Profile cover photo
Profile photo
Leopoldia Life+
7 followers -
Dune habitats protection in the greenhouse landscape of the Gela Gulf for the safeguarding of Leopoldia gussonei.
Dune habitats protection in the greenhouse landscape of the Gela Gulf for the safeguarding of Leopoldia gussonei.

7 followers
About
Leopoldia Life+'s posts

Post has attachment
Disponibile per il download la versione elettronica del Layman's Report del progetto ‪#‎LIFE‬ ‪#‎Leopoldia‬ - #Natura2000 -
http://www.leopoldia.eu/progetto-leopoldia-life-pubblicato…/

Post has attachment
Sta per iniziare la seconda parte del Convegno Finale del progetto ‪#‎Life‬+ ‪#‎Leopoldia‬. Questa mattina si è parlato della ‪#‎tutela‬ del ‪#‎golfo‬ di ‪#‎Gela‬ e del ‪#‎patrimonio‬ culturale da valorizzare.
PhotoPhotoPhotoPhoto
2016-04-30
4 Photos - View album

Post has attachment
Iniziata, questa mattina, la due giorni dedicati al #convegno finale del #Progetto #Life + #Leopoldia che si svolgerà a #Gela nei locali della chiesetta San Biagio.

Post has attachment
#‎Leopoldia‬ ‪#‎Life‬ stage formativo per gli alunni dell'Istituto Professionale Agricoltura e Ambiente di ‪#‎Bono‬ (‪#‎Sassari‬)
http://www.leopoldia.eu/leopoldia-life-stage-formativo-per…/

Post has attachment

Post has attachment
ESCURSIONE SULLE ORME DI GIROLAMO GIARDINA
Grande successo dell’evento escursionistico alla scoperta della Leopoldia, di giorno 20 Aprile 2015 presso la R.N.O. Pino d’Aleppo
Si è svolta il 20 aprile l’escursione naturalistica intitolata “Sulle orme di Girolamo Giardina” organizzata dal gruppo escursionistico Grotte Alte in collaborazione col Life+ Leopoldia.
Un gruppo di circa cinquanta curiosi escursionisti si è inoltrato nella Riserva del Pino d’Aleppo nelle contrade Buffa, Buffitella e Brancato, ove sono presenti dei sentieri naturalistici realizzati da poco dall’Ufficio Riserve provinciale e che attraversano zone di estremo interessa botanico. Con una escursione di poche ore i visitatori hanno ammirati i resti di una duna antichissima che sorge a parecchi cilometri dal mare e che conserva un habitat perfettamente conservato.
Il sito di Brancato è uno di quelli con la più numerosa presenza di Leopoldia gussonei. È stato veramente inaspettato e impressionante ritrovare una moltitudine numerosissima di Leopoldia incorniciata in un contesto di così rara bellezza.
L’escursione ha riscosso grande successo e dimostra il crescente interesse sui temi ambientali e in particolare sulla Leopoldia, dimostrando come nel giro di pochi anni la sensibilità della popolazione locale stia cambiando e registrando ottimi risultati dal punto di vista delle azioni di comunicazione e coinvolgimento.
Photo

Post has attachment
CONCLUSO IL CONVEGNO SPAZIO AGRICOLO COME BENE PAESAGGISTICO
Il 26 e 27 marzo si è tenuto l’evento promosso dall’Università di Catania.
Il convegno ha suscitato l'interesse di studiosi, professionisti ed operatori sul tema del territorio rurale di qualità come luogo in grado di sostenere lo sviluppo delle comunità locali. Le discussioni hanno messo in luce risultati di ricerche in atto finalizzate alla conservazione, alla riqualificazione e alla valorizzazione delle risorse agricole considerate come una ricchezza per i paesaggi in generale e per quelli protetti in particolare. Il convegno ha ospitato prestigiosi contributi di accademici e poster di studiosi provenienti da diverse università italiane. L’evento si è concluso giorno 27, nelle riserve naturali del golfo di Gela che ospitano la Leopoldia, con la visita guidata nelle aree protette di Randello e del Biviere di Gela ove proseguono le opere di protezione del paesaggio dunale e dove vengono riprodotte le piccole piante di Leopoldia.
Due giornate intense dedicate alla conoscenza dei nostri paesaggi, alla conservazione della diversità vegetale e culturale e all’importanza dell’attività agricola come custode del nostro territorio.
Particolarmente interessanti gli interventi legati ad altri progetti Life e ai risultati ottenuti grazie al sostegno dell’Unione Europea nelle azioni di protezione della natura e di conservazione della biodiversità.
Photo

Post has attachment
AVANZANO I LAVORI DEL LIFE+ LEOPOLDIA
Al Biviere di Gela pulizia e rimozione delle vecchie serre per la creazione del campo sperimentale. A Randello realizzazione di strutture per la difesa degli habitat costieri e per la fruizione della spiaggia

Avanza la fase di realizzazione delle opere progettate nell’ambito del LIFE Leopoldia. Nell’area protetta del Biviere di Gela si è proceduto alla pulizia del lotto agricolo acquistato lo scorso anno, ove sorgeva una serra abbandonata. È stata fatta una demolizione controllata delle vecchie strutture e una rimozione di tutti gli elementi procedendo alla loro separazione e cernita al fine di poterli riutilizzare nelle opere successive. Per tutto il materiale di demolizione è stato prevista una raccolta differenziata e si procederà al conferimento verso ditte specializzate.
Conclusi i lavori di  preparazione, cominceranno quelli di piantumazione, installazione della nuova serra sperimentale e del vivaio di piante autoctone. È prevista anche un’area dedicata al ripopolamento di Leopoldia gussonei.
Il Dipartimento Regionale Sviluppo Territoriale e Ambientale sta invece procedendo alla realizzazione delle opere previste nel SIC “Punta Braccetto” legate alla protezione delle dune e delle specie prioritarie a rischio nelle aree di maggiore impatto antropico. La spiaggia di Randello è molto apprezzata dai turisti e dalla popolazione locale e il carico di fruitori nei mesi estivi è molto alto. Il progetto prevede la realizzazione di recinzioni per evitare il calpestio, veicolare e pedonale, degli habitat rocciosi e dunali  e la costruzione di una passerella in legno, sopraelevata di alcuni centimetri per garantire l’accesso alla spiaggia a tutti senza danneggiare le specie vegetali ed evitando di favorire l'erosione della spiaggia.
Photo
Photo
2015-05-07
2 Photos - View album

Post has attachment
LIFE+ LEOPOLDIA & INVASIONI DIGITALI
30 Aprile 2015 ore 16.00 presso R.N.O. BIVIERE DI GELA
LIFE+ LEOPOLDIA entra in sinergia con il progetto INVASIONI DIGITALI e in collaborazione con Google Developer Group Gela, #SHIPLAB a.p.s., Pro Loco Gela, LIPU Gela, RNO Biviere di Gela, programma per il 30 aprile alle 0re 16,00 una INVASIONE nella Riserva Naturale Orientata del Biviere di Gela.
Invasioni Digitali è un progetto rivolto a diffondere la cultura digitale e l’utilizzo degli open data, formare e sensibilizzare le istituzioni all’utilizzo del web e dei social media per la realizzazione di progetti innovativi rivolti alla co-creazione di valore culturale oltre che alla promozione e diffusione della cultura.
Col progetto Life+ Leopoldia, INVASIONI DIGITALI volge lo sguardo alle dune del lago Biviere e al nostro preziosissimo partrimonio naturale. Aggiungendo all’edizione 2015 l’evento del 30 aprile Invasioni Digitali richiama tutti i partecipanti a sostenere la cultura della protezione del territorio, documetando l’enorme valore culturale del nostro paesaggio.
Preparatevi ad invadere digitalmente il lago biviere di Gela e le nostre dune.
#invasionidigitali #digitalinvasions #invadigela

Per la posizione geografica e le condizioni climatiche il lago è una delle più importanti aree umide siciliane per migliaia di uccelli che qui si concentrano sostando durante le migrazioni o svernando durante i mesi più freddi.
Per queste ragioni il Biviere (il più grande lago costiero siciliano ed uno dei pochi naturali rimasti) è stato riconosciuto zona umida di importanza internazionale dalla Convenzione di Ramsar. Per proteggere e conservare questo ricco patrimonio naturalistico la Regione Siciliana ha istituito nel 1997 la Riserva Naturale Orientata “Biviere di Gela” affidandola alla LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) per la sua esperienza nazionale e internazionale nella gestione delle aree naturali. La LIPU infatti gestisce in Italia 50 oasi naturali ed è partner nel nostro paese di Bird Life International, organismo, presente in oltre 100 paesi del mondo, che si occupa di conservazione a livello internazionale. 
Itinerario naturalistico nella Rete Natura 2000, fra i SIC e ZPS di Torre Manfria, Biviere e Piana di Gela. Questa zona della Sicilia ha una grande importanza come area di sosta nelle rotte migratorie di centinaia di uccelli. In essa si riscontra la maggiore concentrazione di anatidi di tutto il paleartico. Fra le aree di interesse naturalistico si distinguono gli habitat dunali della fascia costiera, gli ambienti stepposi dell’entroterra, i querceti di sughere, lecci e roverelle e la tipica macchia mediterranea con specie arbustive quali il lentisco, l’olivastro, il mirto, etcc.. All’interesse naturalistico si fonde quello storico e archeologico con tracce un po’ ovunque della colonizzazione greca, resti di importanti torri costiere e città con monumenti barocchi.
Il progetto Leopoldia ha l’obiettivo di proteggere la Leopoldia gussonei, una piccola specie in via di estizione diffusa in quattro aree del Golfo di Gela: nella zona fra Poggio Arena e Torre Manfria ubicata ad ovest di Gela, nelle aree limitrofe al lago Biviere di Gela, nella zona di Passo Marinaro, in contrada Cammarana, e infine nella Riserva del Pino d’Aleppo. Si tratta di aree SIC e ZPS tutelate e riconosciute dall’Unione Europea.
Photo

Post has attachment
CONVEGNO: SPAZIO AGRICOLO COME BENE PAESAGGISTICO
26  marzo 2015 - Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione ed Ambiente, Via S.Sofia, 100, Catania
27 marzo 2015 - Visita tecnica golfo di Gela
L’Università degli Studi di Catania, Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione ed Ambiente (Di3A) organizza, nell’ambito del progetto europeo Life Leopoldia e in collaborazione con la II sezione dell’AIIA (Associazione Italiana di Ingegneria Agraria), il convegno “Spazio agricolo come bene paesaggistico”, sul tema del territorio rurale di qualità come luogo in grado di sostenere lo sviluppo delle comunità locali.
Il progetto Life Leopoldia mira al recupero del sistema dunale del Golfo di Gela, nella costa sud orientale della Sicilia, per la salvaguardia della specie prioritaria Leopoldia gussonei, a rischio di estinzione a causa della forte pressione antropica. 
In questo territorio costiero sono avvenuti processi di trasformazione simili a quelli riscontrabili in altri luoghi del Mediterraneo che hanno comportato la perdita di valori che la Convenzione Europea del Paesaggio identifica come fattori identitari della popolazione locale ed elementi di base delle strategie per salvaguardare, gestire e pianificare il paesaggio. 
Molti di questi paesaggi erano spazi agricoli di grande valore antropico oltre che base produttiva fondamentale delle passate generazioni. Alcuni sono andati distrutti dalla intensificazione dell’uso del suolo e, pur guadagnando in produttività, hanno perso il loro valore estetico e ambientale. Altri, per la loro bellezza e unicità, formano ancora “spazi agricoli” già identificati dalle comunità e riserva di biodiversità.
Le attività del progetto Life Leopoldia sono indirizzate a riconoscere il valore di tali paesaggi per tutelarli e al contempo farne fattori propulsivi delle economie locali. 
La pianificazione paesaggistica è proposta come strumento per leggere le attività passate e presenti, sottolineare le interazioni tra sistemi naturali ed antropici e sostenere assetti futuri per il territorio compatibili con le esigenze di conservazione della natura, nel rispetto dei principi della Convenzione Europea del Paesaggio, stabilendo limiti tra uso ed abuso del territorio.
Il convegno, quindi, rappresenta un momento di riflessione edi confronto, contribuendo alla diffusione delle ricerche in atto finalizzate alla conservazione, alla riqualificazione e alla valorizzazione delle risorse agricole considerate come una ricchezza per i paesaggi in generale e per quelli protetti in particolare.

La partecipazione ai lavori del Convegno in qualità di uditore è gratuita ma non consente di usufruire dei servizi riservati ai soci AIIA.
Saranno riconosciuti Crediti Formativi in relazione all’Ente di appartenenza.
Segreteria organizzativa: info@leopoldia.eu; TEL 366 45 20 644
All’indirizzo www.leopoldia.eu è possibile scaricare il programma del seminario.
Photo
Wait while more posts are being loaded