Profile cover photo
Profile photo
Michele Potenza
336 followers -
Journalism, Communication
Journalism, Communication

336 followers
About
Michele's posts

Post has attachment
Come da copione accordo trovato nella maggioranza regionale sul Piano di Riordino Sanitario. Peccato che ancora una volta si tratta di un accordo al ribasso che più che soddisfare le legittime esigenze dei territori e dei cittadini, soddisfa la voglia di protagonismo di qualche consigliere di maggioranza e la solita smania di poltrone.

Le interlocuzioni di questi mesi della IV commissione consiliare con Comitati, rappresentanti dei cittadini e Associazioni non sono servite a nulla, se non a dare la parvenza di dialogo e di apertura da parte di una maggioranza che già aveva deciso come procedere e in quale direzione andare. Così, senza sorprese di sorta ecco sfornato il dolce natalizio che purtroppo tutto è tranne che dolce per quelle comunità che si vedranno mortificare ancora una volta.

Il gioco era chiaro sin dall’inizio e anche per questa ragione abbiamo deciso di evitare inutili discussioni in commissione e abbiamo ridotto la presentazione di emendamenti. Abbiamo semplicemente provato a testare la maggioranza e la reale disponibilità ad un dialogo, prendendo atto del fatto che nessuna possibilità di mediazione e di confronto era possibile.

Rispetto a tale chiusura e alla mancanza politica di tornare indietro rispetto a scelte scellerate è chiaro che la nostra battaglia si sposterà in sede di discussione consiliare dove presenteremo tutte le nostre proposte di modifica di un piano profondamente sbagliato per la logica sottesa e per le soluzioni proposte.

Lo diciamo subito, al centro della riforma va messa la sanità pubblica e il rilancio del sistema sanitario regionale che purtroppo mostra gravi mancanze.

I territori e le esigenze dei cittadini devono essere il cardine di ogni discussione e non mere logiche contabili che portano alla distruzione del sistema di welfare.

Qualunque decisione dovrà essere discussa con i territori e non imposta da questo o quel burocrate, attraverso percorsi trasparenti e realmente condivisi. Inoltre l’ultima parola dovrà spettare sempre alla politica e non ai tecnici, è la politica che deve assumersi la responsabilità delle decisioni che si andranno a prendere e non certo questo onere va scaricato su tecnici e dirigenti.

Con questo spirito e con queste idee ci prepariamo ad affrontare la discussione in consiglio regionale, ma soprattutto ci prepariamo ad un anno di lotta sul territorio per salvaguardare il nostro patrimonio sanitario e potenziarlo.

Post has attachment
Dal 2 giugno è stato introdotto il part-time agevolato (in base alla Legge di stabilità 2016) con un decreto che prevede una misura sperimentale di 3 anni per i lavoratori del settore privato che siano prossimi alla pensione. In pratica viene attivato il…

Post has attachment
Quando un soggetto decide di iniziare un investimento deve fare attenzione a due aspetti importanti: i mercati finanziari non sono prevedibili e in alcuni casi può risultare difficile correggere rapidamente le scelte d’investimento errate effettuate;…

Post has attachment
Quanti di voi gestiscono un blog? E quanti di voi vorrebbero averlo già ottimizzato per i dispositivi mobile? Se ancora non vi siete posti questo problema, dovreste, visto che la maggior parte delle persone navigano sempre più attraverso smartphone e…

Post has attachment
La prima intervista di questo podcast di Start Me Up è a Salvatore Cobuzio, fondatore e CEO di Martha’s Cottage, e-commerce siracusano dedicato al mondo delle nozze. Qualche giorno fa l’azienda ha ricevuto un secondo round di finanziamenti che portano il…

Post has attachment
Grazie a Bollenti Spiriti The Qube avrà il suo spazio di coworking.  Chi segue Start Me Up dalla scorsa stagione ricorderà che lo scorso febbraio Giorgio Scolozzi ha spiegato ai nostri ascoltatori le attività di The Qube, associazione che promuove la…

Post has attachment
Ornella Barbagallo, uno dei tre ospiti di Start Me Up, definisce Splitit un «barattolo digitale». Attraverso Splitit è possibile realizzare collette in vista di un regalo da fare ai propri amici e parenti in occasione di particolari ricorrenze. Ornella,…

Post has attachment
Giovedì 12 maggio presso la sede dell’Associazione Industriali di Novara si è tenuta la cerimonia di consegna dell’Italian Master Startup Award, il premio che PNICube conferisce alle startup accademiche che hanno dimostrato di saper stare sul mercato.…

Post has attachment
Lo scorso 2 maggio è venuto alla luce (non sto usando termini a caso, giuro) il sito di Infant, progetto della startup romana ma messinese d’adozione FCube. La app promette di aiutare i genitori a prendersi cura del proprio figlio, migliorando la loro…

Post has attachment
I contratti di convivenza previsti dalla legge sulle unioni civili

Tra le novità assolute della nuova legge sulle unioni civili, approvata giovedì scorso alla Camera dei Deputati ed in attesa della definitiva promulgazione da parte del Presidente della Repubblica e della successiva entrata in vigore a seguito della…
Wait while more posts are being loaded