Profile cover photo
Profile photo
ArteGrandTour
44 followers -
Chi guarda bene un quadro lo ridipinge con lo sguardo.
Chi guarda bene un quadro lo ridipinge con lo sguardo.

44 followers
About
Posts

Post has attachment
GLI AFFRESCHI DI ALTICHIERO DA ZEVIO
#PADOVA, 15 OTTOBRE, ORATORIO DI SAN GIORGIO
con Luca Vivona

Ripensando, a sessant'anni di distanza, il capolavoro giottesco degli Scrovegni, Altichiero affermò il prestigio assoluto del modello rigenerandone insieme i paradigmi spirituali. L'ampio ciclo di affreschi svolto nell'oratorio attiguo alla Basilica del Santo dispiega le note innovative di una stesura pittorica delicata, ricca di eleganze e studiate costruzioni architettoniche. Soprattutto, Altichiero dispiega una gamma inedita di sfumature psicologiche, quasi un corrispettivo dell'indagine condotta in poesia, negli stessi decenni, da Francesco Petrarca.

Per informazioni > http://xiv.me/989
Photo
Add a comment...

Post has attachment
IL CORRIDOIO DI SANT'IGNAZIO E PADRE POZZO
#ROMA, SABATO 15 OTTOBRE
con Laura Gori

Camminare come metafora di un percorso di comprensione, come esperienza in cui ciò che non ha forma assume, a ogni passo, il proprio significato. Fu questa l'ispirazione che guidò il pennello di Andrea Pozzo, gesuita e pittore, nella decorazione del corridoio che lambisce gli appartamenti romani di Ignazio di Loyola. Gli affreschi comprendono così, accanto alle storie del santo spagnolo, particolari pensati per ingannare l'occhio, e confondere confini e ambiti tra pittura e realtà.

Per informazioni > http://xiv.me/988
Photo
Add a comment...

Post has attachment
IL SALONE DEI MESI A #SCHIFANOIA
#FERRARA, SABATO 8 OTTOBRE
con Eleonora Onghi

Impoverito da un difficile percorso conservativo, eppure capace di ammaliare per il labirinto di simbologie e rimandi che dispiega, il ciclo di affreschi che decora il Salone dei Mesi è un punto nodale nell'intero Quattrocento italiano. Come in un grande giro di tarocchi dei ed eroi, e poi segni dello zodiaco, frammenti cortesi e scene campestri abbracciano l'osservatore, imprigionandone lo sguardo in una ragnatela di immagini, emblemi di un orizzonte culturale singolarmente aperto alle suggestioni dell'Antico e ai colori del contemporaneo.

Per informazioni > http://xiv.me/983
Photo
Add a comment...

Post has attachment
BRAMANTE A S. PIETRO IN MONTORIO
‪#‎ROMA‬, SABATO 6 FEBBRAIO
con Laura Gori

Traduzione in pietra di una riflessione sul valore simbolico e sulle difficoltà di realizzazione di una chiesa dalla pianta centralizzata, San Pietro in Montorio è simbolo e sintesi dell'architettura rinascimentale. Punto finale di una messa a punto ideativa che Donato Bramante porta a estrema perfezione, il tempietto scioglie nelle singole membrature architettoniche simboli e valori del pieno Rinascimento.

Per informazioni > http://xiv.me/8xb
Photo
Add a comment...

Post has attachment
IL SEPOLCRO DI GIOVANNA D'ORLIER
‪#‎TORINO‬, DUOMO, SABATO 6 FEBBRAIO
con Anna Maria Cavanna

Sospesa in preghiera, le pieghe dell'abito e i ricci descritti con viva precisione, Giovanna d'Orlier de la Balme rivela l'essenza internazionale dell'arte in Piemonte. Opera di uno scultore francese, dal nome sconosciuto ma dall'evidente talento di ritrattista, il monumento funerario della dama, più volte rimaneggiato, traccia un percorso fra Torino e le eleganze di Borgogna, nel pieno del Cinquecento rinascimentale.

Per informazioni > http://xiv.me/8xc
Photo
Add a comment...

Post has attachment
DUE RITRATTI DI ANDREA APPIANI
‪#‎MILANO‬, 23 GENNAIO, GALLERIA D'ARTE MODERNA
con Andrea Dallanoce

Claude-Louis Pétiet era stato ministro della Guerra, ed era poi entrato nel giro illustre dell'amministrazione milanese. Per lui, creatura del giovane Bonaparte, Andrea Appiani realizza uno splendido dittico, che illustra in forma di ritratto il nuovo sentire dell'età neoclassica nell'equilibrio tra pubblica virtù e privata tenerezza. A Pétiet, effigiato con i figli maggiori in divisa, fa da controcanto la moglie, accompagnata dai più giovani e soffusa di un'inedita tenerezza di madre.

Per informazioni > http://xiv.me/8vm
Photo
Add a comment...

Post has attachment
LA CROCIFISSIONE DI ANNIBALE ‪#‎CARRACCI‬
‪#‎BOLOGNA‬, 23 GENNAIO, S. MARIA DELLA CARITÀ
con Eleonora Onghi

Prima opera pubblica di un Annibale Carracci ventenne, la Crocifissione consente di inquadrare i primi momenti della rivoluzione pittorica intrapresa dall'artista insieme al cugino Ludovico e al fratello Agostino. Giudicata al suo tempo fin troppo cruda e spoglia nell'atteggiarsi delle figure, agli antipodi della stilizzazione manierista, e ravvivata da un impressionante studio del teschio ai piedi della croce, l'opera consente un contatto ravvicinato con le idee già chiarissime di un grande pittore agli esordi.

Per informazioni > http://xiv.me/8vl
Photo
Add a comment...

Post has attachment
LA GLORIA DI SANT'IGNAZIO DI PADRE POZZO
‪#‎ROMA‬, 16 GENNAIO, BASILICA DI S. IGNAZIO
con Laura Gori

Un prodigioso tour de force nel campo dell'ottica, al servizio di una pittura capace come nessuna di iperboli illusionistiche è alla base dell'affresco con la Gloria di Sant'Ignazio di Loyola che decora il soffitto della chiesa gesuita. Inventata da padre Andrea Pozzo nel pieno del Seicento barocco, la strepitosa decorazione della volta sovrappone una costruzione dipinta a quella reale, in un vibrante confondersi di verità e finzione architettonica.

Per informazioni > http://artegrandtour.it/index.php
Photo
Add a comment...

Post has attachment
LO SPOSALIZIO DELLA VERGINE DI ROSSO FIORENTINO
‪#‎FIRENZE‬, 16 GENNAIO, BASILICA DI S. LORENZO
con Luca Vivona

Ritrosa ed elegante, Maria affianca il sacerdote, colto nell'atto di benedirne l'unione con un Giuseppe giovane e ricciuto. L'iconografia della pala, rivoluzionaria ed enigmatica, si sposa con l'invenzione spaziale della scala, su cui si dispongono figure di ricercata eccentricità. Opera matura di Rosso, lo Sposalizio della Vergine è anche prova generale per i successivi sviluppi, a Roma, dello "stile clementino".

Per informazioni > http://artegrandtour.it/index.php
Photo
Add a comment...

Post has attachment
LA GALLERIA DEI VICERÉ NEL PALAZZO REALE
‪#‎PALERMO‬, 28 NOVEMBRE, PALAZZO DEI NORMANNI
con Francesco Paolo Campione

Per quattrocento anni la Sicilia fu retta da un viceré, un emissario del Sovrano che ne deteneva il potere e agiva proprio come un re. Furono un centinaio ad avvicendarsi tra l'epoca aragonese e il tramonto del regime borbonico, e di alcuni di essi – a partire dalla metà del Settecento – si pensò di raccogliere i ritratti in un'apposita Galleria del Palazzo che li ospitava come governatori. Azzimati nei loro abiti da parata, ciascuno racconta ancora una storia personale che fu anche (e soprattutto) la storia della terra che essi ressero ora autoritariamente, ora con umanità, forse consci che il loro stato s'avviava a un inesorabile declino.

Per informazioni > http://artegrandtour.it/index.php
Photo
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded