Profile cover photo
Profile photo
fantarea.com
6 followers -
il tuo editore digitale, un servizio accurato e trasparente offerto ad autori e lettori
il tuo editore digitale, un servizio accurato e trasparente offerto ad autori e lettori

6 followers
About
Posts

Post has attachment
Sere di stelle e frinire di cicale
di Corrado S. Magro
Dal 1890 al 1963, attraversando due conflitti, si snoda la prima parte della saga familiare dell’autore in un ambiente patriarcale e rurale siciliano, segnato da eventi tragici, ricco di contraddizioni e dal cui giogo bigotto si riscatta pagando cara la ribellione. Marcia o crepa! Questo è il motto, ma con il sorriso e un tocco d’ironia.

Post has attachment
Storie di fantastoria
di Gabriele Damiani
Cinque scritti del dramma umano come viene vissuto nell’ambiente dove si consuma: tra crepitii di armi, in una fantomatica piattaforma extraterrestre, nei riti tribali delle SS, nell’amore illimitato tra la consorte e il generale consacrato alla sua funzione, al dramma più blando di colore sociale ma non meno signficativo di Satana e Cristo.

Post has attachment
La panchina del parco
di Gisella Gerosa e Vasco Pasqualini
Può la panchina di un parco, testimone di tempi lontani e felici, diventare un’isola nascosta, dove vivere un’esperienza al di là di ogni immaginazione? Il reale impossibile e l’irreale possibile non sono che le due facce di una medesima luna. Vittorio, per capire chi è Mara, si troverà ad affrontare una verità sconvolgente.

Post has attachment
Lutezia Stubbs
di Matthias Czarnetzki
Harold Stubbs si è trasferito con i diciassettenni Marx e Lutezia nel castello medievale di Borough. In un vano dove coltivare cannabis i due scoprono uno scheletro che fa pensare a un crimine. Riuscirà l’accorta Lutezia con l’aiuto di George a trovare i responsabili senza lasciarsi annientare?

Post has attachment
Abitare la disabilità
di Dario L. Distefano
Abitare un luogo è una singolare esperienza percettiva che, oltrepassando l’esigenza funzionale, si genera nel singolo individuo e nel gruppo. La dinamica abitativa del soggetto con disabilità è, per ovvie ragioni, diversa da quella dell’individuo normodotato e, pertanto, diverse sono le esperienze percettive dei due individui sottoposti agli stessi stimoli.

Post has attachment
Il soffio degli alisei
di Corrado S. Magro
Un funerale atipico, pagano, in una città della Sicilia sudorientale, chiude una storia di sesso e amore: un insieme di eventi che hanno messo alla prova i protagonisti. Entità mitiche, fascini ancestrali operano le loro potenti suggestioni ai limiti dell'umano su un uomo e una donna intelligenti e generosi, ma fragili come tutti.

Post has attachment
Il ruggito del fuoco
di Corrado S. Magro
Ventitré racconti in due sezioni. Nella prima la voce narrante sorride alla vita o la osserva con malinconia. Trascendenza, orrore, onirismo e la favola si arricchisce a tratti di un tocco erotico. La seconda parte chiude gli eventi con un congedo dell’autore da sé stesso e dagli altri.

Post has attachment
Le chiappe del Demiurgo
di Corrado S. Magro
Successo, successo! Ossessione di una società votata al suo conseguimento. L’industriale Chiaculo ha scoperto nelle chiappe una sorgente di successo e vi attinge. Non tutti però apprezzano. Poteri occulti, politici e confessionali, vanno all'attacco, ma le chiappe restano sovrane: sola àncora capace di frenare una realtà alla deriva.

Post has attachment
Felix e la Magia di Morgul
di Matthias Czarnetzki
Dal tedesco di M. Czarnetzki per ragazzi dagli 11 ai 90 anni. Catapultato in una quarta dimensione Felix deve acquisire consapevolezza e autostima per affermarsi. Tra il faceto, l’ironico e lo smaliziato, il nostro eroe condurrà a buon fine la sua impresa quando, disposto a mettere in gioco se stesso, prenderà l’iniziativa.

Post has attachment
Tirambo
di Corrado S. Magro
Cosa si nasconde dietro la sciatteria, lo sguardo sfuggente e le invettive di denuncia di un emarginato per scelta? Tirambo, caustico, pungente come un porcospino, ferito nel profondo dell’animo, ha detto addio al mondo degli “adattati” (il nostro) rifugiandosi in quello che non vorremmo vedere e da dove non si lascia spodestare.
Wait while more posts are being loaded