I cibi che fanno danni al giro-vita, al cervello ...
1) Prodotti zuccherati.  Più mangi zuccheri, più ingrassi e più puoi provocare danni neurologici senza considerare i problemi all'apparato cardio-circolatorio.
Il consumo eccessivo di zucchero può incidere infatti sui meccanismi della memoria e dell'apprendimento. 
Mi sento un po' contro corrente a parlare di questo argomento quando io stessa ho un sito di ricette. Mi sento controcorrente perché in questo periodo dilaga la moda del cake design che usa chili di zucchero e perché nella maggior parte dei siti le ricette più gettonate sono appunto i dolci. 
Però come in tutte le cose l'equilibrio è quello che conta. Il sapere che l'eccesso di zucchero causa problemi di salute seria non impedisce una volta tanto di godersi un buon dolce. Purché non diventi un'abitudine e non ci dimentichiamo che dobbiamo fare attività fisica costantemente.
Ricordo che l'OMS e le organizzazioni internazionali di cardiologi pongono l'asticella dello zucchero su 50 grammi al giorno per un adulto con un fabbisogno di 2000 calorie al giorno. 
E ricordo anche che lo zucchero è spesso nascosto nei prodotti industriali, compresi quelli salati.
La raccomandazione è di non stare attenti solo ai cucchiaini di zucchero nel caffè o ai dolci ma di prestare attenzione alle bibite gasate, ai cibi precotti e inscatolati, allo sciroppo di mais ... insomma leggete le etichette!
E non vi affidate ai dolcificanti. Molti studi stanno mettendo in discussione la loro innocuità.
2) Alcol. La maggior parte della gente è convinta che bere provochi danni al fegato a lungo andare. Ma ci sono molti altri organi bersaglio dell'alcol tra cui il cervello. Gli inglesi chiamano "brain fog" quella sensazione di confusione mentale che non fa ricordare i nomi o fa confondere tra sogno e realtà o rende difficile concentrarsi. 
Quali sono i limiti in questo caso? un bicchiere di vino al giorno per gli uomini e mezzo per le donne visto che il fegato del  gentil sesso non riesce a metabolizzare che la metà dell'alcol rispetto ai maschietti ;)) quindi attenzione anche i superalcolici! 
3) Junk food. Chi non conosce il cibo-spazzatura? ora si riesce anche a capire perché attrae così tante persone. Pare che sia l'effetto del grasso in eccesso. Se non si mangia si scatenano sintomi di astinenza. Il problema è che induce anche depressione e questo i miei alunni a scuola lo hanno capito benissimo. 
L'eccesso di grasso interferisce con la dopamina, una sostanza attiva nel cervello che è alla base del nostro stato di benessere ma anche della capacità di apprendimento. Capito bene? non ci facciamo incatenare da questa dipendenza. 
4) Fritti, alimenti precotti o trasformati. Un buon fritto fatto bene e possibilmente in casa dove, una volta usato l'olio lo buttiamo via, non ha mai fatto male a nessuno. Cosa ben diversa è quando il fritto è fatto troppo frequentemente e si sbaglia anche l'olio. L'olio di semi di girasole viene considerato tra i più tossici. 
I fritti contengono sostanze degenerate dall'alta temperatura e vengono messi insieme ai cibi industriali ricchi di conservanti, coloranti e additivi vari in quella categoria di cibo che provoca l'iperattività di bambini ed adulti. E sembra ormai probabile che alcune molecole presenti nel fritto e nei prodotti alimentari industriali siano coinvolti nelle malattie degenerative del cervello,  tipo Alzheimer.
5) I cibi troppo salati. Tutti sanno che mangiare con troppo sale può provocare l'aumento della pressione del sangue con tutte le conseguenze ben note sull'apparato cardio-circolatorio. Ma gli ultimi studi testimoniano anche che può essere compromessa la funzione cognitiva. Un'altra volta il nostro cervello sotto pressione! 
Ma qual è la quantità di sale suggerita al giorno? 6 grammi. Qualcuno ritiene che si dovrebbe abbassare ancora. Anche in questo caso occhio alle etichette! C'è troppo sale nascosto in ciò che mangiamo ogni giorno, compresi i dolci da forno della nostra colazione. 
6) Farine raffinate. Pasta bianca, pane bianco, dolci ... da diversi decenni l'industria ci ha abituato a tutti questi prodotti raffinati. Nell'immediato dopoguerra è stato come se si volesse recuperare un po' di pulito dopo tutti gli orrori. Ed ecco come è nata questa moda. Ma l'assenza di fibre rende tutti questi carboidrati dannosi quando invece i carboidrati sono essenziali nella nostra dieta perché ci regalano le preziose fibre. Tra le altre cose le fibre dei prodotti integrali fanno invecchiare meno le nostre arterie e quindi ci regalano più lucidità mentale. 
7) Proteine trasformate. Con questo termine indichiamo tutti i tipi di cibo sottoposti a vari procedimenti che li rendono sicuramente più elaborati. Prendete per esempio la salsiccia o il salame per quanto riguarda la carne. Ma potrei fare anche esempi di pesce o altro. Preferite sempre prodotti naturali. Anche per questi alimenti si sospettano conseguenze negative sull'attività cerebrale. Il che non significa non mangiarli mai ma solo moderazione ;))
Per esempio in Italia si suggeriscono 1 o 2 porzioni di salumi da 50 grammi a settimana. 

Ci sarebbe molto altro da dire ma lo farò in un prossimo post. 
Per il momento buon cibo a tutti!

#alimentazionesana   #alimentazionesanaegenuina   #alimentazionesalutare
PhotoPhotoPhotoPhoto
2013-07-03
4 Photos - View album
Shared publiclyView activity