Profile cover photo
Profile photo
Luca Ottocento
216 followers
216 followers
About
Luca's posts

Post has attachment
Non toccavo un libro di cinema da quasi due anni, da quando nell'estate del 2015 ho completato il dottorato e ho preso un'altra strada, dedicandomi a lavorare esclusivamente nel campo del giornalismo cinematografico. La sensazione che si prova a tornare a studiare per preparare delle lezioni di cinema, leggendo e aprendo nello spazio di poche ore decine di libri alla ricerca di stimoli e intuizioni, è strana ma bella.
Photo

Post has attachment
Grande affermazione ieri per "Batman v Superman" ai Razzie Awards, i premi ai peggiori film dell'anno tradizionalmente assegnati il giorno prima degli Oscar: peggior coppia sullo schermo (Ben Affleck-Henry Cavill), peggior attore non protagonista (Jesse Eisenberg), peggior prequel, remake o sequel e peggior sceneggiatura. Questa è la mia recensione dell'indifendibile film di Zack Snyder.

Post has attachment
Primi in Italia tra i siti di cinema per numero di interazioni e copertura su Facebook e 2,5 milioni circa di utenti mensili, con oltre 3,2 milioni di visite. Go Movieplayer Go! :)

Post has attachment
La mia intervista a Gabriella Pession, protagonista insieme a Lino Guanciale de "La porta rossa", la nuova fiction ideata da Carlo Lucarelli che andrà in onda su Rai Due a partire da stasera.

Post has attachment
Mi fa molto piacere che "Fiore" di Claudio Giovannesi abbia ottenuto sei candidature così importanti ai David di Donatello (film, regia, sceneggiatura, produttore, attrice protagonista e attore non protagonista). Se qualche ora fa vi ho proposto la mia recensione de "La pazza gioia", qui potete leggere quella dell'ottimo film di Giovannesi, scritta sempre da Cannes mesi fa.

Post has attachment
"La pazza gioia" ha appena ottenuto il maggior numero di candidature ai David di Donatello 2017, ben diciassette (insieme a "Indivisibili" di Edoardo De Angelis). Qui potete leggere la mia recensione del film di Paolo Virzì scritta subito dopo la prima proiezione al Festival di Cannes dello scorso maggio.

Post has attachment
Non è all'altezza dell'originale (del resto, come avrebbe potuto?) né il migliore dei sequel possibili. Non ha lo stesso incipit folgorante e neppure il medesimo straordinario utilizzo della componente musicale. Eppure, "T2: Trainspotting" ci trascina di nuovo nelle vite degli indimenticati Renton, Spud, Sick Boy e Begbie in modo appassionante, genuino e a tratti anche commovente e molto divertente. Puntando con notevole efficacia su un effetto nostalgia potente, dolente, antiretorico. Mai ruffiano e che coinvolge al contempo, in un unico movimento, protagonisti e spettatori. Le due ore di durata volano letteralmente e quando il film finisce vorresti solo che continuasse. Per saperne ancora di più sulla vita di questi personaggi iconici che hanno segnato in profondità l'immaginario di milioni di persone. Per continuare a vivere ancora un po' insieme a loro.
Photo

Post has attachment
La mia recensione di "Smetto quando voglio - Masterclass", convincente seguito del fortunato film di Sydney Sibilia sulle disavventure di alcuni improbabili ex ricercatori universitari squattrinati che si improvvisavano produttori e spacciatori di smart drugs.

Post has attachment
In questi giorni Sky sta omaggiando Quentin Tarantino, uno dei più grandi talenti del cinema statunitense contemporaneo, con un canale tematico in cui a rotazione vengono proposti tutti i suoi film (Sky Cinema Hits). Colgo allora l'occasione per proporvi un approfondimento sul suo cinema che scrissi all'epoca dell'uscita di "Bastardi senza gloria", in cui quindi non sono presi in considerazione gli ultimi "Django Unchained" e "The Hateful Eight".
Wait while more posts are being loaded