Profile cover photo
Profile photo
Michele Gelli
1,153 followers -
Style DOES matter
Style DOES matter

1,153 followers
About
Michele's posts

Post has attachment
seen today in a magazine waiting my dinner, seems really cool #design #robot #paper #papercraft

Post has attachment
The art of Book Design

Post has attachment
Rich prizes and cotillon for those who lift the mighty Mjolnir. But what will happen to people breaking it? Let's see in 2017. Will keep updates...
Photo

Post has attachment
super ultra mega morbid artwork ...

Post has shared content

Post has shared content

Post has shared content
Sembra MOLTO interessante
From +Rebecca Yanovskaya, for Bluebeard's Bride ! You can also follow her on twitter as @RebeccaYanovska, instagram as ryerordstar, and her website is http://www.rebeccayanovskaya.com/. We're thrilled to have her as part of the team.
Photo

Come trasformare “mi faccio un the” in 2 / 3 ore di lavoro ed un ragguardevole quantitativo di bestemmie.

Ingredienti:
* un bollitore pieno di calcare
* un procione
* 2 bottiglie di aceto
* 1 gatto (meglio se due)

Sedersi e pensare “quasi quasi con questo freddo mi faccio un te”

Accorgersi che il bollitore ha 3 dita di calcare. Sentite la vocina dello scapolo che vive da solo che vi sussurra suadente “chissene”. Quella del vostro procione interiore che sussurra “che schifo, puliscilo”. Purtroppo scegliete di dare retta al ad un procione di me**a!

“adesso ci faccio bollire 3 / 4 volte l’aceto e torna come nuovo”

“accidenti, non ho aceto in casa. Faccio un salto al supermercato che così ne approfitto per prendere un caffè che non sappia di catrame” (anche la macchinetta del caffè è da decalcificare, ma questa è una lacrimevole storia per un’altra occasione)

[30 minuti dopo]

Si mette su l’aceto, il bollitore bolle un paio di volte. I gatti sorvegliano le operazioni, ma non sembrano particolarmente interessati.

“cavolo, in alto resta sporco. Adesso io che sono furbo aggiungo acqua e alzo il livello del liquido. Un giro e ho finito”

[il tempo passa]

Il liquido era effettivamente un poco troppo. Ed è sbrosciato dappertutto. Mobiletto, pavimento, muro. Un attimo di preoccupazione per il fatto che c’è un apparecchio elettrico praticamente immerso in acqua, un sospiro ed un ringraziamento per avere a suo tempo preso quello con l’aspetto un poco più “robusto”.

[qui siamo circa a 45 minuti]

Mentre ci si avvia a vuotare il bricco pieno di liquido a temperatura lava del Vesuvio, notare che uno dei gatti sta abbeverandosi con l’acqua ed aceto colata per terra. Girarsi bruscamente ed inciampare sul secondo gatto.

Mentre si cade preoccupati di dove bricco e relativo contenuto potrebbero atterrare, sbattere sullo spigolo del tavolo con la bocca dello stomaco. Ma nel contempo avere cura di posizionare il piede sinistro sotto il sopracitato getto di liquidi.

Mentre si annaspa per cercare fiato, togliere scarpe e calzini – ora zuppe – con cortese sollecitudine.

Se avete fiato, a questo punto potete condire tirando giù santi dal paradiso q.b. regolando con una o due imprecazioni accessorie a piacere, secondo gusto.

A questo punto non vi resta che
* Inseguire i gatti (ora spaventati dal trambusto) e verificare che non si siano fatti nulla
* pulire pavimento e mobiletto
* accorgermi che l’acqua è colata anche all’interno del mobiletto, che dovrà perciò essere vuotato ed asciugato. E con l’occasione magari pulito (procione di m***a, prima o poi me la paghi!)

Risultato: circa 3 ore di lavori assortiti, in un periodo dove per portare a Lucca tutte le uscite che devo portare mi cronometro i minuti che posso dormire

Qualcuno ha da vendere una tagliola per procioni?


Post has shared content

Post has attachment
Photo
Wait while more posts are being loaded