Profile cover photo
Profile photo
Alessandro Baldini
34 followers -
infojobmagazine.com
infojobmagazine.com

34 followers
About
Posts

Post has attachment
http://www.infojobmagazine.com/customer-care/

Customer care: da cogliere al volo!

Se ne sente parlare molto spesso e anche in Italia da qualche anno a questa parte, ne sono un chiaro esempio i numerosi call center presenti lungo tutto il territorio nazionale. Il Customer Care o servizio clienti è una struttura nella quale delle persone rispondono al telefono. Nell’apparente semplicità di questo lavoro si nascondono invece delle capacità che le persone devono avere.

Il customer care indica non solo una struttura fisica nella quale il lavoro viene svolto ma anche un approccio specifico delle persone. Capacità di ascolto, attenzione e gestione dello stress sono alla base di questa tipologia di lavoro. Per questo motivo è necessario avere una grande pazienza, soprattutto se il cliente è critico e teso, in questo caso occorre avere un altro modo di gestirlo.
customer careCustomer care, empatia!

Il settore è in piena ristrutturazione, per questo motivo molti call center hanno decido di portare le loro sedi in suolo estero, magari trasferendosi in paesi dove il costo della vita è più basso. Per questo motivo tutti quelli interessati a svolgere questo lavoro devono guardarsi in giro e fare delle ricerche. Se conoscete bene la lingua inglese e avete deciso di tentare la fortuna altrove questo potrebbe essere il lavoro per voi.

L’opportunità professionale di questa sera riguarda un noto leader mondiale nel settore alimentare degli snack. La posizione riguarda la gestione del primo contatto con il cliente-consumatore.
Add a comment...

Post has attachment
http://www.infojobmagazine.com/seo-roma-intervista-giuseppe-schettino-seo-specialist/


Seo specialist, se ne sente spesso parlare ma di cosa si occupa? Giuseppe Schettino Seo di Roma fa chiarezza e ce lo spiega!
 
Sicuramente ne avete sentito parlare in maniera molto frequente, parlando  di lavorare con internet e guadagnare da casa la parola che spesso viene ripetuta con insistenza è di rivolgersi a un Seo Specialist. Vi devo dire la verità, non amo molto le terminologie in inglese ma il web è nato in America e in parte dobbiamo abituarci a ragionare in questi termini.
Molti di noi non lo sanno mentre altri lo hanno capito da tempo, cercare di monetizzare con un sito web o un blog non è per nulla semplice, non basta sicuramente la passione e la voglia di fare.
Puoi comprare libri, puoi studiare, puoi cercare di specializzarti cercando di capire quali sono le logiche che determinato il successo di un sito, oppure puoi rivolgerti a uno specialista, una persona che tutto il giorno studia come posizionare al meglio un sito nei motori di ricerca .
Da tutto questo nasce il mio incontro con un professionista del web che si chiama Giuseppe Schettino e l’intervista che di seguito pubblichiamo integramente sul come lavorare con internet e guadagnare da casa:
Ecco svelato il segreto per Lavorare su internet e guadagnare da casa.
1.       Come inizia la tua esperienza sul web, in quale anno e con quale professionalità cominci la tua esperienza.
 
Io ed internet ci siamo incontrati per la prima volta nel 1996, avevo 12 anni, il rumore del modem lo ricordo ancora bene, così come ricordo bene l’eterna attesa per scaricare una sola canzone.
A 14 anni il primo sito web, mai pubblicato, realizzato in html con un layout a tabelle, tema, indiani d’America, ne ero affascinato al punto tale da pianificare un’estate intera in una riserva indiana per poi non andarci per paura della lingua (da ragazzini è concesso, da adulti no).
Non ho mai pensato di usare internet per lavoro poi un bel giorno di circa 12 anni fa aprii un blog su worpdress, poi un sito vero e proprio, il mio primo, si chiamava PuroCalcio.it.
Su puro calcio parlavo del calcio così come lo vedevo io, quando un bel giorno fui contattato da un signore che mi pagò bene per acquistarlo.
Volli conoscere il motivo del suo interesse e della sua offerta, ed era semplice, ero in prima pagina per la chiave di ricerca “consigli asta fantacalcio”.
Scoprii la SEO e che il mio sito faceva 1000 unici al giorno.
Ma soprattutto, cominciai ad essere pagato da chi acquistò il sito per continuare a scrivervi.
 
2. Inizi lavorando da dipendente in contesti specifici e successivamente intraprendi un percorso da libero professionista?
L’avventura nel mondo del lavoro online comincia proprio con puro calcio, mentre scrivevo in cambio di soldi di qualcosa che ho amato in maniera viscerale sin da bambino ho cominciato a studiare il posizionamento sui motori di ricerca, ho cominciato a fare siti web, posizionarli e poi rivenderli.
Nel 2010 era molto facile tra l’altro, ricordo ad esempio che uno dei siti pronosticicalcio1x2.it fu un bell’esperimento per me perché lo trasformai in blog.pronosticicalcio1x2.it visto che la keyword “blog pronostici calcio” era per me più interessante.
Bene quel sito lo posizionavo semplicemente con la frase:
Add a comment...

Post has attachment
http://www.infojobmagazine.com/guadagnare-online-davide-pozzi-racconta-la-sua-esperienza/



Il problema non è guadagnare online ma capire quali sono le proprie competenze!
Molti di noi sanno che per guadagnare online servono anni, non è neanche matematicamente detto che lo sforzo venga ripagato da un risultato certo, la prima cosa che bisogna fare per lavorare online in maniera vincente è avere una grande passione. Bisogna per prima cosa amare quello che si fa ed essere fermamente convinti che il duro lavoro porterà i risultati sperati.
Spesso sentiamo parlare di lavoro online come una sorta di terra promessa alla quale molti vogliono arrivare. Una parola che dal nostro punto di vista non ha alcun significato se non viene associata alla parola impegno. Il web, internet, le possibilità offerte dalla rete sono solo strumenti che ci vengono messi a disposizione, sta a noi sfruttarli nel modo giusto, cercando di accrescere le nostre competenze e costruendo un percorso coerente alle nostre capacità.
Per cercare di fare chiarezza su questo punto è necessario per prima cosa contattare un esperto del settore internet, una persona che da anni si confronta con il web e con il tema del lavoro online.
Ci è sembrato giusto intervistare Davide Pozzi, proprietario del sito Tagliablog e cercare di confrontarsi per capire com’è iniziato il suo percorso in rete e quali sono stati i mutamenti nel proprio modo di lavorare.
La prima domanda che abbiamo posto a Davide è quando è iniziata la sua esperienza sul web, come ha iniziato quest’avventura che lo ha portato poi a occuparsi poi di aspetti del web dei quali oggi si sente spesso parlare. L’esordio avviene nel 1994, Internet era agli albori, la conoscenza del web e delle potenzialità erano ai più sconosciute.
Davide comprende subito che è in atto una rivoluzione nel modo di comunicare e che Internet ne sarà il principale artefice, per questo motivo risparmia ogni singolo euro guadagnato e pochi mesi dopo apre un Internet Pop con un provider chiamato all’epoca Galactica, vi lasciamo anche i link di quel periodo visionabile su You Tube:  https://www.youtube.com/watch?v=dQl4SmFtYeQ
Add a comment...

Post has attachment
http://www.infojobmagazine.com/fare-curriculum-perfetto-evento-gratuito-padova/#more-1859

Come fare un curriculum perfetto! Sogno o realtà possibile?
Una domanda che spesso si pongono molte persone che nella loro vita lavorativa si trovano magari davanti a un bivio, quello magari di dover cambiare lavoro o semplicemente come tante altre persone  si trovano nella condizione di dover cercare un nuovo lavoro. Allora diventa molto importante non tanto come fare un curriculum perfetto, ma come impostarlo al meglio.
Competenze, capacità, esperienza, conoscenza del mercato di riferimento, diventano a tutti gli effetti quello che nella nuova vita lavorativa delle persone occorre impostare al meglio, questo ovviamente parte dal curriculum vitae.
Se non avete conoscenze, se non avete reazioni tali che vi possano mettere in contatto con realtà aziendali interessate magari al vostro profilo, il curriculum vitae diventa il vostro biglietto da visita. Molti in maniera errata pensano che correggere il proprio curriculum o valutare alcuni elementi che non sono a posto dentro a questo, siano fattori da sottovalutare.
Add a comment...

Post has attachment
http://www.infojobmagazine.com/sharing-economy-opportunita-di-lavoro/  
 
Ogni mutamento nel modello economico porta con sè dei cambiamenti, in alcuni casi positivi e in altri negativi. La crisi che ha accompagnato questi ultimi anni si è fatta sentire in molti settori. Aziende di taglio tradizionale hanno chiuso i battenti, travolti da un crollo negli ordini o da una scarsa capacità di reagire alla crisi trasformandola magari in un’opportunità.
Non è ovviamente per nulla semplice, bisogna capire il momento storico che si sta vivendo, in che modo l’economia sta cambiando e cercare di sfruttare questi cambiamenti a proprio vantaggio. Spesso vuol dire cambiare radicalmente il modo di fare business della propria azienda.
Ci sono poi aziende che invece sono nate da una crisi, proponendo un modello di distribuzione della ricchezza alternativo, per questo spesso si sente parlare di sharing economy.
Non è semplice per nessuno, spesso il più grande ostacolo è la mentalità magari legata a un modello di fare business che non è più efficace e valido.
Add a comment...

Post has attachment

Post has attachment
http://www.infojobmagazine.com/lavoro-canada-telelavoro/



Lavorare all’estero richiede una gran voglia di mettersi in gioco e vi vogliamo subito spiegare cosa significa questa parola. Quando andate a comprare un vestito la prima cosa che fate è quella di dimenticarvi come quello vecchio vi stava addosso, pensate a cercare un abito che vi calzi bene e vi piaccia.
Togliete per un attimo la parola piacere dalla ricerca di lavoro all’estero, mettete invece davanti la parola adattamento al contesto, capacità di capire in quale mercato del lavoro vi muovete e quali sono le regole che lo governano. Il lavoro in Canada segue lo stesso principio, dovrete essere voi a darvi da fare.
Lasciamo stare per un attimo il contesto economico, il mercato del lavoro che troverete o il modello di stato sociale. Il primo lavoro che dovete fare è su voi stessi, sul vostro modo di ragionare che deve abbandonare il modo tipico di pensare italiano.
Andare all’estero non vuol dire trovare un paradiso, vuol dire trovare magari un contesto di lavoro migliore ma dover anche lottare per affermarsi.
Photo
Add a comment...

Post has attachment
Add a comment...

Post has attachment
http://www.infojobmagazine.com/lavoro-canada-possibilita-preparazione/  
 
 
Continuiamo con i nostri approfondimenti legati al mondo del lavoro all’estero. Per tutti quelli che pensano che fuori dai confini nazionali ci sia il paradiso, ci teniamo a specificare che ogni paese ha i suoi problemi, quello che diverso troveremo rispetto all’Italia è un sistema che molto prima di noi ha affrontato certi tipi di problemi.
All’estero non sono menti geniali, semplicemente a differenza nostra che ancora ci culliamo sul sogno del posto fisso e della pensione, hanno affrontato i problemi di un sistema che non funzionava molto prima di noi. Quello che a noi sta attualmente accadendo è un qualcosa che altri paesi hanno già sperimentato.
Il lavoro in Canada o semplicemente decidere di lavorare in Canada vuol dire avere a che fare con un sistema molto diverso dal nostro. Per prima cosa abbiamo due modi per poter lavorare in questo splendido paese, il primo è quello legato all’ottenere un permesso perchè già in possesso di un lavoro.
 
Add a comment...

Post has attachment
Wait while more posts are being loaded