Profile cover photo
Profile photo
IRCCS Neuromed
135 followers
135 followers
About
Posts

Post has attachment
Una ricerca condotta dal Laboratorio di Neuropatologia Molecolare dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli, in collaborazione con l’Università Sapienza di Roma, l’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù e la Harvard Medical School, apre una nuova strada al trattamento del glioblastoma multiforme. Lo studio, pubblicato sulla rivista ACS Chemical Neuroscience, ha impiegato il farmaco standard per la terapia del glioblastoma: il temozolomide. L’azione di questa molecola viene purtroppo limitata dalla cosiddetta barriera ematoencefalica, che separa le cellule cerebrali dal flusso sanguigno impedendo il passaggio di molte sostanze contenute nel sangue. È una strategia che l’organismo impiega normalmente per proteggere i neuroni, ma, proprio a causa di questa barriera, solo una piccola quantità di farmaco riesce a raggiungere effettivamente le cellule tumorali. Il fisico coinvolto nello studio (professor Giulio Caracciolo Universita’ LaSapienza di Roma), al fine di aumentare l’efficacia di penetrazione del farmaco, ha incapsulato le molecole di temozolomide in un rivestimento costituito da particolari lipidi, realizzato con procedure nanotecnologiche.
“La prima fase di esperimenti è stata condotta in laboratorio– dice la dottoressa Antonella Arcella, prima firmataria del lavoro – dove abbiamo usato cellule endoteliali del cordone ombelicale. Queste cellule si comportano in modo molto simile a quelle della barriera ematoencefalica, quindi sono un ottimo modello di studio. In questo modo abbiamo potuto vedere come il rivestimento lipidico permetta al farmaco di diffondersi oltre la barriera, con un’efficacia maggiore del farmaco non coniugato. Questa fase è solo l’inizio di una sperimentazione che sarà traslata su cellule di glioblastoma umano”.

C’è ancora un altro aspetto da considerare: con questo trattamento non solo il farmaco attraverserebbe più facilmente la barriera ematoencefalica, ma ne verrebbe potenziata la sua capacità antitumorale. “Una volta esposto al plasma del paziente – spiega la ricercatrice – attorno al rivestimento lipidico che racchiude il temozolomide si forma una corona di proteine capaci di legarsi a particolari recettori di membrana delle cellule di glioblastoma. Questo porta le particelle contenenti il farmaco a legarsi con maggiore affinità proprio alle cellule tumorali, aumentando l’efficacia terapeutica”.

“La strada da percorrere sarà lunga – commenta Arcella – ma la prospettiva è di rendere più efficace una molecola già in uso, questo significherebbe poter ridurre le dosi da somministrare al paziente con una marcata riduzione degli effetti collaterali”.
#glioblastoma #terapiefarmacologiche #tumoricerebrali #neuropatologia #neuromed #sapienza #neuroscience #cellulecerebrali
Add a comment...

Post has attachment
Add a comment...

Post has attachment
Il tuo futuro è oggi ed è a Pozzilli. Vuoi diventare un fisioterapista, infermiere, tecnico di radiologia medica per immagini e radioterapia, tecnico di laboratorio bio-medico? Vuoi entarre a far parte di un campus universitario a misura di studente e con validi insegnanti? vuoi formarti facendo tirocinio presso il nostro IRCCS di eccellenza? Il 12 settembre potrai partecipare ai test di ammissione che si svolgeranno presso l'Università la Sapienza di Roma. Leggi il bando completo: http://www.neuromed.it/wp-content/uploads/2017/01/05418.pdf . Le richieste potranno essere inoltrate entro l'08 di Agosto.
Add a comment...

Post has attachment
Una ricerca tutta italiana, che vede la collaborazione tra l’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS), il Centro Ricerche ENEA Casaccia, l’Università Tor Vergata e il Centro Enrico Fermi di Roma, dimostra la possibilità di creare dispositivi innovativi da impiantare nel cervello per registrare i segnali nervosi. Questi sensori potranno dare un notevole contributo per la diagnosi, il controllo e il monitoraggio di patologie neurologiche, e soprattutto nelle applicazioni di brain computer interface (BCI), che permetteranno di collegare direttamente il cervello con apparecchiature elettroniche, ad esempio nel caso di persone con problemi motori o cognitivi in seguito a un ictus.Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica The European Physical Journal Plus. Link della ricerca: https://link.springer.com/article/10.1140/epjp/i2018-12040-0 #ricerca #braincomputerinterface #patologieneurologiche #avanguardiaecura #bci #europeanphysicaljournal #braincomputerinterface
Photo
Add a comment...

Post has attachment
La Fondazione Neuromed è lieta di invitarvi all’evento “Cinema sotto le stelle”. Il 19 luglio 2018, alle ore 21:00, per la prima volta la piazza dell’ospedale Neuromed si trasformerà in un cinema all’aperto.
Add a comment...

Post has attachment
Add a comment...

Post has attachment
Il Prof. Erberto Melaragno nominato Presidente Onorario del Neuromed e “passa il testimone” al ricercatore di fama internazionale Prof. Giovanni de Gaetano alla guida da oggi dell’IRCCS di Pozzilli. Con le bellissime parole del Direttore Sanitario Orazio Pennelli la “famiglia Neuromed” saluta il suo Condottiero: “La sua una visione di sviluppo capace di coinvolgere tutti. Ha tracciato la nostra rotta in modo giusto e chiaro. Nel silenzio è stato capace di motivare tutte le persone sempre, anche in un mare a volte tempestoso. La dote che l’ha sempre caratterizzata è l’Intelligenza emotiva, una dote rara che l’ha resa un leader emotivamente intelligente capace di intingere alle sue doti interiori di calma, coraggio e premura. Mai autocratico sempre autorevole e capace di farci comprendere che l’impegno deve essere rivolto alla ricerca delle soluzioni quelle che pongono il paziente al centro e in grado di far divenire il nostro istituto un tempio di scienza e soprattutto di calore umano”. È questo un cambio di staffetta tra due guru, due maestri appassionati e qualificati che ci invitano a guardare al futuro in modo positivo.

Photo
Photo
09/07/18
2 Photos - View album
Add a comment...

Post has attachment

Post has attachment
Disabilità non significa inabilità. Significa semplicemente “diversabilità” ed adattabilità. Per avvicinare tutti alla quotidianità delle persone disabili vogliamo condividere il “pensare differentemente” organizzando la manifestazione CIAO - Think Different, che sarà una serata informale da vivere insieme presso il Palazzo Vescovile sito in Piazza Umberto I in Sant’Agata dei Goti – sabato, 30 giugno dalle 18:00 alle 22:00. L'evento è patrocinato dal Comune di Sant'Agata dei Goti e dalla Diocesi, che ci ospiterà per questa manifestazione. Siete invitati tutti a partecipare. Sarà un momento per promuovere la vera inclusione “occupando” i nostri ragazzi e le vostre famiglie in attività davvero sensazionali. E' un appuntamento da non perdere.
Photo
Add a comment...

Post has attachment
La prestigiosa rivista di divulgazione scientifica New Scientist ha intervistato Marialaura Bonaccio, del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione, sull’argomento degli effetti benefici della dieta mediterranea, in particolare sulla ricerca che indica come sarebbero limitati solo alle persone con maggiori disponibilità economiche. #dietamediterannea #neuromed #epidemiologiaeprevenzione
Add a comment...
Wait while more posts are being loaded