Profile cover photo
Profile photo
ConcertoArte
59 followers -
L'armonia universale può contribuire con la sua voce a dare corpo ad un concerto che diventi sinfonia
L'armonia universale può contribuire con la sua voce a dare corpo ad un concerto che diventi sinfonia

59 followers
About
ConcertoArte's posts

Post has attachment
INVITO all'inaugurazione e agli eventi.

Post has attachment
Fisica/Metafisica - opere di Roberto Fontanella, mostra a cura di Maria Luisa Trevisan, allestita nella splendida Villa palladiana Da Porto Barbaran di Montorso Vicentino, si articola in una serie di opere che si basano sui concetti astratti, metafisici e filosofici, inerenti alle culture occidentali e orientali ed ai relativi ideogrammi, segni grafici, simboli e diagrammi cosmici e geometrici che li esprimono. Vernice venerdì 21 aprile ore 18.30, a seguire sono programmati alcuni eventi volti a valorizzare e collegare la mostra alla villa veneta (22 e 29 aprile e 6 maggio, ore 18.30).
Photo

Post has attachment
"Afa – una fuga per voce sola", trailer registrato a PaRDeS da Sandro Gasparini in occasione della messa in scena del monologo "Afa – una fuga per voce sola",
di Samuele Busolin su testo di Ermanno Fugagnoli,
regia di Massimo Pagan, a PaRDeS.

Si tratta del monologo di un conte sessantenne, discendente da un’antica famiglia veneziana, il quale si rivolge ad un ascoltatore attento e silenzioso, con un discorso che nel suo sviluppo assume sempre più la forma di una libera variazione e improvvisazione su temi che sono i suoi riferimenti esistenziali, quelli della venezianità nel senso più ampio, visti attraverso gli occhi del personaggio, che richiama figure archetipiche come quelle dell’avaro, del misantropo e del vecchio brontolone (Sior Todero). Afa è stato tutto scritto attingendo alla tecnica delle scrittura per libera associazione che viene usata in psicologia per far emergere contenuti inconsci e rappresenta un punto d’incontro tra musica e letteratura. L’autore non solo appare influenzato dalla musica, ma ricerca l’applicazione letteraria delle forme musicali nello scrivere, con particolare riferimento alla fuga e al contrappunto. Afa è un’architettura di rimandi e sovrapposizioni contrappuntistiche che ne fanno un concerto per voce umana, una vera e propria applicazione letteraria di strutture specificamente musicali. L’autore cerca la stratificazione dei temi così come avviene nel contrappunto e la sovrapposizione polifonica delle linee tematiche. E’ affascinato dall’effetto corale di più voci che, attraverso l’uso di risonanze narrative, danno l’impressione di emergere contemporaneamente. Le Voci si rincorrono e s’intrecciano in un gioco di richiami, imitazioni e variazioni che nella scrittura ottiene con stratagemmi sintattici. In sostanza un effetto ritmico e sonoro che suscita nel lettore l’impressione di sentire emergere dalla pagina lo scorrere di una vocalità polifonica che provoca gli stessi impulsi emotivi che si sperimentano nell’ascolto di un brano musicale con un simile andamento costruttivo.

Post has attachment
16 marzo ore 18 Barchessa di Villa Errera, Mirano "Conferenza di presentazione delle giornate FAI di Primavera". Componenti del Gruppo FAI di Mirano: Dina Botoluzzi (capo delegazione), Maria Luisa Trevisan, Luciana Mion, Silvia Niero, Diego Mazzetto, Elisabetta Vulcano.

Post has attachment
TOBIA RAVA' L'arte e la matematica 19.1-19.2.2017 Casa Museo Spazio Tadini, Milano. A cura di Melina Scalise e Francesco Tadini. Sarà un viaggio non solo alla scoperta di questo originale artista, ma uno spunto di riflessione sulla teologia, la filosofia, la Kabbalah, la matematica. Ha scritto su Ravà il matematico Piergiorgio Odifreddi: “One of Rava’s merits – by no means the least important – is to have succeeded in communicating this substance using the instruments of art that one can see with one’s eyes, illustrating in this way the science that can only be imagined with the mind”.
Un invito a riflettere su un aspetto che oserei dire è, a dir poco, affascinante partendo dalla lettura delle opere di Tobia Ravà ci ricorda che tutto ciò che la scienza può produrre può essere solo immaginato dalla mente. Un aspetto interessate che conferisce un’importanza basilare alla struttura del pensiero, agli aspetti cognitivi della visione e della creatività anche al pensiero scientifico. Infatti, lo sguardo sulle opere di Tobia valorizza anche il minimo dettaglio e si muove con la stessa curiosità di un bambino alla scoperta dei misteri e della magia del mondo.

Photo

Post has attachment
“Segnali dall’ Altrove”, Emilio Tadini e Tobia Ravà
Opere grafiche e multipli
a cura di Maria Luisa Trevisan
mercoledì 7 dicembre ore 17.30
presso l’Art Factory di Tobia Ravà in Fondamenta de l’ Arzere, Dorsoduro 2324 a Venezia.

Venezia, Art Factory, 7 dicembre-14 gennaio 2017


Post has attachment
‘PATHS OF LIGHT’ Solo Exhibition by Abdallah Khaled.
17 – 25 November 2016
The Arab British Centre, 1 Gough Square, EC4A 3DE, London.

Abdallah Khaled originates from the Petite Kabylie, a region in the north of Algeria steeped in Berber language and culture. His paintings incorporate such ancestral symbols as the cow, the bull, the bison, the horse, warriors, women, spears, clubs, forks, mud huts and the walls of ancient cities. Through his work, Khaled depicts the rich and varied indigenous cultures of North Africa, the flavours of his homeland, the scent of the desert, the colours of the Atlas Mountains, as well as the instinctive abstract expressionist and graffitist mark of contemporary ‘western’ artistic culture.

His personal form of expression connects in particular with artists like Music, Basquiat and Vedova (he was a pupil of the latter, having attended his courses at the Venice Academy). Khaled works with matter painting and minute markings cut and scratched onto fresh paint, as if carved into rock, using either the warm colours of the earth and sand or the cold ones of water and the sky. His paintings usually develop from the centre, a kind of propulsor, the heart of the work that impresses movement and energy onto the scene that unfolds and often within solid contours. At times he creates a whirl with images that spiral symbolically until they explode beyond their very contours. The light is usually endogenous and comes from the figures themselves, like an inner fire, soul or energy that causes everything to move.

Paths of Light showcases a series of acrylic and oil paintings on canvas that revolve around the themes of light, colour, energy, landscapes, the Mediterranean, memory, movement, people, land , harmony and peace.

The main theme of the exhibition is that of light used as a metaphor for the need of and search for something that should be universal an invitation to identify and encourage virtuous, positive ways ahead... Khaled further deepens his study by using colours and materials rather than placing emphasis on drawing. For the artist, light is above all cromia and has a life of its own which follows its destinyHis brushstrokes are strong and sure, getting wider and wider, with round enveloping movements. At times however, his brush comes across obstacles, stumbles and interrupts its course. It is at those very points that the chromatic matter thickens and clots forming darkness, only to flow freely again moments later in search of yet other senses, evoking the sounds and smells of his homeland, Mediterranean landscapes and the fascination of the Sahara.

By means of material colours, elaborated over a period of time starting from his profitable experience at the Venice Academy working close to artists like Vedova, colour becomes a means of expression at the base of his particular style of painting which spans from figuration to abstraction. Amidst the chromatic clots, brushstrokes, marks, scratchings and range of colours that go from orange and red-yellows to greens, blues and violet-blues, one denotes dancing and moving figures reminiscent of cave paintings on North Africa’s rocky landscapes. Khaled’s paintings illustrate a strong connection with his ancestral land, his Berber origins, his people, traditions and culture, underlining the fact that all peoples and ethnic groups have gone through similar phases. His works thus become a declaration of peace and freedom, respect for one another, for diversity, thus expressing universal values and enriching all of humanity. In the light of the current difficult times we live in, Khaled’s message is an invitation to take positive action in search of the common global good.
In this respect, there is an experience I hold to be both important and exemplary: the collaboration with the Venetian artist Tobia Ravà that began in 2002 when the American advertising agency DDB invited them to work together on a graphic piece that was then given to all their clients and to international organisations like the UN and UNESCO. They produced two proofs, Explosion of Peace and Eras of Peace, put forward as explosive images imbibed with positive and saving energy. Explosion of Peace was chosen because it represented a positive explosive event, something we should hope for in a world that calls itself civilized. This happy experience and good friendship soon generated many other works and gave rise to his participation in exhibitions and events regarding peace between peoples, organized by PaRDes Workshop for the Research of Contemporary Art in different galleries throughout Italy. From then onwards, Khaled has continued to take part in collective exhibitions regarding socio-political and intercultural themes aimed at sharing ideas, knowledge and experiences with artists of different origins and cultures, participating in the development of society. In this way art provides the terrain for social gatherings and cultural exchanges regardless of different religious and cultural tendencies.

Maria Luisa Trevisan


Post has attachment
Dedichiamo idealmente a Leonard Cohen la "Maratona poetica" che si terrà domani a PaRDeS, a partire dalle ore 17, guidata da Alessandro Cabianca e finissage della mostra “Squarci nelle tenebre” con lettura di poesie di autori vari sul tema dell’oscurità e della luce, in relazione alle sue varie fonti e alle sue molteplici manifestazioni, in linea con il tema della mostra “squarci nelle Tenebre”, a cura di Maria Luisa Trevisan.
Letture di poesie di/con Flor Aristimuño, Adriana Bertoncin, Antonella Barina, Alessandro Cabianca, Alessandro Cadamuro, Francesco Dal Corso, Giovanni Da Lio, Gianfranco Gambarelli, Virginio Gracci, Laure Keyrouz, Paola Minto, Riccardo Misto, Beppe Mosconi, Marina Montagnini, Giuseppe Nigretti, Oliva Novello, Josef Pjetri, Davide Antonio Pio, Alberto Princis, Giuseppina Simeoni, Alberto Sordi, Laura Voghera Luzzatto.
La serata di domenica scorsa sui Lieder di Goethe musicati da Mozart, Beethoven, Schubert, Brahms, Liszt, Mendelssohn, Schumann e Wolf è stata un’introduzione a quest'ultimo evento a cui si unisce anche l'istallazione "Branco di lupi" di Alberto Salvetti, giunti in occasione del concerto di domenica 6 novembre "In viaggio con Goethe" direttamente dal Parco di Palazzo Vertemate di Chiavenna. L'installazione a tecnica mista 1:1 è realizzata prevalentemente con fogli del Giornali di Vicenza in cui sono presenti articoli che parlano del ritorno dei lupi nella zona.
Photo

Post has attachment
Al PaRDeS in occasione del concerto di domenica 6 novembre ore 18 "In viaggio con Goethe" sono arrivati direttamente dal Parco di Palazzo Vertemate di Chiavenna anche i lupi di Alberto Salvetti​ e non poteva essere altrimenti visto "la serata da lupi" di ieri! L'installazione a tecnica mista è realizzata prevalentemente con fogli del Giornali di Vicenza in cui sono presenti articoli che parlano del ritorno dei lupi nella zona.
Il Concerto con Argit Butzke Caldura, soprano, ed Alessandra Semenzato, pianoforte, a PaRDeS, "In viaggio con Goethe" ci riporta indietro nel tempo quando i lupi non erano una presenza eccezionale nel Veneto, in Italia e in Europa. 'L'universo di Goethe è una totalità vivente ed infinita, in cui tutto si lega con tutto, e infinito è anche ogni singolo componente di esso, ma proprio per questo è essenziale il tema del limite; solo un uso rigoroso di esso, permette un giusto rapporto conoscitivo con la Natura, rapporto che non può essere quello meramente quantitativo della misurazione matematica, ma che non può nemmeno essere lasciato alla semplice intuizione: al contrario, solo un attento lavoro del soggetto conoscente su di sé, oltre che sull'oggetto, può far giungere alla visione di quello che Goethe chiama "fenomeno originario", una struttura semplice ed elementare che, per gioco puramente combinatorio, può generare i fenomeni più complessi, quelli che si presentano alla nostra esperienza immediata. Goethe dette un classico esempio del metodo del "fenomeno originario" nel suo Versuch die Methamorphose der Pflanzen zu erklären (1790; Metamorfosi delle piante), in cui fece vedere come l'intera struttura dei vegetali potesse essere ricavata dalle trasformazioni del proprio seme e che la metamorfosi "crea le forme più diverse per metamorfosi dello stesso organo". Il significato filosofico di questa concezione risiede nel fatto che essere e divenire, unità e molteplicità, forma e trasformazione sono visti come due facce della stessa realtà: la natura è un continuo produrre e disfare forme, il teatro di un costante divenire in cui vige però anche ordine rigoroso. E tutto questo possiamo ritrovarlo espresso nelle sue poesie e nelle immagini ch'esse sono in grado di evocare'. La sua arte poetica custodisce un pensiero universale in grado di cogliere molti aspetti della realtà, della natura, dell'universo, dell'animo umano e delle variegate sfumature della passione amorosa. La serata propone un viaggio musicale nella poetica del grande scrittore tedesco presentando alcuni suoi Lieder musicati da diversi compositori di pari rango (Beethoven, Schubert, Liszt, Mendelsohn, Wolf, ecc). La scelta riguarda le sue figure femminili più importanti: Suleika (da "Der west-östlichen Divan"), Mignon (da "Wilhelm Meiser"), Klärchen (da "Egmont") e Gretchen (da "Faust"). Per Goethe la creazione poetica, e soprattutto il canto lirico, difficilmente possono nascere senza una'accensione amorosa.
PhotoPhotoPhoto
06/11/16
3 Photos - View album

Post has attachment
Domenica 6 novembre ore 18 In viaggio con Goethe. Concerto con Argit Butzke Caldura, soprano, ed Alessandra Semenzato, pianoforte, a PaRDeS. Lieder su testi di Goethe, viaggio nei sentimenti attraverso le poesie di questo grande scrittore, musicate da vari autori: Mozart, Beethoven, Schubert, Brahms, Liszt, Mendelssohn, Schumann e Wolf.

Ingresso libero su prenotazione (posti limitati).

In collaborazione con Boschello Pianoforti, Mirano


IN VIAGGIO CON GOETHE

Un viaggio ideale nel mondo dei sentimenti attraverso lo sguardo di questo straordinario poeta e conoscitore dell’animo umano. Interpretati da diversi autori che, nei secoli, si sono lasciati sedurre da un certo messaggio universale che nelle poesie di Goethe ancora oggi ci parla.

Recital

Argit Butzke Caldura, soprano
Alessandra Semenzato, pianista

W.A. Mozart Das Veilchen KV 476
(1756-1791)
L.van Beethoven Lied der Mignon aus „Wilhelm Meister“:
(1770-1827) Kennst du das Land Op.75N°1
Lied des Klärchen aus „Egmont“:
Die Trommel gerühret Op.84N°1

F. Schubert Heidenröslein Op.3N°1
(1797-1848) Geheimnis Op.14N°2 (aus dem „West-östlichen Divan“)
Wonne der Wehmuth Op.115N°2
Ganymed Op.19N°3
Lied des Gretchen aus „Faust“:
Gretchen am Spinnrade Op.2
______

J. Brahms Serenade Op.70N°3
(1833-1892)

F. Liszt Lied des Klärchen aus „Egmont“:
(1811-1886) Freudvoll und leidvoll

F. Mendelssohn Lieder der Suleika aus dem „West-östlichen Divan“:
(1809-1847) Ach, um deine feuchten Schwingen Op.34N°4
Was bedeutet die Bewegung? Op.57N°3

R. Schumann Wie mit innigstem Behagen Op.25N°9
(1810-1856)

H. Wolf Die Bekehrte
(1860-1903) Frühling übers Jahr
Gleich und gleich
Komm, Liebchen, komm! (aus dem „West-östlichen Divan“)


Argit Butzke Caldura si diploma a 20 anni in pianoforte col massimo dei voti al Leopold Mozart Konservatorium di Augsburg e, conseguendo poi l’abilitazione in musica e arte per l’insegnamento nelle scuole pubbliche, si specializza in didattica musicale secondo il metodo Orff sia al Conservatorio sia all’Orff Institut a Salisburgo.
Nel 1984 inizia lo studio di canto lirico a Salisburgo con Lia Schoenherr. Si perfeziona sotto la guida di Helena Lazarska a Vienna, di Elio Battaglia e Rudolf Knoll a Salisburgo.
Debutta nel ruolo di Cherubino (Le Nozze di Figaro) al Chiemgau Festival diretto da Hans Peter Steingruber. Canta in opere di J.S. Bach ( Messa in Si minore, La Passione secondo San Matteo e l’Oratorio di Natale) con la Kantorei Traunstein sotto la direzione di Klaus Hippe. Interpreta Didone (Purcell)e Vitellia (Mozart). Nel 1995 si trasferisce in Italia, dove si dedica soprattutto alla musica da camera, in diverse formazioni. Tiene concerti per rassegne internazionali importanti come Estate musicale di Gressonay, Ljetni Festival a Rovino ed altre. Nel 2006-07 collabora col teatro Comunale di Bolzano.
Insegna canto lirico e pianoforte presso l’Associazione Musicale “Ermanno Wolf-Ferrari” a Venezia e a Mestre alla Scuola di Musica “Il circolo dei Suoni”.
Coordina ed esegue progetti basati sulla metodologia di Carl Orff in numerose scuole pubbliche del territorio veneziano.

Alessandra Semenzato studia pianoforte con Wanda Leskovich al Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia concludendo i suoi studi sotto la guida di Giorgio Agazzi.
Inizia subito un’ attività concertistica sia come solista sia come partner in Duo.
Parallelamente si dedica assieme ad un gruppo di giovani musicisti, alla fondazione di una Scuola di Musica, ora conosciuta come “il circolo dei Suoni” sul territorio veneziano in cui insegna pianoforte, teoria e pedagogia musicale. Si specializzerà in particolare sulla metodologia di Carl Orff.
Inoltre, allo scopo di avvicinare il pubblico alla musica classica, contribuisce alla creazione di spettacoli musicali e vi partecipa, in collaborazione con compagnie teatrali.
Da anni collabora con strumentisti e cantanti specializzandosi in particolare nel repertorio cameristico romantico. Ha tenuto concerti in Italia, in Svizzera a Ginevra e Basilea, in Inghilterra a Bournemouth, in Olanda ad Amsterdam, in America a New York.
Ultimamente ha approfondito gli studi psicologici umanistici, ottenendo il Diploma di Counselor nell’ambito dell’espressività psico-corporea ed Art-Counseling.

Il duo Butzke Semenzato si esibisce da circa due anni. Insieme hanno suonato a Roncegno, presso Casa Raphael e a Mirano presso Pardes con un concerto dedicato interamente a Brahms; a Venezia presso Acit (associazione culturale Italo Tedesca), palazzo Albrizzi, con un programma dedicato ad un ciclo di inedito di Lieder composto da Leo Blech, Der Galante Abbé op.17 in occasione della presentazione del libro Leo Blech (1871-1958). Il 27 ottobre si esibiscono a Venezia a palazzo Albrizzi.

La serata propone un viaggio musicale nell'opera poetica di Johann Wolfgang Goethe interpretata da diversi compositori. La sua arte poetica rappresenta un pensiero universale in grado di cogliere molti aspetti dell'anima umana, della natura, dell’universo e delle variegate sfumature della passione amorosa.
L’Universo per Goethe è una totalità vivente e infinita, in cui tutto si lega con tutto, e infinito è anche ogni singolo componente di esso, ma proprio per questo è essenziale il tema del limite; solo un uso rigoroso di esso, permette un giusto rapporto conoscitivo con la Natura, rapporto che non può essere quello meramente quantitativo della misurazione matematica, ma che non può nemmeno essere lasciato alla semplice intuizione: al contrario, solo un attento lavoro del soggetto conoscente su di sé, oltre che sull’oggetto, può far giungere alla visione di quello che Goethe chiama «il fenomeno originario», una struttura semplice ed elementare che, per gioco puramente combinatorio, può generare i fenomeni più complessi, quelli che si presentano alla nostra esperienza immediata. Goethe, dette un classico esempio del metodo del «fenomeno originario» nel suo Versuch die Metamorphose der Pflanzen zu erklären (1790; trad. it.Metamorfosi della piante), in cui fece vedere come l’intera struttura della pianta potesse essere ricavata dalle trasformazioni del seme e che la metamorfosi «crea le forme più diverse per metamorfosi dello stesso organo». Il significato filosofico di questa concezione risiede nel fatto che essere e divenire, unità e molteplicità, forma e trasformazione sono visti come due facce della stessa realtà: la natura è un continuo produrre e disfare forme, il teatro di un costante divenire in cui vige però anche un ordine rigoroso. E tutto questo possiamo ritrovarlo chiaramente espresso nelle sue poesie e nelle immagini ch’esse sono in grado di evocare.

Egli può a buon diritto essere considerato un leader della nascente Europa culturale e nume tutelare del nascente mondo dei Lieder. Le regole non scritte di questa nuova forma della poesia musicale illuminata ed appassionata si devono a lui. Una poesia di Goethe è già potenzialmente un Lied: ha ritmo, armonia, immagini verbali-sonore; esprime emozioni e squarci di vita.
In particolare per Goethe la creazione poetica, e soprattutto il canto lirico, difficilmente possono nascere senza un' accensione amorosa.
Incontriamo così in questo nostro viaggio ideale le sue figure femminili più importanti: Suleika (da “Der west-östliche Divan”), Mignon (da “Wilhelm Meister”), Klärchen (da “Egmont”) e Gretchen (da “Faust).
Nei lieder di Suleika sono espresse le tenere emozioni che questa donna prova nel pensare all’amato lontano. I testi sono tratti dal Divano occidentale-orientale, la raccolta che Goethe, ormai più che sessantenne, compose ispirandosi ad un ciclo del poeta iraniano Hafiz. Suleika è l’oggetto d’amore del poeta, che raffigura una donna da lui amata realmente in quel periodo, la giovane Marianne von Willemer, ispiratrice che pare essere stata personalmente l’autrice di qualche verso.
Gretchen am Spinnrade, musicato da Schubert, è tratto dal Faust . Faust si è invaghito della giovane e bellissima Margherita e grazie all’aiuto del diavolo Mefistofele è riuscito a sedurla. Dopo aver ceduto a lui, Gretchen esprime in questo passaggio il suo sentimento d’amore nonché la disperazione e lo smarrimento che l’uomo misterioso ha causato nella sua vita precedentemente tranquilla. Il ricordo tenero e passionale dei baci si mischia al timore, o forse già certezza, di essere stata abbandonata da lui, mentre l’idea della morte negli ultimi versi presagisce tristemente il suo destino.
Al “Meister”, come al “Faust”, Goethe ha dedicato tutta la vita, dal 1777 al 1829; il Lied di Mignon si trova negli “Anni di apprendistato” del 1796. Mignon è appena un’adolescente quando viene rapita in Italia da una compagnia di zingari e condotta in Germania. Dopo varie disavventure, viene liberata da Wilhelm, che diviene il suo benefattore. Nel Lied di Beethoven la fanciulla, presa dalla nostalgia per l’Italia, lo prega di ricondurla in patria. Mignon, un essere delicato, quasi androgino, incarna una sorta di solitudine e dolore cosmici esprimendone la verità assoluta e, nel contempo, il disordine patologico. E’ la voce della poesia pura, della liricità essenziale e solitaria, incapace di ogni patteggiamento con il mondo; in lei si concentra tutto ciò che spezza la serena legge della vita e ne impedisce l’accettazione, la passionalità anarchica ed anomala, l’infrazione dei tabù sociali e naturali, la follia e l’incomunicabilità. E l’Italia, terra del sole e dell’azzurro cielo, è il commosso ricordo di una patria ideale a cui lo stesso Goethe ritornava.
Klärchen è un’altra figura femminile importante: semplice ragazza del popolo che ama con totale dedizione ed ingenuità Egmont, l’eroe della sua terra, che l’ha scelta pur nella sua misera condizione. La commovente abnegazione di Klärchen col suo affetto immediato e generoso, con la sua ingenua fascinazione sensuale, la rende una delle eroine goethiane più felici e coerenti: ella riscatta la scabrosa situazione del rapporto di adulterio, per proporsi come icona, preziosa nella sua semplicità, che evoca la Gretchen del Faust, del sentimento puro e assoluto.

Da quanto fin qui esposto, possiamo comprendere ora come la diversità dei temi, delle caratteristiche psicologiche dei personaggi e delle situazioni richieda innanzitutto, una grande capacità di assimilazione interiore e, in seguito di lavoro di compenetrazione del duo canto/pianoforte.
In particolare, il ruolo del pianoforte nelle liederistica spazia dall'essere semplice accompagnamento ritmico al creare atmosfere che richiamano elementi di natura, all'essere un controcanto che si fonde con la voce. Voce che si caratterizza per la ricchezza dei colori, dell’espressività e delle dinamiche sonore.


Evento di Squarci nelle Tenebre

A cura di Maria Luisa Trevisan

Mirano, PaRDeS, 14 settembre – 13 novembre 2016
Venezia, Art Factory, 31 agosto - 15 ottobre 2016

Nei vari spazi espositivi sono esposte opere di:
Romano Abate, Rudy Barborini, Fabio Bolinelli, Stefano Bonato, Alessandro Cadamuro, Alessandro Cardinale, Franco Cimitan, Anna Colitti, Franco Corrocher, Saul Costa, David Dalla Venezia, Paolo della Corte, Alberto Di Fabio, Enas Elkorashy, Nicola Evangelisti, Roberto Fontanella, Luigi Gattinara, Giovanni Giupponi, Cristina Gori, Nicholas Herdon, Bobo Ivancich, Laure Keyrouz, Abdallah Khaled, Raimondo Lorenzetti, Federica Marangoni, Maruzza, Mia Battaglia, Anastasia Moro, Aldo Pallaro, Pain Azyme, Barbara Pelizzon, Günter Pusch, Tobia Ravà, Ana Maria Reque, Marco Rostellato, Annamaria Targher, Cesare Vignato, Luigi Viola, Massimo Zanta.

Riapertura della mostra (inaugurata il 29 maggio) dopo la pausa estiva
Dal 14 settembre al 13 novembre presso gli spazi PaRDeS-Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea, Mirano (VE), Via Miranese 42.
A Mirano visite su prenotazione da mercoledì a domenica dalle ore 16 alle 19 tel./fax 041/5728366 cell. 349 1240891; artepardes@gmail.com.
Dal 31 agosto al 15 ottobre 2016 presso l’Art Factory di Tobia Ravà Fondamenta dell’Arzere Dorsoduro 2324 a Venezia. Orari di apertura: da mercoledì a venerdì 16.00-19.00. Sabato 10-13 (in altri orari telefonare al 3457830244).

La mostra a Mirano riapre con alcuni lievi cambiamenti e una nuova opera forte e potente quanto gli eventi di questi ultimi tempi: una scultura polimaterica dal titolo "Quivi le brutte Arpie lor nidi fanno" di Romano Abate ispirata all’Inferno di Dante (Canto XIII°. 10) l’ultima di una serie iniziata nel 1992, assonante con questa estate terribile e dissonante con la dolcezza della natura che la circonda.
Dopo i fatti di Dakka, Orlando, Dallas, Nizza, Ruen, Würtzburg, Monaco, il tragico incidente ferroviario in Puglia e il devastante terremoto nel Centro Italia, quello che sta accadendo in Turchia, Siria, Yemen e in tante altre parti del pianeta, pensiamo purtroppo che la mostra sia ancora molto attuale. Anche se speravamo di essere superati da eventi di altro tipo (positivi ovviamente!) e che il fondo fosse già stato toccato. E invece non c’è mai fine al peggio!
“Purtroppo la situazione internazionale non sembra migliorare e anche se per noi artisti il prolungare la mostra non può che essere una opportunità da cogliere, mi rendo conto che le motivazioni alla base non sono del tutto auspicabili. Aspettiamo tempi migliori!? - ci scrive uno degli artisti in mostra - Speriamo che almeno nell'arte riusciamo a cambiare questa pagina triste”.
Una nostra cara amica artista, anche lei esposta in mostra, era a Nizza il 14 luglio: ci scrive “ero qui già durante l'attacco e, per nostra grande fortuna, io e le mie amiche abbiamo lasciato la promenade proprio 5 minuti prima che si scatenasse l'inferno...... Salite a casa abbiamo sentito gli spari e visto dal balcone tutta la folla correre urlando allontanandosi dalla promenade. Che orrore. Terribile vedere le foto di ragazzi (età di mia figlia) ancora ‘dispersi’ attaccate qui e lì.... Allucinante. Temo che l'attualità' del tema trattato possa essere ancora valido per molto tempo a venire....”. Un altro artista invitato a prorogare la mostra scrive “Sono perfettamente d'accordo, questa mia ricerca, una denuncia sull'umanità e il terrore che la devasta, iniziata nel ‘76 raccogliendo le pagine dei periodici, come ho già scritto, é senza fine - endless! La nostra é una goccia nel mare ma dobbiamo continuare a denunciare e URLARE!”. “E pensare che due anni fa sono stato in Cappadocia e a Istanbul, e sono tornato con uno splendido ricordo di convivenza multireligiosa. Soggiornavo in una casa nella zona di Fatih, Fener e Balat, mussulmani, ortodossi, ebrei, il tutto nel raggio di un chilometro, mercati, luoghi di culto, secoli di storia... ‘Stranamente’ chi ci ha ospitato si lamentava del governo, della corruzione, e del crescente radicalismo....”. “ Anche noi siamo stati benissimo ad Istanbul, e anni fa (erano gli anni ’90), ancora meglio: è stato un bel viaggio, con alcuni amici guidando la mia auto, siamo partiti da Padova passando per Ungheria, Romania, Bulgaria, Turchia e Grecia. In Turchia ho visitato la costa egea fino a Kushadashi e poi via mare in Grecia, arrivo al Pireo e periplo del Peloponneso e rientro da Patrasso ad Ancona. Ricordo di aver visitato tutta Istanbul senza alcun problema, gran bazar compreso, Santa Sofia, moschee, cisterne, Topkapi, torre di Galata, ecc. Una sera a cena c’erano dei curdi che festeggiavano con balli. Siamo stati così bene anche nella Troade e poi ad Efeso. Abbiamo conosciuto persone di cultura e credo diversi, e molti laici. Ci sembravano tutti così cordiali, così simili, vicini …. La seconda volta a Istanbul sembrava che tutto fosse come la precedente anche se la guida che ci accompagnava, una giovane ragazza turca che vestiva all’occidentale, dimostrava un po’ di preoccupazione riguardo la situazione politica e mentre visitavamo il Palazzo Topkapi purtroppo giunse la notizia del sanguinario attentato alla metropolitana di Londra. Era il 7 luglio 2005, la capitale britannica subì uno dei più violenti attentati della sua storia: quattro bombe piazzate da Al Qaeda. La guida addolorata scosse la testa come a dire un’altra, volta ci risiamo. Peccato che stia andando tutto a rotoli e soprattutto vedere che tutto viene calpestato … Speriamo in bene”.
In seguito a questi scambi epistolari con gli artisti abbiamo deciso di riaprire la mostra dopo la pausa estiva, dato che le premesse esposte nella prima parte non sono purtroppo cambiate.
Dopo i fatti di Dakka, Orlando, Dallas, Nizza, Ruen, Würtzburg, quello che sta accadendo in Turchia, Siria, Yemen e in tante altre parti del pianeta, il tragico incidente ferroviario in Puglia e il devastante terremoto nel Centro Italia, pensiamo purtroppo che la mostra sia ancora molto attuale. Anche se speravamo di essere superati da eventi di altro tipo (positivi ovviamente!) e che il fondo fosse già stato toccato. E invece non c’è mai fine al peggio!
E’ da un po’ di tempo che pensavamo ad una mostra sul contrasto luministico come metafora del contemporaneo, ad un’esposizione di forte impatto qual è la dura realtà di questo momento storico, che interpreti attraverso la sensibilità degli artisti e l’efficacia comunicativa delle loro opere lo zeitgeist, lo spirito del tempo, questa sensazione psicologica generale incombente, d’impotenza di fronte ad un’attualità così esasperata, davanti alle tragedie e alle emergenze del quotidiano.
Più di un anno fa, dopo Charlie Hebdò avevamo già ideato un titolo (decisamente un po’ più soft) “Luci e ombre”. I tragici fatti di Parigi del Bataclan, quelli di Dakka, Nizza, Rouen, Germani e Turchia, hanno ulteriormente impressionato, sconvolto, shoccato e così ritenevamo più opportuno invertire i termini con “Ombre e luci”, ma dopo Bruxelles siamo stati letteralmente travolti e sfiorati dalla tragedia, così abbiamo dovuto purtroppo ripiegare su un più brutale “Squarci nelle tenebre”.
La situazione – in generale - ci sembra precipitata, ci stanno crollando addosso tutte quelle certezze su cui ci siamo formati, costruiti come persone e cittadini del mondo. Speriamo di non arrivare alle tenebre totali! Biblioteche bruciate, statue frantumate a colpi di martello pneumatico, siti archeologici anche tutelati dall’Unesco distrutti e così beni culturali magnifici che hanno resistito nei secoli e che hanno testimoniato nei millenni la storia di antiche civiltà scomparse sono stati cancellati in un istante e così chi si è messo contro a questa barbarie è stato brutalmente ammazzato e umiliato. Vite spezzate di genti in fuga dalla distruzione. Donne deturpate e lapidate. Minori violati ed infanzia negata. Popoli annientati e spazzati via da altri popoli. Non pensavamo di dover assistere ancora una volta a tutto questo. Vien da chiedersi: la storia e la civiltà che ci è stata consegnata e che è stata così duramente guadagnata con la fatica ed il sangue di chi ci ha preceduto, sembra non aver insegnato nulla all’uomo contemporaneo? E guardando i muri che si stanno erigendo, dove è sono andati a finire le libertà, i valori, i diritti dell’Europa e dell’Occidente?
“Squarci nelle tenebre” affronta brutalmente la scottante attualità ed i cambiamenti epocali in atto, sociali, politici, geografici, culturali e ambientali (riscaldamento globale, nucleare, radiazioni, contaminazioni alimentari,… che stiamo attraversando, ma per non sentirci del tutto inermi ed impotenti spettatori cerchiamo di dare ognuno il proprio apporto per dare una speranza a chi ci seguirà nel cammino dell’umanità e cercare d’intravvedere al di là del tunnel, una luce, una riflessione che si estende, più in generale, alla condizione umana. Le opere esprimono emozioni e sentimenti, talvolta uno stato d'animo di profondo disagio ed angoscia per questo particolare momento storico di profondo dolore, crisi, carestie, catastrofi naturali ed incertezza, ma anche pur sempre una recondita e doverosa speranza. Siamo consapevoli che stiamo vivendo una fase storica epocale molto difficile, che dobbiamo analizzare e capire a fondo senza stereotipi e pregiudizi. L’artista capta con le sue antenne i segni di ciò che verrà, registra e preannuncia nelle opere situazioni accadute o probabili, esponendosi in prima persona con il proprio lavoro. Comprende il “tuo” stato d’animo e il “tuo” disagio che condivide appieno e che cerca di superare come può, con i mezzi dell’arte e della creatività, tuffandosi a capofitto nel lavoro senza pensare a cosa servirà nell’immediato, sicuramente a farci sentire meno soli e a condividere con altri artisti, operatori e semplici spettatori/visitatori paure, ansie, fatiche e dispiaceri, di un momento che possiamo decisamente definire tragico, con cui inevitabilmente dobbiamo fare i conti e cercare di superare con dignità e nel modo migliore possibile, facendo leva sul buon senso, sull’enorme serbatoio di creatività e cultura che caratterizza ogni civiltà e società. L’arte salverà il mondo? Vogliamo crederci!


Domenica 13 novembre, a partire dalle ore 17 Maratona poetica guidata da Alessandro Cabianca. Finissage a PaRDeS della mostra “Squarci nelle tenebre” con lettura di poesie di autori vari.


Patrocini: Comune di Mirano, Terra dei Tiepolo
Ideazione e a cura della mostra Maria Luisa Trevisan
Testi di Antonio Costanzo e Maria Luisa Trevisan
Allestimenti e grafica Tobia Ravà
Organizzazione PaRDeS-Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea, in collaborazione con Galleria L’Occhio – Venezia, Marta Compagnini, Martina Manfrinati, Antonella Crosera.
Cidroid www.cidroid.it
Mobili ed Elettrodomestici Olivato Laura – Sant’Elena (PD)
Grafica e stampa Grafiche Turato, Rubano, www.graficheturato.it

Brindisi Castello di Roncade

PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea, via Miranese 42, 30035 Mirano (VE)
tel./fax 041/5728366 cell. 349 1240891; www.artepardes.org; artepardes@gmail.com

PhotoPhotoPhoto
03/11/16
3 Photos - View album
Wait while more posts are being loaded