Profile cover photo
Profile photo
Marco Cameriero
781 followers -
Leggo mooolto ma non sempre comprendo tutto
Leggo mooolto ma non sempre comprendo tutto

781 followers
About
Marco's posts

Post has attachment
Credo negli esseri umani che hanno il coraggio, il coraggio di essere umani [cit]


GRAZIE, e ancora, e ancora, e ancora...

A chi "per mestiere", ma soprattutto a chi "per cuore" si arma di coraggio e non la dà vinta alla disperazione, alla morte.
E' una lotta impari, ma finché ci saranno questi eroi siamo autorizzati a sperare ancora, e ancora, e ancora...
Photo

Post has attachment
Go go go!

#immaginecheparla  
Control by Pawel Kuczynski
Photo

Post has attachment
Un esercizio quotidiano


“Freedom” [1] di Zenos Frudakis
#immaginacheparla  

Note:
[1] ►http://www.zenosfrudakis.com/freedom-sculpture/
Photo

Post has attachment
Photo

Post has shared content
[...] Non illudiamoci, l'Astronomia non potrà mai diventare argomento da bar. [...]

Però...

[...] Fortunatamente non tutti i bar - e soprattutto non tutti gli avventori - sono uguali. E qualche volta si riesce persino a parlare di Astronomia. Potrebbe essere il caso a offrirti un gancio inatteso, al quale ti devi aggrappare il più in fretta possibile, ma potrebbe anche succedere che l'occasione te la debba proprio costruire di sana pianta, spremendo al massimo la fantasia. Proprio questo è lo spirito dei brevi racconti di questo strano libro. Una dozzina di banali situazioni da bar trasformate in ghiotte occasioni per provare a buttar lì una pillola di Astronomia. Il tutto senza mai prendersi troppo sul serio. [...]
h/t +Claudio Elidoro 

http://www.scienzainrete.it/lastronomia-non-e-roba-da-bar
Buona lettura!
Tempo fa, tra il settembre 2013 e il marzo 2014, ho pubblicato sul portale Scienzainrete alcuni brevi racconti di carattere astronomico. La pretesa era quella di proporre pillole di Astronomia utilizzando un tono non troppo austero e provando persino l’azzardo di qualche battuta di spirito.
Complice la calura estiva, mi è venuta voglia di riproporre quei racconti a beneficio di potenziali lettori che si erano persi quella tornata. Già che c'ero ho pensato di organizzarli in un unico volume, rigorosamente gratuito, che ciascuno può scaricarsi, leggere e - se proprio non gli piace - condannare alla fine ignominiosa che ritiene consona. Se qualcuno, al contrario, ritenesse i racconti sufficientemente gustosi, è invitato a farne parola a destra e a manca. Non mi offendo.
Doveroso, fin da subito, esprimere un sentito e riconoscente grazie a Scienzainrete che mi ha permesso di ripubblicare quei racconti. Chi li volesse leggere sul portale, basta che indirizzi il browser a http://www.scienzainrete.it/lastronomia-non-e-roba-da-bar
Inizialmente pensavo di concludere l’operazione con Amazon kindle, il portale da me utilizzato un mesetto fa per pubblicare il saggio MINACCIA FANTASMA (a proposito, gli avete dato un’occhiata?), curiosamente, però, su Amazon non sembra sia possibile mettere a disposizione dei lettori un ebook gratuito…
Mi sono così indirizzato a Smashwords, un distributore di ebook attivo da qualche anno e che offre uno spettro più ampio di formati. Anche in questo caso ho dovuto litigare un po’ con la formattazione, ma il risultato ottenuto mi pare più che dignitoso. Purtroppo, ho dovuto rinunciare alle immagini che accompagnavano ciascuno dei 15 racconti, una piccola perdita estetica che confido venga sufficientemente ripagata dal testo.
Bon, basta ciance ed ecco il link: https://www.smashwords.com/books/view/654870
Ora non mi resta che augurare buona lettura!
Ah, fatemi sapere…

Post Scriptum
Approfitto biecamente della circostanza per ricordare MINACCIA FANTASMA, il saggio che ho scritto riguardo al pericolo - sottovalutato - degli impatti cosmici.
Lo trovate qui: https://www.amazon.it/Minaccia-Fantasma-rischio-sottovalutato-impatto-ebook/dp/B01GYK58TM/

#astronomia   #racconti   #minacciafantasma  

Post has attachment
Quella volta che siamo diventati umani

[...]
A che cosa serve essere intelligenti? Più precisamente, a che cosa serve essere intelligenti nel modo tipicamente umano? La domanda ci sembra così banale da non meritare neppure di essere presa in considerazione. Essere intelligenti serve ovviamente per sopravvivere, per comprendere il mondo che ci circonda, per interpretare i pensieri degli altri, per immaginare il futuro, per suonare il piano, per dipingere un quadro, per ingannare. Tuttavia, è sufficiente spostare lo sguardo sulla storia profonda per complicare tutto. Anche la nostra intelligenza, come ogni altra caratteristica della natura umana, si è evoluta: un tempo non c’era. Siamo sicuri che la sua utilità attuale corrisponda alla sua origine storica? E soprattutto, “a che cosa serve” è la domanda giusta?
...
...
...
...Quella volta è successo qualcosa di normale e di unico al contempo.
Su un ramo laterale alla periferia dell’impero della biodiversità ha avuto inizio un nuovo esperimento di vita e di conoscenza, un evento contingente che difficilmente potrebbe ripetersi una seconda volta. A noi la responsabilità di coltivarlo il più a lungo possibile.
[...]
h/t Telmo Pievani


Insomma, cos'è successo "quella volta"?
Com'è che siamo diventati "umani"?
Vi lascio alcune briciole, così come le ha "seminate" il buon Telmo; un percorso da seguire a mente aperta:
1) Da Darwin a Gould
2) “Il grande balzo in avanti”
3) Tra natura e cultura
4) L’uomo di Neanderthal
5) Una storia naturale della coscienza
6) Il “decollo” della mente umana
7) Quando si abbassa la laringe…
8) Un cervello polivalente
9) Alla periferia dell’impero della biodiversità

http://letterainternazionale.it/testi-di-archivio/quella-volta-che-siamo-diventati-umani/


PS:
Un grazie particolare a +Piccolo Metafisico che ha scovato questa chicca
Photo

Post has attachment
Breve storia della Luce
[...] Ne percepisci la presenza ogni giorno, maledici la sua natura che la mattina percuote la retina e non ti permette di continuare il tuo viaggio nel mondo dei sogni. Quando vuoi fare il figo e rimorchiare, sfoggi paroloni come “fotone” o “dualismo onda particella” e lì sì che crollano tutti ai tuoi piedi. [...]

La luce, per diamine, è lei la protagonista di questa affascinante storia raccontata in tre puntate dal buon Davide Loiacono


1) Breve storia della Luce (1/3)
http://www.fisicisenzapalestra.com/fisicamente/storia-della-luce-1/

2) Dall’etere alla nascita della relatività
http://www.fisicisenzapalestra.com/fisicamente/breve-storia-della-luce-michelson/

3) Alla fine ecco i fotoni
http://www.fisicisenzapalestra.com/fisicamente/breve-storia-della-luce-fotoni/
Photo

Post has attachment
Conferma della relatività generale e nascita del mito di Einstein

[...] Ecco che un uomo compare dal nulla:
“l’improvvisamente famoso dottor Einstein”.
Porta il messaggio di un nuovo ordine nell’Universo; è un novello Mosè sceso dalla montagna per portare la legge e un novello Giosuè che controlla il movimento degli astri.
Parla una lingua strana, ma i saggi confermano che dice il vero. […]
Il suo linguaggio matematico è sacro, eppure trascrivibile in qualcosa di comprensibile ai profani: la quarta dimensione, le stelle non sono dove pensavamo fossero ma non c’è da preoccuparsi, la luce ha un peso, lo spazio è curvo.
[Einstein] colma due bisogni profondi, ben radicati nell’uomo: il bisogno di conoscere e il bisogno non di conoscere, ma di credere. [...]
A. Pais


+Eva Filoramo ha scritto un articolo in tre parti su quella che fu la prima conferma sperimentale convincente della teoria einsteiniana, un’eclissi totale di Sole che avrebbe cambiato il corso della storia della scienza.

Una storia assolutamente affascinante che risale a un periodo estremamente concitato: l’inizio del ventesimo secolo e, in particolare, gli anni della Prima guerra mondiale.
Il protagonista di questa storia è un astronomo quacchero ( e ben presto si capirà perché è importante specificarne la fede religiosa), nato nel 1882 nel Lake District, una delle regioni più belle di tutta l’Inghilterra.

Buona lettura.

Arthur Eddington e la conferma della relatività
https://medium.com/italia/arthur-eddington-e-la-conferma-della-relativit%C3%A0-37929322c6e5#.ibejx3fry

L’eclissi che cambiò la storia della scienza
https://medium.com/italia/l-eclissi-che-cambi%C3%B2-la-storia-della-scienza-482f6274554e#.dagnzpj13

L’improvvisamente famoso dottor Einstein
https://medium.com/@evalosapeva/limprovvisamente-famoso-dottor-einstein-e63d641a9210#.9wkd8wfrg
Photo

Post has shared content
Assente consapevolmente (e colpevolmente), ma gli esami, il caldo e altro...

E se proprio uno deve ri-riprendere a segnalare cose buone e giuste, Il (non) Carnevale della Fisica ospitato da +annarita ruberto è l'ideale; di meglio non potrei consigliare
Il (non) Carnevale della Fisica #15

Benvenuti a tutti!
Eccoci qui- dopo un discreto lasso di tempo, per quanto mi riguarda- con una nuova puntata del (non) Carnevale della Fisica, l'unico (non) Carnevale scientifico al mondo...che di scientifico ha però tutto e di più!
La puntata odierna è la n. 15 per la precisione ma, prima di dare inizio alla segnalazione degli articoli che ho selezionato, non posso non ricordare brevemente che il 2015 è stato un anno particolarmente fruttuoso per l'Astrofisica, grazie all'epocale scoperta delle onde gravitazionali!
Sì lo so che Gianluigi (+Gianluigi Filippelli)  ha dedicato alle onde epocali l'edizione n. 13 del (non) carnevale, ma nel frattempo è intervenuta una ghiotta novità.

Udite, Udite!

La collaborazione LIGO/VIRGO, dopo l'evento LIGO del 14 settembre 2015, ha addirittura fatto il bis il 26 dicembre successivo con la rilevazione di un secondo segnale prodotto dalle onde gravitazionali, generate dalla coalescenza di due buchi neri di massa stellare. L'evento registrato dai due interferometri è stato chiamato GW151226, in base alla data del rilevamento ovviamente.
Il team ha calcolato che i due buchi neri, con masse di circa 14 e 8 volte quella solare, si trovavano a 1,4 miliardi anni luce di distanza. Tali masse sono vicine ai valori tipici desunti dalle osservazioni convenzionali di buchi neri orbitanti attorno a stelle normali, mentre i responsabili del primo evento LIGO erano molto più grandi, con 29 e 36 masse solari. I risultati relativi al secondo evento sono stati pubblicati sulla rivista Physical Review Letters il 15 giugno scorso.

Diversamente dal primo rilevamento, il nuovo evento “did not leap out of the data,” afferma Sarah Caudill, un membro del LIGO team. L'evento è risultato evidente soltanto dopo aver filtrato ed analizzato i dati con estrema accuratezza. Il team di LIGO ha lavorato su tale analisi in partnership con l'*European Virgo Collaboration*, associata con Virgo, l'interferometro che si trova vicino Pisa.
Forse l'aspetto più importante di questi nuovi risultati è che l'onda gravitazionale misurata è del tutto coerente con le previsioni della relatività generale per forti campi gravitazionali. Le previsioni della teoria non erano state testate direttamente prima dei due eventi LIGO. La teoria supera, quindi, questo severo test per la seconda volta. Insomma, Einstein starà probabilmente gongolando da qualche parte, o almeno così mi piace pensare che sia.
Continua a leggere>>
http://www.tutto-scienze.org/2016/06/il-non-carnevale-della-fisica-15.html

#fisica , #astrofisica , #physics#astrophysics , #noncarnevaledellafisica   
Photo

Post has attachment
Questa è l’acqua
"Auguro a tutti una grossa dose di fortuna"

[...] Un piccolo esercizio filosofico, un invito a vedere l'acqua e a vivere una compassionate life, una vita che può avere senso solo se impariamo a metterci nei panni degli altri, e a essere compassionevoli persino del loro (del nostro) maledettissimo, e naturalissimo, egocentrismo:
«Ma per favore, non liquidate questo discorso come il sermone del solito professorone che agita il dito. Niente di ciò che ho detto ha a che vedere con la morale, la religione o i dogmi, o coi dilemmi sulla vita dopo la morte. La Verità con la V maiuscola riguarda la vita prima della morte. Riguarda la possibilità di riuscire ad arrivare ai trenta, o ai cinquant'anni, senza che vi venga voglia di spararvi un colpo alla testa. Riguarda la semplice consapevolezza di quello che è così vero ed essenziale, così nascosto in bella vista attorno a tutti noi, che dobbiamo continuare a ripeterci costantemente: "Questa è l'acqua, questa è l'acqua."» [...]


di David Foster Wallace [1], traduzione di +Roberto Natalini 
http://www.sfrancesco.it/wp-content/uploads/2015/03/Questa-e-lacqua-David-Foster-Wallace.pdf


Per i pigri che masticano inglese
https://www.youtube.com/watch?v=pfw2Qf1VfJo

Per i pigri che non masticano l'inglese
https://www.youtube.com/watch?v=gEeZd28tUso
https://www.youtube.com/watch?v=1viBWJ-qJ_0


Note:
[1] ►https://it.wikipedia.org/wiki/David_Foster_Wallace
Photo
Wait while more posts are being loaded