
Ho trovato in rete un sacerdote che spiega bene il vivere nella divina volontà (questa è la puntata introduttiva). Se hai solo un'ora di tempo libero (alla sera o al pomeriggio) ti consiglio di guardarlo...

https://www.youtube.com/watch?v=0iSyq76Yj74

"Gesù vi prega che facciate regnare il suo Volere in voi! Vuol farvi cambiare fortuna: da infermi, sani; da poveri, ricchi; da deboli, forti; da volubili, immutabili; da schiavi, re. Non sono le grandi penitenze che vuole, non lunghe preghiere nè altro, ma che vi regni il suo Volere e che la vostra volontà non abbia più vita. Deh, ascoltatelo!"

Luisa Piccarreta

#luisapiccarreta #donleonardomariapompei #divinavolontà #divinvolere
#catechesi #radiobuonconsiglio


(stralcio di meditazione)
4. “La potenza del desiderio”. Il primo atto di accesso a questo regno Divino è la conoscenza delle verità di esso: chi entra in contatto con gli scritti di Luisa può stare certo che ha ricevuto la chiamata a divenire cittadino di questo felicissimo regno. L’accoglienza, la comprensione e l’approfondimento di queste sublimi verità è il secondo passo. Ma entrambi i primi due sono solo passi di avvicinamento alla porta del Regno del Divin Volere, che si apre solo a chi lo DESIDERA con tutto il cuore, pensa giorno e notte a stato così santo e così pieno di felicità e di ogni bene e finalmente RISOLVE E DECIDE nel suo cuore il santo viaggio della vita nel Divin Volere, entrando in questo mondo (le cui porte sono custodite dalla Santissima Trinità in Persona e dalla Divina Maria) e cominciando, notte e giorno, giorno e notte, a vivere di esso, a girare continuamente in esso, a pensare, desiderare, volere, agire, parlare e operare conformemente ai Divini Voleri e nella Divina Volontà. Un viaggio totalmente divino per una vita eterna realmente anticipata in questo mondo. In questo regno si vive l’inimmaginabile, si trova l’inenarrabile, si gustano frutti di cielo, si rimane umani ma si vive in modo totalmente divino. 

Post has attachment
Ho trovato in rete un sacerdote che spiega bene il vivere nella divina volontà (questa è la puntata introduttiva). Se hai solo un'ora di tempo libero (alla sera o al pomeriggio) ti consiglio di guardarlo...

https://www.youtube.com/watch?v=0iSyq76Yj74

"Gesù vi prega che facciate regnare il suo Volere in voi! Vuol farvi cambiare fortuna: da infermi, sani; da poveri, ricchi; da deboli, forti; da volubili, immutabili; da schiavi, re. Non sono le grandi penitenze che vuole, non lunghe preghiere nè altro, ma che vi regni il suo Volere e che la vostra volontà non abbia più vita. Deh, ascoltatelo!"

Luisa Piccarreta

#luisapiccarreta #donleonardomariapompei #divinavolontà #divinvolere
#catechesi #radiobuonconsiglio


(stralcio di meditazione)
4. “La potenza del desiderio”. Il primo atto di accesso a questo regno Divino è la conoscenza delle verità di esso: chi entra in contatto con gli scritti di Luisa può stare certo che ha ricevuto la chiamata a divenire cittadino di questo felicissimo regno. L’accoglienza, la comprensione e l’approfondimento di queste sublimi verità è il secondo passo. Ma entrambi i primi due sono solo passi di avvicinamento alla porta del Regno del Divin Volere, che si apre solo a chi lo DESIDERA con tutto il cuore, pensa giorno e notte a stato così santo e così pieno di felicità e di ogni bene e finalmente RISOLVE E DECIDE nel suo cuore il santo viaggio della vita nel Divin Volere, entrando in questo mondo (le cui porte sono custodite dalla Santissima Trinità in Persona e dalla Divina Maria) e cominciando, notte e giorno, giorno e notte, a vivere di esso, a girare continuamente in esso, a pensare, desiderare, volere, agire, parlare e operare conformemente ai Divini Voleri e nella Divina Volontà. Un viaggio totalmente divino per una vita eterna realmente anticipata in questo mondo. In questo regno si vive l’inimmaginabile, si trova l’inenarrabile, si gustano frutti di cielo, si rimane umani ma si vive in modo totalmente divino. 

L'unico mio contento è veder felice la creatura.
E siccome quello che la rende infelice è l'umano volere, tolto questo tutte le infelicità finiscono, né hanno più ragione d'esistere.
QUELLO CHE FA MORIRE TUTTE LE INFELICITÀ UMANE È LA SOLA MIA VOLONTÀ.
Innanzi ad Essa tutti i mali si sentono morire.
Essa è come il sole che sorge il mattino, che tiene virtù di mettere in fuga le tenebre della notte, le tenebre innanzi alla luce muoiono, né hanno più diritto desistere.
Così è della mia Divina Volontà.

(Gesù alla Serva di Dio Luisa Piccarreta)

Trovata su Facebook #divinavolonta'

Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 5,27-32.
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: Non commettere adulterio;
ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha gia commesso adulterio con lei nel suo cuore.
Se il tuo occhio destro ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geenna.
E se la tua mano destra ti è occasione di scandalo, tagliala e gettala via da te: conviene che perisca uno dei tuoi membri, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geenna.
Fu pure detto: Chi ripudia la propria moglie, le dia l'atto di ripudio;
ma io vi dico: chiunque ripudia sua moglie, eccetto il caso di concubinato, la espone all'adulterio e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio».
*****************************************************
Gesù è netto: con il peccato nessun compromesso. Siamo destinati alla Vita del Paradiso e il peccato è il bastone che ci tarpa il volo. Non si pecca solo con gli atti, dice Gesù, è la nostra volontà che, piegandosi al male, ci fa contaminare dall'interno rendendomi sepolcri imbiancati. Eliminiamo quindi dalla nostra vita le occasioni (occhio = vista per vedere cose cattive, mano = opere e piede = desiderio di camminare verso il male) di peccato, con frequente preghiera e sacramenti facciamoci guarire da Gesù. Chiediamo aiuto a Maria, Lei che ha schiacciato la testa al serpente. Ave Maria!



#Vangelo #GesùCristo #Matteo #giustizia #Geenna
#sinedrio #fratello
Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 5,20-26.
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: « Io vi dico: se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli.
Avete inteso che fu detto agli antichi: Non uccidere; chi avrà ucciso sarà sottoposto a giudizio.
Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio. Chi poi dice al fratello: stupido, sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: pazzo, sarà sottoposto al fuoco della Geenna.
Se dunque presenti la tua offerta sull'altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te,
lascia lì il tuo dono davanti all'altare e và prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna ad offrire il tuo dono.
Mettiti presto d'accordo con il tuo avversario mentre sei per via con lui, perché l'avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia e tu venga gettato in prigione.
In verità ti dico: non uscirai di là finché tu non abbia pagato fino all'ultimo spicciolo! »
************************************************************************
E' arrivato Gesù a dare compimento alla legge, per spiegarne il senso. Le leggi prima si limitavano all'essenziale, al minimo. Ora Lui chiede ai suoi discepoli di aumentare, spiega il senso della legge: la carità verso il prossimo e verso Dio. Insultare il fratello o il prossimo è come ucciderlo, non è l'azione materiale ma è l'uccisione nel cuore del fratello/sorella. Uno ammazza fisicamente una persona che ha già ucciso spiritualmente. Noi cristiani dobbiamo amare il prossimo in questo modo. Volere bene anche a chi ci dà fastidio eliminando atteggiamenti equivoci o altro. Non possiamo fare la Comunione con Gesù se non stiamo in comunione con i nostri fratelli o sorelle. Prima chiediamo scusa o cerchiamo di fare il possibile per sanare le diatribe. Per far questo però occorre pregare e chiedere aiuto anche nella confessione. Chiediamo anche aiuto a Maria Santissima per perdonare - di cuore - chi ci ha offeso o chi noi abbiamo offeso.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 5,17-19.
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: « Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento.
In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure un iota o un segno dalla legge, senza che tutto sia compiuto.
Chi dunque trasgredirà uno solo di questi precetti, anche minimi, e insegnerà agli uomini a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà agli uomini, sarà considerato grande nel regno dei cieli. »
******************************************,,*****
Con la sua venuta, Gesù non è venuto ad abolire la legge (non rubare, non uccidere ecc..) ma ad approfondire ciò che aveva detto sul Sinai. Non uccidere non è solo ammazzare fisicamente una persona ma anche insultarla o mentire è uccidere. È l'amore verso Dio e il prossimo che deve fare da misura in questo modo di comprende meglio la gravità di certe situazioni che sembrano banali. Gesù poi dice che tutti noi possiamo, con il nostro esempio o parole, aiutare i nostri fratelli e sorelle nel seguire la Volontà di Dio o no (ricordandoci che se esiste anche la possibilità di insegnare male). Preghiamo, controlliamo la nostra vita in modo che Gesù possa farci grandi nel Regno suo. Ave Maria!
#Vangelo #GesuCristo #precetti 

#Vangelo #GesùCristo #Matteo #discorsodellamontagna
#beati #beatitudini #FiglidiDio

Dal #Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 5,1-12.
In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sulla montagna e, messosi a sedere, gli si avvicinarono i suoi discepoli.
Prendendo allora la parola, li ammaestrava dicendo:
«Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.
Beati gli afflitti, perché saranno consolati.
Beati i miti, perché erediteranno la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia.
Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli».
***********************************************************************
Oggi Gesù illustra quella che in molti chiamano la carta costituzionale del Regno dei Cieli. Come entrare nel regno dei cieli? In questo discorso , Gesù pronuncia le linee guida nelle quali una persona deve rispecchiarsi per poter entrare nel regno di Dio. Se nella mia vita sono fonte di litigi ed insulto il prossimo, difficilmente potrò essere chiamato operatore di pace e ovviamente dev'esserci sempre Gesù al centro. Una persona è pacifica ma perchè segue Gesù, non perchè va di moda.
*******************************************************************
Beati gli afflitti, non è che se piango o vengo visitato dalla sofferenza allora sono automaticamente nel regno di Dio (così come la povertà). Ma come vivo la sofferenza? Mi ribello / accuso Gesù o la offro a Gesù? Sono attaccato ai beni terreni o sono pronto ad usarli per il prossimo (secondo le mie capacità)?
********************************************************************
Preghiamo Maria santissima che ha vissuto in modo splendido le beatitudini che ci possa aiutare adesso a noi che siamo nella prova. #AveMaria !
Wait while more posts are being loaded