Profile cover photo
Profile photo
L'anagramma di derma
4 followers -
Il riso abbonda sulla bocca dei saggi.
Il riso abbonda sulla bocca dei saggi.

4 followers
About
Posts

Non sense 1

Certo un vulcano con la camicia sporca che fa? La lava... Questo pensò Pasquale assorto nella lettura del Deuteronomio assiso su un albero al centro di una palude campestre con mazzi di fiori e spine di rose dei venti. Trenta invece furono i cani da vespaio intrisi di sarcastico abbandono che volarono con tutta la cuccia in cima al monte. Quale neve vi potevano trovare se non fiocchi agnostici assisi (PG) e dormienti? Sveglia Pasquale, è già ferragosto, tira fuori gli addobbi natalizi che a mezzanotte spariamo i botti! Viva la Befana e il carnevale! Queste feste sono lunghe una Quaresima. Digiuno ostentato non vale, allora via i cornetti.
Pessimo esempio di reliquia, se ancora respira. Aria viziata non macina più, niente caffè se fosse per lei. E il cacao? La solita bacca, inutile baccagliare. Ne sei convinto veramente o solo perché ho un coltello in mano? Ma è quello per le patate e tu non sei fritto né unto. Né un toro per le corna si offende, neanche se gliele fai dal finestrino. Basta che gliele fai, se no che toro è? Toroidale, ciambella di un presente ombreggiato. Per chi è il presente? Per me? Ma il mio compleanno viene sei giorni dopo l’onomastico di qualcuno. Vediamo che santo è. San Pigiama Da Letto, è un miracolo se non ti addormenti. Poi ti svegli solo se uno bestemmia. Se bestemmiano in due, sogni d’oro. Passa la notte in cassaforte. Incassa forte il pugile suonato come un orologio che lavora ore e ore. 
Giampiero siediti sul davanzale e ordina una pizza. Se arriva mi spieghi come hai fatto. Se ti siedi sul davanzale della finestra del bagno di una sconosciuta la pizza arriva sicuramente. Cessa, c’è sangue o succo di mirtillo in polvere franato da un candelabro gommoso e scemato sul nascere. Pasquale vieni, nella posta c’è una raccomandata per te, trovale un lavoro. L’espresso delle dieci e trenta è in ritardo, ma il cornetto è puntuale. La volpe e l’uva vanno d’accordo dopo l’invenzione della scala, e non solo a Milano. Michele Di Granchio apre una friggitoria in Via dei Vampiri, uno di essi prende fuoco: spettacolo vampirotecnico. L’escremento concima, diventa fiore e tutti lo annusano. E lui sotto sotto ride, lo stronzo. 
 
Add a comment...

Post has attachment
Pagina dedicata al mio libro "L'anagramma di derma", info su http://www.manuelcerfeda.it/
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded