Profile cover photo
Profile photo
Italian Translations Company, LLC
257 followers -
When you need a #translation from English into #Italian (or vice versa), where quality and reliability are of utmost importance, you can count on the Italian Translations Company, LLC
When you need a #translation from English into #Italian (or vice versa), where quality and reliability are of utmost importance, you can count on the Italian Translations Company, LLC

257 followers
About
Posts

Post has attachment

Post has attachment
REVOKE MY SECURITY CLEARANCE, TOO, MR. PRESIDENT

Dear Mr. President:
Former CIA director John Brennan, whose security clearance you revoked on Wednesday, is one of the finest public servants I have ever known. Few Americans have done more to protect this country than John. He is a man of unparalleled integrity, whose honesty and character have never been in question, except by those who don’t know him.

Therefore, I would consider it an honor if you would revoke my security clearance as well, so I can add my name to the list of men and women who have spoken up against your presidency.

Like most Americans, I had hoped that when you became president, you would rise to the occasion and become the leader this great nation needs.

A good leader tries to embody the best qualities of his or her organization. A good leader sets the example for others to follow. A good leader always puts the welfare of others before himself or herself.

Your leadership, however, has shown little of these qualities. Through your actions, you have embarrassed us in the eyes of our children, humiliated us on the world stage and, worst of all, divided us as a nation.

If you think for a moment that your McCarthy-era tactics will suppress the voices of criticism, you are sadly mistaken. The criticism will continue until you become the leader we prayed you would be.

____________
William H. McRaven, a retired Navy admiral, was commander of the U.S. Joint Special Operations Command from 2011 to 2014. He oversaw the 2011 Navy SEAL raid in Pakistan that killed al-Qaeda leader Osama bin Laden.

#McRaven #Trump #securityclearance
https://www.linkedin.com/pulse/revoke-my-security-clearance-too-mr-president-mark-pisoni/?published=t
Add a comment...

Post has attachment
As shock gave way to anger over the bridge collapse in Genoa, Italians reflected on the randomness with the victims were selected. Within the flow of traffic doomed by the collapse were families, a nurse and an anaesthetist, a lorry driver, a chef. There were Italians, foreign workers and tourists.

Among the 39 confirmed dead were two families.

#Salvini #Toninelli #Italy #ItalyBridge #GenoaBridge #MorandiBridge #NoGronda
https://www.theguardian.com/world/2018/aug/15/entire-family-dies-in-bridge-collapse-in-genoa-morandi-italy
Add a comment...

Post has attachment
Il migliore amico dell'uomo. Sempre fedeli. Con il loro fiuto, aiuteranno a trovare vite dove nessuno potrebbe mai immaginare, il loro contributo, come sempre, risulterà fondamentale.

Ricordiamoci che alcuni umani invece li abbandonano o li tengono legati alla catena.

#Cani #canidasoccorso #Toninelli #Italy #ItalyBridge #GenoaBridge #MorandiBridge #NoGronda
Photo
Add a comment...

Post has attachment
THE F.B.I. NEEDS TO EXPLAIN ITS REASONS FOR FIRING PETER STRZOK

The firing of the F.B.I. agent Peter Strzok gives the appearance that the agency buckled under political pressure, and sets a highly disturbing precedent.
On Monday, in an account of the F.B.I.’s firing of Peter Strzok—the senior agent who led the Bureau’s 2016 investigations of Hillary Clinton e-mails and Trump-Russia connections—the Times reported that the move “was not unexpected.” Given the inflamed political climate in Washington, that is an accurate statement.

The special counsel, Robert Mueller, removed Strzok from the Russia investigation last year, after it was discovered that he had sharply criticized Donald Trump, who was then running for President, in private text messages with Lisa Page, another F.B.I. employee, with whom Strzok was having an affair. Earlier this summer, a report from the Justice Department’s inspector general, Michael Horowitz, said that Strzok’s text messages to Page “potentially indicated or created the appearance that investigative decisions were impacted by bias or improper considerations.” Since then, President Trump has been attacking Strzok regularly on Twitter. Last month, Strzok testified at a public hearing on Capitol Hill, where congressional Republicans tore into him. At one point, Rudy Giuliani, Trump’s lawyer, called for Strzok to be jailed.

But, despite all the noise and fury, there is now a basic question that needs an answer: Why was Strzok fired? Before the Clinton and Trump investigations, Strzok had racked up twenty years of distinguished service in the Bureau, rising to the position of deputy assistant director of the Counterintelligence Division.

Since his communications with Page have become public, Strzok has insisted that his personal views about Trump didn’t affect his actions while overseeing the Clinton and Russia investigations. During his testimony on Capitol Hill, he insisted that when, in the course of discussing Trump’s Presidential bid with Page, he wrote to her that “we will stop it” he was referring to the American public at large.

Some people, particularly Trump supporters, find that explanation hard to believe. So far, though, no convincing evidence has been unearthed that contradicts Strzok’s assertions. The inspector general’s report, which was confined to the Bureau’s handling of the Clinton investigation, stated, “Our review did not find documentary or testimonial evidence directly connecting the political views these employees expressed in their text messages and instant messages to the investigative decisions we reviewed.” Elsewhere, the report said, “We further found evidence that in some instances Strzok and Page advocated for more aggressive investigative measures than did others.”

The inspector general did express some concerns about the slow pace with which Strzok reacted, in September, 2016, to the discovery of thousands of Clinton’s e-mails on a laptop owned by Anthony Weiner, the estranged husband of Huma Abedin, a close aide to Clinton. By that point, Strzok was also overseeing the Trump-Russia investigation, which was expanding. In light of the contents of Strzok’s text messages, the inspector general’s report said, “We did not have confidence that Strzok’s decision to prioritize the Russia investigation over following up on the midyear-related investigative lead discovered on the Weiner laptop was free from bias.” But here, too, the report did not provide any actual evidence to support the theory that any of Strzok’s professional actions were politically motivated.

On Monday, Strzok’s lawyer, Aitan Goelman, claimed that his client’s firing had been ordered, late last week, by David Bowdich, the deputy director of the F.B.I., despite the fact that the Bureau’s Office of Professional Responsibility, which normally handles disciplinary matters, had recommended a lesser punishment: a demotion and a sixty-day suspension. “This decision should be deeply troubling to all Americans,” Goelman told the Times. “A lengthy investigation and multiple rounds of congressional testimony failed to produce a shred of evidence that Special Agent Strzok’s personal views ever affected his work.”

As of late Monday afternoon, there was still no official word from Bowdich or his boss, Christopher Wray, about Strzok’s dismissal. The Times and the Wall Street Journal both reported that a spokesperson for the F.B.I. didn’t respond to requests for comments about Strzok’s firing.

By John Cassidy – The New Yorker

#Strzok #HumaAbedin #FBI #PeterStrzok #StrzokGoFundMe
https://www.linkedin.com/pulse/fbi-needs-explain-its-reasons-firing-peter-strzok-mark-pisoni/?published=t
Add a comment...

Post has attachment
ITALY BRIDGE COLLAPSE LEAVES 26 DEAD
Genoa, Italy — A bridge in the heart of Genoa collapsed on Tuesday, killing 26 people as dozens of vehicles and tons of concrete and steel plunged onto city streets below in a disaster that prompted an emergency review of Italy’s aging infrastructure.
Adriano Scimpioni said he had just finished his shift at the city’s garbage collection company when “I heard something like an explosion and a screech of iron, and in a second we were all covered by a cloud of dust.”
Mr. Scimpioni went outside, and with his smartphone he started broadcasting the scene on Facebook.
“I immediately thought of the victims; I held my tears, with difficulty,” he said. “We were impotent, we didn’t have the means to help those who remained underneath.” He said two of his colleagues had been killed.

The highway bridge fell by as much as 148 feet just before noon, taking about three dozen cars and three trucks with it, according to Angelo Borrelli, chief of the Civil Protection Department. At least 15 people were injured, nine of them seriously.
The calamity presented a serious test of Italy’s new government, a coalition of populist parties that was formed only months ago. They rode to power on a wave of anti-establishment anger, but the coalition is led by people who had little to no experience governing, and now must demonstrate that they can manage a crisis and the scrutiny that comes with it.
Giuseppe Conte, who took over as prime minister in June, traveled to the scene of the disaster. The office of the city’s public prosecutor said it would open a criminal inquiry, examining whether the collapse was because of negligence, and federal authorities indicated that they too would investigate.
Mr. Conte’s deputy prime minister and interior minister, Matteo Salvini, who is a powerful populist skeptic of the European Union, said that the bloc’s budget rules might have to be lifted so Italy could overhaul its infrastructure. “When they tell us that we can’t spend our money because some E.U. constraints don’t permit it, I wonder whether these constraints make any sense,” he said.
Danilo Toninelli, the transportation minister, said the government had ordered a comprehensive safety review of Italy’s infrastructure — including viaducts and bridges built in the 1950s and 1960s during the country’s postwar boom. Much of the infrastructure, he warned, was showing signs of age. “This is what Italy needs to do, now,” he said.
In a phone interview, Antonio Occhiuzzi, director of the Institute for Construction Technology for Italy’s National Research Council, said that most of the nation’s infrastructure “needs to be carefully re-examined” because much “was at the end” of its useful life span. He added, “In some cases it can be reinforced, in other cases it will have to be demolished and rebuilt completely.”

#Salvini #Toninelli #Italy #ItalyBridge #GenoaBridge #MorandiBridge #NoGronda

https://www.linkedin.com/pulse/italy-bridge-collapse-leaves-26-dead-mark-pisoni/?published=t
Add a comment...

Post has attachment
E così, ci siamo arrivati, prima del previsto anche, alla resa dei conti. E chi finge sorpresa, è in malafede.
Chi si sveglia oggi, pure.
Chi evoca complotti, invece, è da ricovero coatto, misura necessaria per mettere gli incoscienti in condizione di non nuocere più a nessuno.
Davvero, i grandi intellettuali teorici delle derive autoritarie, i professionisti dell'informazione che hanno allevato ego infantili di incompetenti a colpi di monologhi senza contraddittorio e alimentato paure irragionevoli nel popolo barricato in difesa contro l'invasore, i troppi politicucci a caccia di misere rivalse, davvero tutti costoro credevano che avremmo potuto uscire indenni dalla presa del potere della cialtronaggine urlata ed esibita come unica autentica forma di rispetto della volontà popolare?
Davvero dobbiamo credere che nessuno abbia avuto dubbi, o remore, o persino un vago sussulto di coscienza, nell'appoggiare e spingere e pompare l'avanzata di questa armata Brancaleone composta di nullità pericolose, senza avere consapevolezza del baratro in cui ci avrebbero precipitati?
Siamo passati, in meno di due anni, da un programma di riforme, di ripresa, di crescita e, sì, anche di snellimento delle procedure istituzionali, al vaniloquio di bambocci che vagheggiano complotti, arcobaleni e input politici mentre maneggiano le nostre vite, la nostra salute, i nostri risparmi ed il nostro futuro come fossero coriandoli da gettare in aria e lasciar ricadere a caso, per vedere l'effetto che fa.
Questa inarrestabile deriva parte da una data precisa: 4 dicembre 2016.
L' Accozzaglia distruttrice se ne assuma tutta la responsabilità.
Chi finge di svegliarsi oggi, è complice di questo disastro e non può chiamarsene fuori. Troppo comodo, eh
Chiara Boriosi
#bastavaunsì #cialtroni

https://www.linkedin.com/pulse/ballando-sullorlo-del-baratro-mark-pisoni/
Add a comment...

Post has attachment
SALVINI, IL MINISTRO DELLA PROPAGANDA CHE ARRANCA SUL DECRETO SICUREZZA
Come un consumato Fregoli, il ministro dell'Interno Matteo Salvini da due mesi ripropone un identico canovaccio. Spararne ogni giorno una, possibilmente più grossa di quella precedente. Per ingrassare la paura, carburante del suo consenso, ma, soprattutto, per testare il grado di resistenza del sistema di garanzie costituzionali, la tenuta delle burocrazie della sicurezza, l'umore del Paese. Oggi i migranti, domani la legittima difesa, dopodomani i rom, un giorno che verrà il poliziotto o il carabiniere che dovessero abusare di un inerme. E tuttavia il gioco comincia a farsi complicato.
Il "decreto Sicurezza", la pietra angolare delle nuove politiche d'ordine del governo Conte a trazione leghista, darà infatti la misura della forbice tra propaganda e governo. Riscriverà l'istituto della protezione umanitaria, prolungherà i termini di detenzione nei Centri di permanenza e rimpatrio (Cpr), introdurrà nuovi presupposti per l'espulsione immediata e la decadenza dal diritto di asilo già riconosciuto, fisserà nuove cause ostative alle richieste di protezione internazionale. Un passaggio, appunto, complesso. Dimostrazione ne siano la fatica del parto (il provvedimento doveva essere un disegno di legge e arrivare prima della pausa estiva dei lavori parlamentari, e invece, verosimilmente, arriverà in settembre, forse come decreto legge) e la natura omnibus delle nuove norme, dal momento che riguarderanno anche il regime dei beni confiscati alle mafie, la sicurezza urbana, gli enti locali e la prevenzione antiterrorismo.
I due Matteo Salvini
Soprattutto, a ben vedere, il decreto è lo specchio di due Matteo Salvini. Quello in maniche di camicia che, feroce, eccita folle virtuali su Twitter e folle sudate in piazza, o che festeggia, nel suo lounge, la riapertura dell'Old Fashion, discoteca storicamente frequentata dalla destra milanese (era stata chiusa perché teatro dell'aggressione a colpi di lama al figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini).
E il compassato neofita di governo, che - raccontano - se ne sta seduto alla scrivania che fu di Giolitti, ascolta con attenzione da scolaretto i tecnici del Viminale e non tocca palla nei vertici internazionali, dove finge di aver capito l'opposto di quel che è davvero accaduto (ultimo esempio, il vertice dei ministri dell'Interno a Innsbruck). Lo stesso che ha scelto di entrare al ministero con un seguito non di scalmanati: un capo di gabinetto competente e incline alla mediazione, il prefetto ed ex vicecapo della Polizia Matteo Piantedosi; l'esperto social media manager Luca Morisi; il capo della segreteria Andrea Paganella; l'ex giornalista di Libero Matteo Pandini alla comunicazione; una pattuglia di quattro sottosegretari politicamente mansueti.
Dal primo giugno, giorno del suo insediamento, il Salvini di propaganda e di governo ha imparato un po' di cose. Non è possibile procedere a rimpatri forzati di massa dei migranti. I suoi alleati europei, il blocco nazional-populista di Visegrad, non sono disposti a prendere uno solo dei profughi che sbarcano sulle nostre coste. Per il ministro dell'Interno tedesco, il falco Horst Seehofer, la priorità è ricollocare in Italia i migranti che qui sono arrivati e sono stati registrati. La legge e le convenzioni internazionali del mare hanno un limite invalicabile che è la responsabilità di non consegnare alla morte i naufraghi. Le navi militari della missione europea Sophia non rispondono al ministro dell'Interno italiano. La magistratura non prende ordini dal Viminale (vedi caso Diciotti). Le commissioni amministrative che decidono sulle domande di asilo non sono una cinghia di trasmissione delle sue direttive ministeriali. La Libia non è ancora, e a lungo non lo sarà, un paese classificabile come "place of safety", dove riportare chi vi fugge.
La "strategia della tensione"
Non potendo, dunque, raccontare al proprio elettorato di aver messo insieme in campagna elettorale una montagna di frottole a cui non potrà tener fede - una su tutte, "cacceremo mezzo milione di immigrati" (gennaio 2018) - e non potendo "spezzare le reni all'Europa", Salvini è stato costretto a scegliere un'altra strategia. Da una parte, far credere agli italiani di essere in piena emergenza sbarchi, nonostante i numeri dicano il contrario (da quando è al Viminale, 4.677 arrivi, l'86 per cento in meno dello stesso periodo di un anno fa), facendogli contestualmente dimenticare i 1.500 morti annegati nel Mediterraneo nei primi sette mesi del 2018. Dall'altra, aggiustandosi negli angusti spazi concessi dalle leggi nazionali e internazionali, introdurre col decreto Sicurezza "norme manifesto" che, nelle intenzioni, dovrebbero consentirgli di lucrare al mercato della propaganda qualche altro punto percentuale di consenso, millantando di aver finalmente messo mano al "lassismo" sui migranti.
Le "norme manifesto"
Nel dettaglio. Nel famigerato decreto, se le cose non cambieranno, verranno radicalmente modificati i presupposti che consentono il riconoscimento del permesso di soggiorno per "seri motivi" umanitari. Al momento, cosa debba intendersi con questo termine, è lasciato alla discrezionalità delle commissioni territoriali e, eventualmente, ai giudici investiti dai ricorsi. Le nuove norme, al contrario, tipizzeranno in senso restrittivo i "seri motivi" (le gravi condizioni di salute saranno uno di questi), e moduleranno i permessi di soggiorno in diverse fasce temporali (oggi sono tutti di durata biennale, rinnovabile). È un modo per grippare un principio umanitario (riconosciuto in 24 Stati d'Europa, come ha ricordato al ministro il deputato radicale Riccardo Magi) di cui Salvini non sa che farsene, ma che non può cancellare unilateralmente. L'effetto collaterale sarà gonfiare a dismisura il contenzioso legale, già oggi oltre il limite di guardia, di chi il permesso non lo ottiene. Una "norma manifesto", appunto. Molto simile, se non identica, a quella che ha annunciato su Twitter: "Bloccare la domanda di asilo agli stranieri che commettono reati". In questo caso, e Salvini lo sa, la trovata sbatte contro la Costituzione italiana (vige il principio di innocenza fino al terzo grado di giudizio e la pena viene scontata nel paese in cui il reato è stato commesso) e contro le direttive europee che premiano il riconoscimento del diritto di asilo rispetto ad altri diritti, che non per questo vengono cancellati, ma che non possono diventare ostativi al primo.
Contrordine: il piano Minniti è ok
C'è dell'altro. Sarà portato da 90 a 180 giorni il termine massimo di permanenza nei Cpr degli immigrati destinati al rimpatrio. Il motivo: ottenere più tempo, necessario ai Paesi di provenienza per riconoscere il proprio cittadino e concedere il nullaosta al suo rientro. Peccato - e anche questo Salvini lo sa - che i Cpr siano solo 6 (Brindisi, Torino, Roma, Bari, Palazzo San Gervasio e Caltanissetta) per una capienza di 880 posti già raggiunta da mesi. Detto altrimenti, ad oggi, non c'è modo di ospitarne di più. E, quindi, il prolungamento del termine di detenzione non farà altro che ridurre ulteriormente una ricettività già al collasso. Dice dunque il ministro: "Di Cpr ne aprirò altri quattro entro l'anno, per un totale di altri 400 posti. A Modena, Macomer, Gradisca di Isonzo e Milano". Ammesso che ci riesca, non basteranno. E, il Salvini di propaganda non può fare l'unica cosa che dovrebbe fare quello di governo. Spiegare agli amministratori e ai cittadini dei comuni in cui la Lega fa da asso pigliatutto che c'è un contrordine: il no opposto fino a ieri al piano dell'ex ministro dell'Interno Minniti (i Cpr sono stati voluti da lui, e li prevedeva in ogni Regione) ora deve diventare un sì per tutti. I Governatori alfieri del leghismo (Zaia in Veneto, Fedriga in Friuli) si sono già allineati, contrabbandando davanti al proprio elettorato l'apertura dei Cpr con la promessa della chiusura di alcuni centri di accoglienza.
È evidente come Salvini capovolga la prospettiva del governo dei flussi migratori. Anziché lavorare a monte, con i paesi di origine e con l'Europa per contenere i numeri di un fenomeno epocale, freneticamente traffica a valle per rendere impossibile la vita a chi, sulle nostre coste, comunque è già sbarcato o continuerà a sbarcare. Il ministro dell'Interno ha chiesto infatti che nel decreto si preveda la cancellazione del diritto di asilo per chi, avendolo acquisito, dovesse tornare nei paesi di origine per un periodo troppo lungo (li chiama, con tono sprezzante, "profughi vacanzieri"). O che, qualunque sia la gravità del reato commesso in Italia, questo automaticamente comporti la decadenza della protezione internazionale già ottenuta. O che, dopo sei mesi di permanenza in una struttura di accoglienza per rifugiati, non vi sia più l'iscrizione alle liste anagrafiche dei comuni e il conseguente rilascio di carta d'identità.
Carlo Bonini e Fabio Tonacci - La Repubblica

#Salvini #politicaItaliana #governo
https://www.linkedin.com/pulse/salvini-il-ministro-della-propaganda-che-arranca-sul-decreto-pisoni/


Add a comment...

Post has attachment
Alla mia postazione di stagista presso la Italian Language Translations and Services - Canada (sede di Montreal).

At my workstation as an intern at Italian Language Translations and Services - Canada (Montreal office).

Federica

#stage #internship #univr #montreal #stagecanada #stagemontreal #stagetraduzioni #stageinterpretariato #stagista
Photo
Add a comment...

Post has attachment
Le contorsioni logico-linguistiche del governo, con l’ossimoro del cosiddetto “obbligo flessibile” e l’implicita istigazione al reato di “falso in atto pubblico” che deriva dall’escamotage dell’autocertificazione, mettono a nudo i problemi che nascono nel passaggio da un movimento di mera protesta, che cavalca onde emotive ed irrazionali, alle responsabilità di governo.
Le assurdità che abbiamo visto dal governo sui vaccini, con il vicepresidente del consiglio (e vero leader del governo), Matteo Salvini, che, pur di cavalcare il tema è arrivato ad affermare bestialità come: “Ritengo che dieci vaccini obbligatori siano inutili e in parecchi casi pericolosi se non dannosi" e che lo stesso poi abbia addirittura ringraziato "per il loro coraggio" Antonietta Gatti e Stefano Montanari, i paladini dei no-vax da anni nel mirino dei medici e dei ricercatori che si occupano di vaccini, è sintomatico di un problema molto più vasto, che investe il concetto stesso sia di modernità che di democrazia .
La civiltà moderna si basa sul metodo scientifico, detto anche “galileiano” dal suo inventore Galileo Galilei. È il metodo che ha consentito all’umanità di affrancarsi dall’oscurantismo medioevale e dalla superstizione. Esso parte dall’assunto che la scienza non è democrazia. Per esempio, una volta dimostrato tramite il metodo scientifico che la Terra gira intorno al Sole, l’opinione, pur intuitiva, di chi invece sostiene il sistema geocentrico, in cui la Terra è al centro dell’Universo, è da considerarsi sbagliata. Punto. Non c’è relativismo possibile. Perfino la Chiesa cattolica, pur dopo secoli di lotta, alla fine ha dovuto riconoscere l’errore delle Sacre Scritture sul punto ed ha ceduto su quello che, per secoli, era stato un dogma assolutamente centrale e fondamentale della religione cattolica.
Il populismo anti-scientifico, anti-moderno e anti-democratico che inspira i due partiti di governo si basa invece sul dare voce al cosiddetto “senso comune”. Quindi per il populismo e la sua conseguenza logica, la cosiddetta “democrazia diretta”, l’opinione sui vaccini dell’uomo della strada vale altrettanto di quella dell’immunologo e del virologo. Quando la politica costringe la scienza a scendere a compromessi, come propone il governo, con la sua pericolosa proposta sull’obbligo flessibile, siamo davvero su una china pericolosa. E questo sta avvenendo nonostante il filtro della democrazia rappresentativa, dove gli eletti dal popolo hanno il tempo e gli strumenti di approfondimento forniti dal Parlamento. A ben vedere infatti il concetto di democrazia diretta è palesemente anti-moderno. Uno dei caratteri distintivi della società moderna infatti, rispetto all’epoca carolingia tipica del medioevo, è proprio la sempre maggiore specializzazione di ogni professione. Sarebbe assurdo che, proprio sulla più importante e difficile delle professioni, quella che comporta l’amministrazione della cosa pubblica e l’emanazione delle leggi che regolano il buon funzionamento di ogni aspetto della società, si passasse al principio opposto.
La società diventa sempre più complessa e basta fare un giro sui social media per constatare che il cittadino medio non dispone delle conoscenze minime necessarie di economia, finanza, diritto, educazione civica e storia, in sintesi non dispone della base culturale generale minima, per votare con cognizione di causa i propri rappresentanti in Parlamento, come richiesto per il buon funzionamento della democrazia rappresentativa. Facile immaginare quindi le conseguenze se l’uomo della strada dovesse essere chiamato in misura ancora maggiore a prendere direttamente queste decisioni, come comporterebbe l’esautorazione del Parlamento esplicitamente teorizzata anche recentemente da Davide Casaleggio, il dominus dietro le quinte del partito di maggioranza del governo e teorico della democrazia diretta.
Concludo con l’opinione che aveva del senso comune popolare un acuto osservatore del Popolo come Alessandro Manzoni quando, nei Promessi Sposi, notava: “Il buon senso c’era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune."

#NoVax #Vaccini #RobertoBurioni #vaccino #populismo #democraziadiretta#democraziarappresentativa
https://www.linkedin.com/pulse/populismo-e-novax-mark-pisoni/?published=t
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded