Profile cover photo
Profile photo
Daquialà onlus
11 followers
11 followers
About
Communities and Collections
View all
Posts

Post has shared content
Anche quest’anno si sono svolti i laboratori con i bambini del catechismo e il gruppo degli adolescenti che hanno intrapreso il cammino dopo la Cresima.l laboratori sono stati coinvolgenti e hanno dato occasione ai catechisti di osservare i ragazzi e di crescere insieme. Gli stessi catechisti hanno sottolineato come può diventare importante parlare di Gesù attraverso queste abilità.

In un laboratorio si è lavorato sul tema della prossimità e del prendersi cura degli altri e anche del creato. I laboratori sono riusciti a realizzare il tema perfettamente coinvolgendo i ragazzi in modo molto positivo, sia le attività che le riflessioni sono state adatte al gruppo e all’età dei partecipanti.

In un laboratorio si è parlato del pregiudizio”. La relatrice e le sue “aiutanti” hanno mostrato la prima parte di un video dal titolo “The Lunch date”” e successivamente hanno fatto lavorare i ragazzi sui contenuti visti e “intuiti” relativamente alla parte vista.

Successivamente hanno mostrato la seconda parte del video: le scene erano totalmente inaspettate anche se perfettamente plausibili: nessuno dei ragazzi, nei commenti e nelle osservazioni precedenti le aveva ipotizzate, ma aveva “giudicato” spontaneamente ed erroneamente in base a idee e situazioni date per scontate.

Le conclusioni, in base alle esperienza fatta, hanno aiutato a riflettere e definire cosa sia il “pre-giudizio”.

Il laboratorio è terminato con una lettura presa dal testo di Marco Aime “Eccessi di culture” che ha reso evidente come, nonostante gli uomini appartengano a culture, razze, civiltà diverse, vi è una relazione profonda ed inconsapevole tra tantissimi fattori di vita quotidiana che accomunano ciascuno.

A questo incontro i ragazzi hanno partecipato con entusiasmo, sia per gli strumenti utilizzati (filmati, brain-storming), sia per le modalità con cui è stato condotto (la responsabile è molto brava nella gestione del gruppo).

Altro laboratorio ha avuto come tema “I talenti”, intesi come le capacità, le predisposizioni personali che ogni ragazzo scopre in sé crescendo.

I ragazzi hanno assistito alla testimonianza di una ragazzo, Jerreh, partito dal Gambia a 16 anni, lasciando la madre e i fratelli, che raccontato il suo viaggio ed il motivo per cui lo ha intrapreso.

Jerreh è salito su un pullman e ha fatto un viaggio durissimo e pericoloso attraversando deserto, Senegal, Mali, Burkina Faso, Nigeria e Libia, per poi arrivare su un gommone in Sicilia, da cui è stato trasferito nel Parmense, e accolto da una comunità. In questa comunità Jerreh ha iniziato il suo percorso di integrazione e ha gettato le basi per realizzare il suo sogno: imparare a leggere e a scrivere, apprendere l’italiano, conoscere altri ragazzi, trovare un lavoro.

A Parma ha incontrato l’associazione Agevolando e un gruppo di volontari che lo sostengono e lo accompagnano, anche quando è diventato maggiorenne. Con uno di loro, Roberto, maestro in pensione, Jerreh ha raccontato la storia del suo viaggio in un piccolo libro: “Storia di un lungo viaggio”.

Al termine della sua testimonianza Jerreh ha mostrato un breve video con foto del viaggio. Ora il sogno di Jerreh è “diventare un politico non come quelli della tv, un politico che possa fare del bene alle persone”! I ragazzi (ed i catechisti) hanno seguito con molta attenzione questa testimonianza, molto colpiti ed impressionati dal coraggio, dalla determinazione e dalla saggezza di Jerreh. I laboratori siano stati molto efficaci relativamente alle tematiche che avevano come oggetto. Le persone che li hanno condotti sono state molto incisive e “preparate”.
Photo
Add a comment...

Post has shared content
Si è concluso il laboratorio teatrale con gli adolescenti di terza media della nostra Parrocchia meravigliosamente guidati dall’attrice Stefania Maceri sul tema del pregiudizio. Uno spettacolo emozionante e con tanto amore

9 angeli scesi a raccontare la verità.
9 esseri pronti a raccontare il pregiudizio.
9 meraviglie che a 12/13 anni sanno dire e dare l’immenso.
1 Grazie d’infinito amore e gratitudine.

Così le parole di uno (Spettatore):
“Oggi mio figlio, per mezz’ora, non era più mio figlio ed io, per mezz’ora, non ero più suo padre. Ed ho provato un’emozione indescrivibile. Oggi lui era una persona che comunicava l’incomunicabile
Photo
Add a comment...

Post has attachment
Si è concluso il laboratorio teatrale con gli adolescenti di terza media della nostra Parrocchia meravigliosamente guidati dall’attrice Stefania Maceri sul tema del pregiudizio. Uno spettacolo emozionante e con tanto amore

9 angeli scesi a raccontare la verità.
9 esseri pronti a raccontare il pregiudizio.
9 meraviglie che a 12/13 anni sanno dire e dare l’immenso.
1 Grazie d’infinito amore e gratitudine.

Così le parole di uno (Spettatore):
“Oggi mio figlio, per mezz’ora, non era più mio figlio ed io, per mezz’ora, non ero più suo padre. Ed ho provato un’emozione indescrivibile. Oggi lui era una persona che comunicava l’incomunicabile
Photo
Add a comment...

Post has attachment
Anche quest’anno si sono svolti i laboratori con i bambini del catechismo e il gruppo degli adolescenti che hanno intrapreso il cammino dopo la Cresima.l laboratori sono stati coinvolgenti e hanno dato occasione ai catechisti di osservare i ragazzi e di crescere insieme. Gli stessi catechisti hanno sottolineato come può diventare importante parlare di Gesù attraverso queste abilità.

In un laboratorio si è lavorato sul tema della prossimità e del prendersi cura degli altri e anche del creato. I laboratori sono riusciti a realizzare il tema perfettamente coinvolgendo i ragazzi in modo molto positivo, sia le attività che le riflessioni sono state adatte al gruppo e all’età dei partecipanti.

In un laboratorio si è parlato del pregiudizio”. La relatrice e le sue “aiutanti” hanno mostrato la prima parte di un video dal titolo “The Lunch date”” e successivamente hanno fatto lavorare i ragazzi sui contenuti visti e “intuiti” relativamente alla parte vista.

Successivamente hanno mostrato la seconda parte del video: le scene erano totalmente inaspettate anche se perfettamente plausibili: nessuno dei ragazzi, nei commenti e nelle osservazioni precedenti le aveva ipotizzate, ma aveva “giudicato” spontaneamente ed erroneamente in base a idee e situazioni date per scontate.

Le conclusioni, in base alle esperienza fatta, hanno aiutato a riflettere e definire cosa sia il “pre-giudizio”.

Il laboratorio è terminato con una lettura presa dal testo di Marco Aime “Eccessi di culture” che ha reso evidente come, nonostante gli uomini appartengano a culture, razze, civiltà diverse, vi è una relazione profonda ed inconsapevole tra tantissimi fattori di vita quotidiana che accomunano ciascuno.

A questo incontro i ragazzi hanno partecipato con entusiasmo, sia per gli strumenti utilizzati (filmati, brain-storming), sia per le modalità con cui è stato condotto (la responsabile è molto brava nella gestione del gruppo).

Altro laboratorio ha avuto come tema “I talenti”, intesi come le capacità, le predisposizioni personali che ogni ragazzo scopre in sé crescendo.

I ragazzi hanno assistito alla testimonianza di una ragazzo, Jerreh, partito dal Gambia a 16 anni, lasciando la madre e i fratelli, che raccontato il suo viaggio ed il motivo per cui lo ha intrapreso.

Jerreh è salito su un pullman e ha fatto un viaggio durissimo e pericoloso attraversando deserto, Senegal, Mali, Burkina Faso, Nigeria e Libia, per poi arrivare su un gommone in Sicilia, da cui è stato trasferito nel Parmense, e accolto da una comunità. In questa comunità Jerreh ha iniziato il suo percorso di integrazione e ha gettato le basi per realizzare il suo sogno: imparare a leggere e a scrivere, apprendere l’italiano, conoscere altri ragazzi, trovare un lavoro.

A Parma ha incontrato l’associazione Agevolando e un gruppo di volontari che lo sostengono e lo accompagnano, anche quando è diventato maggiorenne. Con uno di loro, Roberto, maestro in pensione, Jerreh ha raccontato la storia del suo viaggio in un piccolo libro: “Storia di un lungo viaggio”.

Al termine della sua testimonianza Jerreh ha mostrato un breve video con foto del viaggio. Ora il sogno di Jerreh è “diventare un politico non come quelli della tv, un politico che possa fare del bene alle persone”! I ragazzi (ed i catechisti) hanno seguito con molta attenzione questa testimonianza, molto colpiti ed impressionati dal coraggio, dalla determinazione e dalla saggezza di Jerreh. I laboratori siano stati molto efficaci relativamente alle tematiche che avevano come oggetto. Le persone che li hanno condotti sono state molto incisive e “preparate”.
Photo
Add a comment...

Post has attachment
Photo
Add a comment...

Post has attachment
Add a comment...

Post has attachment
EVENTO DI SOLIDARIETA'. TI ASPETTIAMO!!!!
Photo
Add a comment...

Post has shared content
La costruzione della scuola in Costa d'Avorio prosegue con entusiasmo. Orgogliosi di questo progetto!!
PhotoPhotoPhoto
29/07/17
3 Photos - View album
Add a comment...

Post has attachment
La costruzione della scuola in Costa d'Avorio prosegue con entusiasmo. Orgogliosi di questo progetto!!
PhotoPhotoPhoto
29/07/17
3 Photos - View album
Add a comment...

Una buona notizia!! Il nostro studente Omer ha concluso in maniera positiva anche il secondo anno dei suoi studi in Ingegneria!!!!
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded