Profile cover photo
Profile photo
Architettura
605 followers -
Architettura in Italia e nel Mondo
Architettura in Italia e nel Mondo

605 followers
About
Posts

Post has attachment
Come quarta città della Cina per popolazione e suo secondo polo industriale dopo Shangai, la città di #Tianjin è sottoposta a forze di rinnovamento e sconvolgimenti urbanistici che per noi potrebbero risultare difficili da immaginare. Secondo il tipico rapporto di questo paese con il suo passato, tutto ciò che era considerato inutile sta venendo gradualmente sostituito: un intero quartiere storico vecchio di 600 anni è stato abbattuto, per fare posto ai palazzi finanziati da alcune potenti aziende finanziarie di Hong Kong. Una grande quantità di giardini appartenenti alla vecchia aristocrazia hanno conosciuto il passaggio di camion e bulldozer, per diventare anch'essi terreni fertili validi alla costruzione di hotel e centri commerciali. E mentre il vecchio veniva accantonato, tra le esclamazioni di gratitudine di tutti coloro che perseguivano la modernità dell'utile e del guadagno, alte mura sorgevano presso la costa del mare di Bohai, come ornati confini di una regione prelevata direttamente dai sogni: la Zona Nuova o Binhai, un'intera "Disneyland" di meraviglie architettoniche, finanziata con i guadagni di un intero mercato globale sempre più soggetto ai moti sussultori del Grande Dragone. Un conglomerato di grattacieli, sedi aziendali e ben sette porti disseminati lungo il contorno di questo golfo protetto dalle tempeste del Mar Giallo, da dove sembrano passare, talvolta, tutte le ricchezze d'Oriente. E la classe sociale più abbiente, per mere ragioni di convenienza, sceglie di venire a vivere, nonostante il chaos, il frastuono e la mancanza di attrazioni tradizionali. Un significativo problema, per l'amministrazione cittadina che ci si aspetta faccia il possibile per assolvere alle necessità dei propri cittadini più produttivi ed influenti. Avete mai visto accadere il contrario... FONTE  »  #architettura cina tianjin #strutture altri articoli dalla categoria Architettura
Add a comment...

Post has attachment
Fotografare l’architettura richiede un occhio ben allenato e delle buone conoscenze fotografiche di base, in particolar modo serve conoscere alcune regole fondamentali che vi potranno aiutare a trasformare uno scatto banale in uno estremamente interessante. La #fotografia di architettura va dalla semplice ripresa di edifici, palazzi e monumenti singoli, fino agli scatti panoramici in cui si immortalano intere aree urbane. Quando si parla di fotografia d’architettura ci si riferisce però anche alle immagini degli interni, in cui vengono descritti gli ambienti e i locali di appartamenti ed edifici ad uso residenziale. Sia che stiate per fotografare palazzi o edifici in esterno o semplici stanze all’interno di un appartamento, una cosa fondamentale per la buona riuscita nella fotografia di architettura è quella di avere una fotocamera con un obiettivo grandangolare, diciamo non oltre i 35mm. Vi troverete spesso (per non dire sempre) in spazi stretti dove non avrte grandi spazi per manovrare. Ecco perchè il grandangolo è fondamentale. FONTE  »  ispirazioni fotografia architettura altri articoli dalla categoria Architettura
Add a comment...

Post has attachment
La Casina delle Civette a Villa Torlonia a Roma è un luogo incantato e Magico. Dopo il restauro è stata convertita nel Museo delle Vetrate Liberty grazie alla ricchezza e all'originalità delle vetrate al suo interno. Proprio da una di queste vetrate che raffigura delle civette prende il nome l'edificio. La visita sia all'interno che all'esterno è un viaggio nel tempo tra simbolismo e esoterismo. FONTE  »  roma #arte #monumenti #architettura altri articoli dalla categoria Architettura
Add a comment...

Post has attachment
Incredibile, svettante, spropositata. Grandiosa è la tomba del faraone, poiché essa commemora le spoglie terrene del dio vivente, il cui spirito non svanisce come quello dei comuni esseri umani, ma si perpetra e rafforza, attraverso le generazioni. Eppure, che cosa è successo all'ultima di tali costruzioni, impossibile da completare prima che il regime finisse, e in assenza di un potere centrale, soprasseduta da più semplici priorità mondane? Ciò che è stato costruito, anche se soltanto a metà, non può essere de-costruito, ma soltanto demolito, un'operazione a sua volta complessa, costosa, talvolta sconveniente. Le vestigia restano mentre il futuro avanza, le corrobora e diventa l'oggi. Per poi dissolversi nel vento del passato. Monumenti di un ottimismo ormai perduto; luoghi come El Helicoide, l'Elica d'asfalto e cemento, il più riconoscibile edificio di Caracas in Venezuela, ciononostante tutt'oggi, per lo più sconosciuto dall'estero. Le ragioni sono molteplici, ma la prima resta quella più rilevante: brutti, bruttissimi ricordi. E un ancor più triste utilizzo nei nostri giorni. E dire che tutto era iniziato, nel 1956, con i propositi migliori: costruire un nuovo tipo di centro commerciale. Qualcosa che il mondo non aveva mai visto e che ben presto, sarebbe stato l'invidia dell'intero continente americano. Un luogo di sogni e opulenza, con albergo, sala conferenze, auditorium, luogo d'esposizione ed oltre 340 negozi, sormontato da una cupola geodetica ispirata alle opere dell'inventore Buckminster Fuller, mentre l'estetica delle mura era infusa di un gusto riconducibile a Frank Lloyd Wright. Grazie all'opera dell'architetto venezuelano Jorge Romero Gutiérrez, che in questo modo pensava di scrivere una nuova pagina della #storia del movimento Modernista. E ci arrivò, oh! Così vicino. Se non che, al momento di ultimare l'ultima colata di cemento e passare all'allaccio dei servizi di acqua e luce, nel 1958, il faraone venne cacciato via. E con esso, chiunque desiderasse portare a compimento le opere che lui stesso aveva sognato.Il supremo vertice del potere costituito nelle mani di una singola persona, come la sommità di una struttura a gradoni svettante verso il cielo, percorsa da un numero di automobili che non avrebbe mai avuto fine. È davvero questa la natura della società umana? Il popolo che sostiene i funzionari, e sopra di essi la polizia segreta. Che a sua volta, sorregge Costui. Nella fattispecie del momento storico preso in esame, Marcos Pérez Jiménez, generale dell'Esercito del Venezuela e Ministro della Difesa, in grado di salire sul Trono di Spade al termine di un colpo... FONTE  »  #architettura storia venezuela #moderno altri articoli dalla categoria Architettura
Add a comment...

Post has attachment
Quest'anno è toccato al giovane artista italiano Edoardo Tresoldi occupare la hall del grande magazzino Le Bon Marchè- Rive Gauche di Parigi. Tresoldi ha deciso di appendere all'altissimo soffitto dell'edificio, due cupole rinascumentali a grandezza naturale. Le immagini architettoniche però, non erano fatte con i consueti materiali ma in rete metallica una e in lamiera ondulata l'altra FONTE  »  #arte #scultura #installazione #parigi altri articoli dalla categoria Architettura
Add a comment...

Post has attachment
Che cosa hanno in comune il conte Edilio Raggio, imprenditore ed uomo d'affari, nonché il più ricco deputato del Regno, vissuto all'epoca dell'Unità d'Italia, e Josh di "Esplorando con Josh" venticinquenne canadese con tre canali su YouTube ed uno su Twitch, appassionato di #esplorazione urbana e videogiochi di ogni genere, attività da due milioni e mezzo di spettatori che in qualche maniera, si sostengono a vicenda? Beh, non moltissimo, oggettivamente, se non questo: entrambi sanno apprezzare lo stile Liberty della Belle Époque. Anche se il secondo, piuttosto che riconoscerne le caratteristiche e chiamarlo per nome, si limita a lanciare esclamazioni gutturali d'entusiasmo di fronte al "tizio dorato" dipinto sul soffitto e le finiture murarie di Villa Minetta, uno dei più importanti lasciti architettonici del grande armatore, poi padrone di un'industria di produzione dell'acciaio, infine venditore di mattonelle combustibili da usare nelle ferrovie. Eppure tra lui ed il gotha dei beni culturali operante nei dintorni di Novi Ligure, dove ci troviamo per questo video del genere urbex (URban EXploration) è sicuramente il giovane turista a farci una figura migliore, visto lo stato di totale abbandono e sostanziale rovina in cui si trova il vasto e nonostante tutto, affascinante edificio. All'interno di un bosco che fino alla metà degli anni 90 era stato un parco ben tenuto, con prato e cespugli all'inglese, alberi secolari e specie esotiche, ma che ora nasconde il vecchio maniero come il roveto... FONTE  »  urbex #luoghiabbandonati esplorazione altri articoli dalla categoria Architettura
Add a comment...

Post has attachment
Edifici in muratura rossastra, sperduti tra i venti dell'Isla de la Juventud, Cuba. Abbandonati. Dalla forma simile ad un tamburo, come Castel Santangelo, ma pieni di finestre allineate alla maniera del Colosseo. Un tempo, sarebbero stati gremiti di uomini e donne, originariamente imprigionati durante il mandato di Gerardo Machado, quinto presidente del paese tra il 1925 ed il 1933. E poi di nuovo, durante il regime dittatoriale di Batista, tutti coloro che osavano opporsi alla sua egemonia, in una bailamme biblica di corruzione, infelicità e sofferenza. Ogni finestra una cella, illuminata dalla luce naturale proveniente dall'esterno, facendoli stagliare come figure di ombre teatrali danzanti dinnanzi allo sguardo di...Qualcuno, non si sa chi. Chi ancora oggi dovesse fare il suo ingresso in una di tali arene, ormai considerate un monumento nazionale, si troverebbe quindi di fronte a una torre centrale, con finestre rivolte in ogni direzione possibile, verso le celle circostanti. Da cui il guardiano avrebbe potuto osservare, alla maniera del mitico gigante greco dai molti occhi Argus Panoptes, in ogni direzione. E nessuna al tempo stesso. Sapere tutto senza conoscere nessuno. Guardare ma non essere visto. L'imperfetta, e per questo perfetta comunicazione."La soggettività dell'individuo è un illusione" avrebbe affermato il filosofo, giurista e teorico sociale Jeremy Bentham, vissuto tra il XVIII e XIX secolo nella grande città di Londra. Nella quale, riportando la conoscenza del mondo antico acquisita nel college di Oxford, rielaborò una visione del mondo risalente al filosofo greco Protagora, definita Utilitarismo. Secondo cui la misura della bontà di qualsiasi azione non è data dalle intenzioni o dalla visione finale di colui la compie, bensì da un'esatta misura di quali vantaggi essa porta al più grande numero... FONTE  »  #prigioni #società #filosofia #storia altri articoli dalla categoria Architettura
Add a comment...

Post has attachment
Secondo una leggenda, il sistema architettonico delle chiese a pali portanti sarebbe nato quando l'agricoltore Raud Rygi, assieme ad altri quattro coabitanti del suo villaggio nella municipalità di Notodden, decise che era il momento di dotare il paese di un nuovo tipo di luogo di culto. Alto, maestoso, creato per venerare il nuovo Dio proveniente dal meridione, accompagnato sin qui per la prima volta dai sacerdoti missionari del re di #Norvegia Olav Haraldson (regno: 1015-1030) che con gran risonanza aveva deciso di abbandonare i vecchi metodi e la Via del Valhalla. Certo, cambiare i metodi di un intero popolo non è semplice. Ma lo diventa tanto maggiormente, quanto più gli si permette di mantenere una parvenza di continuità col passato, mantenendo stili, luoghi di culto e fattori esteriori sulle linee guida disposte dagli antenati. Occorreva, tuttavia, un nuovo filo conduttore architettonico. E il buon Raud l'avrebbe trovato, così si racconta, dall'incontro con un misterioso straniero incappucciato che incontrò alla locanda del suo paese. Individuo senza un'identità definita, che di sua spontanea iniziativa gli si avvicinò e disse: "Così, volete costruire una casa per nostro Signore. Io posso farlo per voi in un periodo complessivo di tre giorni, a patto che una qualsiasi delle seguenti condizioni sia realizzata: prima ipotesi, portami la Luna ed il Sole. Seconda, donami tutto il tuo sangue e terza, indovina il mio nome." Come in innumerevoli racconti di patti stretti con esseri sovrannaturali, il contadino pensò che la terza missione non fosse troppo difficile da completare, e così diede l'Ok all'inizio dei lavori. Con suo supremo stupore e preoccupazione, tuttavia, l'intera quantità dei materiali necessari alla costruzione furono portati presso lo spiazzo dello hog pagano pre-esistente nel corso di una sola notte, la seconda erano stati erette le quattro mura e nel corso della notte successiva, la chiesa sarebbe stata completata... FONTE  »  chiese norvegia #europa #nord altri articoli dalla categoria Architettura
Add a comment...

Post has attachment
Sotto un cielo prossimo al tramonto, cammino all'altezza di un palazzo di 6 piani, lo sguardo rivolto ad enormi conchiglie di ferro e vetro. Dinnanzi a me, uno skyline urbano particolarmente elevato, semi-nascosto dall'eterna foschia. Mi trovo su una lunga passerella serpeggiante, circondato da un florilegio vegetale importante. Davanti e dietro a me sorgono degli arbusti improbabili, con il tronco rastremato che culmina in fronde visibilmente stilizzate, con la forma approssimativa di un circuito stampato. A dominare il panorama, il colossale monolito di tre torri squadrate, sovrastate da quella che potrebbe sembrare un'imbarcazione di linea trasportata lì così, per caso. Ad un tratto, come per una congiunzione astrale imprevista, dal maestoso edificio si accende un potente fascio di luce, che punta dritto verso un altro gigantesco arbusto, alla mia sinistra. E allora quello si accede, letteralmente, di milioni di luci, mentre una musica indistinta inizia a suonare nell'aria. È un concentrato di tutti i generi più popolari degli ultimi 15 anni, Pop, Rock, Hip Hop e un pizzico di Heavy Metal, rimbombante come il canto di uccelli della dimensione approssimativa di un aereo biposto Cessna Skyhawk. Progressivamente, l'intera "foresta" inizia a dare il suo contributo, danzando e cantando in quest'inno allo gioia contemporanea...Immaginate quale potenza economica possa concentrarsi all'interno di una città stato. Un singolo centro, solitario e unico, che ospita allo stesso tempo il suo governo centrale, il 90% della popolazione nazionale, le sue più estreme periferie. E questo sul suolo di un'isola geograficamente separata dalla Malesia, in cui storicamente passarono tutti i commerci degli stretti marittimi d'#Asia. Singapore, il cui nome significa letteralmente la "città del leone" costituisce oggi una delle maggiori metropoli cosmopolite al mondo, in grado d'influenzare l'alta finanza del suo intero panorama limitrofo ed oltre, essendosi trovata a costituire uno dei principali players economici dell'Asia... FONTE  »  singapore asia #architettura #giardini altri articoli dalla categoria Architettura
Add a comment...

Post has attachment
La questione e tecnologicamente notevole e senza alcun dubbio, di pubblico interesse. Qui non si sta parlando di rispondere soltanto ad uno dei bisogni primari della società civile, bensì di farlo con una prontezza e rapidità tali da consentire, in caso di necessità, di annullare semplicemente la cognizione stessa del desiderio. Per una popolazione disagiata, colpita da un disastro naturale. Per chi ha lasciato il proprio luogo d'origine, causa le ragioni più diverse. Per tutti coloro che amano trasferirsi più volte nel corso della loro vita. Per costoro, ma soprattutto per i suoi stessi figli costretti a pagare un affitto spropositato in prossimità della city di Londra, l'architetto David Martyn di Abingdon-sul-Tamigi ha creato Ten Fold Engineering, la compagnia di brevetti proprietari basata sull'elaborazione di una singola idea: che gli edifici possono essere compressi... FONTE  »  #architettura #case #tecnologia altri articoli dalla categoria Architettura
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded