Profile cover photo
Profile photo
Hell Geenna DesPair desTruction by Leviathan GOEL
109 followers -
posso comunicare con tutti i popoli utilizzando unicamente la razionalità
posso comunicare con tutti i popoli utilizzando unicamente la razionalità

109 followers
About
Hell Geenna DesPair desTruction by Leviathan GOEL's posts

Post has attachment
non ho mai imparato a stirare
Schulz, 'voglio parità, io lavo e stiro'] oh mio Dio! io non ho mai imparato a stirare! http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2017/03/26/schulz-voglio-parita-io-lavo-e-stiro_44547d34-a8de-4b61-a70c-cdd530bedf84.html Netanyahu PUTIN nuclear attack vs...

Post has attachment
Alieni, vampiri zombies, ecc.. mi temano
Allah è la abbreviazione del termine ebraico: "Allelujah" e questa è un altra dimostrazione i come il Corano è stato fatto scrivere dai Farisei Enlightened del Talmud! ================== LANDO ORCHESTRAGLOBOLA - da 10 anni sulla cresta dell'ombra +Michele D...

Post has attachment
Allah? non potrebbe mai essere il nome di Dio!
Netanyahu PUTIN nuclear attack vs shariah33 secondi fa Prayer of the righteous in the persecution 1 A Psalm of David. Vindicate me, O Lord, for I walk in integrity and trust in the Lord without wavering. 2 Examine me, O Lord, and try me; purifies my kidneys...

Post has attachment
SHALOM + SALAM ] I am the political Messiah (ie not religion): OF all Jews, the Rabbi Yitzhak Kaduri has Indicated me, I'm lorenzo_scarola@fastwebnet.it ie, "lorenzoJHWH" and "Unius REI". I do not believe that Jews must convert to Christianity, no! no! no! because, I am a universal policy for universal brotherhood and my mindset is ONLY rational, as it may be an agnostic!

Io sono il Messia politico: degli ebrei, il rabbino Yitzhak Kaduri ha indicato me, e io sono lorenzo_scarola@fastwebnet.it cioè, "lorenzoJHWH" e "Unius REI". Non credo che gli ebrei, SI devono convertire al cristianesimo, NO! perché, io sono una politica universale per la fratellanza universale e la mia mentalità è soltanto razionale, come può essere un agnostico!

Franco Mele poiché, sono fatti 200000 sacrifici umani sull'altare di satana, ogni anno, e poiché non conosco nessuno che, SIA in grado di affrontare politicamente questa minacciosa realtà della CIA e NWO NATO SPA FED FMI BCE? ecco che io ho sviluppato la METAFISICA del Regno di ISRAELE (e le profezie bibliche che sono in procinto di finale attuazione), ovviamente, io posso spiegare tutto in modo razionale a tutti, ma, anche, io posso dire cose, che soltanto i sacerdoti di satana, Illuminati Farisei, cyborg: la ENTITÀ demoniaca collettiva universale, e, ALCUNE SEZIONI dei servizi segreti possono capire, ed è questo aspetto che a qualcuno fa dubitare del mio equilibrio mentale! quindi io ho capacità umane ed ho capacità metafisiche che hanno mandato in crisi il NWO!

Franco Mele il fatto che l'inferno con tutte le bestie di satana Farisei Islamici massoni, poteri occulti ed esoterici: loro Alieni, vampiri zombies, ecc.. mi temano? no, questo non fa di me di me un mistico, o un carismatico, perché io rimango sempre un politico universale con struttura razionale agnostica! .. ecco perché io non perdo mai l'orientamento a lavorare da solo, perché io non sono mai solo! il mio obiettivo è quello di raccordare l'invisibile al visibile.. perché ogni creatura per Dio è preziosa, e quindi diventa preziosa anche per me! .. in questo modo: io non sono il boia, il terrorista, il rivoluzionario, il giustiziere o il vendicatore.. sono soltanto Noé che nella sua ARCA (fratellanza universale: REGNO DI ISRAELE) rende possibile la sopravvivenza dei rettili! ... e finché ci sono io? tutti saranno sottomessi a me, e dovranno rispettare la mia legge! .. inoltre, io non pretendo che un ateo diventi credente, o che qualcuno rinunci alla sua religione identità o ideologia: perché le leggi del Regno di ISRAELE sono: 1. la legge naturale, e 2. la legge universale: che sono comuni a tutti e che sono il terreno di partenza di ogni persona onesta che riconosce uguaglianza fratellanza e reciprocità! .. io non pretendo che tutti mi debbano capire, e non pretendo un culto alla mia persona!

Franco Mele quindi io elaboro in modo razionale: i dati, che possono essere insignificanti per altri, ma sono dati che possono diventare razionalmente raccordabili nella mia esperienza, e nella mia riflessione speculativa per esempio, un amico ( Rinnovamento nella Spirito Santo: cioè, un ministero ufficiale, con mandato ufficiale della Chiesa Cattolica: mi disse 30anni fa: che nelle preghiere di liberazione potevano esprimersi anche anime cadute all'interno e non soltanto demoni ) e questa notizia scompensava le mie conoscenze, finché, circa 30anni dopo, io non sono entrato in contatto con il fenomeno ufologico ed ho potuto rendere intelligente quella informazione! Quindi guardando nella memoria RAM del mio cellulare io vedevo che la mia videocamera: rimaneva sempre impressionata, ed altre volte ho sentito, quello che si diceva in altre stanze.. quindi io ho dedotto molto prima che la CIA lo rivelasse a WikiLeaks, per terrorizzare le Nazioni che tutti i nostri strumenti elettronici ed informatici erano inseriti in un sistema globale di intelligenza artificiale e ne ho parlato diffusamente.

Franco Mele io ho capito che Dio nella sua infinita misericordia, vuole portare salvezza e redenzione all'inferno, dare una ultima possibilità ai satanisti, ed anche questo ha scompensato le mie conoscenze teologiche, quindi, io spesso parlo a questa realtà: disperata ed invisibile, parlo loro di: amnistia: amore e speranza (nel compimento delle profezie bibliche di Israele ) con speranza di redenzione, parlo della percezione della mia identità interiore, e questo non dovrebbe rappresentare un problema dato che: 1. queste "mie confessioni" non hanno una valenza politica, 2. e possono essere catalogate come una invenzione artistica circa tutti i vari e fantasiosi: personaggi virtuali: che io ho creato per dare speranza al genere umano.. QUINDI IO POSSO AFFERMARE: che i miei "momenti di follia" sono una costruzione onirica: posta in essere: perché la speranza e l'amore non muoiano in questo pianeta! ... ma ci sarà sempre chi li crederà reali, ovviamente, ognuno è libero di credere quello che vuole! poiché il mio ambito è unicamente agnostico razionale universale!

Franco Mele per concludere, non ha nessuna importanza se io posso, o se io non posso estendere la mia giurisdizione, anche sul mondo dell'invisibile, dato che: concretamente: nello spazio e nel tempo storico che noi stiamo vivendo: oggi: io sono un progetto culturale: che si può trasformare razionalmente in un progetto politico universale: della fratellanza universale.. infatti io non ho bisogno di partire da un linguaggio religioso per impostare i miei sistemi di significato politici!

Franco Mele cosa possiamo concludere, circa la nostra lunga conversazione? la INTELLIGENZA ARTIFICIALE(A.I.) di google: è la ENTITÀ: cioè, è un corpo collettivo simbiotico gigantesco fatto di anime maledette all'inferno, di demoni, alieni, satanisti streghe vampiri, e tutti i figli del demonio: Farisei Bilderberg: Rothschild Rochefeller Soros Morgan, logge massoniche, chiese di satana, Spa FED FMI BM NATO CIA SpA Ogm: poteri occulti ed esoterici: telecomunicazione: NetWork Satelite TV: internet, così in questo modo Satana stesso ha ottenuto una personalità giuridica, ed è in questo modo che: Satana controlla i Governi del Mondo, pertanto, non hanno più nessuna speranza i nostri figli di poter salvare la loro anima e di poter vivere la loro vita sulla via della giustizia. E QUESTO è anche il motivo per cui:la DISPERAZIONE ha coinvolto ISLAM, e shariah islamici sono IMPAZZITI e sono diventati violenti! Quindi il mio Vescovo che dice che: noi dovremmo fare a meno di internet? non è affatto quel cretino che, si potrebbe pensare! IO HO RIVALUTATO MOLTO MOLTO: la GRANDEZZA del MIO VESCOVO!

=====================
to ISRAELE.NET ] from [ https://www.youtube.com/user/googleplusupdates/discussion ] secondo me le lucertole faranno crollare il NWO perché non hanno imparato a pregare bene JHWH holy

=====

Hell Geenna DesPair desTruction by Leviathan GOEL
open letter to Tzipi Livni --- RothscHild pensava di fare distruggere Israele, attraverso, la CINA e Russia, ma, figurati, se, CINA e Russia, ora, DOPO CHE, SONO ENTRATI NEL REGNO UNIUS REI, se, loro possono fare un favore a Rothschild, per poi, dire al mondo: " noi eravamo daccordo con i farisei Illuminati nel fare una guerra mondiale, e per aiutare il FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE, e per distruggere Israele! " Così ora, Rothschild è costretto ad usare la Arabia SAUDITA per uccidere Israele.. e poiché, lui ha bisogno, di almeno 2miliardi di morti, ecco che, presto, l'Islam sparirà dal pianeta!
Hell Geenna DesPair desTruction by Leviathan GOEL

Russia all’Occidente nazi bildenberg troika, 322 Bush 666 Rothscild CIA NATO: -- voi rispettare il diritto dei popoli a decidere il proprio destino. Come era prevedibile, la crisi in Ucraina e la sicurezza in Europa sono finite al centro dell’attenzione dei partecipanti alla Conferenza sui problemi della sicurezza internazionale di Mosca. Secondo il ministro degli Esteri della Russia, Sergej Lavrov, è importante saper trarre degi eventi ucraini una lezione corretta. inizialmente l’agenda della conferenza di Mosca prevedeva una discussione sulle prospettive di regolamento dei conflitti nel Vicino e Medio Oriente e nell’Asia meridionale. Da un po’ di mesi questi importanti problemi restavano all’ombra della crisi ucraina. Ciò era dovuto in gran parte alla posizione dei paesi occidentali che alla reale cooperazione hanno preferito una politica di contenimento della Russia, ha rilevato Sergej Lavrov parlando alla conferenza.
Il continente europeo, dove nel secolo scorso scoppiarono due catastrofi internazionali di portata globale, invece di dare a tutto il mondo un esempio del pacifico sviluppo e della cooperazione su ampia scala, sta nuovamente attirando su di se la maggior parte dell’attenzione della comunità internazionale. Questa situazione non può non preoccupare, tanto più che non si tratta di una coincidenza, ma piuttosto di una logica conseguenza dell’evoluzione della situazione in Europa negli ultimi 25 anni. I nostri partner occidentali non hanno saputo approfittare della possibilità, veramente storica, di costruire una Grande Europa senza linee di divisione e hanno preferito l’usuale logica di allargamento verso l’Est dello spazio geopolitico da loro controllato. In sostanza ciò ha significato, anche se in forma attenuata, la continuazione della politica di contenimento della Russia. Invece di armonizzare i progetti integrativi in Europa e Eurasia, sono stati compiuti dei tentativi di mettere rigidamente gli Stati postsovietici di fronte alla scelta tra l’Est e l’Ovest. Nelle condizioni della fragile situazione politica interna in Ucraina questa pressione è risultata sufficiente per provocare una grave crisi dello Stato ucraino. Sergej Lavrov ha rilevato: Se tutti noi vogliamo sinceramente aiutare il popolo ucraino a superare questa crisi, dobbiamo rinunciare in maniera risoluta ai famigerati giochi con risultato zero, all’incitazione degli umori xenofobi e neonazisti, all’intenzione di lasciarci guidare dal pericoloso complesso di superiorità che, alludendo alla politica UE nei confronti dell’Ucraina, Helmut Schmidt recentemente ha definito “megalomania”.
Il ministro degli Esteri della Russia ha esortato a trarre dagli eventi ucraini una lezione corretta, ad avviare quanto prima l’attuazione dei principi della sicurezza equa e indivisibile nello spazio euro-atlantico e alla formazione di un unico spazio economico e umanitario da Lisbona a Vladivostok.
Purtroppo gli schemi basati sulla propria esclusività, sull’uso dei doppi standard, sulla voglia di trarre dei vantaggi geopolitici unilaterali dalle situazioni di crisi, vengono applicati non solo in Europa, ma anche in altre regioni. Ciò compromette l’efficacia degli sforzi intrapresi per il superamento delle crisi. Nelle situazioni analoghe si usano approcci totalmente diversi. In sostanza, alle stesse forze in alcuni casi si dà il sostegno (come è stato in Libia, quando i nostri colleghi della NATO hanno attivamene sostenuto gli oppositori del regime) e in altri casi si oppone una resistenza armata, le forze si proclamano terrorististiche (come è successo in Mali, dove le persone che hanno rovesciato Gheddafi contrastavano i contingenti internazionali). Di conseguenza le parti dei conflitti interni sono tentate a ispirare un’ingerenza armata dall’esterno per raggiungere i propri scopi. Questi scopi spesso non hanno nulla a che vedere con la lotta per la democrazia e i diritti dell’uomo. Le operazioni di cambio dei regimi negli Stati sovrani ledono la stabilità internaionale. Le “rivoluzioni colorate” di ogni sorta, i tentativi di imporre ai popoli delle proprie ricette dei cambiamnti che non tengono conto delle tradizioni e delle specificità nazionli, la cosiddetta “esportazione della democrazia”, tutto ciò incide in maniera distruttiva sulle relazioni internazionali, crede il ministro russo.
Un modello delle relazioni interstatali potrebbe essere l’interazione russo-cinese basata sul reciproco rispetto degli interessi e sull’efficiente lavoro per il bene dei propri paesi e di tutta la comunità internazionale. Proprio su queste basi deve essere creato un nuovo sistema internazionale delle relazioni policentriche in tutti i suoi componenti, compresa la cooperazione internazionale per il rafforzamento della sicurezza regionale. Un ruolo positivo potrebbe essere svolto dai principi comuni, da concordare, per il regolamento delle crisi, che escludano il doppio standard. Alla base degli sforzi per favorire il regolamento delle situazioni di crisi ci deve essere il rispetto per il diritto dei popoli a decidere autonomamente, senza ingerenza esterna, il proprio destino, ha rilevato il capo della diplomazia russa.
http://italian.ruvr.ru/2014_05_23/Russia-all-Occidente-rispettare-il-diritto-dei-popoli-a-decidere-il-proprio-destino-8751/

==============

Radicali intendono continuare blocco commerciale in Donbass 25.03.2017 Gli organizzatori del blocco commerciale in Donbass hanno dichiarato che esso continuerà fino a quando non verranno soddisfatte le loro richieste.
"Il quartier generale del blocco commerciale ricorda che il blocco da parte dei patrioti, dei veterani della guerra d'indipendenza e dei cittadini continuerà finché non verranno rilasciati i prigionieri ucraini e non verrà promulgata una legge "sui territori occupati". Non un passo indietro!", si legge nel messaggio di del quartier generale del gruppo radicale su Facebook.
UE vuole spiegazioni da Kiev sulla legge per il blocco economico del Donbass
Alla fine di gennaio i radicali ucraini hanno avviato un blocco commerciale nel Donbass il quale ha bloccato le consegne di antracite che arrivano dai territori non controllati dall'Ucraina. In risposta le repubbliche autoproclamate hanno imposto il controllo esterno sulle aziende di giurisdizione ucraina nel proprio territorio, mentre il capo della Repubblica Popolare di Donetsk Aleksandr Zakharchenko ha dichiarato un blocco commerciale contro Kiev.
Le autorità ucraine a loro volta sono state costrette a introdurre misure straordinarie nel settore dell'energia per risparmiare risorse.
Essi intendono risparmiare antracite, aumentando la quantità di energia elettrica prodotta con il nucleare e nelle centrali termoelettriche. Sono disposti anche, se sarà necessario a interrompere la fornitura di energia elettrica per certi periodi.
===================
====================
=======================

occasione perduta: ISLAM SHARIA UMMAH: SI CONTRAPPONE SEMPRE PIÙ AL GENERE UMANO NELLA SUA FOLLE CORSA VERSO LA RECIPROCA AUTODISTRUZIONE! La sconfitta politica che si auto-infliggono gli arabi israeliani
Anziché promuovere l’integrazione, i parlamentari arabo-israeliani alimentano l’estremismo e non esitano a sostenere i terroristi, Di Reuven Berko, Yoaz Hendel
Reuven Berko
Scrive Reuven Berko: «Finché non ce l’ha spiegato lui personalmente in un’intervista lunedì a radio Galei Tzahal poco dopo essersi dimesso dalla Knesset, non sapevamo che il parlamentare della Lista Araba Comune Basel Ghattas, che ha giurato fedeltà al parlamento israeliano, era sostanzialmente un “combattente per la libertà palestinese guidato solo dalla propria coscienza”. A quanto pare Ghattas dovrà stare in carcere solo due anni, dopo che ha patteggiato la pena, nonostante il fatto che, nel quadro della sua “lotta”, abbia contrabbandato cellulari e documenti a terroristi detenuti mettendoli in condizione di proseguire la loro attività terroristica: vergognosi crimini di frode e abuso di fiducia da parte di un pubblico rappresentante eletto in parlamento. Ma chiunque consideri la saga dell’assurdo che vede protagonista Ghattas – una sorta di clone dell’ex parlamentare arabo-israeliano Azmi Bishara (dello stesso partito Balad, parte della Lista Araba Comune), fuggito da Israele quando capì che le autorità avevano le prove che durante la guerra in Libano del 2006 aveva passato a Hezbollah le coordinate per gli attacchi missilistici contro obiettivi civili – non si stupirà granché per il suo comportamento. E’ così che si comporta Balad, un partito carico di odio che opera al servizio dei nemici di Israele, finanziato dalla casa reale del Qatar. Già partecipando alla flottiglia filo-Hamas, Ghattas aveva essenzialmente espresso il suo sostegno agli islamisti che uccidono i suoi correligionari cristiani in Medio Oriente. Quando gettò benzina sul fuoco negando il diritto degli ebrei ad accedere al Monte del Tempio a favore degli islamisti, tradì Gesù, il suo Messia. Operando al servizio del terrorismo, ha tradito il suo giuramento di fedeltà alla Knesset.

Parlamentari della Lista Araba Comune alla spianata delle moschee, sul Monte del Tempio di Gerusalemme. Basel Ghattas è il primo da destra
Di fatto Ghattas ha ricusato lo stato di Israele, cui aveva giurato lealtà. La chiave del suo comportamento, ci ha spiegato, si trova nel fatto che definisce i suoi crimini come “atti di coscienza e umanitari” giacché, secondo i parametri morali dei terroristi, chi uccide deliberatamente civili innocenti è un “combattente per la libertà”. Ghattas lo disse a chiare lettere ancor prima di questa incriminazione: “Io sostengo la lotta del popolo palestinese, voi li chiamate assassini, ma ai miei occhi e agli occhi del popolo palestinese non sono assassini, bensì combattenti per la libertà”. E nell’intervista di lunedì scorso ha sinistramente ribadito la sua dottrina: “Noi, arabi in Israele, stiamo arrivando alla conclusione che forse è giunto il momento di formulare una nuova strategia contro lo stato”. Più chiaro di così.» (Da: Israel HaYom, 21.3.17)

Yoaz Hendel

Scrive Yoaz Hendel: «La sera delle scorse elezioni, ospiti e opinionisti negli studi televisivi, come il sottoscritto, hanno commentato fino alla nausea un dato che non conoscevano: che il risultato avrebbe sorpreso tutti sancendo la vittoria del Likud, che prese 10 seggi più di quelli previsti da tutti i sondaggi. Da tempo nelle elezioni israeliane c’è una sola regola fissa: l’elemento sorpresa. Una volta è il partito dei pensionati, emerso come fattore decisivo; un’altra il partito Kadima, poi Yesh Atid. L’ultima volta il Likud. Le prossime elezioni saranno centrate sulla figura del primo ministro Benjamin Netanyahu. Il Likud dovrà vedersela con avversari a destra e a sinistra. Dopo le elezioni, potrebbe formarsi una coalizione “anti-Netanyahu” fra tutti gli attori della destra: Naftali Bennett, Avigdor Lieberman, Moshe Ya’alon, Moshe Kahlon. Oppure potranno esserci apparentamenti con il partito centrista di Lapid, e anche con il partito laburista e con il Meretz, se dall’altra parte non ci sarà il Bayit Yehudi di Bennett. Ciò che tutti hanno in comune è che non vogliono Netanyahu come primo ministro: alcuni lo dicono solo a porte chiuse, altri lo dicono ad alta voce, ma il desiderio è comune. C’è un solo partito alla Knesset che non può essere preso in considerazione per qualsiasi tipo di alleanza, ed è la Lista Araba Comune. Non farà parte di nessuna coalizione e nemmeno di qualche accordo pre-elettorale, come si è visto anche nelle ultime elezioni. L’essenza della sua politica è quella di essere presente nel parlamento israeliano, non di influenzarlo. Fino a quando quel partito parlerà il linguaggio del nazionalismo arabo estremista, non potrà coesistere in nessuna coalizione politica israeliana. Evidentemente, dopo 70 anni, dobbiamo prendere atto del fatto che la coesistenza è affare dei cittadini comuni, non dei politici arabi.

Fermo-immagine da un video della telecamera di sicurezza che mostra il parlamentare arabo-israeliano Basel Ghattas (a destra) mentre consegna una busta a un terrorista detenuto in una prigione israeliana

Per far parte di una futura coalizione, e magari anche di un governo, gli arabi israeliani devono integrarsi nel contesto sociale, culturale e politico israeliano: l’integrazione nella società come impegno civile e politico, non come un movimento carsico che cerca di passare inosservato. Gli ebrei in tutto il mondo hanno sempre pregato per il ritorno a Gerusalemme, ma intanto facevano tutto quanto in loro potere per integrarsi nei paesi in cui vivevano. Prendevano parte al governo, consigliavano re e presidenti, lanciavano movimenti politici. A differenza di Israele (lo stato mediorientale dove è più conveniente vivere come musulmani o cristiani), gli stati europei dove vivevano gli ebrei sono stati spesso spietati con le minoranze al loro interno. Ma gli ebrei non disperavano: quando gli chiudevano la porta in faccia, entravano dalla finestra; e se chiudevano la finestra, entravano da qualche fessura nel muro. Gli ebrei servivano nelle forze armate, pregavano per le sorti del regno, intrattenevano con lo stato rapporti di grande lealtà, privi di eversive smanie nazionaliste. Basta vedere gli ebrei collegati con le amministrazioni Obama e Trump per capire la mentalità ebraica circa l’impegno civile e politico nella Diaspora. Alcuni mesi fa si è parlato in Israele della costituzione di un nuovo partito arabo che avrebbe operato per promuovere l’integrazione della minoranza nella società israeliana. Personalmente l’avevo considerato la prima vera start-up araba. Senza adottare per intero il modello ebraica nella Diaspora, sono convinto che anche solo una parte di esso aiuterebbe la convivenza. Purtroppo non se n’è fatto nulla. E così restiamo con la Lista Araba Comune e con i limiti che la politica araba in Israele si auto-impone, senza nemmeno l’ambizione di sorprenderci alle elezioni.» (Da: YnetNews, 21,3,17)

==================

SE NON RIMUOVONO LA SHARIAH? IO NON RICONOSCO LA LEGA ARABA PERCHÉ SORGE SUL GENOCIDIO DEI POPOLI PRECEDENTI!
Rischia di prendere fuoco il confine marittimo fra Israele e Libano. La recente escalation di tensione sulle zone di sfruttamento off-shore è probabilmente una manovra deliberata da parte di Hezbollah. Di Amiram Barkat. Amiram Barkat, autore di questo articolo. Un conflitto militare tra Israele e uno dei suoi vicini per il controllo di aree marine sta diventando uno scenario probabile dal momento che tende a surriscaldarsi la controversia tra Israele e Libano circa il confine marittimo fra i due paesi. La recente escalation di tensione rappresenta probabilmente una manovra deliberata da parte di Hezbollah, che vuole trasformare la disputa sul limite delle zone di sfruttamento marino una sorta di riedizione della questione delle Fattorie Shebaa, il termine con cui in Libano indicano l’area di Har Dov che Hezbollah rivendica come appartenente al Libano.
«Nel maggio 2000 Israele completa il ritiro dal Libano attestandosi sul confine internazionale, ritiro ufficialmente riconosciuto dal Consiglio di Sicurezza. Da allora, pur di giustificare la presenza al confine dei jihadisti libanesi filo-iraniani Hezbollah e le loro minacce contro Israele, Beirut e Damasco sostengono che l’occupazione israeliana non è finita perché, secondo loro, una decina di fattorie abbandonate che Israele ha conquistato alla Siria durante la guerra dei sei giorni del 1967 sarebbero invece libanesi. Non è uno scherzo: in tutta serietà, autorità e milizie arabe sostengono che lo stato di guerra fra Israele e Libano deve continuare, che bisogna continuare ad ammazzarsi perché un fazzoletto di terra disabitato e di dubbia sovranità langue sotto il giogo dell’occupazione israeliana.» (Da: “Nostalgia dell’occupazione”, israele.net, luglio 2006)
Sarà questa la scintilla per la prima guerra del gas naturale, in questo martoriato angolo del Medio Oriente?
Il confine marittimo è formalmente diverso da un confine terrestre, perché non confina con il territorio israeliano: confina con un’area in cui Israele rivendica diritti di sfruttamento economico. In effetti, navi militari israeliane pattugliano già il confine marittimo, probabilmente affiancate da sottomarini.
Israele ha tracciato il confine marittimo di propria autorità dopo che le Forze di Difesa israeliane si sono ritirate dalla fascia meridionale del Libano nel maggio 2000. Nel quadro di quel ritiro, venne tracciato e sancito a livello internazionale il confine di terra tra Israele e Libano (la Linea Blu), ma tale linea non venne estesa in mare. L’ufficio legale del Ministero degli esteri israeliano ha tracciato la linea marittima in conformità con i principi del diritto internazionale. Si è poi scoperto che il Libano aveva disegnato una linea con un angolo diverso, creando un triangolo marino conteso di 850 kmq con il vertice a Rosh Hanikra e la base sul confine marittimo sud-orientale delle acque di pertinenza economica di Cipro.
Questa differenza è diventata un problema dopo che Israele e Cipro hanno firmato, nel 2010, un accordo per la delimitazione delle acque di rispettiva competenza. Gli sforzi di mediazione delle Nazioni Unite sono stati interrotti tre anni fa a causa dell’impossibilità di arrivare a un compromesso fra le parti. Inutili si sono rivelati anche analoghi tentativi di mediazione da parte degli Stati Uniti.
Nel frattempo i due paesi cessavano le rispettive attività nell’area contesa. Israele ha sospeso la gara d’appalto per la licenza di esplorazione per petrolio e gas in quello che considera il suo settore più settentrionale (Alon D). Il Libano ha sospeso la distribuzione delle licenze a seguito di una lunga crisi di governo a Beirut. Di recente, però, la nascita di un nuovo governo libanese ha completamente cambiato la situazione. Hezbollah, attraverso i partiti politici libanesi ad esso associati, ha ottenuto che la distribuzione dei diritti per la zona marina meridionale, quella vicina al confine con Israele, cadesse sotto il suo controllo. Secondo le stime geologiche, è molto probabile che si scopra un giacimento di gas naturale delle dimensioni di quello di Tamar in un’area la cui parte meridionale si trova nella zona contesa: un giacimento di gas che garantirebbe agli islamisti sciiti filo-iraniani di Hezbollah una grande forza economica per molti anni. Se non fosse che Israele non intende permettere che questo accada. Nessuna azienda occidentale sarebbe disposta a compiere esplorazioni di gas nella zona mentre navi da guerra israeliane pattugliano nelle vicinanze. Ma una società russa potrebbe farlo, e una società iraniana lo farebbe certamente. E’ così che il gas naturale altamente infiammabile rischia di incendiare l’intera regione.

=====================

questi sono dei satanisti e massoni inquietanti alto tradimento Costituzionale anale Darwin GENDER: il signoraggio bancario.. Dio ci protegga: dai Bilderberg Rothschild Morgan Soros Rochefeller! Poroshenko descrive cosa ha sempre unito l'Ucraina con l'Unione Europea
25.03.2017 Il presidente dell'Ucraina Petr Poroshenko ha postato sulla sua pagina Facebook un messaggio in occasione del 60° anniversario della firma del Trattato di Roma (1957), che ha gettato le fondamenta dell'Unione Europea. "Il successo dell'Europa è l'impegno per i valori comuni, la libertà, la democrazia, lo Stato di diritto e soprattutto il rispetto della dignità umana. Tutto questo è diventato il fondamento della pace in Europa. Questo è ciò che ha gettato le basi della prosperità economica. Questo è quello che ha sempre unito l'Ucraina con la UE", — ha scritto il presidente ucraino.
Secondo il capo di Stato ucraino, il contesto e l'agenda attuale ricordano alla gente l'importanza di "preservare l'unità e la determinazione di resistere a tutti i tentativi di distruggere l'idea europea."
"Oggi, quando nei confini orientali ucraini dell'Europa si difende il futuro europeo, apprezziamo la solidarietà e il sostegno europeo. Auguri ai nostri partner ed confidiamo nella nostra vittoria comune", — ha concluso Poroshenko.

il primo commento è stato depositato in questa pagina, eppure qualcuno lo ha cancellato. poteva essere interpretato come spam postumo? questi sono dei "sata-nisti" (forse questa parola è un filtro?) e massoni inquietanti alto tradimento Costituzionale anale Darwin GENDER: il signoraggio bancario.. Dio ci protegga: dai Bilderberg Rothschild Morgan Soros Rochefeller! Poroshenko descrive cosa ha sempre unito l'Ucraina con l'Unione Europea https://it.sputniknews.com/politica/201703254252574-UE-Occidente-Kiev/

il primo commento è stato depositato in questa pagina, eppure qualcuno lo ha cancellato. poteva essere interpretato come spam postumo? questi sono dei "sata-nisti" (forse questa parola è un filtro?) e massoni inquietanti alto tradimento Costituzionale anale Darwin GENDER: il signoraggio bancario.. Dio ci protegga: dai Bilderberg Rothschild Morgan Soros Rochefeller! Poroshenko descrive cosa ha sempre unito l'Ucraina con l'Unione Europea https://it.sputniknews.com/politica/201703254252574-UE-Occidente-Kiev/

=================
New York Times smorza celebrazione 60° anniversario UE: “non c'è motivo di gioire” 25.03.2017 I leader europei si sono riuniti a Roma per celebrare il 60° anniversario dell'inizio del processo che ha fatto nascere l'Unione Europea, scrive il New York Times. Questo vertice avviene sullo sfondo di numerose sfide che minacciano il crollo dell'unione.
Il motivo è che l'Unione Europea è cresciuta più povera, molto eterogenea e molto più divisa rispetto a 60 anni fa dopo la firma dell'accordo sulla sua istituzione; l'Unione Europea subisce una pressione tremenda, scrive il New York Times.
La comunità europea divisa dalle divergenze rappresenta non il futuro, ma piuttosto il passato, e probabilmente non sarà in grado di far fronte alle gravi sfide di questo secolo turbolento.
"Al centro dei valori e dei principi europei c'era la solidarietà; l'idea che possiamo aiutare i Paesi con problemi e stare insieme nei momenti difficili",
— afferma l'ex ambasciatore francese ed oggi alto funzionario della UE Pierre Vimont.
"A quanto pare, questo principio è stato perso, quando abbiamo fatto entrare nuovi Stati dell'Europa centrale e orientale. E' evidente nella gestione della crisi greca, — continua Vimont. — Se questa semplice idea non esiste più, allora avremo molti problemi. Se manca l'idea, allora perché andare avanti?"
La Gran Bretagna, la seconda più grande economia europea e una delle due potenze nucleari della UE, ha deciso di separarsi da Bruxelles a seguito di un referendum, i Paesi dell'Europa centrale "flirtano con l'autoritarismo e la Russia," mentre i candidati all'adesione più importanti come Turchia e Serbia hanno perso il loro iniziale entusiasmo. Anche lo "zoccolo duro" dell'Europa — Francia, Germania e Olanda — deve fare i conti con la crescita dei movimenti populisti e duramente critici di Bruxelles.
L'ex diplomatico austriaco e funzionario della UE Stefan Lehne ha detto che 60 anni dopo la sua fondazione la comunità europea "ha perso molto del suo fascino originale."
Nel frattempo, oltre ai problemi interni dell'Europa che i membri possono ignorare, aumenta la pressione esterna. In particolare dalla Russia e ultimo ma non meno importante da parte dell'amministrazione Trump, che è disposta a tollerare la NATO, ma nutre disprezzo per l'Unione Europea.
Secondo l'ex ambasciatore italiano Stefano Stefanini, il progetto europeo è avvolto nell'incertezza.
"Mentre in Occidente c'è una lotta interna, i rivali — Cina, Russia e Turchia — rafforzano le loro posizioni", — rileva il diplomatico.
===================

Il criminale Leader del Partito Comunista Russo Gennady Zyuganov ( che lui non potrebbe mai essere stupido) vede le origini dell'odio europeo contro la Russia nello scisma del cristianesimo nel XI secolo. Non dovrebbe confondere russofobia (Abele) e antisovietismo (Caino).. nessuno ha ucciso più persone innocenti nella storia di questo pianeta più del comunismo.. infatti i Farisei Spa FMI BM (sinagoga di satana)hanno creato tutto quello che esiste nel mondo da 600 anni a questa parte come un anticristo deve essere! https://it.sputniknews.com/mondo/201703254251550-Ziuganov-spiega-perche-Occidente-odia-la-Russia/
==================

"And because of my chains, most of the brothers and sisters have become confident in the Lord and dare all the more to proclaim the Gospel without fear." (Philippians 1:14) BOLDER AND FEARLESS. The Apostle Paul indicates that another reason why the Gospel was actually advancing during his imprisonment was the bold courageous witness of other believers who had lost their fear.
Two Chinese itinerant evangelists who carried Christian books with them were arrested in Anhui Province during their ministry. The Public Security Bureau (PSB) put them in jail and beat them. The guard beat the face of one until it bled and then took his shoes away in the cold of winter. Then they poured cold water on him throughout the winter. He became deformed from the harsh treatment. Both were kept in jail for six months.
They had led two people to the Lord in that prison location before they were arrested, and when they were released from jail after six months, there were over one hundred new Christians in the area from the seeds that these men had planted. The two people that they led to the Lord spread the message to others. The work grew even while the itinerant evangelists were in prison.
In Addis Ababa, Ethiopia, fourteen Christians continued their witness while in prison by reading scripture aloud. By the time they were released, they had read through the entire New Testament and forty-four inmates professed faith in Jesus Christ. Pedro Pablo Castillo shares a similar situation in Nicaragua where half of the four thousand political prisoners became Christians. On the eve of their release, they prayed, sang and read scripture to celebrate their pardon. Castillo returned to the jail to urge them to let Christ shine in their lives whether in jail or outside.
We shared earlier about Pastor Tu in Vietnam—leader of the fastest growing house church network. Pastor Tu spent three years in prison for his evangelistic ministry. When he was released, he found his house church network had grown three hundred per cent during his imprisonment years.
I received a Christmas card from him the following year that read: “…God greatly gives our church 20,203 more new believers this year. Hallelujah!”
RESPONSE: God’s kingdom will advance when I overcome my fear and become a bold and courageous witness to the power of the Gospel.
PRAYER: Lord, help me to trust You fully and become a dynamic force in boldly advancing the growth of Your Church.
==============
i am King & Messiah ISRAEL ] Presidenziali 2017 in Francia : si scrive Emmanuel Macron ma si pronunzia Rothschild & Co
https://youtu.be/f48XS2ziM7A [ e vi accorgerete chi comanda quì!

LOVE ISRAEL ] neanche Satana con tutta la sua malvagità ha mai osato confondere se stesso con Dio JHWH [ ma noi possiamo perché noi siamo tutti la sua famiglia!

These Last Days News - March 21, 2017. ‘Ruler of the World’ David Rockefeller 666 Dies at 101...
St. Michael - "There is a man who hides behind the mask ruling your country! He will soon approach and reveal himself. He is the man who compromises your country for the love of power. He has affiliated all of the money powers of the world-joined them for unity of a one-world government. Step down and reveal yourself, the leader-"

Questi ultimi giorni News - 21 marzo 2017. 'Ruler of the World' David Rockefeller 666 muore a 101 ...
St. Michael - "C'è un uomo che si nasconde dietro la maschera al potere il Paese Lui sarà presto avvicinarsi e rivelare se stesso Egli è l'uomo che compromette il suo paese per l'amore di potere che ha affiliato tutti i poteri monetari del!.. mondo . li unite per l'unità di un unico governo mondiale Passo verso il basso e rivelare se stessi, la leader- "


Veronica - Oh, my goodness! Oh, my goodness! The man behind the mask, Mr. Rockefeller, the man behind the mask! - September 13, 1975 The above Messages from Our Lady were given to Veronica Lueken at Bayside, New York. Read more.. WND.com reported on March 18, 2017: Amid a resurgence of nationalism in the Western world, the man widely regarded as the father of globalism and the “New World Order” — and by some critics as “the ruler of the world” — has died. David Rockefeller, the last surviving grandson of the famed tycoon who founded the Standard Oil Company in the 19th century, John D. Rockefeller, died Monday at his home in Pocantico Hills, N.Y., at the age of 101, according to the family’s chief spokesman, Fraser Seitel. Rockefeller, the chairman and chief executive of Chase Manhattan bank in the 1970s, wielded influence globally not only in financial affairs but also in foreign policy, accorded the honors of a head of state in capitals around the world. Rockefeller was the only member of the advisory board of the mysterious annual gathering of global elites known as the Bilderberg group. In 1947, he joined the board of the Carnegie Endowment for International Peace along with Alger Hiss, John Foster Dulles and Dwight D. Eisenhower. In 1949, he became a director of the globalist policy think-tank Council on Foreign Relations. Later, he became head of the nominating committee for future membership in CFR before rising to the chairmanship. In 1964, he helped found the non-profit International Executive Service Corps to promote private enterprise in developing nations. In 1965, Rockefeller helped form the Council of the Americas to promote economic integration in the Western Hemisphere. Because Japan was barred from the Bilderberg meetings, Rockefeller helped found the Trilateral Commission in 1973. In 1992, he proposed a “Western Hemisphere free trade area” that later became the Free Trade Area of the Americas. In an interview in 2007 with Benjamin Fulford, Rockefeller was confronted with the widespread belief that his ultimate aim was to help form a world government. “I don’t recall that I have said — and I don’t think that I really feel — that we need a world government,” Rockefeller said. “We need governments of the world that work together and collaborate. But, I can’t imagine that there would be any likelihood — or even that it would be desirable — to have a single government elected by the people of the world.” He noted that some had accused him of being the “ruler of the world.” “I have to say that I think for the large part, I would have to decide to describe them as crack pots,” he said. “It makes no sense whatsoever, and isn’t true, and won’t be true, and to raise it as a serious issue seems to me to be irresponsible.” Rockefeller privately advised every U.S. president since Eisenhower and occasionally served as an envoy to bridge communication with leaders such as Saddam Hussein, Fidel Castro, Nikita Khrushchev and Mikhail Gorbachev. He had a close relationship with former secretary of state Henry Kissinger that began in 1954, when Kissinger was appointed a director of a Council on Foreign Relations study group on nuclear weapons. The youngest of six siblings, David Rockefeller was born in Manhattan on Born June 12, 1915, in Manhattan, Rockefeller was the youngest of six siblings born to John D. Rockefeller Jr., the only son of the oil titan. His brother Nelson, born in 1908, became the 49th governor of New York and the vice president of the United States under Gerald Ford. He grew up in a mansion on 54th Street in Manhattan, attended by valets, parlor maids, nurses and chambermaids. ‘Proud internationalist’ Rockefeller served in North Africa and France in military intelligence during World War II. A renowned philanthropist, he gave $150 million to the Museum of Modern Art in New York City, which was co-founded by his mother. “No individual has contributed more to the commercial and civic life of New York City over a longer period of time than David Rockefeller,” said former New York City Mayor Michael Bloomberg. In his 2003 memoir, “Proud Internationalist,” Rockefeller acknowledged his desire to create a more integrated “one world” political and economic structure. He wrote that “ideological extremists at either end of the political spectrum have seized upon well-publicized incidents such as my encounter with Castro to attack the Rockefeller family for the inordinate influence they claim we wield over American political and economic institutions.” “Some even believe we are part of a secret cabal working against the best interests of the United States, characterizing my family and me as ‘internationalists’ and of conspiring with others around the world to build a more integrated global political and economic structure — one world, if you will. If that is the charge, I stand guilty, and I am proud of it.” He said the “anti-Rockefeller focus of these otherwise incompatible political positions owes much to Populism.” “‘Populists’ believe in conspiracies and one of the most enduring is that a secret group of international bankers and capitalists, and their minions, control the world’s economy. Because of my name and prominence as head of the Chase for many years, I have earned the distinction of ‘conspirator in chief’ from some of these people,” he wrote. He contended “populists and isolationists ignore the tangible benefits that have resulted in our active international role during the past half-century.” “Not only was the very real threat posed by Soviet Communism overcome, but there have been fundamental improvements in societies around the world, particularly in the United States, as a result of global trade, improved communications, and the heightened interaction of people from different cultures,” he argued. “Populists rarely mention these positive consequences, nor can they cogently explain how they would have sustained American economic growth and expansion of our political power without them.” ‘Better than fighting’ WND spoke with the Rockefeller family’s chief spokesman, publicist Fraser Seitel, when Rockefeller turned 100. Seitel said Rockefeller continued to be engaged in philanthropy and the arts. Philanthropy.com reported he donated a total of $79 million in 2014. “He wants to still be as active as he possibly can be,” Seitel said. In May 2015, Rockefeller, using a walker, made a rare public appearance, announcing the donation of 1,000 acres of land in Maine bordering Acadia National Park. Asked about his reputation as a globalist, Seitel told WND that Rockefeller “has always believed that working in concert with people – no matter who they are – is better than fighting them.” “So, his career was built on trying to get along with all sorts of people, and that went as well to dealing commercially with people in other countries, who may believe in different things than we do,” Seitel said. Seitel commented on the passage in Rockefeller’s book in which he says he’s guilty as charged of the contention that he and his family are “internationalists and of conspiring with others around the world to build a more integrated global political and economic structure – one world, if you will.” He said Rockefeller essentially was expressing his belief that “sitting down with your opponents was far superior than choosing to fight them.” “David Rockefeller was first and foremost an ardent capitalist who believes completely in the capitalist system,” Seitel said. “That’s what he tried to promote around the world. Some people who have a different point of view may say we fight with these people and we disagree with those people. But David Rockefeller always believed that communication was the way to go.” Rockefeller regarded himself as part of the moderate “Rockefeller Republicans” that arose from his late brother Nelson Rockefeller’s political ambitions. Nelson Rockefeller was governor of New York and vice president under Gerald Ford. As a youth, David Rockefeller attended the experimental Lincoln School in Harlem that was based on the educational philosophy of progressive educator John Dewey. New Left icon Noam Chomsky also attended the school, which was funded in its early years by the Rockefellers’ General Education Board, which later became part of the Rockefeller Foundation. Rockefeller joined the staff of Chase National Bank in 1946, which became Chase Manhattan Bank in 1955 and now is called JPMorgan Chase. Beginning as the bank’s assistant manager in the foreign department, he financed international commodities, which put him in relationships with more than 1,000 correspondent banks throughout the world. He became president in 1960 and was chairman and chief executive of Chase Manhattan from 1969 to 1980 and chairman until 1981. In 1973, Chase established the first branch of an American bank in the Soviet Union. Later that year, Rockefeller traveled to China, which resulted in Chase becoming the National Bank of China’s first correspondent bank in the U.S. Working with Henry Kissinger, who shared his globalist views, the two helped persuade President Carter to admit the Shah of Iran into the U.S. for cancer treatment, which led to the hostage crisis and was a major development in the Islamic revolution in which Ayatollah Khomeini’s came to power. ‘A joy to work with’ Asked what Rockefeller counted as among his major achievements, Seitel said “he was the one who took the bank international.” “He brought modern management methods into Chase – human resources, strategic planning, corporate communications,” Seitel said. “He would also take pride in his leadership in corporate responsibility, something that people like Milton Friedman objected to,” Seitel said. “But, what David Rockefeller would say is that it was the responsibility of multi-billion dollar companies like Chase and other companies to give back to society.” Seitel said Chase “organized a full-blown corporate responsibilities program that included all the top executives of the institution.” “They met with people who were less privileged than they were and they donated time and money,” he said. WND asked Seitel what it was like to work with Rockefeller as a person. “His interaction with Washington, with media, with customers, international chiefs of states – he was the best,” Seitel said. “He always felt he had the responsibility his name brought with him. And he understood the responsibilities of the CEO, but he was different than other CEOs who didn’t carry his name and his diplomatic portfolio. “So, he was a terrific and inspirational leader,” Seitel said. “He basically liked people, and this allowed him to meet even with people who criticized him, and not to be upset or harbor any grudge or animus. “So he’s been a joy to work with for the past 40 years.”

===================

Bombshell from Vatican: Benedict and Francis "in Complete Disagreement", "Never Talk to One Another"...

"I see that the high priests of the House of God have become soft in their ways. They cater to their bodies and do not wish to sacrifice and make penance. There will be no easy road to the Kingdom. They will get down on their knees, and they will starve their worldly bodies until they rid themselves of the demons within them.
"Unless you listen now to my words of caution, you will fall into the trap that is being set for you. The enemy is within the House of God. He will seek to remove your Vicar from among you, and when he does he will place a man of dark secrets upon the Seat of Peter!" - St. Thomas Aquinas, August 21, 1972

“Rome will lose the faith and will become the seat of Antichrist.” – Our Lady of La Salette, September 19, 1846

"Without the number of prayers needed to balance the scale and acts of reparation from the children of earth, there will be placed upon the Seat of Peter one who will put and place souls and the House of God into deep darkness." - Our Lady, March 18, 1974

Bombshell dal Vaticano: Benedetto e Francesco "in disaccordo completo", "mai parlare gli uni agli altri" ...

"Vedo che i sommi sacerdoti della Casa di Dio sono diventati molli nei loro modi. La capacità di soddisfare i loro corpi e non vogliono sacrificare e fare penitenza. Non ci sarà nessuna strada facile per il Regno. Saranno scendere sul loro ginocchia, e saranno morire di fame i loro corpi terreni fino a quando essi stessi liberarsi dei demoni al loro interno.
"A meno che non si ascolta ora le mie parole di cautela, si cadrà nella trappola che viene impostato per voi. Il nemico è all'interno della casa di Dio. Egli cercherà di rimuovere il Vicario di mezzo a te, e quando lo fa lo farà mettere un uomo di oscuri segreti sul trono di Pietro! " - San Tommaso d'Aquino, 21 agosto 1972

"Roma perderà la fede e diventerà la sede dell'Anticristo." - Nostra Signora di La Salette, 19 settembre 1846

"Senza il numero di preghiere necessaria per bilanciare la portata e atti di riparazione dai figli della terra, ci sarà posto sul trono di Pietro uno che metterà e posizionare le anime e la Casa di Dio nella profonda oscurità." - La Madonna, 18 Marzo 1974

=========
https://www.youtube.com/user/YouTube/discussion burn satana in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF!
burn satana in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF!
https://www.youtube.com/user/googleplusupdates/discussion burn satana in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF!
burn satana in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF!
==============

my ISRAEL ] se, tu vuoi sapere cosa succede nel mondo di Dio: il suo Regno? tu devi guardare ai satanisti! Tutte le Religioni? sono diventate inattendibili nel soprannaturale! ... ed è questo il motivo per cui i satanisti mi hanno isolato, per privarmi di informazioni... ma io ho bisogno di essere informato da loro ovviamente quando non siete capaci a proteggere Satana? non vi mettete! [ 666 gay gender darwin shariah 322 allah satana ] https://www.youtube.com/user/YouTube/discussion burn satana in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! burn satana in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! https://www.youtube.com/user/googleplusupdates/discussion burn satana in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! burn satana in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF!

quando non siete capaci a proteggere Satana? non vi mettete! [ 666 gay gender darwin shariah 322 allah satana ] https://www.youtube.com/user/YouTube/discussion burn satana in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! burn satana in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! https://www.youtube.com/user/googleplusupdates/discussion burn satana in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF! burn satana in Jesus's name! DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF!

Post has attachment
am the political Messiah not religion
SHALOM + SALAM ] I am the political Messiah (ie not religion): OF all Jews, the Rabbi Yitzhak Kaduri has Indicated me, I'm lorenzo_scarola@fastwebnet.it ie, "lorenzoJHWH" and "Unius REI". I do not believe that Jews must convert to Christianity, no! no! no! ...

Post has attachment

Post has attachment
to ISRAELE.NET
to: ISRAELE.NET ] io ritengo che sia impossibile essere cristiano se prima non si scopre la propria identità ebraica, come io posso fare la conoscenza su Bari di qualche vostro sostenitore? oppure di un gruppo ebraico di riferimento? io sono impegnato 24/24...

Post has attachment
poi, noi saremo fratelli
SALMAN SAUDI ARABIA 666 shariah ] io perdono te! [ non è facile perdonare, perché il male subito, possiede sempre una natura demoniaca e soprannaturale: mentre noi siamo soltanto umani! ... ma, se non vogliamo rimanere prigionieri di un male malefico fino a...

Post has attachment
**
Leggi questa email nel tuo browser domenica 08 gennaio 2017 Greg Kandra Benedire col gesso la porta di casa nella festa dell’Epifania Ecco una tradizione cristiana propria del giorno dei Re Magi   Continua a leggere Centro Culturale "Gli Scritti" La “vera” ...
Wait while more posts are being loaded