Profile cover photo
Profile photo
carol cristi
9 followers
9 followers
About
Posts

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment
Davanti a me ho due canne, apparentemente sono uguali ma una è illegale e l’altra è legale.
L’erba della prima puzza di sangue, di additivi chimici (di lacca, di lana di vetro, di piombo, di alluminio, di ferro, di cromo, di cobalto ed altri metalli pesanti altamente nocivi) e proviene da chissà dove, e comprandola alimenti quella stessa controcultura che vuole renderti schiavo della violenza e portarti a fare quei compromessi che ti rendono una persona artefice di un sistema che rischia il collasso, di una macchina arrugginita ormai senza armonia che fatica ad andare.
La seconda è la soluzione. La compri in negozio. Il commesso non è paranoico e al massimo è un po’ fatto perché vende legale ma fuma illegale, suo malgrado. La provo...
Add a comment...

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment
La musica, così come la conosciamo oggi, è nata nei vicoli di Napoli, dalle idee creative di giovani talentuosi che si ritrovavano la sera a suonare e a parlare dei loro sogni, figli di una città che è sempre stata un porto aperto alla cultura.
Tutto è nato in quelle situazioni, in locande popolari del quartiere Sanità o in localini di periferia dove gruppi di studenti incontravano il “nuovo sound” americano o inglese.
Gianni Fiorenzano è stato uno di questi giovani. Classe ’53, napoletano nato e cresciuto nel quartiere Sanità, ascoltatore seriale di musica da oltre quarant’anni e testimone prezioso dello sviluppo musicale che ha preso le mosse dall’ambiente multiculturale napoletano che ha cambiato l’Italia intera e non solo, ha vissuto direttamente o indirettamente quei momenti di formazione culturale da cui la sua città è dovuta passare per crearsi un’identità nuova e ancora una volta tutta originale.
su Bagni Pubblici blog di Carol Cristi
Add a comment...

Post has attachment
Oggi a Napoli è arrivato il Real Madrid ed è subito miracolo: la strada davanti al loro hotel è stata magicamente sgomberata dalle solite macchine che sostano in doppia fila. E perfino le buche sono state coperte dall'asfalto per alleviare i loro deretani.
Ricordo ancora quando venne il papa...
Add a comment...

Post has attachment
Wait while more posts are being loaded