Profile cover photo
Profile photo
Gianna Bonacorsi
About
Gianna's posts

Post has attachment
Photo

Post has shared content

Post has attachment
Venuto da molto lontano
a convertire bestie e gente
non si può dire non sia servito a niente
perché prese la terra per mano
vestito di sabbia e di bianco
alcuni lo dissero santo
per altri ebbe meno virtù
si faceva chiamare Gesù.

Non intendo cantare la gloria
né invocare la grazia e il perdono
di chi penso non fu altri che un uomo
come Dio passato alla storia
ma inumano è pur sempre l'amore
di chi rantola senza rancore
perdonando con l'ultima voce
chi lo uccide fra le braccia di una croce.

E per quelli che l'ebbero odiato
nel getzemani pianse l'addio
come per chi l'adorò come Dio
che gli disse sia sempre lodato,
per chi gli portò in dono alla fine
una lacrima o una treccia di spine,
accettando ad estremo saluto
la preghiera l'insulto e lo sputo.

E morì come tutti si muore
come tutti cambiando colore
non si può dire non sia servito a molto
perché il male dalla terra non fu tolto
Ebbe forse un po' troppe virtù,
ebbe un nome ed un volto: Gesù.
Di Maria dicono fosse il figlio
sulla croce sbiancò come un giglio.



Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment
MONIKA ERTL, LA RAGAZZA CHE VENDICÓ CHE GUEVARA

Quando quella bella giovane tirò fuori la pistola, Quintanilla, l'uomo che aveva torturato Ernesto Che Guevara, forse avrebbe voluto dire qualcosa, forse avrebbe voluto implorarla, chiedere scusa, pregare. Forse, ma non non ebbe la possibilità.
Monika Ertl gli sparò tre colpi diretti al petto. Nemmeno il tempo di scappare, lasciandosi dietro una parrucca, la borsetta, la Colt Cobra 38 Special, che Quintanilla era già morto.
Era il primo aprile 1971 e questa ragazza fingendosi una giovane reporter australiana era penetrata nel consolato della Bolivia di Amburgo, dove aveva finalmente potuto onorare un giuramento pronunciato tre anni e mezzo prima. Aveva promesso che avrebbe vendicato il Che e dopo di lui Inti Peredo, il guerrigliero che ne aveva preso il posto, anch'egli torturato dall'odiato Quintanilla.
Inti di cui lei era innamorata, Inti che aveva seguito nelle giungla con il nome di battaglia di Imila.
Per questo era tornata in Germania, la sua patria natia. Terra da cui se n'era andata da bambina al seguito del padre, regista costretto ad emigrare in Bolivia dopo la Seconda Guerra Mondiale, a causa dei rapporti avuti con il regime nazista. In Sud America Monika scossa dalle ingiustizie sociali e dai governi autoritari aveva scelto la strada della lotta. Strada che perseguì fino all'ultimo giorno della sua vita.
Dopo aver ammazzato Roberto Quintanilla, che aveva oltraggiato il corpo del Che mozzandogli le mani, Monika decise di farla pagare ad un altro assassino: Klaus Altmann Barbie, l'ex capo della Gestapo di Lione. Tornata in Bolivia, dove l'ex gerarca si nascondeva, cadde però in un imboscata dell'esercito. Sulla sua testa pendeva una taglia da 20.000 dollari.
Fu uccisa all'età di 36 anni.
I suoi resti non vennero mai restituiti alla famiglia.

Cannibali e Re https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1254113234707147&substory_index=0&id=978674545584352

#MoniKaErtl #CheGuevara #Amburgo #Germania #Quintanilla #Bolivia
Photo

Post has attachment

Post has attachment
Reagire poco è una colpa....Alla prossima violenza le donne abbiano cura di reagire secondo il protocollo, grazie.

Post has attachment
Wait while more posts are being loaded