Profile cover photo
Profile photo
Nayla C
505 followers -
Web editor & blogger
Web editor & blogger

505 followers
About
Posts

Post has attachment
Public
GEVAWAY :COME VINCERE U STYLPRO
Le regole per partecipare al giveaway sono semplicissime :

- Seguite su Instagram @naylac_
- Mandatemi un messaggio in direct su cosa ne pensate di StylPro e la vostra mail


Il vincitore sarà scelto random e sarà comunicato il 02 Gennaio 2018 sulla mia pagina Facebook @bloggerNaylaC

Il giveaway è valido solo per l’Italia e termina il 30 Dicembre 2017 alle ore 22:00

https://www.youtube.com/watch?time_continue=1&v=Ha8gF01UGSA
Add a comment...

Post has attachment

Post has attachment
Public
Il romanticismo è morto? Giudicate voi! Ogni giorno tante storie d’amore iniziano e finiscono, ma quella che nell’ultimo periodo è sulla bocca di tutti è senza dubbio quella tra il principe Harry e Meghan Markle. Il nipote della regina Elisabetta convolerà presto a nozze: la sua proposta di matrimonio? Davanti a un pollo arrosto!
Chi almeno una volta da bambina, non ha sognato il Principe Azzurro? Un uomo in calzamaglia, vestito di blu con cappello piumato: scelte discutibili, ma a tutte capita di sbagliare! Crescendo abbiamo probabilmente affinato i nostri gusti iniziando a fantasticare su due altezze reali…reali. I principini d’Inghilterra hanno fomentato le ambizioni ‘principesche’ di milioni di adolescenti, fino a quando William non le ha parzialmente infrante sposando Kate. Adesso, suo fratello ha completato l’opera. Harry e Meghan, non si parla d’altro in questi giorni: nuovo matrimonio in vista a Buckingham Palace!


E mentre noi cerchiamo di farcene una ragione e spulciamo gli alberi genealogici di tutte le casate nobiliari europee in cerca di ripiego, i futuri consorti ci raccontano di come si sono conosciuti e della famosa proposta di matrimonio. Se state immaginando scenari incantevoli e location da sogno, frenate la fantasia…«Stavamo arrostendo un pollo e lui mi ha chiesto di sposarlo». Fine della storia. La tristezza. Il principino inglese e l’attrice(tta) americana saranno pure teste coronate ma sembra che abbiano dimenticato in cosa consista il romanticismo, quello un po’ fiabesco e poetico.

https://www.naylac.com/it/2017/12/05/harry-e-meghan/
Add a comment...

Public
Quando aprii il mio blog nel 2012 non avevo un’idea chiara e di certo non avevo una visione omnicomprensiva. In quel determinato periodo della mia vita mi stavo avvicinando sempre più alla scrittura e alla multimedialità che offre il web. Certi meccanismi, come ad esempio SEO e il posizionamento, erano ai miei occhi mostri sconosciuti. Anzi, vi dirò di più, io proprio non li “vedevo”, non sapevo della loro esistenza e tanto meno che ci sono vere e propri percorsi professionali. Beata ignoranza? Non saprei…
[...]
La comunicazione è cambiata, consumiamo sempre di più informazioni in qualsiasi luogo e a qualsiasi ora del giorno. In cielo, in terra, in mare, basta che ci sia una connessione ed è fatta. Ti colleghi cerchi, aggiorni gli status dei social network e gli orari della tua attività, rispondi alle recensioni, prenoti un volo e tantissime altre cose. Ma sapete cosa non cambia? La nostra attenzione media.

L’attenzione media stimata di chi naviga nel web è intorno ai 8 secondi. Sì, avete capito bene: 8 secondi. Quel famoso valore che viene chiamato rimbalzo è il vostro biglietto da visita.
https://www.naylac.com/it/2017/11/30/blogger-famosi-cosa-sta-succedendo-blog/
Add a comment...

Public
ADPOCALYPSE …NOW: FAMOUS BUT POOR. HOW WILL YOUTUBE CHANGE?
‘I want to be a YouTuber’ is the new ‘I want to open a bar on the beach in Jamaica’, it’s a dream that is becoming very popular especially among teenagers. They would like to succeed like other peers that in the latest years became webstars. The first appeal is for all mums: don’t worry, tell your kids to read this post and you will see that at that point they will prefer math!

In fact, the fabulous world of videos is suffering a setback, at least for what concerns the incomes of creators. What happens?

[...]

The well-known portal owned by Google, has started restricting some videos that were judged as ‘inappropriate’. Consequently, users and views decrease, companies don’t invest money and videomakers don’t profit from their works.

Selection criteria are managed by and algorithm that analyzes a bunch of keywords, themes and music and, in the end, decides if the video is OK or not.
https://www.naylac.com/en/2017/11/28/adpocalypse-youtube-2/
Add a comment...

Post has attachment
Public
ADPOCALYPSE …NOW: FAMOSI MA POVERI. COME CAMBIERÀ YOUTUBE?
‘Voglio fare lo YouTuber’ is the new ‘Mi apro un bar sulla spiaggia in Jamaica’, un sogno che spopola soprattutto tra gli adolescenti che desiderano bissare il successo ottenuto in questi anni da alcuni loro coetanei. Il mio primo appello va alle mamme: state tranquille, fate leggere questo post ai vostri figli e vedrete che piuttosto si rimetteranno a studiare matematica!


Il favoloso mondo dei video sta subendo una battuta d’arresto, almeno per quanto riguarda gli introiti dei creativi. Cosa sta accadendo?
[...]

Già da un po’ di tempo infatti, il famoso portale di proprietà di Google, ha iniziato a inserire delle forti restrizioni sulla visualizzazione di alcuni video giudicati ‘inappropriati’. Di conseguenza, diminuiscono gli utenti, le aziende non inseriscono i loro banner e i videomaker non guadagnano. Il criterio di selezione, in realtà è affidato a un algoritmo che, analizzando alcune parole chiave, temi e musiche giudica il video OK oppure…NON OK.
https://www.naylac.com/it/2017/11/28/adpocalypse-youtube/
Add a comment...

Post has attachment
Public
Are you going through a bad time? The only black day that everybody wait for, is just one: Black Friday. It’s the most known commercial ‘holiday’, is the beginning of Xmas purchases and pushes to empty our wallet. Great deals, guys! Let’s go shopping!
The appeal of the United States strikes back. So, in addition to Halloween, McDonald and the bridesmaids, in Italy we imported even Black Friday. Probably, many people know that it’s a day (the fourth Friday of November) in which especially the big stores organize incredible promotions and super sales. In other words, it’s the occasion in which everybody needs to buy whatever they find on special offer, of course. Because, it isn’t so difficult to exaggerate. At the beginning you buy just a hard disk and an hour later you have become an associate at Microsoft.


In our country there’s a lot of confusion. According to my mum, for example, Black Friday is every Friday. Honestly, a few people know the details. But when they read the word SALES, they risk going crazy. Even Italians use to do something mad, they learnt how to wait for the new iPhone outside the Apple Store but it’s not enough.
https://www.naylac.com/en/2017/11/23/black-friday-2/
Add a comment...

Post has attachment
Public
Giornata nera? L’unica che tutti sembrano attendere con ansia, è soltanto una: il Black Friday. Si tratta della ‘festa’ commerciale per eccellenza, quella che dà il via alle compere natalizie, quella che spinge a svuotare i portafogli in virtù di un’offerta imperdibile. Che lo shopping abbia inizio!
Il fascino degli Stati Uniti ha colpito ancora. E così, dopo Halloween, il McDonald e le damigelle ai matrimoni, in Italia abbiamo importato anche il Black Friday. Come molti sapranno, si tratta di un giorno (il quarto venerdì di novembre) in cui specialmente le grandi catene organizzano promozioni e sconti da capogiro. Parafrasando, è quell’occasione in cui tutti noi sentiamo il bisogno di acquistare qualunque cosa, purché sia in saldo. Perché in fondo, esagerare non è poi così difficile. Inizi comprando un hard disk esterno e un’ora dopo ti ritrovi socio di maggioranza di Microsoft.


Nel nostro Paese c’è ancora un po’ di confusione. Secondo mia madre, ad esempio, il Black Friday è ogni venerdì. In realtà, non molti sanno di cosa si tratta, ma davanti alla parola SCONTO perdere il lume della ragione è questione di un attimo. Sebbene anche gli italiani abbiano già raggiunto il livello di follia che li spinge a fare la fila fuori l’Apple Store per il nuovo iPhone, la cima è ancora lontana.
https://www.naylac.com/it/2017/11/23/black-friday/ #blackfriday #lifestyleblogger
Add a comment...

Post has attachment
Public
BEAUTY POST: NAYLA INTERVIEWS TOM, THE STYLPRO’S INVENTOR
What’s the best quality of technology? It allows us to interview even those people who live 1,300 km away. Let’s do a step back. I’m ready to tell you what happened.



Press day. Sephora. I was there for work reasons and to discover all the latest Xmas news by Sephora. Several corners of happiness with incredible palettes, blushers, funny packaging, lipsticks, regenerating creams, face masks and make-up accessories. Do you remember Alice in Wonderland? Well, we can turn the title into Nayla in the make-up land (and more). There was a stand where a nice woman was reading tarot cards. She was very popular, but I avoided going there. There were pop-corns, cotton candy, and even a carousel, and then there was Tom with his invention. He’s an engineer that invented an object that I would describe in this way: it’s something that will help you to clean your makeup brushes. No more a problem, but a joy instead. Thanks God, it’s StylPro.



Tom, who is always smiling and has the classic English appeal – but not too much -, made me feel amazed and joyful. To see his invention meant happiness, joy, also satisfaction, excitement and many other moods that clearly mean beatitude.
It’s the manna for every makeup artist and for those who, like me, want to keep brushes tidy and clean. I gave him my business card and he did the same, so we have been in touch and talked in next days. He proposed me to collaborate, but I’ll reveal more soon.



While I was thinking about our collaboration, I decided to interview him and write a post. «Tom, I’d like to interview you for my blog, can you send me a video and answer my questions, please?». Yes girls, Tom Pellereau – the StylPro’s inventor – shot a video 1,300 km away and sent it to me. Gaia translated it, I edited it and here is the result.
https://www.youtube.com/watch?v=safBsITtPI4 #beautyblogger #naylac
Add a comment...

Post has attachment
Public
BEAUTY POST : INTERVISTA A TOM PELLEREAU INVENTORE DI STYLPRO
Sapete una delle cose straordinarie della tecnologia? Poter fare un’intervista anche a persone che stanno a 1300 km di distanza. Ma torniamo indietro. Vi racconto com’è andata esattamente.


Press day. Sephora. Ero lì per lavoro e per scoprire le novità per il Natale di Sephora. Tantissimi corner dedicati al beauty. Angoli di felicità fatta di palette incredibili , fard, packaging divertenti, rossetti, creme rigeneranti, maschere viso e accessori per il trucco. Avete presente Alice nel paese delle meraviglie? Ecco. Mettiamola così. Nayla nel paese dei trucchi (e dintorni). C’era un banchetto con una simpatica signora che leggeva le carte. Era gettonassimo ma quello l’ho evitato con piacere. C’erano i pop-corn, c’era lo zucchero filato, c’era persino una giostra e c’era Tom con la sua invenzione. Un ingegnere che ha inventato un accessorio che descriverei così: una soluzione che ti faciliterà la vita. Pulire i pennelli per il trucco non sarà più una noia ma una gioia. Thanks God, it’s StylPro.



Tom con il suo sorriso contagioso e quel appeal Inglese, ma non troppo, mi ha lasciata così, tra stupore e gioia immensa. Vedere la sua invenzione è stata una felicità, gioia, per certi versi soddisfazione, esultanza e potrei stare qui ad elencarvi tanti altri sinonimi di beatitudine per rendere l’idea. La manna per ogni make-up artist, e per chi come me, ci tiene a tenere i pennelli in ordine e puliti. Ci siamo scambiati i bigliettini da visita con la promessa di risentirci nei giorni successivi. Così è stato. Mi ha proposto una collaborazione che vi svelerò a breve.



Pensando a questa partnership mi è venuta l’idea di scrivere un post con una sua intervista. «Tom vorrei farti un’intervista per il blog, puoi girare un video rispondendo a queste domande?». Sì ragazze, Tom Pellereau l’inventore di StylPro, ha girato gentilmente un video a 1300 km di distanza e me l’ha inviata. Gaia l’ha tradotta, io l’ho editata e questo è il risultato.
https://www.youtube.com/watch?v=safBsITtPI4
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded