Profile cover photo
Profile photo
La Bella e il Cavaliere
568 followers -
Blog letterario
Blog letterario

568 followers
About
Posts

Post has shared content
Oggi Amaranth ci parla di un romanzo che ha voluto leggere solo per avere una scusa in più per guardare la serie.
Ma "Bay City" si è rivelato tanto intrigante da spingerla a mettere in lista gli altri due libri della trilogia di cui fa parte, pur rimanendo di per sé autoconclusivo.
In un futuro in cui l'umanità ha trovato il modo di sconfiggere (o quasi) la morte, Takeshi Kovacs è stato scelto per indagare sul presunto suicidio di Laurens Bancroft, un Mat potente e ricco che vive da secoli sulla Terra. Kovacs è un ex-Spedi, ma soprattutto il suo pianeta d'origine è Harlan's World e pertanto è estraneo a invidie e corruzioni che si muovono sullo sfondo di Bay City.
Il romanzo di Morgan è esplicito e crudo nella descrizione delle scene violente, ma proprio per questo non si sottrae davanti alle ombre limacciose che la riflessione sulla natura umana incontra.
Se la meticolosità che caratterizza la costruzione dell'ambientazione è uno dei punti di forza del romanzo, Kovacs è un protagonista altrettanto interessante.
"Bay City" è semplicemente molto più di quello che sembra e ha molto da offrire che si cerchi un po' di azione o qualcosa di più.

Voto:4/5
Oggi vi parlo di un romanzo che ho voluto leggere solo per avere una scusa in più per guardare la serie.
Ma "Bay City" si è rivelato tanto intrigante da spingermi a mettere in lista gli altri due libri della trilogia di cui fa parte, pur rimanendo di per sé autoconclusivo.
In un futuro in cui l'umanità ha trovato il modo di sconfiggere (o quasi) la morte, Takeshi Kovacs è stato scelto per indagare sul presunto suicidio di Laurens Bancroft, un Mat potente e ricco che vive da secoli sulla Terra. Kovacs è un ex-Spedi, ma soprattutto il suo pianeta d'origine è Harlan's World e pertanto è estraneo a invidie e corruzioni che si muovono sullo sfondo di Bay City.
Il romanzo di Morgan è esplicito e crudo nella descrizione delle scene violente, ma proprio per questo non si sottrae davanti alle ombre limacciose che la riflessione sulla natura umana incontra.
Se la meticolosità che caratterizza la costruzione dell'ambientazione è uno dei punti di forza del romanzo, Kovacs è un protagonista altrettanto interessante.
"Bay City" è semplicemente molto più di quello che sembra e ha molto da offrire che si cerchi un po' di azione o qualcosa di più.

Voto:4/5
Bay City (Takeshi Kovacs #1)
Bay City (Takeshi Kovacs #1)
labellaeilcavaliere.blogspot.com
Add a comment...

Post has shared content
"Arabesque" ha il merito di aver ringalluzzito le aspettative di Amaranth: la vita di Alice è cambiata e anche lei è cresciuta. È più determinata e sicura di sé in ambito professionale (tra l'altro qui è alle prese con il suo primo caso da specialista e il suo primo giuramento da perito). In quello sentimentale ha deciso di vivere appieno le proprie emozioni, senza per questo lasciarsi trascinare.
Questa Alice piace molto ad Am e crede che ci possa riservare grandi sorprese.

Voto:4/5
"Arabesque" ha il merito di aver ringalluzzito le mie aspettative: la vita di Alice è cambiata e anche lei è cresciuta. È più determinata e sicura di sé in ambito professionale (tra l'altro qui è alle prese con il suo primo caso da specialista e il suo primo giuramento da perito). In quello sentimentale ha deciso di vivere appieno le proprie emozioni, senza per questo lasciarsi trascinare.
Questa Alice mi piace e credo che ci possa riservare grandi sorprese.

Voto:4/5
Arabesque (Alice Allevi #6)
Arabesque (Alice Allevi #6)
labellaeilcavaliere.blogspot.com
Add a comment...

Post has shared content
"Amedeo, je t’aime" dà voce a Jeanne Hébuterne, giovane artista parigina che ha condiviso con Modigliani gli ultimi anni della loro intensa esistenza. Il loro è un amore non idealizzabile, violento e avvelenato da una passione irrequieta, aggravata dalla reciproca dipendenza e dalla malattia del pittore italiano.
Una vita non semplice vissuta contrastando la comune morale e respirando i fermenti della Parigi avanguardista. Si intrecciano ai tormenti sentimentali quelli artistici, che animano e feriscono lo spirito di Modì.
Diotallevi fa sfoggio di un’abilità immersiva che non lascia indifferenti: la sensibilità con cui costruisce la voce, i pensieri e le emozioni di Jeanne rendono difficile distinguere il romanzo dalla realtà e spesso si ha l’impressione di leggere le parole della stessa Hébuterne.

Voto: 4/5
"Amedeo, je t’aime" dà voce a Jeanne Hébuterne, giovane artista parigina che ha condiviso con Modigliani gli ultimi anni della loro intensa esistenza. Il loro è un amore non idealizzabile, violento e avvelenato da una passione irrequieta, aggravata dalla reciproca dipendenza e dalla malattia del pittore italiano.
Una vita non semplice vissuta contrastando la comune morale e respirando i fermenti della Parigi avanguardista. Si intrecciano ai tormenti sentimentali quelli artistici, che animano e feriscono lo spirito di Modì.
Diotallevi fa sfoggio di un’abilità immersiva che non lascia indifferenti: la sensibilità con cui costruisce la voce, i pensieri e le emozioni di Jeanne rendono difficile distinguere il romanzo dalla realtà e spesso si ha l’impressione di leggere le parole della stessa Hébuterne.

Voto: 4/5
Amedeo, je t’aime
Amedeo, je t’aime
labellaeilcavaliere.blogspot.com
Add a comment...

Post has shared content
"Amedeo, je t’aime" dà voce a Jeanne Hébuterne, giovane artista parigina che ha condiviso con Modigliani gli ultimi anni della loro intensa esistenza. Il loro è un amore non idealizzabile, violento e avvelenato da una passione irrequieta, aggravata dalla reciproca dipendenza e dalla malattia del pittore italiano.
Una vita non semplice vissuta contrastando la comune morale e respirando i fermenti della Parigi avanguardista. Si intrecciano ai tormenti sentimentali quelli artistici, che animano e feriscono lo spirito di Modì.
Diotallevi fa sfoggio di un’abilità immersiva che non lascia indifferenti: la sensibilità con cui costruisce la voce, i pensieri e le emozioni di Jeanne rendono difficile distinguere il romanzo dalla realtà e spesso si ha l’impressione di leggere le parole della stessa Hébuterne.

Voto: 4/5
"Amedeo, je t’aime" dà voce a Jeanne Hébuterne, giovane artista parigina che ha condiviso con Modigliani gli ultimi anni della loro intensa esistenza. Il loro è un amore non idealizzabile, violento e avvelenato da una passione irrequieta, aggravata dalla reciproca dipendenza e dalla malattia del pittore italiano.
Una vita non semplice vissuta contrastando la comune morale e respirando i fermenti della Parigi avanguardista. Si intrecciano ai tormenti sentimentali quelli artistici, che animano e feriscono lo spirito di Modì.
Diotallevi fa sfoggio di un’abilità immersiva che non lascia indifferenti: la sensibilità con cui costruisce la voce, i pensieri e le emozioni di Jeanne rendono difficile distinguere il romanzo dalla realtà e spesso si ha l’impressione di leggere le parole della stessa Hébuterne.

Voto: 4/5
Amedeo, je t’aime
Amedeo, je t’aime
labellaeilcavaliere.blogspot.com
Add a comment...

Post has shared content
Grazie al gruppo di lettura di Ikigai ho trovato il coraggio di proseguire la lettura di questo romanzo che, fin dalle prime pagine, mi aveva fatto temere una delusione.
Sebbene non sia rimasta proprio soddisfatta, devo dire che la lettura è stata comunque e come sempre piacevole.
Voglio evitare di spiattellare qualche spoiler qui (ne ho già fatto uno grosso a mia madre nella convinzione che lo avesse letto), ma qualcosa posso comunque dire.
La giostra dell'amore continua la sua corsa, confondendo la protagonista. "Un po' di follia in primavera", però, è anche un libro di transizione e finalmente la nostra Alice sembra più consapevole dei propri limiti e dei suoi sentimenti.
Credo comunque che debba crescere ancora un po' per trovare un po' di amor proprio anche in ambito professionale, dove la sua goffaggine continua a penalizzarla. Tuttavia, non manca qualche sottile sprone da parte di una persona che non sospettereste mai.

Voto: 3/5
Grazie al gruppo di lettura di Ikigai ho trovato il coraggio di proseguire la lettura di questo romanzo che, fin dalle prime pagine, mi aveva fatto temere una delusione.
Sebbene non sia rimasta proprio soddisfatta, devo dire che la lettura è stata comunque e come sempre piacevole.
Voglio evitare di spiattellare qualche spoiler qui (ne ho già fatto uno grosso a mia madre nella convinzione che lo avesse letto), ma qualcosa posso comunque dire.
La giostra dell'amore continua la sua corsa, confondendo la protagonista. "Un po' di follia in primavera", però, è anche un libro di transizione e finalmente la nostra Alice sembra più consapevole dei propri limiti e dei suoi sentimenti.
Credo comunque che debba crescere ancora un po' per trovare un po' di amor proprio anche in ambito professionale, dove la sua goffaggine continua a penalizzarla. Tuttavia, non manca qualche sottile sprone da parte di una persona che non sospettereste mai.

Voto: 3/5
Add a comment...

Post has shared content
Non c’è tempo di sognare il futuro, costruirlo e aspettarlo: per ’o Maraja e i suoi paranzini il futuro bisogna prenderlo e trasformarlo in presente prima che diventi passato. "Bacio feroce" prosegue la narrazione iniziata con "La paranza dei bambini".
Il lettore vi ritrova la stessa sintonia con i pensieri del Maraja e degli altri ragazzi su cui la narrazione si sofferma, di volta in volta, per rivelarne le aspirazioni e soprattutto le paure.
Perché "Bacio feroce" è il romanzo in cui i paranzini sono ormai a un passo dal prendersi il cuore di Napoli e non è possibile farlo senza scontrarsi con la generazione che li ha preceduti, con chi tiene Napoli da un trono che non vuole cedere.
Straziante e difficile, "Bacio feroce" è il racconto romanzato di una guerra senza fine, in cui gli eserciti contano tante più file quanti più soldati restano a terra.

Voto:4.5/5
Non c’è tempo di sognare il futuro, costruirlo e aspettarlo: per ’o Maraja e i suoi paranzini il futuro bisogna prenderlo e trasformarlo in presente prima che diventi passato. "Bacio feroce" prosegue la narrazione iniziata con "La paranza dei bambini".
Il lettore vi ritrova la stessa sintonia con i pensieri del Maraja e degli altri ragazzi su cui la narrazione si sofferma, di volta in volta, per rivelarne le aspirazioni e soprattutto le paure.
Perché "Bacio feroce" è il romanzo in cui i paranzini sono ormai a un passo dal prendersi il cuore di Napoli e non è possibile farlo senza scontrarsi con la generazione che li ha preceduti, con chi tiene Napoli da un trono che non vuole cedere.
Straziante e difficile, "Bacio feroce" è il racconto romanzato di una guerra senza fine, in cui gli eserciti contano tante più file quanti più soldati restano a terra.

Voto:4.5/5
Bacio feroce (La paranza dei bambini #2)
Bacio feroce (La paranza dei bambini #2)
labellaeilcavaliere.blogspot.com
Add a comment...

Post has shared content
Istinto e curiosità hanno portato Amaranth a "Le meraviglie del possibile". *Leggere quest'antologia le ha lasciato la soddisfazione di aver potuto esplorare la fantascienza attraverso storie e scritture eterogenee e, sebbene non tutti i racconti l'abbiano colpita, sono comunque molti quelli che l'hanno presa in contropiede con rovesciamenti di prospettiva, risvolti inquietanti e narrazioni commoventi. *
Tra i suoi preferiti, per ragioni diverse, "Ora zero" di Bradbury e "L'esame" di Matheson.
La fantascienza in questa antologia offre l'opportunità di esplorare realtà lontane nella galassia, incontrare creature aliene e, ancora una volta, scoprire che la fiction non è poi così distante dal nostro quotidiano.

Voto: 3.5/5
Sono arrivata a "Le meraviglie del possibile" seguendo l'istinto e la curiosità. Leggere quest'antologia mi ha lasciato la soddisfazione di aver potuto esplorare la fantascienza attraverso storie e scritture eterogenee e, sebbene non tutti i racconti mi abbiano colpito, sono comunque molti quelli che mi hanno presa in contropiede con rovesciamenti di prospettiva, risvolti inquietanti e narrazioni commoventi.
Tra i miei preferiti, per ragioni diverse, "Ora zero" di Bradbury e "L'esame" di Matheson.
La fantascienza in questa antologia offre l'opportunità di esplorare realtà lontane nella galassia, incontrare creature aliene e, ancora una volta, scoprire che la fiction non è poi così distante dal nostro quotidiano.

Voto: 3.5/5
Add a comment...

Post has shared content
"Storie naturali" è la prima delle raccolte di racconti pubblicata da Primo Levi: una produzione che, sebbene non sia stata del tutto trascurata, rimane ancora troppo in ombra.
Non si tratta di una produzione minore, né dev'essere considerata del tutto scollegata dall'impegno di testimone. Ritornano l'esperienza terribile del Lager, il rapporto con la memoria e riflessioni sviluppate in altre sedi.
"Storie naturali" è una raccolta preziosa: offre letture piacevoli, benché in sottofondo si percepisca qualcosa di disturbante, e l'ironia, il rovesciamento operato dalla dimensione fantastica, consente di divertirsi senza per questo smettere di pensare.
Inaspettati e sorprendenti, i racconti di Levi consentono di liberare la fantasia e di eleggerla quale compagna prescelta della scienza nella comprensione dell’esistenza.

Voto: 5/5
"Storie naturali" è la prima delle raccolte di racconti pubblicata da Primo Levi: una produzione che, sebbene non sia stata del tutto trascurata, rimane ancora troppo in ombra.
Mi chiedo ancora perché non mi siano mai stati consigliati, ma sono lieta di aver scoperto i suoi racconti fantascientifici.
Non si tratta di una produzione minore, né dev'essere considerata del tutto scollegata dall'impegno di testimone. Ritornano l'esperienza terribile del Lager, il rapporto con la memoria e riflessioni sviluppate in altre sedi.
"Storie naturali" è una raccolta preziosa: offre letture piacevoli, benché in sottofondo si percepisca qualcosa di disturbante, e l'ironia, il rovesciamento operato dalla dimensione fantastica, consente di divertirsi senza per questo smettere di pensare.
Inaspettati e sorprendenti, i racconti di Levi consentono di liberare la fantasia e di eleggerla quale compagna prescelta della scienza nella comprensione dell’esistenza.

Voto: 5/5
Add a comment...

Post has shared content
Fosco lavora in una redazione, ma sogna di diventare programmatore e realizzare il videogioco a cui lavora da anni.
Emilia è una modella e instagrammer, perennemente in ansia per l'andamento dei like e a caccia di visibilità.
L'incontro tra i due è uno tra i più imbarazzanti della storia, ma è solo l'inizio. L'inizio per superare ferite dell'animo che entrambi hanno nascosto davvero bene.
"Non è detto che mi manchi" è un romanzo che parla d'amore, ma soprattutto di ostacoli da superare e sogni da realizzare.
Come sempre Bianca Marconero ci regala prospettive interessanti sulle passioni e sulle realtà in cui si muovono i suoi protagonisti.
E voi? Vi ritroverete completamente avvinti dalla storia, ma anche questa in fondo non è una novità, solo una meravigliosa garanzia.

Voto:4.5/5
Fosco lavora in una redazione, ma sogna di diventare programmatore e realizzare il videogioco a cui lavora da anni.
Emilia è una modella e instagrammer, perennemente in ansia per l'andamento dei like e a caccia di visibilità.
L'incontro tra i due è uno tra i più imbarazzanti della storia, ma è solo l'inizio. L'inizio per superare ferite dell'animo che entrambi hanno nascosto davvero bene.
"Non è detto che mi manchi" è un romanzo che parla d'amore, ma soprattutto di ostacoli da superare e sogni da realizzare.
*Come sempre Bianca Marconero ci regala prospettive interessanti sulle passioni e sulle realtà in cui si muovono i suoi protagonisti. *
E voi? Vi ritroverete completamente avvinti dalla storia, ma anche questa in fondo non è una novità, solo una meravigliosa garanzia.
Add a comment...

Post has attachment
Come da "tradizione", per il quinto anno di fila, abbiamo ripercorso i libri che ci hanno fatto compagnia da settembre a giugno per realizzare le nostre pagelle. Abbiamo molti promossi, giusto un paio di bocciati e un rimandato: un'ottima scusa per parlare delle letture più belle e più brutte. Condividetele con noi!
Le pagelle delle Belle
Le pagelle delle Belle
labellaeilcavaliere.blogspot.com
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded