Profile cover photo
Profile photo
Sara Ferraglia
77 followers -
Hanno detto di me: "Le poesie di Sara scendono dritte al cuore. Questo è stato il primo pensiero che mi è venuto alla mente, leggendo i suoi lavori. Vanno dritte al cuore perché non inseguono cervellotici significati espressi attraverso parole altisonanti, ma cercano la sensibilità di chi legge per condividere emozioni e sentimenti che credo facciano parte del tessuto emotivo di ognuno. Gli affetti famigliari, la memoria del passato, l’empatia verso chi è provato dalla vita, l’incanto verso la natura, la malinconia per gli attimi che non torneranno, la forza di andare comunque avanti … sono temi che sanno coinvolgerci nel profondo, specie quando sono espressi attraverso immagini suggestive, in cui ogni parola acquista una “grazia speciale e ti dà l’impressione di essere proprio quella giusta per esprimere quel pensiero. A me piace molto anche l’uso della rima, infatti sia che si rincorrano da vicino, sia che si seguano a distanza, scandendo un ritmo ora più vivace ora più melodico, le rime danno ai versi una musicalità che dà piacere ad ascoltarli e che li fissa meglio nella mente."
Hanno detto di me: "Le poesie di Sara scendono dritte al cuore. Questo è stato il primo pensiero che mi è venuto alla mente, leggendo i suoi lavori. Vanno dritte al cuore perché non inseguono cervellotici significati espressi attraverso parole altisonanti, ma cercano la sensibilità di chi legge per condividere emozioni e sentimenti che credo facciano parte del tessuto emotivo di ognuno. Gli affetti famigliari, la memoria del passato, l’empatia verso chi è provato dalla vita, l’incanto verso la natura, la malinconia per gli attimi che non torneranno, la forza di andare comunque avanti … sono temi che sanno coinvolgerci nel profondo, specie quando sono espressi attraverso immagini suggestive, in cui ogni parola acquista una “grazia speciale e ti dà l’impressione di essere proprio quella giusta per esprimere quel pensiero. A me piace molto anche l’uso della rima, infatti sia che si rincorrano da vicino, sia che si seguano a distanza, scandendo un ritmo ora più vivace ora più melodico, le rime danno ai versi una musicalità che dà piacere ad ascoltarli e che li fissa meglio nella mente."

77 followers
About
Sara's interests
View all
Sara's posts

Post has attachment
Passa la gente bella
Passa la gente bella. Passano certe persone come rifoli di vento, talmente lievi che a stento ne hai la percezione. Volano come pappi al soffio di un bambino. Passandoti vicino, delicati viluppi di pensieri e ricordi, lasciano sulla pelle un brivido di stel...

Post has attachment
Passa la bella gente
Passa la gente bella. Passano
certe persone come rifoli
di vento, talmente
lievi che a stento ne hai la
percezione. Volano come
pappi al soffio di
un bambino. Passandoti vicino, delicati
viluppi di pensieri
e ricordi, lasciano
sulla pelle un brivido
di stel...

Post has attachment
Sono già qui
Sono già qui. Sono già
qui, bambina mia dove mi è
amico il sole e la notte di
zagara profuma. Che luna… Ho viaggiato
leggero, stella mia. Sfioravano
il terreno le mie suole. Le paure?
Nessuna. Pensami
trasparente, adamantino  come il nostro cielo e con la
f...

Post has attachment
Un'ape ribelle
Un’ape
ribelle E’ l’ultimo
raggio di sole che invita
le api al riposo. Dall’alba un
ronzare festoso vibrava fra
siepi ed aiuole. Il sole
tramonta, di fuoco. Ritornano
piccole ali tranquille
nei loro alveari, ma una
rimane, mi affronta, m’insegue  fin oltre ...

Post has attachment
Ora la musica riposa
Ora la musica riposa “Ora la
musica riposa Ho guardato
il mare…” Come se lei volesse alleggerire il
cuore nella mia
mano posa sue stille
di dolore. La ringrazio
con gli occhi per quel
foglietto bianco, per la
condivisione di un
cocente dolore e scorrono
par...

Post has attachment
MOAB
Gli Stati Uniti sganciano la
«madre di tutte le bombe» La madre di
tutte le bombe Chi ha
potuto associare il nome “Madre” alla
devastazione di una bomba? Donna che dà
la vita. Uomo che fa
la guerra. Così è da
sempre sulla Madre Terra. Parola
snaturata, scat...

Post has attachment
Cara Befana che voli stanotte
Cara Befana che voli stanotte Cara Befana
che voli stanotte su tue
fantastiche, magiche rotte con una
lacrima a bagnarmi il ciglio ho il
desiderio di darti un consiglio, soltanto un
piccolo suggerimento mentre mi
escono parole a stento: vola nel
cielo, più ...

Post has attachment
Quando un poeta muore
Quando un
poeta muore E’ morto stanotte
un anziano poeta. C’era “la
luna bianca” fra lenzuola
di seta, c’era una
mano stanca, e l’indice
nodoso sul cuscino a tracciare grafìa. Concluso il
suo destino ma non della
poesia, perché così
accade quando un
poeta m...

Post has attachment
Il mio Natale
Il mio Natale Il mio Natale canta   con voce di bambino coi palmi delle mani vuoti e rivolti al cielo, a un pensiero divino, ad implorare pace. Il mio Natale cerca negli occhi della gente briciole di speranza, amore e compassione per chi non ha più niente, ...

Post has attachment
Una goccia di niente

C’era una volta un saggio potente
che in mano aveva una goccia di niente.
Solo, abitava nell’immensità,
senza montagne, né mari e città.

Guardò la goccia con gran tenerezza,
le donò un soffio, una tremula brezza…
e allora tutto fu in lei concentrato,
anche se ancora non era creato.

C’erano i cieli, le acque ed i monti,
piante, animali e fiori già pronti.
C’erano occhi di bimbi innocenti,
c’eran la pioggia, la neve ed i venti.

Lasciò la goccia cader dalla mano
e la guardò scivolare lontano,
finchè raggiunse una stella piccina
che cominciò a brillar più di prima.

Intorno alla luna e al sole danzò
finchè immensa lei diventò.
Fu un’esplosione di luce, un boato
e l’universo così fu creato.


Poesia scritta insieme alla mia nipotina Claudia, 6 anni, che ha immaginato così la creazione dell'universo.
Photo
Wait while more posts are being loaded