Profile cover photo
Profile photo
Dott. Enrico Ballor
31 followers -
Mi occupo della diagnosi, prevenzione e cura dei problemi pneumologici dei miei pazienti attraverso la Medicina del Respiro
Mi occupo della diagnosi, prevenzione e cura dei problemi pneumologici dei miei pazienti attraverso la Medicina del Respiro

31 followers
About
Posts

Post has attachment
Fiatone, sopraffiato, rantolino, fame d’aria e sbuffo: lo pneumologo e i rumori respiratori
“ Sento un rumore del respiro … mi viene un rumore respiratorio … ”, “ … ho un affanno …”, “… un gattino in gola …”, “… una piuma … “, “…il fiato corto …”, “ Faccio uno strano rumore quando respiro …” o, ancora, “Quando mi muovo ho il sopraffiato …“. Queste affermazioni e altri termini folcloristici del genere mi sono stati presentati, negli anni, nel corso della mia attività specialistica pneumologica, da pazienti giunti alla mia osservazione per i sintomi respiratori più diversi. Tutte espressioni individuali, condite dai più disparati significati personali, ma nell’insieme descrizioni tipiche di chi è più attento di altri ad ascoltarsi in ciò che capita “all’interno” e passa la vita a esplorarsi, facendo un vero e proprio “auto-check” continuo al servizio di una celere e indispensabile individuazione di quel “qualcosa” interiore che non funziona e che, se colto quando ancora è all’inizio, può più facilmente essere affrontato e risolto....

http://www.pneumologo-ballor.it/articoli/307-fiatone-sopraffiato-rantolino-fame-d-aria-e-sbuffo-lo-pneumologo-e-i-rumori-respiratori.html

Post has attachment
Lana di vetro e lana di roccia: lo pneumologo e la protezione dalle fibre artificiali vetrose (FAV)
Non solo amianto (asbesto) nelle paure condivise degli Italiani, quando si parla di materiali isolanti impiegati in edilizia e nei lavoretti di ristrutturazione, specie se riferiti al rischio di tumore del polmone (vedi “Tumore ai polmoni e ai bronchi”) e di mesotelioma pleurico maligno (MPM – vedi “Mesotelioma maligno della pleura”) conseguente alla loro esposizione.
Con la drastica riduzione dell’estrazione e dell’impiego dell’amianto in edilizia e nell’industria fin dal lontano 1970, e con il definitivo bando decretato in Italia dalla legge n. 257 del 27 marzo 1992 e dalle successive modifiche (legge n. 128 del 24 aprile 1998 e decreto legge del 1 ottobre 1996 che ne regolamenta i termini per la dismissione), si è andato sempre più consolidando l’uso di nuovi materiali artificiali che da qualche anno hanno fatto la loro comparsa nell’industria e nel campo delle attività umane (edilizia, impiantistica, ecc.), che possono, a buon diritto, dire la loro al pari del ben più noto isolante “killer” (vedi “Asbestosi”). Sto parlando delle Fibre Artificiali Vetrose (FAV), anche note con le sigle MMVF (Man-Made Vitreous Fibers) o SVF (Synthetic Vitreous Fibers), fibre artificiali inorganiche entrate nell’uso commerciale fin dal 1930 e andatesi sostituendo all’amianto come isolanti termo-acustici o impiegate come rinforzo di materie plastiche (vetro-resina) nell’industria e nel settore tessile....

http://www.pneumologo-ballor.it/articoli/306-lana-di-vetro-e-lana-di-roccia-lo-pneumologo-e-la-protezione-dalle-fibre-artificiali-vetrose-fav.html

Post has attachment
Lo pneumologo e il fumo passivo della sigaretta
Fumo attivo delle sigarette e fumo passivo. “Cosa rischio se mio marito fuma?” mi chiedono le mogli dei miei pazienti fumatori. O ancora “Ho un bambino piccolo e fumo in macchina. Davvero ci sono pericoli per lui? ”. Spesso poco cambia per chi, rifiutando di fumare in quanto consapevole dei rischi che l’abitudine tabagica comporta, deve poi essere letteralmente “violentato” dalla prepotenza di chi insiste nell’imporgli il fumo. E questo ben oltre quanto stabilito dalla vigente legge, che in Italia (legge 16 gennaio 2003 n. 3 art. 51) ha decretato che "è vietato fumare nei locali chiusi, ad eccezione di quelli privati non aperti ad utenti o al pubblico … ”....

http://www.pneumologo-ballor.it/articoli/305-lo-pneumologo-e-il-fumo-passivo-della-sigaretta.html

Post has attachment
Pneumotorace: il punto dello pneumologo - Video
Dell'aria entrata nella cavità pleurica viene definita pneumotorace. In questo video lo pneumologo dott. Ballor ci spiegherà cosa è lo pneumotorace, le cause, i sintomi e le possibili soluzioni.

http://www.pneumologo-ballor.it/articoli/304-pneumotorace-il-punto-dello-pneumologo-video.html

Post has attachment
Catarro in gola e ugola allungata e ingrossata: il parere dello pneumologo
“ … Ho del catarro in gola che non si stacca … ”: ricordo di un paziente molto ansioso che giunse nel mio studio per un sintomo abbastanza comune che spesso porta i pazienti all’attenzione dello specialista pneumologo, e, precisamente, la presenza, da qualche settimana, di una strana sensazione di “fastidio” in “gola” (faringe), in realtà già presente in forma più lieve da anni, che riteneva essere la conseguenza di un’abbondante secrezione catarrale che tendeva ad ingombrargli le vie aeree superiori e a farlo tossire. Fin qui nulla di strano, in quanto è piuttosto frequente che un paziente ricorra alla visita pneumologica per chiarire i motivi di una tosse produttiva (tosse con presenza di catarro – vedi “Tosse con catarro: il parere dello pneumologo”). La moglie che lo accompagnava alla visita aveva, dal canto suo, una personale teoria in grado di spiegare il sintomo del marito: “… una banale tosse nervosa …”, come diceva lei “ … che lo fa tossire e infastidisce tutti quanti ….. è sempre li a raschiarsi la gola … è sempre nervoso! … ” (vedi “Tosse nervosa e tic di tosse: il parere dello pneumologo e dello psicoterapeuta”).....

http://www.pneumologo-ballor.it/articoli/302-catarro-in-gola-e-ugola-allungata-e-ingrossata-il-parere-dello-pneumologo.html

Post has attachment
Il “colpo d’aria” esiste? Che cos’è? Il parere dello pneumologo
Mi ricordo come al termine del mio periodo di studi universitari di Medicina, rimasi stupito da una grave carenza dei corsi seguiti in ambiente accademico, talmente grave da farmi sorgere un dubbio: “Ma … il “colpo d’aria” … quello di cui mi parla la nonna da sempre … quando ce lo spiegano? ”. E si! Perché preoccupato com’ero di non saper dare magari risposta alle domande che di li a poco mi avrebbero fatto i miei pazienti, mi ero accorto che nessuno dei miei docenti della Scuola di Medicina aveva mai fatto accenno a questa ben nota realtà. E lo stesso avevo notato nei testi ufficiali, quei libroni di migliaia di pagine sui quali avevo studiato, nei quali, vuoi forse per non omaggiare quella “saggezza” popolare considerata non abbastanza colta, non si faceva neppure un accenno né al “colpo d’aria”, ne a quello “della strega”, ne a quello “al cuore”! Possibile? …. Naturalmente sto scherzando …. anche se, a ben pensarci, non sto scherzando poi troppo. Perché c’è davvero poco da scherzare pensando che nel 2018 si sia ancora convinti che un “colpo” possa portare malanni. Quello di pistola certamente si, ma di “aria” non ho mai visto morire nessuno. E a ben guardare non ho nemmeno mai visto ammalare qualcuno, intendo di faringite o di “mal di gola” come lo si voglia chiamare, o peggio ancora di laringite, bronchite o di polmonite, per un semplice “colpo d’aria ”.....

http://www.pneumologo-ballor.it/articoli/301-il-colpo-d-aria-esiste-che-cos-e-il-parere-dello-pneumologo.html

Post has attachment
La pleurite in estate: il parere dello pneumologo
Quando si parla di malattie respiratorie il pensiero va subito alle molte patologie infettive del periodo invernale, momento dell’anno di cui esse sembrano esclusive. Faringiti, sinusiti (vedi “Sinusite acuta e cronica”), tracheiti e bronchiti (vedi “Bronchite acuta e cronica”) sembrano, infatti, appannaggio di quest’unico periodo. Purtroppo non è così e anche il periodo estivo può, qualche volta, presentare quadri clinici secondari ad infezioni dell’apparato respiratorio.

Ho già trattato in un altro articolo la polmonite estiva (vedi “Polmonite in estate: la malattia che allarma”), malattia che mette in allarme non tanto lo pneumologo, abituato a confrontarsi anche con questa realtà, quanto il paziente che a tutto pensa meno che di ammalare di polmonite nel periodo caldo dell’anno. In quest’articolo, invece, affronterò quella particolare patologia respiratoria meno consueta che è la pleurite acuta che compare più frequentemente nel periodo estivo-autunnale, per certi aspetti diversa da quella che, favorita dalle condizioni climatiche stagionali, è più frequente nei mesi freddi....

http://www.pneumologo-ballor.it/articoli/300-la-pleurite-in-estate-il-parere-dello-pneumologo.html

Post has attachment
Anziano con confusione mentale e malattie polmonari: il punto dello pneumologo
Confusione mentale, rallentamento motorio e ideativo, pensiero rallentato, movimenti impacciati, insicuri e lenti. Manifestazioni cliniche ad esordio rapido, che insorgono talvolta in poche ore o in qualche giorno soltanto, in assenza di deficit neurologici focali che consentano di riconoscerne una causa neurologica ischemica e che ho sentito descrivere dai famigliari con espressioni del tipo “ … e come se mia madre fosse diventata un Alzheimer in 2 giorni … ” – “ …. non ha mai avuto problemi di questo tipo …. è come se la testa abbia smesso di funzionare …. si confonde … ha un comportamento strano …. ”. Il nipote di un mio paziente mi riferiva che “ …il nonno è diventato scemo in una notte ….è irriconoscibile! … ”. Quadri ben diversi dai deficit di memoria e di concentrazione a esordio lento e torpido nel tempo, di natura neuro-degenerativa cronica, che possono talora accompagnarsi, nell’anziano, anche alle patologie respiratorie croniche (vedi “Perdita di memoria e malattie respiratorie: lo pneumologo e la riabilitazione neuro-cognitiva”)....

http://www.pneumologo-ballor.it/articoli/299-anziano-con-confusione-mentale-e-malattie-polmonari-il-punto-dello-pneumologo.html

Post has attachment
Estate, afa e BPCO: i consigli dello pneumologo
Con l’arrivo dell’estate il riscaldamento eccessivo dell’aria, proprio della stagione estiva, viene a costituire un problema in più rispetto ai già molti disagi quotidiani con i quali si devono confrontare i pazienti affetti da malattie respiratorie croniche e in particolare coloro che soffrono di asma bronchiale, (vedi “Asma bronchiale: malattia da conoscere”), bronchite cronica, broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), bronchite cronica bronchiectasica, enfisema polmonare e allergie respiratorie (vedi “Malattie allergiche delle vie aeree”). A questi, inoltre, si aggiungano tutti i portatori di un’ insufficienza respiratoria complicante alcune tra le patologie respiratorie viste prima, con necessità di praticare ossigenoterapia (vedi “L’ossigenoterapia domiciliare spiegata dallo pneumologo”), o di altre malattie bronchiali e polmonari quali la fibrosi polmonare o il tumore ai polmoni e ai bronchi....

http://www.pneumologo-ballor.it/articoli/298-estate-afa-e-bpco-i-consigli-dello-pneumologo.html

Post has attachment
Polmoni, asma e menopausa: il parere dello pneumologo
Sembra difficile da credere ma la menopausa, che già viene spesso vista dalle donne come l’inizio di un periodo poco felice per i molti problemi fisici e mentali che comporta, sembra avere un impatto di non poco conto anche sull’apparato respiratorio. Non solo, quindi, con la perdita della fertilità, ci si deve confrontare con gli sbalzi di umore e le vampate di calore, con la tendenza a ingrassare e con la ritenzione dei liquidi, con l’insonnia o con la stipsi piuttosto che con l’aumentato rischio di osteoporosi favorita dal modificarsi del quadro ormonale, ma anche la salute dei bronchi e dei polmoni sembra subire un duro colpo da questo particolare momento della vita. Due sono gli aspetti da considerare: da una parte gli effetti della menopausa sulla funzionalità respiratoria, indipendentemente dalla presenza o meno di patologie delle vie aeree. Dall’altra, l’influenza che la menopausa può avere sulla malattia asmatica e più in generale sulla salute respiratoria (vedi “Asma bronchiale: malattia da conoscere”)....

http://www.pneumologo-ballor.it/articoli/297-polmoni-asma-e-menopausa-il-parere-dello-pneumologo.html
Wait while more posts are being loaded