Profile cover photo
Profile photo
Susin & C. S.r.l.
8 followers -
Forniamo soluzioni all'avanguardia per l'efficienza energetica, le rinnovabili e le reti domestiche ed industriali.
Forniamo soluzioni all'avanguardia per l'efficienza energetica, le rinnovabili e le reti domestiche ed industriali.

8 followers
About
Posts

Post has attachment

Post has attachment
Cambia la bolletta elettrica
L’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il sistema Idrico (AEEG) con la delibera 582/2015/R/eel del 2 dicembre 2015 ha avviato la riforma della bolletta elettrica per il settore domestico rivedendo tariffe dell’energia.
L’obiettivo della riforma, che avrà un periodo di attuazione graduale fino al 1 gennaio 2018, è quello di soddisfare i requisiti della direttiva europea 27/2012 che impone di eliminare la progressività della tariffa energetica a scaglioni (ovvero rendere il costo al kWh dell’energia costante all’aumentare dei consumi) ma anche di spalmare in modo più generalizzato i costi dei servizi di rete.
L’eliminazione della progressività porterà ad una spinta per l’applicazione anche in Italia di sistemi di riscaldamento a pompa di calore, di piani ad induzione per la cottura dei cibi e delle auto elettriche.
Per il 2016 rimarrà inalterata la struttura a scaglioni; verrà invece modificata la struttura delle tariffe di rete (costi di trasmissione, distribuzione e misura) che diventerà meno progressiva e quindi sarà un carico maggiore per gli utenti con bassi consumi.
Si ipotizza anche una proroga, fino al 31 dicembre 2016, della sperimentazione dell’attuale tariffa per le pompe di calore D1.
Lo scenario che si presenta a breve non porterà grandi modifiche, però, in prospettiva dell’attuazione finale del provvedimento, la riforma avrà sicuramente effetti sul mercato poiché coinvolgerà decine di milioni di Clienti e diversi operatori dei settori elettrici, in primis quelli del fotovoltaico.
Sarà sempre più importante la valutazione complessiva delle necessità energetiche dei Clienti al fine di ottimizzare i costi sia per gli usi elettrici generali ma anche per produzione di acqua calda, riscaldamento, mobilità ecc…
Photo
Add a comment...

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment

Post has attachment
Add a comment...

Post has attachment
Add a comment...

Post has attachment

Post has attachment
Scattano dal 1 giugno 2014 nuovi obblighi per gli italiani. Tutti gli impianti, anche del freddo, devono essere provvisti del libretto d'impianto. La responsabilità del possesso del libretto spetta al proprietario degli impianti o, nei casi del condominio, all'amministratore o al terzo responsabile delegato. Proprio questi soggetti, in caso di impianto esistente, devono munirsi del libretto e compilarlo la prima volta. Previsti anche controlli a campione e sanzioni da 500 euro a 3 mila euro per proprietari, amministratori e terzi responsabili. Inoltre le novità legislative prescrivono che il terzo responsabile sia ora il garante dell'efficienza e del corretto funzionamento di tutti i sistemi (caldo, freddo e produzione di acqua) e non solo più della parte di riscaldamento. 
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded