Profile cover photo
Profile photo
Sean MacMalcom
86 followers -
Chronicler of different worlds - Since January 11th, 2008 humble storyteller of Midda's Chronicles
Chronicler of different worlds - Since January 11th, 2008 humble storyteller of Midda's Chronicles

86 followers
About
Posts

Post has shared content
'nuff said!
Immagino che più o meno tutti i visitatori di questo sito, o dei social network collegati, si saranno resi conto di come, l'11 gennaio 2013, per festeggiare i primi 5 anni delle nostre Cronache (e notare la parola “primi”, a dimostrare quanta voglia abbia di arrestarmi in tempi brevi), io abbia deciso di pubblicare una nuova edizione delle Midda’s Chronicles in edizione digitale sulla piattaforma Amazon Kindle (“Il tempio nella palude e La città del peccato”, ASIN B00AZUOYJS).

Credo sia importante evidenziare come, a dispetto di quanto accaduto qualche anno fa con l’edizione e-book proposta su Lulu.com (e ormai ritirata), questa volta non si tratti di un semplice “riciclo” del primo volume cartaceo; quanto e piuttosto, una vera e propria nuova edizione che, sicuramente a partire dagli stessi contenuti riveduti e corretti già propri dell’edizione cartacea, desidera presentare la lunga saga di Midda in un formato assolutamente innovativo e del tutto idoneo al media in questione, con una regolarità costante, a un prezzo competitivo (il minore concessomi da Amazon) e correlato, per l’occasione, da una nuova serie di copertine sempre a opera della bravissima Giuliana Lagi, il cui stile, negli ultimi cinque anni, ha avuto occasione di affinarsi in maniera straordinaria.

Ecco, pertanto, che, esattamente un mese fa, Midda Bontor ha debuttato su Amazon.it (e .com, e .co.uk, e tutti gli altri siti del colosso in questione) con il volume doppio d’esordio “Avventura prima e seconda”, al quale, fra un mese esatto, seguirà “Avventura terza” e, successivamente, con cadenza bimestrale, ogni altra epica impresa della nostra mercenaria prediletta.
Ed ecco che, a distanza di un solo mese dall’ingresso in scena di Midda in questa nuova versione Kindle, mi ritrovo piacevolmente sorpreso a dover affiancare, a questo annuncio “postumo”, cinque grazie a cinque sconosciuti lettori che, in queste ultime cinque settimane, hanno deciso di offrirmi la propria fiducia acquistando l’e-book sopra citato. Sconosciuti in quanto, sebbene abbia cercato di scoprire chi fossero, fosse anche solo al fine di tributare loro il giusto ringraziamento, non mi è stata concessa occasione di associare loro neppure un nickname.
Da qui, pertanto, la volontà alla base di questo messaggio, nel dire cinque volte grazie a chi ha permesso a Midda’s Chronicles di ottenere, non esito a dirlo, il proprio più importante successo editoriale degli ultimi anni. Perché mai, in passato, la nostra saga ha goduto di un tale, interessante risultato. Ricordo, giusto per amor di cronaca, che a oggi il totale delle vendite cartacee ha da essere quantificato in poco più di una cinquantina di copie (includendo anche una dozzina da me stesso acquistate): cinque vendite in un mese, pertanto, per quanto possano sembrare un umile e trascurabile risultato nei confronti dei numeri della grande editoria, ha per me da essere riconosciuto qual, effettivamente, un successo meritevole di brindisi!

Grazie. Grazie. Grazie. Grazie. E ancora grazie.
Cinque volte grazie per la fiducia concessami.
Nella speranza che, ovviamente, possa ora dimostrare di meritare!

E appuntamento all’11 marzo 2013 con “Gli spettri della nave”!

P.S. ovviamente, come già per l'edizione cartacea, anche per l'edizione e-book non ha da considerarsi assente l'iniziativa di beneficienza a favore dei bambini dei Tibetan Children's Villages.
Add a comment...

Post has shared content
[ITA] Inizia La notte più lunga... la 38° storia di Midda's Chronicles!

[ENG] It begins The longest night... the 38th tale of Midda's Chronicles!
Con ben 65 episodi di lunghezza, Eufonia si colloca, a oggi e a pieno titolo, qual l'avventura (parlare di "racconti" è ormai riduttivo) più lunga della nostra saga. Dopotutto, per la conclusione dell'ipotetico nono libro cartaceo della serie, e con tanta carne al fuoco quale quella che ci ha accompagnato negli ultimi due mesi, non avrebbe potuto essere diversamente!

Comunque sia, Eufonia (e il nono libro) sono conclusi. E, come da tradizione, non c'è da attendere neppure un istante prima del proseguo della storia, con l'inizio del fatidico decimo libro della serie e di un nuovo racconto... il quartultimo del primo grande story-arc delle avventure della nostra mercenaria prediletta, che troveranno la loro conclusione, come già sapete, con la 41° avventura.
Soltanto quattro, quindi, sono le trame che ci separano dalla conclusione di alcuni filoni narrativi che ci stanno accompagnando da lungo tempo... quattro trame la prima delle quali ha oggi inizio con La notte più lunga, che vedrà la nostra eroina alle prese con un classico della narrativa (anche televisiva) internazionale.

Buona lettura, e grazie per l'affetto!
Add a comment...

Post has shared content
Oh yeah!
Arrivo in ritardo a pubblicare questo messaggio su G+... ma arrivo!

Probabilmente la maggior parte di voi avranno già sentito questa storia.
Era il 10 gennaio 2008 quando abbozzai per la prima volta il disegno di una donna guerriero, con un caschetto alla Valentina di Crepax, un braccio metallico e una lunga spada in mano, circondata da zombie. La desideravo protagonista di una serie di strips, ma subito mi resi conto che non sarei mai riuscito a star dietro ad alcun genere di produzione regolare. E quella donna meritava di più.
L'11 gennaio 2008, venne pubblicato il primo episodio delle Midda's Chronicles, iniziando con l'ormai storia frase "Due occhi color ghiaccio.": la saga aveva avuto inizio.

Dall'11 gennaio 2008 a oggi sono passati esattamente cinque anni. Cinque anni in cui sono successe molte cose, nel nostro mondo e nel mondo di Midda.

Un certo Barack Obama, hawaiiano figlio di un immigrato keniota e di madre statunitense, afroamericano, è stato eletto qual 44° presidente degli Stati Uniti d'America. E dopo quattro anni è stato rieletto, riconfermato al proprio incarico. Un ottimo risultato alla faccia di tutti i sostenitori del white power.
In diversi stati arabi, i giovani hanno vissuto (e stanno ancora vivendo) la propria primavera, invocando a gran voce una rivoluzione dell'ordinamento della vita nei propri Paesi, in favore di maggiore democrazia e maggiore libertà personale. Una dimostrazione di quanto, avendo voglia di cambiare, sì può cambiare.
Tutto il mondo ha vissuto (e sta ancora vivendo) una gravissima crisi economica, che sta costringendo chiunque di noi a rivedere le proprie convinzioni e i propri principi personali, divisi fra populistici egoismi e prospettive di evoluzione verso una nuova concezione della vita sul pianeta Terra. Verso nuovi e inesplorate frontiere, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima.

Oltre a tutto ciò, e a molto altro, vi sono stati anche tutta una serie di piccoli, umili eventi nel mondo di Midda e delle Midda's Chronicles.
L'11 gennaio 2009 è stato posto in vendita il primo volume cartaceo di raccolta delle avventure della nostra mercenaria preferita. Volume che negli anni seguenti è stato seguito da un secondo, un terzo e un quarto.
Il 7 ottobre 2010 sono stati raggiunti i primi mille episodi pubblicati online. Mille episodi che, nel corso di questo nuovo anno saranno raddoppiati.
Il 14 gennaio 2011 sono stati versati 54 euro in beneficenza, a favore dei bambini dei Tibetan Children's Villages, qual incredibile risultato di vendita delle copie cartacee dei primi quattro volumi della saga. 54 euro che, forse, faranno sorridere i più, qual ben misero ricavo nel confronto con un serio prodotto editoriale... ma che, per me, hanno rappresentato una ragione di intensa soddisfazione.

Per la cronaca, a oggi sono stati pubblicati più di milleottocento episodi, più di trentasei racconti, per un totale di quasi nove, ipotetici, volumi cartacei. Nove volumi cartacei ai quali, aggiungendone solo un altro, si giungerà al traguardo dei dieci. Dieci volumi, quarantuno avventure, che comporranno il primo lungo story-arc della nostra saga. Un primo story-arc al quale, come già accennato, ne seguiranno immediatamente altri due. E chissà cos'altro ancora!

Cinque anni in compagnia di Midda Bontor.
Cinque anni nei quali, sovente (e soprattutto ultimamente), mi sono ritrovato sveglio alle cinque del mattino pur di riuscire a mantenere la costanza di un episodio pubblicato al giorno (oggi devo ancora pubblicarlo... argh!!! Maledetta febbre... e riunioni di lavoro...).
Cinque anni nei quali tanti nuovi amici hanno scoperto questa saga, l'hanno apprezzata, e ne sono diventati "supporter", primi fra tutti gli amici della Locanda della Terra di Altrove (che hanno accolto me e Midda con straordinario affetto), e gli amici di Ventura (che hanno apprezzato tanto l'opera al punto tale da volerla tradurre in GDR, per quanto, per colpa mia, i lavori stiano andando decisamente a rilento).
Cinque anni vissuti intensamente... e il traguardo dei quali non rappresenta assolutamente una conclusione, ma solo un inizio!

Immenso, infatti, è il mio desiderio di spingermi sempre oltre, forse influenzato, in ciò, proprio dal carisma di Midda Bontor!
Un desiderio che, fra poche ore, vedrà annunciato l'esordio della nostra mercenaria prediletta nel mercato di Amazon.com, nella propria nuova versione Kindle a un prezzo straordinario.
Un desiderio che, nei prossimi giorni, nei prossimi mesi, mi vedrà lavorare sempre con più impegno per fare e dare sempre di più. E chissà che, fra qualche tempo, qualcuno non si renda consapevole di tutto ciò... e proponga alla nostra eroina prediletta un modo migliore per presentarsi al mondo!

Per intanto... grazie a tutti voi, per questi splendidi cinque anni insieme, e per i prossimi cinque... e ancora cinque volte cinque!

Tanti auguri, Midda!
Photo
Add a comment...

Post has shared content
'nuff said!
Con la conclusione dell'onirico Guerra, proseguo ideale del precedente Futuro, ha inizio oggi il 34° racconto delle Midda's Chronicles, dal titolo: Redenzione.

Conclusione ideale dell'ottavo volume della saga (contenente oltre a questo i precedenti tre racconti), e ormai preludio alla conclusione del primo grande story-arc (con il 41° racconto e il decimo libro), questo nuovo racconto può vantare un cast di tutto rispetto, riunendo quasi tutti i coadiuvanti della protagonista in un'unica, grande vicenda.
Vicenda che, indirettamente, troverà al proprio centro il controverso personaggio di Carsa Anloch, ancora di difficile collocazione fra gli amici o in nemici di Midda Bontor.

Non perdete, ogni giorno, un nuovo episodio di questa nuova grande avventura della mercenaria dagli occhi color ghiaccio.

Ovviamente su: http://www.middaschronicles.com/.
Add a comment...

Post has shared content
'nuff said!
Ed eccoci giunti, con l'episodio 1555, al termine di "Pastorale", il proseguo naturale del precedente "Flagello".
Due racconti sufficientemente insoliti nel contesto quotidiano di Midda Bontor, non tanto per l'insorgere di un nuovo, misterioso avversario qual la Progenie della Fenice, quanto più per le decisioni che si è ritrovata costretta a compiere, per la prima volta non agendo in totale libertà, ma ubbidendo a un fato che, proprio malgrado, qualcun'altra ha scritto per lei... Nissa Bontor, ovviamente!

Conclusi "Flagello" e "Pastorale", da domani avrà inizio un nuovo racconto, completamente slegato dalla stretta continuità degli ultimi e, in effetti, facente un certo riferimento a "Futuro", nel quale Midda, ormai quarantenne, con capelli cortissimi e un braccio robotico in sostituzione alla propria consueta protesi, vagava per l'universo, in cerca di nuove, straordinarie avventure.

Non vi anticipo di più... e vi do appuntamento a domani con "Guerra"!
Add a comment...

Post has attachment

Post has attachment
[IT] Non dimenticate...

[EN] Don't forget...
Midda's Chronicles
Midda's Chronicles
plus.google.com
Add a comment...

Post has attachment
Add a comment...

Dopo oltre un mese, ho di nuovo una Wii.
Questa è arrivata in condizioni perfette, addirittura con le protezioni elettrostatiche come una Wii nuova. Se non sapessi che è rigenerata, sarei certo che è nuova. =)

E' stata dura, ma speriamo che sia finita. E che, finalmente, io possa giocare a Zelda. =D
Add a comment...

Nintendo - Parte terza (e speriamo ultima!)

Per tutti coloro che hanno seguito, a oggi, la vicenda Nintendo, mi sembra giusto riportare l'evoluzione telefonica appena occorsa con un responsabile tecnico della Nintendo Italia.
La telefonata, dopo un primo accenno di "politically correct", è finalmente stata sincera e ha confermato alcuni punti da me già dati per assoldati e che, negli scorsi giorni, avevano tentato di dissimulare dietro a troppi giri di parole.

Punto 1: la mia Wii si è fottuta. Per un qualche difetto di produzione, purtroppo, la scheda madre si è bruciata. E bon. Nulla da fare.
Punto 2: la mia Wii è ora in viaggio verso la Germania. Lì c'è il polo produttivo dove la consolle sarà smembrata, verrà buttato via quanto è irreparabile, verrà rimesso a nuovo il resto e sarà ri-assemblata al fine di dare vita a una Wii rigenerata.
Punto 3: quella che mi era stata restituita era effettivamente una Wii rigenerata. Impossibile sapere perché era in brutte condizioni estetiche (cfr. pezzo di nastro adesivo su un fianco).
Punto 4: nei centri di assistenza Nintendo di tutto il mondo non sono disponibili Wii nuove. Solo Wii rigenerate che arrivano dai poli di produzione (nel nostro caso Germania) per le quali la Nintendo mette la mano sul fuoco che siano equiparabili a prodotti nuovi.
Punto 5: la mia mail a Nintendo UK non solo è stata vista, ma è arrivata sulla scrivania del suddetto responsabile tecnico.
Punto 6: oggi stesso, o domani al più tardi, mi sarà rispedita un'altra Wii rigenerata per la quale, il responsabile di cui sopra, si impegnerà personalmente ad assicurarsi che sia come nuova.

Considerazioni finali?
Beh... sono felice che finalmente qualcuno abbia voluto parlarmi in maniera onesta e non trattandomi da bimbominkia.
Personalmente non mi sono mai aspettato che un produttore concedesse prodotti nuovi in sostituzione di prodotti in garanzia. Non credo che lo facciano neppure X-Box e Playstation, salvo, magari, essere più accorti nel riuscire a far passare per nuovo un prodotto rigenerato. Quello che mi è stato sul culo, come questione di principio, era il fatto che a fronte di un prodotto evidentemente "vecchio" vi fosse la pretesa di convincermi che era effettivamente il mio nuovo.
Insomma... già siamo costretti a essere presi in giro, quotidianamente, dai nostri politici, bipartisan. Ritrovarmi a essere preso in giro anche dalla Nintendo era un po' troppo per la mia capacità di sopportazione.
Detto questo, spero che la Wii che mi arriverà possa essere effettivamente in buone condizioni. E che, finalmente, questa storia potrà trovare una conclusione.

E grazie a tutti per il sostegno psicologico offertomi in questi giorni!
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded