Profile cover photo
Profile photo
Ultras Liberi
58 followers -
notessera
notessera

58 followers
About
Ultras Liberi's posts

Post has shared content
"Graffiti of Ultras' Martyrs

My coverage on yesterday's clashes near Interior Ministry HQ in Cairo: http://ow.ly/8Ryyb "

Via +Jonathan Rashad
Photo

Post has shared content
la federazione calcistica ha sospeso tutte le partite a tempo indeterminato

Egitto, scontri allo stadio a Port Said: 73 morti

Le violenze scoppiate dopo che la squadra Al-Masri ha perso il match. Per gli scontri già arrestate 47 persone









MILANO - Mercoledì di violenze in Egitto. Questa volta la politica non c'entra. Almeno 73 persone sono morte e un migliaio rimaste ferite a Port Said, al nord del Paese, dopo una partita di calcio. I tifosi della squadra al-Masri, al termine della partita, hanno cominciato a tirare pietre e bottiglie sui giocatori e gli avversari, in protesta per aver perso il match. Poi le violenze e gli scontri. I giocatori sono stati evacuati con elicotteri. Intanto al Cairo, lo stadio è andato fuoco dopo che l'arbitro ha sospeso la partita tra il Zamalek e l'Ismaili.

Egitto, scontri allo stadio: morti

GLI SCONTRI- Secondo una prima ricostruzione, a Port Said, dopo il fischio finale della partita, i tifosi dell'al-Masri, la squadra locale, hanno invaso il campo attaccando i giocatori della squadra rivale, l'al-Ahly, e inseguendoli fin dentro gli spogliatoi. E gli scontri tra tifosi e poliziotti sono proseguiti anche all'esterno.

ARRESTI - In serata il ministro dell'Interno egiziano, Mohamed Ibrahim, ha annunciato che 47 persone sono state arrestate per la sanguinosa invasione del campo di calcio di Port Said. «Molte vittime - ha detto- sono morte nella calca. E la ricerca di persone coinvolte sta continuando».

STOP ALLE PARTITE- La federazione calcistica egiziana ha sospeso a tempo indeterminato tutte le partite della Premier League, la Serie A egiziana, dopo i violenti scontri di Port Said, dove ci sono almeno 73 morti e un migliaio di feriti. Lo dice la tv di stato.

Post has attachment
Photo

Post has attachment
MENTALITÀ IN CURVA
Photo

Post has shared content
PhotoPhotoPhotoPhotoPhoto
VARIE ITALIA (5 foto)
5 Photos - View album

Post has shared content
DIGOS BOIA
Scontri Genoa-Milan
Perquisite case ultras

La Digos nelle abitazioni di una decina di ultras genoani: sequestrati fumogeni e grossi petardi la cui vendita è concessa solo a chi è in possesso di porto d'armi. Gli ultras identificati grazie ai filmati delle telecamere di sicurezza. Sequestrato "abbigliamento compatibili" con quelli indossati dai genoani coinvolti nelle violenze







Perquisite le abitazioni di una decina di ultras genoani: sequestrata una penna lanciarazzi capace di lanciare fino ad una distanza di 50 metri, fumogeni e grossi petardi la cui vendita è concessa solo a chi è in possesso di porto d'armi.

Secondo la Digos tra le persone perquisite ci sono gli ultras che lo scorso 2 dicembre hanno assalito il pullman dei tifosi rossoneri dopo la partita casalinga contro il Milan. Negli scontri un ispettore della Digos era rimasto ferito al volto da una pietra. La partita, inoltre, era stata sospesa per una decina di minuti a causa dei lacrimogeni lanciati dalla polizia fuori dalla stadio per disperdere i tifosi.

Gli ultras sono stati identificati attraverso i filmati delle telecamere di sicurezza. Nelle case dei tifosi iscritti al gruppo "Ideale Ultras", ragazzi tra i 20 e i 25 anni residenti nel centro storico, a Marassi, Valbisagno e Sturla, gli agenti hanno sequestrato "abbigliamento compatibili" con quelli indossati dai genoani coinvolti negli scontri.


(25 gennaio 2012)© Riproduzione riservata

Post has shared content
Dalla posta alla questura passando x la società, tutto questo lucrare... non appartiene alla nostra mentalità!!!
LA MIA FEDE TESSERA NON VEDE!
Photo

Diffidati con noi!

Post has shared content

Post has shared content
Wait while more posts are being loaded