Profile cover photo
Profile photo
Studio Benoli
16 followers
16 followers
About
Posts

Post has attachment
Monitorare e migliorare la reputazione online: mai perderla di vista
Monitorare e migliorare la reputazione online è di vitale importanza per un ecommerce: in particolare se non si ha una grande marchio alle spalle, è necessario offrire un valore aggiunto ai clienti.
E per farlo dobbiamo costruire una buona reputazione online: impariamo a utilizzare i social network non solo per farci pubblicità ma soprattutto per interagire con gli utenti.
In questo modo potremmo comprendere il loro "umore" e l'atteggiamento che hanno verso di noi e potremmo rispondere in modo pronto a eventuali lamentale, risolvendo i problemi (a livello di reputazione online) prima che nascano.
Inoltre può essere utile invitare i nostri clienti soddisfatti a lasciare la loro opinione o recensione: si tratta di una forma di pubblicità assolutamente gratuita, ma in grado di fornirci un ottimo ritorno.
#ecommerce   #reputazioneonline   #studiobenoli  
Add a comment...

Post has shared content

Post has attachment
Le categorie nell'ecommerce: come organizzarle?
Sappiamo già che è necessario utilizzare le categorie in un sito di ecommerce: "piazzare" i prodotti alla rinfusa porterà al solo risultato di far scappare a gambe levate ogni possibile cliente.
Per fare un esempio tratto dal mondo reale pensate all'impressione che può farvi un negozio in cui i prodotti siano divisi per categoria in modo corretto (vuol dire che saprete subito dove trovare quello che vi serve) e un bazar dove la merce è accatasta alla rinfusa: nel secondo caso è improbabile che perdiate tempo a cercare chissà dove quello che vi serve.
Allo stesso modo i prodotti di un ecommerce vanno divisi in categorie e precisamente:
1)Essenziali: quelle che non possono assolutamente mancare, per esempio in un negozio online di abbigliamento "uomo"o "donna".
2)Opzionali: Servono a mettere ordine nelle categorie essenziali (soprattutto quando i prodotti sono tanti). Per rimanere in tema dell'esempio visto sopra potrebbero essere "gonne", "pantaloni", "camicie".
3)Inutili: sono quelle che gli utenti non vedono, ma che servono a noi per monitorare il traffico e capire quali sono le preferenze degli utenti (per esempio, descrizioni brevi contro descrizioni lunghe).
Mettere ordine è necessario anche per il nostro negozio online, per rassicurare il cliente e rendere più semplice e piacevole l'acquisto.
#ecommerce   #categorie   #studiobenoli  
Add a comment...

Post has attachment
Template per l'ecommerce: quali fattori sono più importanti?
Sappiamo già come una grafica curata sia alla base del successo di un sito di ecommerce: siti graficamente poco interessanti difficilmente riescono a colpire l'attenzione del cliente.
Per questo la scelta del template per il proprio sito di ecommerce è determinante: per fare questa scelta nel modo corretto dobbiamo tenere conto soprattutto di due fattori:
1)Originalità: dobbiamo evitare di essere confusi fra la massa di siti che popola il web e con cui ci troviamo in concorrenza. Cerchiamo un template che sia gradevole e non inflazionato fra i molti a disposizione.
2)Personalizzazione: questa è la carta vincente. Personalizziamo il template scelto in modo che sia "tagliato" su misura per il nostro sito e ricordiamo che un rinnovo della grafica (non troppo massiccio e nemmeno troppo frequente) è una strategia ulteriore per mantenere viva l'attenzione del cliente.
#template   #ecommerce   #studiobenoli  
Add a comment...

Post has attachment
Software per ecommerce: pregi e difetti delle piattaforme più diffuse
Possiamo fare sviluppare un software apposito per il nostro sito di ecommerce (come un vestito cucito da un sarto).
Oppure (e può rilevarsi un'ottima soluzione) possiamo utilizzare una fra le piattaforme software più diffuse in questo campo come: --Prestashop: uno dei software più collaudati, in grado di adattarsi bene alle diverse esigenze di un'ecommerce;
Magento: il top delle piattaforme per ecommerce, che può essere configurato in qualsiasi soluzione immaginabile;
OpenCart: semplice e immediato, ottimo per le piccole e medie imprese che si avvicinano per la prima volta alla realtà della vendita online.
Tutte ottime soluzione a patto di tenere bene a mente un fattore determinante al momento della scelta del software: dobbiamo avere perfettamente chiare le esigenze del nostro business (non solo attuali ma anche quelle future) in modo da scegliere lo strumento adatto, da poter utilizzare (con gli adeguati aggiornamenti) anche per un lungo periodo.
#software   #ecommerce   #studiobenoli   #magento  
Add a comment...

Post has shared content
A 'Change the Game' del 1 aprile avremo un workshop tutto dedicato al Digital Marketing con +Brightcove+Digimind  e +Hootsuite 
E tu? Sei pronto a scendere in campo? ‪
#noovle4change  
Photo
Add a comment...

Post has attachment
La pubblicità: quanto è importante per un ecommerce?
La risposta è facile: senza pubblicità non ci conoscerebbe nessuno (soprattutto se alle nostre spalle non abbiamo un marchio affermato).
Allora la pubblicità diventa una necessità vitale per un ecommerce: e vitale diventa anche il conoscere le varie forme di pubblicità (diretta e indiretta, gratuita e a pagamento) che il web mette a disposizione.
Conoscere le tecniche SEO, le attività SEM, l'email marketing e le potenzialità di un marketplace ci consentiranno di sfruttare al meglio le nostre risorse e trovare la soluzione più adeguata alle nostre esigenze.
#ecommerce   #webmarketing   #SEO  
Add a comment...

Post has attachment
Aumentare il tasso di conversione? 3 fattori determinanti
Sappiamo come il tasso di conversione e il suo aumento siano un problema centrale dell'ecommerce: se i visitatori non si trasformano in clienti c'è qualcosa che non funziona.
Sono 3 fattori che influenzano in modo particolare il tasso di conversione:
1)La pertinenza: il cliente deve trovare sul sito (e in particolare sulla landing page collegata a un annuncio) solo quello che si aspetta di trovare: qualsiasi altro contenuto da l'impressione di un sito poco coerente e organizzato.
2)Reputazione: la reputazione online di un sito deve essere buona e il sito stesso deve presentare delle offerte credibili. In caso contrario è molto difficile che un utente si "arrischi" a effettuare un acquisto.
3)Facilità d'uso: i siti troppo complicati e difficili da gestire spaventano l'utente (soprattutto se è alle prime armi negli acquisti online). La semplicità d'uso deve essere una caratteristica sempre presente in un ecommerce e in ogni fase del processo di interazione con il cliente (dalla registrazione alla fase di acquisto).
#tassodiconversione   #ecommerce   #landingpage  
Add a comment...

Post has attachment
La landing page: uno strumento indispensabile per un ecommerce di successo
La landing page: la sua traduzione letterale è "pagina di atterraggio" e calza in modo perfetto alla funzione di questa pagina.
Su questa pagina (dopo avere cliccato su un annuncio o banner) infatti l'utente dovrebbe "atterrare" e completare il suo acquisto sul nostro sito.
Oppure da qui dovrebbe "ripartire" (dopo l'atterraggio) per esplorare il nostro ecommerce e scoprire qualcosa che gli piace e vale la pena di acquistare.
Allora attenzione a come strutturiamo una landing page: che sia coerente con l'annuncio da cui parte e che sia semplice e immediata, in modo da catturare l'attenzione del cliente (anche il più distratto).
#landingpage   #ecommerce   #banner  
Add a comment...

Post has attachment
Article Marketing: costi contenuti e flessibilità
La pubblicità è necessaria per un'attività di ecommerce: ma su internet esistono diversi tipi di pubblicità, alcuni molto costosi, altri praticamente gratuiti.
Anche questi ultimi, a patto di saperli utilizzare, si possono rivelare strumenti davvero utili: e l'Article Marketing è proprio uno di questi.
L'importanza di questo strumento e la sua efficacia a livello pubblicitario dipendono però da un utilizzo corretto: questo vuol dire che i contenuti per l'article marketing devono essere il più possibili utili per i clienti, scritti in modo piacevole e corretto.
Attenzione anche ai siti che scegliamo per l'Article Marketing: devono essere adatti alla nostra attività.
Solo in questo modo genereremo traffico utile per il nostro sito (e potremmo aumentare il volume di affari).
#articlemarketing   #ecommerce   #marketing  
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded