Profile cover photo
Profile photo
Marco Giannini
4,087 followers -
Mai essere consapevolmente seri.
Mai essere consapevolmente seri.

4,087 followers
About
Posts


Hello everyone. I tried to add G'MIC for GIMP 2.10 installed via flatpak. I copied the plugin to .var/app/org.gimp.GIMP/config/GIMP/2.10/plug-ins/ but GIMP does not see G'MIC.
Is there a way to make everything work for Gimp installed by Flatpak?

Post has attachment
Rilasciato MATE
Dopo 11 mesi di sviluppo, il team di MATE Desktop ha annunciato il rilascio di MATE Desktop 1.20 . Questa nuova versione vede una stabilizzazione del codice di MATE Desktop che è stato ripulito dal codice deprecato e modernizzato. Migliorato anche Marco, il...
Rilasciato MATE - Marco's
Rilasciato MATE - Marco's
marcosboxtemplate.blogspot.com
Add a comment...

Post has shared content
Come ho Plasmato il mio KDE
postato da +Pierpaolo Valerio 
#kde   #kdeplasma   #guide  

Pierpaolo ci mostra la sua attuale configurazione di KDE Plasma e ci illustra come ottenerla in pochi semplici passaggi.

http://www.marcosbox.org/2017/12/come-ho-plasmato-il-mio-kde.html
Add a comment...

Domanda: Qualcuno di voi sta avendo problemi con la mail di alice?
In uno degli account è sparita tutta la posta in arrivo. Ovviamente non era sincronizzato sul pc e non è stata fatta alcuna operazione di cancellazione. Ieri l'utente si è connesso e non ha trovato più nulla.
Add a comment...

Post has attachment
La cosa bella dei nexus? Che a distanza di anni la community riesce ancora a fare miracoli
Photo
Add a comment...

How can I put a quick link to birthdays?

Post has shared content
Linux è per vecchi?
postato da +Stefano Cogoni 
#linux   #editoriale  

Linux è principalmente per menti giovani e orientate alla sperimentazione o è valido anche per chi non vuole dedicarsi all'ottimizzazione?

http://www.marcosbox.org/2017/05/linux-e-per-vecchi.html
Add a comment...

Post has shared content
Piccolo, freddo e lontano
Il nome ufficiale è 2014 UZ224, una sigla che codifica quando è stato scoperto, ma informalmente gli è stato affibbiato il nomignolo DeeDee. Nulla di esoterico, semplicemente la doppia D delle iniziali delle parole Distant Dwarf. Questo corpo celeste appartenente alla famiglia del Sole, infatti, è uno della sconfinata moltitudine di piccoli oggetti (un nanerottolo, appunto) che orbitano ben oltre l’orbita di Nettuno, molto distanti dunque dalla regione in cui i pianeti inanellano i loro giri intorno al Sole.
DeeDee venne scoperto nell'agosto 2014 da David Gerdes (University of Michigan) e collaboratori che si erano presi la briga di spulciare 15 mila immagini raccolte dal telescopio Victor Blanco attivo all'osservatorio di Cerro Tololo in Cile. Le immagini erano state raccolte nel corso della Dark Energy Survey, un’indagine profonda del cielo in caccia di supernovae lontane che potessero aiutare la comprensione di quella componente misteriosa dell’Universo che viene chiamata energia oscura. Gerdes e colleghi avevano intuito che in quella fantastica massa di dati si potesse celare qualcosa di altrettanto interessante, ma di gran lunga più vicino a noi. Cominciò così l’analisi dei dati. Un lavoro decisamente non facile: la prima scrematura portò a individuare oltre un miliardo di oggetti potenzialmente interessanti. In seguito, la stragrande maggioranza di quei puntini luminosi si rivelarono essere stelle lontane o galassie ancor più lontane. Ma non tutti. Dopo le necessarie conferme, nell'ottobre 2016 il team annunciò la scoperta di DeeDee.
Attualmente 2014 UZ224 si trova a 92 UA dal Sole (UA significa Unità Astronomica e indica la distanza Terra-Sole, che corrisponde a 150 milioni di chilometri). Per gli amanti dei numeri, dunque, DeeDee dista dal Sole 13,8 miliardi di chilometri e la sua luce impiega oltre 12 ore e mezza per arrivare dalle nostre parti. L’enorme distanza comporta che per completare un’orbita questo oggetto impieghi circa 1140 anni; un lungo cammino che nel 2142 porterà DeeDee alla sua minima distanza dal Sole (perielio) di 38 UA. Sempre per gli amanti dei numeri, completiamo questa carrellata di dati segnalando che alla sua massima distanza (afelio) 2014 UZ224 veleggerà a circa 180 UA dal Sole.
Mentre sui dati orbitali non c’erano dubbi, una grossa incognita è sempre stata quella delle reali dimensioni di DeeDee. Praticamente, noi vediamo un puntino luminoso, ma non sappiamo se quella luce è la conseguenza di un oggetto piccolo e molto riflettente oppure di un corpo celeste molto più grande e meno riflettente. A togliere ogni dubbio ci hanno pensato le accurate osservazioni compiute con le antenne di ALMA, in grado di catturare e misurare il calore emesso da DeeDee dandoci in tal modo la possibilità di calcolarne le dimensioni. Nello studio di Gerdes e collaboratori pubblicato in questi giorni su The Astrophysical Journal Letters si riportano i risultati di queste osservazioni.
Anzitutto la temperatura di DeeDee sarebbe incredibilmente bassa: solamente 30 gradi al di sopra dello zero assoluto. Il che significa che, usando la nostra abituale scala di temperature, la sua superficie si trova intorno ai 240 gradi sotto lo zero.
Inoltre, il gelido e lontano corpo celeste avrebbe una albedo (capacità di riflettere la luce) piuttosto bassa. Il valore di questo parametro (circa 13) sarebbe comunque in linea con quello misurato per altri TNO (oggetti transnettuniani) e per lo stesso pianeta nano Cerere.
Infine, DeeDee avrebbe un diametro di circa 635 chilometri, un valore che ci porta a ipotizzare che possa avere forma sferica e che possa dunque fregiarsi del titolo di pianeta nano.
D’accordo, non è poi così grande. La Terra è 20 volte più grande e lo stesso Plutone, anch'esso pianeta nano e sovrano di quelle lontane e gelide regioni, è quattro volte maggiore. Ma è assolutamente fantastico che noi siamo riusciti a osservare e studiare quel minuscolo componente della famiglia del Sole nonostante la sua incredibile distanza.

Fonte
https://public.nrao.edu/news/2017-alma-investigates-deedee/

Immagine
Crediti: Alexandra Angelich (NRAO/AUI/NSF)

#sistemasolare #transnettuniani #ALMA
Photo
Add a comment...

Post has shared content
Add a comment...

Post has shared content
Non è un pesce d'aprile, Ubuntu abbandonerà davvero Unity! Addio sogni di convergenza
Ubuntu 18.04 LTS userà GNOME Desktop, addio Unity, addio sogni di convergenza
postato da +Marco Giannini 
#ubuntu  

Potrebbe sembrare un pesce di aprile in ritardo ma non lo è. Mark Shuttleworth, con un post sul blog ufficiale di Ubuntu, ha annunciato che Ubuntu 18.04 LTS verrà rilasciato con GNOME Desktop.

http://www.marcosbox.org/2017/04/ubuntu-18.04-usera-gnome-desktop-addio-unity.html
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded